Martedì , 20 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gino Songini. Le crisi come le ciliegie: una tira l'altra 
Ma a pagare è sempre il povero Pantalone
08 Dicembre 2011
 

Non so cosa combinerà il governo Monti. So che deve affrontare un'emergenza economico-finanziaria mai vista, e che si appresta quindi ad adottare misure drastiche per contrastare la deriva che rischia di mettere in ginocchio non solo l'Italia, ma l'intera Europa. In quel caso l'Italia, stretta nella morsa del debito e della stagnazione, farebbe la fine del vaso di coccio stretto tra vasi di ferro (Germania e Francia) di manzoniana memoria. Crisi dunque, piena crisi. Del resto questa parola non è nuova. Si cominciò a usarla in tempi assai lontani, subito dopo la fine del magico quinquennio del “miracolo economico” (1958-1963). Per la verità si parlò allora di “congiuntura”, di una crisi per così dire di transizione, una specie di ponte sospeso tra un miracolo appena compiuto e un altro che sarebbe tornato a compiersi. Ci pensarono i duri anni Settanta a spazzare via le illusioni. La crisi petrolifera di quegli anni ci fece capire che non ci sarebbe stato nessun altro “miracolo”. Gli italiani si rimboccarono le maniche e andarono avanti sia pure in mezzo a una serie di difficoltà di ogni genere e di tragedie fatte di attentati, di sequestri di persona, di terrorismo. Le istituzioni democratiche traballarono ma ressero all'urto. I lavoratori difesero con le unghie e con i denti le loro conquiste, uomini politici di larghe vedute come Moro e Berlinguer tennero dritta la barra del timone in mezzo alla tempesta. Tempesta che però riuscì a togliere di mezzo Aldo Moro con il tragico sequestro di via Fani. La presidenza della Repubblica affidata a un uomo come Sandro Pertini ridiede fiducia a un popolo che pareva quasi rassegnato al peggio. Vennero poi gli anni Ottanta, durante i quali la collaborazione tra partiti di centro e socialisti (governi Spadolini, Craxi, De Mita) sembrò garantire al nostro paese un cammino più tranquillo, ma si trattava di un'illusione o di un abbaglio perché nei primi anni Novanta il terremoto politico provocato dagli scandali di “Tangentopoli” svelò quanta corruzione si celasse tra le pieghe della politica nazionale. Ben lontani dall'essere associazioni miranti al perseguimento del bene comune, i partiti, specialmente quelli al governo, si rivelarono per quello che erano, ossi comitati d'affari impegnati ad arraffare quanto era possibile grazie al potere di cui disponevano. Quel sistema politico entrò dunque in profonda crisi. Ci si avviò così al bipolarismo e alla nascita della cosiddetta “seconda Repubblica”. Nel frattempo il governo di transizione guidato da Giuliano Amato (1992-93) dovette affrontare un'altra grave emergenza economica che fece parlare anche allora di crisi, tanto che si arrivò a descrivere l'Italia, allora come adesso, come un paese “sull'orlo del baratro”. L'azione e il prestigio personale del capo del governo che seguì ad Amato, il futuro presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, contribuì non poco a migliorare la situazione e a offrire una più rassicurante immagine del nostro paese sulla scena europea e internazionale. E poi? E poi, lo sappiamo tutti, vennero Berlusconi e il berlusconismo, una lunga lunga stagione che, “te Deum laudamus”, abbiamo appena lasciato alle spalle. Preferisco stendere un velo pietoso su questi anni, anche se sento che prima o poi dovrò tornare a parlarne.

Adesso siamo qui, alla fine di questo aspro 2011, con una nuova crisi che si abbatte come un macigno su di un paese incerto e sfiduciato, una crisi che ancora una volta toccherà la vita della povera gente, quella che lavora e che dà lavoro, che tribola e che combatte ogni giorno in mezzo a mille difficoltà, spesso intralciata per non dire vessata da una burocrazia costosa e inefficiente, a volte priva di qualsiasi legame con la realtà delle cose. Fino a oggi, domenica 27 novembre 2011, mentre scrivo queste note, nessun provvedimento è ancora stato adottato dal nuovo governo di “tecnici” guidato dal professor Monti, ma è questione di giorni e poi si procederà lungo la linea già tracciata e che tutti ormai conoscono. Si provvederà a tassare le case, compresa la prima e unica casa d'abitazione, ICI e IMU non avranno riguardo per chi si è sacrificato una vita per avere un alloggio, verrà effettuata un'altra manovra finanziaria dopo quelle già fatte durante l'estate dal passato governo (e non è difficile prevedere un altro aumento del costo della vita, a partire dai beni di prima necessità, non esclusa la benzina), si procederà a un aumento dell'età pensionabile con la contemporanea adozione del sistema contributivo per tutti e conseguente decurtazione dell'assegno pensionistico. Insomma, se non saranno “lacrime e sangue”, come non ha voluto ammettere il professor Monti, poco ci manca.

Ma a questo punto, da uomo della strada, da incompetente di questioni sindacali, salariali e pensionistiche, vorrei dire anch'io la mia sulla spinosa faccenda delle pensioni e, tanto per non fare troppi giri di parole, dico subito che lavorare per quarant'anni a me sembra più che sufficiente. Ogni altro discorso non mi trova interessato. Quarant'anni in fabbrica davanti a un macchinario, o in ufficio davanti a un computer, o su di un'impalcatura ad alzare muri, o in una corsia d'ospedale a curare malati, mi sembrano davvero tanti. Quarant'anni della vita dedicati al lavoro forse non bastano? Oggi si comincia a lavorare, quando va bene, intorno ai trent'anni. Si vuole che la gente lavori fino al giorno del suo funerale? Tutti hanno bisogno di passare qualche anno in pace, senza impegni, senza l'obbligo di un orario, senza il ritmo duro e alienante del lavoro. Certo, sappiamo bene che il lavoro non è uguale per tutti: i presentatori televisivi e i politici possono tranquillamente continuare nel loro mestiere fino a novant'anni, così come certi intoccabili burocrati, così come certi dirigenti della RAI o di grandi società, o come alcuni direttori di importanti giornali, ecc. Molti di loro, nonostante siano vecchi decrepiti, sono ancora lì, senza alcuna intenzione di andarsene. Ma per loro il lavoro è sinonimo di prestigio, visibilità, autorevolezza, potere. Per chi fatica nelle fabbriche, nei cantieri, nei campi, negli uffici, ecc., si tratta invece di qualcosa di molto diverso. Per chi sgobba da mattina a sera per tirare avanti, la pensione, se non è un sogno, è certamente un traguardo agognato. Non rendiamo più dura la vita a tanta gente. Rendiamoci conto che, lo ripeto, quarant'anni di lavoro sono veramente tanti. Del resto l'Italia non è andata a fondo neppure con le baby-pensioni (quelle sì una vergogna) erogate a gente che non aveva neppure quarant'anni di età. E adesso vogliamo che uomini e donne vadano al lavoro col bastone e i medicinali per la vecchiaia in tasca?

Chiudo riportando una notizia che mi ha colpito (nonostante se ne sentano di tutti i colori c'è ancora qualcosa che riesce a colpirci). Per esibirsi in una trasmissione televisiva nella quale sarà impegnato a ballare per dieci minuti alla settimana (pensate che fatica, poveretto), all'ex calciatore Bobo Vieri verranno pagati ottocentomila euro. Sì, avete capito bene: ottocentomila euro, alla faccia della tanto sbandierata crisi. Denaro della RAI, denaro quindi dei cittadini, denaro pubblico, denaro nostro. Ottocentomila euro per ballare dieci minuti a uno che ha guadagnato miliardi giocando a pallone. È un caso che fa riflettere. Uno dei tanti. Uno dei tanti scandali di questo scombinato paese che per affrontare le sue crisi, ormai tanto frequenti quanto le calamità naturali, si rivolge sempre, sempre, sempre, ai soliti poveri cristi.

 

Gino Songini

(per 'l Gazetin, dicembre 2012)


Articoli correlati

  Lidia Menapace. Governo Monti: non c'è nulla da esultare
  Comitato Referendario pro acqua pubblica chiede incontro urgente al neo Premier Monti
  Primo Mastrantoni. Chiesa e Ici. Ci voleva Monti per scoprire l'acqua calda
  Cerri, Seveso, Calabria: “salvaItalia” / “salvaArte”
  Pensioni? Va bene, ma...
  Donatella Poretti. Liberalizzazioni
  Rosario Amico Roxas. Il governo delle ombre
  Primarosa Pia. Nome per nome, ecco chi sono e cosa hanno fatto i nuovi ministri
  Alessandro Pedone. I banchieri protestano perché vogliono il “diritto” d'ingannare i clienti!
  Mario Staderini. Ici e Chiesa: miracolo o bluff?
  Primo Mastrantoni. Liberalizzazioni: Farle, non annunciarle
  Alberto Figliolia. La chiamano manovra
  Andrea Ermano. Prova d’orchestra con happy end, si spera
  La finanziaria ha abrogato le norme sui prezzi minimi. Gli sconti sui libri sono ora liberi?
  Piero Cappelli. Il Presidentissimo e il fallimento della sinistra italiana
  Lidia Menapace. Scuole paritarie e tasse dalla Chiesa
  “Bene le riforme annunciate, si passi presto alla fase attuativa”
  «Troppi veti e pizzini sui sottosegretari. PD e PDL la smettano»
  Rifondazione Comunista contro l'IMU
  Liberalizzazioni. 30 milioni in più con l'abolizione del limite di 6 anni per i praticanti procuratori
  G.C. Vallocchia. Anche i preti paghino l'ICI!!!
  Mario Staderini. Prime valutazioni sui provvedimenti del Governo
  Lidia Menapace. Supplenti
  Liberalizzazioni. Rammarico per occasione persa
  Emma Bonino. No ai governi tecnici: i politici ci mettano la faccia!
  Mario Staderini. Lettera aperta al presidente Monti: «Domani, al Vaticano, chieda il taglio dell'8x mille»
  Vincenzo Donvito. Farmacie verso la chiusura a causa della liberalizzazione?
  Alessandro Pedone. La Repubblica Italiana ha perso 31 miliardi di dollari in derivati?
  Antonella Beccaria. In Italia spendiamo ogni ora 3 milioni per armi
  Francesco Zappia. Tassazione obbligatoria: tra inevitabile piacere e comprensibile avversione
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Auguri informali al neoministro della Salute Balduzzi
  Il caccia F-35 è uno spreco da abolire, perché non se ne discute seriamente?
  Vetrina/ Gino Songini. Lettera al “Che”
  Gino Songini. A proposito della libertà di stampa
  Vetrina/ Gino Songini. In morte di Nelson Mandela
  Gino Songini. Il cavallo non domato (o indomabile?) dell'energia nucleare
  Gino Songini. “Se un paese è l'aereo, la scuola è il suo motore”*
  Gino Songini. NO e ancora NO ai reati di opinione
  Gino Songini. Nella giungla informatica, tra felici scoperte e trappole insidiose
  Gino Songini. Una guerra mondiale “a pezzi”
  Gino Songini. Ma diamogli un calcio nel sedere (metaforico, s'intende)
  Gino Songini. Gli esami non finiscono mai
  Scuola e Diritti. “Se i meccanici sabotano i motori, l’aereo precipita!”
  Gino Songini. A cosa può servire una interminabile crisi
  Gino Songini. Elogio del lavoro manuale
  Gino Songini. Brevi note sulla pittura e sulla musica.
  Gino Songini. Zibaldone estivo
  Gino Songini. Dalla villa di Arcore a quella di Sant'Ilario, da un pifferaio a un altro
  Gino Songini. L'abbiamo scampata bella
  Gino Songini. Non ci resta che piangere
  Gino Songini. «Somos todos americanos»
  Gino Songini. Beati coloro che possiedono certezze e verità
  Gino Songini. Una gita con Berlusconi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy