Mercoledì , 25 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Piero Cappelli. Il Presidentissimo e il fallimento della sinistra italiana
29 Novembre 2011
 

Cari lettori, egregio Presidentissimo, sono veramente deluso da questa sinistra italiana, se così la possiamo chiamare (sic!). Un uomo come lei Presidente Napolitano ha messo in scacco il governo Berlusconi e ha creato il ‘governo del Presidente’, il ‘suo’. Nella sue mani hanno giurato, sulla Costituzione, il primo ministro Monti e i ministri concordati insieme. I partiti sono rimasti fuori dal governo ma sono in Parlamento. Ma qui il governo ha per ora portato solo la fiducia d’insediamento mentre sulle misure vere e proprie dobbiamo aspettare il 5 dicembre. Si parla di Ici sulla prima casa, dell’aumento dell’Iva e di una mini-patrimoniale; mentre la stretta sulle pensioni e sul via ai liberi licenziamenti si sposterà ai giorni prima di Natale. E qui la sinistra o centrosinistra ha fatto schifo: ha votato a favore e voterà a favore di questi provvedimenti perché non vogliono venire meno all’impegno preso con il capo dello stato e cioè di agevolare in tutto il governo Monti, cioè il ‘governo Napolitano’.

Invece doveva la sinistra, cioè il PDe anche SEL(Vendola in una intervista a La7dei giorni scorsi faceva piangere per il tono remissivo che aveva…), e l’Idv(non abbastanza deciso a contrastare questa accondiscendenza del PDverso il governassimo Napoligtano-Monti). Entrambi non hanno avuto il coraggio di agire chiedendo al Presidente di fare il programma insieme, «altrimenti i provvedimenti del ‘tecnico’ Monti non li votiamo». E invece tutti i ‘centrosinistri’ non hanno saputo dire che Sì al compagno Napolitano, senza Ma e senza Nì: forse perché Monti ha come ‘tatuaggio indelebile’ quello della Goldman Sachs come Prodi, come Draghi, come Gianni Letta? Una banca d’affari americana che con la Lehman Brothers Holdings Inc.ricevuto valanghe di milioni di $ dopo aver contribuito a metter K.O. gli Usa e parte dell’Europa, ed oggi i suoi uomini, cresciuti, nel suo seno finanziario sono ai vertici di quegli Stati (vedi Crozza, sic!) che loro hanno contribuito ad impoverire e depredare.

Lei le sa queste cose signor Presidentissimo?! Eppure, signor presidente della Repubblica e Garante del Governo (siamo alla Repubblica Presidenziale ante litteram?), lei non conosce l’agenda dei provvedimenti economici o sì? Lo spaesamento su quanto circola è deleterio per tutti: dove colpirà e come il ‘suo’ governo? Ogni giorno girandola di cifre e di obiettivi? Ma è questo il sistema di gestire una fase così difficile e così delicata che sarà lacrime e sangue? In realtà dovevano essere i partiti a mettere un freno e semmai cambiare gli oggetti di intervento per ricevere credito politico dai mercati finanziari che invece da quando Monti ha ricevuto la fiducia hanno avuto più batoste che segni +, oltre all’innalzamento dello spread dei Bond arrivati quasi all’8%! Invece niente, una sinistra supina e inconcludente sa solo dire Sì a provvedimenti contro i cittadini più toccati dalla crisi economica: vere iniziative di un governo di destra! E di questo il centrosinistra che dice? Niente! Vota e basta perché non vuol andare contro Napolitano! Di fatto vanno contro i suoi elettori e soprattutto contro i cittadini del ceto medio e di quello più in basso che stanno pagando tutto per intero questa crisi!

Il ‘veleno’ che veniva messo nel bicchiere – bere o affogare – dal Presidentissimo e presentato a tutti i partiti era di minacciare il defaultdel Paese a causa dell’innalzamento vorticoso dei tassi dei bond italiani, ma questi sono saliti lo stesso! Quindi? Eppure non è successo niente! Anzi, perfino il FMI ha stanziato ben 600.000.000.000 di euro per sopperire ad un’eventuale ‘fallimento’ del Paese-Italia. Il problema non è quello di un male incurabile attecchito a dei paesi europei come Grecia, Italia, Portogallo e Spagna, ma il male è comune a tutto il ‘corpo europeo’ continentale e cioè della mancanza di una politica economica che sappia dare senso ad interventi univoci e decisi a livello politico. E invece tutto questo non è accaduto. Le agenzie di rating– che nessuno ha avuto ancora il coraggio di regolamentare e ridimensionare – continuano a sfornare declassamenti, però solo all’Italia è stato imposto un governo senza ‘copertura’ democratica, mentre agli altri paesi in crisi è stato permesso che fossero o siano gli elettori a decidere chi far governare, anche se con un certo condizionamento politico-economico della Bce che sembra – con Draghi sparita nel nulla!

No, caro Presidentissimo Napolitano non condivido che lei abbia consentito al ‘governo Monti’ di partire con il piede sbagliato: o forse condivide questa politica contro e a spese del ceto medio di quel popolo che lei presiede? Lei, uomo della vecchia destra comunista, perché non ha preteso che il ‘suo’ governo partisse da una sana dismissione dei ‘gioielli di famiglia’, da una lotta acerrima all’evasione e all’elusione fiscale, dalla fine dei privilegi della classe ‘alta’ di questo Paese, dal taglio drastico sulle spese militari, ad una rigorosa cura dimagrante alla classe politica e al sistema dei partiti? Perché non c’è in agenda COSÌ dove poi – ciliegina sulla torta – occorre ANCHE nuova legge elettorale? Ce lo spiegherà nel discorso di fine anno?

Noi italiani vogliamo scegliere e scegliere i nostri rappresentanti che ci governano, non imposti da alcuno, nemmeno da lei caro Presidentissimo nemmeno per togliere un governo alla deriva e alla disperazione com’era il governo Berlusconi di cui noi non ne siamo assolutamente fieri, ma che era scelto dai cittadini-elettori e a questi avrebbe dovuto chiedere il voto per sapere cosa vogliono gli italiani. Invece ora ci dobbiamo digerire il ‘suo’ governassimo, fatto di docenti universitari, militari, banchieri e tecnici vari, ma che dovranno levare dal fuoco quelle castagne che la ‘sua’ sinistra Presidentissimo non ha saputo e quindi non voluto affrontare con un programma alternativo, pena il non sostegno allo stesso in Parlamento. Così come anche Berlusconi – in questo momento diviso dalla Lega e al caos interno al PDL – non vuole le elezioni. Mancano gli interessi superiori a quelli di ‘bottega’ nonostante le parole fritte e trite dei leader partitici, caro Presidentissimo. Cordialmente

 

Piero Cappelli


Articoli correlati

  La finanziaria ha abrogato le norme sui prezzi minimi. Gli sconti sui libri sono ora liberi?
  Alberto Figliolia. La chiamano manovra
  Primo Mastrantoni. Chiesa e Ici. Ci voleva Monti per scoprire l'acqua calda
  Emma Bonino. No ai governi tecnici: i politici ci mettano la faccia!
  Il caccia F-35 è uno spreco da abolire, perché non se ne discute seriamente?
  Donatella Poretti. Liberalizzazioni
  Rosario Amico Roxas. Il governo delle ombre
  Alessandro Pedone. La Repubblica Italiana ha perso 31 miliardi di dollari in derivati?
  Francesco Zappia. Tassazione obbligatoria: tra inevitabile piacere e comprensibile avversione
  Liberalizzazioni. Rammarico per occasione persa
  Lidia Menapace. Governo Monti: non c'è nulla da esultare
  Primarosa Pia. Nome per nome, ecco chi sono e cosa hanno fatto i nuovi ministri
  Lidia Menapace. Scuole paritarie e tasse dalla Chiesa
  Antonella Beccaria. In Italia spendiamo ogni ora 3 milioni per armi
  Mario Staderini. Ici e Chiesa: miracolo o bluff?
  Vincenzo Donvito. Farmacie verso la chiusura a causa della liberalizzazione?
  “Bene le riforme annunciate, si passi presto alla fase attuativa”
  Andrea Ermano. Prova d’orchestra con happy end, si spera
  «Troppi veti e pizzini sui sottosegretari. PD e PDL la smettano»
  Primo Mastrantoni. Liberalizzazioni: Farle, non annunciarle
  Mario Staderini. Prime valutazioni sui provvedimenti del Governo
  Alessandro Pedone. I banchieri protestano perché vogliono il “diritto” d'ingannare i clienti!
  Mario Staderini. Lettera aperta al presidente Monti: «Domani, al Vaticano, chieda il taglio dell'8x mille»
  Cerri, Seveso, Calabria: “salvaItalia” / “salvaArte”
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Auguri informali al neoministro della Salute Balduzzi
  G.C. Vallocchia. Anche i preti paghino l'ICI!!!
  Gino Songini. Le crisi come le ciliegie: una tira l'altra
  Comitato Referendario pro acqua pubblica chiede incontro urgente al neo Premier Monti
  Rifondazione Comunista contro l'IMU
  Liberalizzazioni. 30 milioni in più con l'abolizione del limite di 6 anni per i praticanti procuratori
  Lidia Menapace. Supplenti
  Pensioni? Va bene, ma...
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy