Giovedì , 21 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Calamaro gigante
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alice Suella: No a censure per Santoro e Travaglio
03 Maggio 2008
 

E poi uno non si deve incazzare, eh? Succede che, per farmi rodere il fegato, apro la pagina di Repubblica (3 maggio 2008) e leggo almeno i titoli per sapere se il regime/una bomba qualche tragedia mi colpirà durante la giornata.

E succede che leggo articoli come questo e vengo sopraffatta dal vomito.

No, perché voi avete tanto, troppo, ripetuto la storia che Beppe Grillo direbbe peste e corna sulla stampa perché, mah, vuole diventare giornalista col suo blog. Come se ne avesse bisogno, d'altra parte.

In questo articolo indecente e anti-democratico viene ammonito Santoro per avere fatto vedere il video integrale di una parte del V day tenuto a Torino il 25 di aprile.

Ora, io non sono stata al V day e non ho firmato per diversi motivi che ora non sono importanti. Al solito, stimo Beppe Grillo perché agisce invece di dire solo un serie infinita di ovvietà e invece di lamentarsi come usa fare l'italiano medio – come tali siete voi che leggete ed io che scrivo, probabilmente.

Bene, detto questo quello che mi fa disgustare e irritare è che non solo la stampa e i tg non abbiano parlato assolutamente del V day, se non per sminuirlo e renderlo quasi una rivoluzione ridicola di quattro idioti in piazza (che poi gli idioti abbiano raggiunto il milione di firme, questo è un particolare poco saliente, a quanto pare) ma anche che un giornalista, quale è Santoro, come si permette di mostrare ciò che è successo in una piazza d'Italia – e manifestare è cosa ancora democratica – ecco che viene ammonito.

Ammonito perché Grillo si permette di insultare Napolitano che, se non volesse essere insultato, potrebbe semplicemente comportarsi da Presidente della Repubblica costruttivo e intelligente. Invece, da quando ha raggiunto la carica, ha solo pronunciato una serie di vergognose opinioni intollerabili.

Direi che gli insulti sono ben meritati.

Bene, l'articolo riporta le parole di Petruccioli che meritano talmente da essere ricopiate anche qui:

 

«Per la mia funzione e personalmente faccio ammenda e prendo impegno, nell'ambito delle mie responsabilità, a fare tutto il possibile per impedire che qualcosa del genere possa ripetersi». Queste le prime parole del presidente della Rai. «Ieri sera» prosegue «Michele Santoro ha di nuovo messo il servizio pubblico radiotelevisivo a disposizione di Beppe Grillo; il quale ha rivolto insulti inconcepibili al Presidente della Repubblica, oltreché a una personalità universalmente stimata come il professor Umberto Veronesi». Conseguenza: «Il danno, l'umiliazione e la vergogna che vengono al servizio pubblico da questi episodi sono incalcolabili», visto «l'appalto, di fatto, della tv pubblica a terzi che ne fanno un uso arbitrario e indecente. Chi è responsabile di un programma non lo è solo per quanto dice personalmente, ma per tutto quel che avviene, non ci sono zone franche».

 

 

Strana idea della vergogna.

Infatti la cosa più grave di tutta questa puntata di “Anno Zero” sono gli insulti di Sgarbi mostrati, su Repubblica, quasi come un'uscita folkloristica e divertente del nostro ministro della cultura (o della coltura, dovrei dire?). Sgarbi, infatti ha insultato e interrotto ripetutamente Marco Travaglio occupato a parlare di giornalismo.

Guardate il video voi, ho poco da aggiungere. Sul mio Blog. E l'ho preso da YouTube.

Questi sono insulti inconcepibili, che recano danni, umiliazione e vergogna.

A me fa ribrezzo una televisione ed un giornalismo in cui viene permesso di urlare, sbraitare, insultare senza nemmeno ricevere un'ammonizione, anzi divertendosi osservando certi turpiloqui. Marco Travaglio, checché ne pensiate, è uno dei pochi giornalisti obiettivi, informati e senza peli sulla lingua che abbiamo in Italia. Dovrebbero essere preservati certi individui e ostracizzati quelli incapaci di dialogare.

Non trovo intollerabili gli insulti al presidente della Repubblica, soprattutto se penso che la televisione non dovrebbe essere influenzata minimamente dalla politica.

Ma non solo. Dovremmo smetterla di pensare che questi personaggi presenti nella politica siano intoccabili perché fanno della politica un mestiere. Dovreste smetterla di dire cose banali come “Beppe Grillo sta perdendo di credibilità” quando guardate giornalmente trasmissioni del genere in cui i politici comandano senza alcun limite. Dovreste smetterla perché Grillo, incongruente, irruente e quant'altro, comunque FA. Mentre voi avete dato il voto a questi personaggi che non desiderano altro che zittire chiunque abbia un minimo di cognizione sulle cose che capitano.

Non per niente Santoro e Travaglio probabilmente non saranno più in televisione, a breve il cda infatti prenderà i suoi provvedimenti.

Non perché Sgarbi si è permesso di usare un linguaggio da strada contro un giornalista che cercava di fare il suo mestiere ma perché un giornalista si è permesso di mostrare una manifestazione di piazza in cui venivano gridati i malcontenti che molti di noi si portano dentro.

Napolitano è lo stesso che ha detto che le manifestazioni di piazza non sono il sale della democrazia, lo stesso che se ne è lavato le mani delle litigate anche non politicamente corrette tra politici che invece di pensare ai cittadini pensano alla loro futura/presente candidatura.

 

E mi vergogno di leggere che Sgarbi ha tenuto un j'accuse, come se avesse fatto uscire da quella bocca dei dati, dei fatti oltre al sei un testa di cazzo o persona di merda quale sei tu.

Se questo è il giornalismo e la televisione che volete, continuate a dire che Beppe Grillo sta perdendo di credibilità. Però mi sembra che siate abituati a politici e a uomini di spettacolo ridotti a ministri che non solo non hanno credibilità alcuna ma fanno anche ribrezzo per le poche qualità oratorie di cui sono provvisti.

 

Questo è un “J'accuse”. Altro che Sgarbi.

 

Alice Suella

http://alicesu.splinder.com


Articoli correlati

  Ugo Cornia: "Sulla felicità a oltranza". Recensione di Alice Suella
  Alice Suella: Waiting for the miracle
  Alice Suella: A proposito di amore in TV e nel cinema
  Alice Suella: Democrazy. Elogio dei pugnali di Augusto
  Alice Suella: Firewell
  Alice Suella: Sull’attualità del baratto
  Alice Suella: Allegria di naufraghi. Serata con Franco Berardi Bifo a Casalecchio di Reno
  Alice Suella: Sono d'accordo con Giuliano Ferrara.
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Giordano Lannaioli, Una cosa come un'altra. Recensione di Alice Suella
  Alice Suella: Palombella Rossa di Nanni Moretti come ermeneutica del Comunismo
  Erminia Passannanti: Blogging, Dissidence e Comunità on-line.
  5Stelle. A Tirano e a Cosio Valtellino per il dopo-elezioni
  'L GAZETIN nella mischia delle Primarie
  Tsunami Tour. Non solo Grillo ma soprattutto una grande festa per tutti
  Rosario Amico Roxas. I paradossi della realtà!
  Propongo un “Va”, impegnativo e positivo
  Marco Pannella. La mia lettera a Beppe Grillo
  Anche Beppe Grillo a sostegno dei referendum radicali?
  Valeria Manieri. Insomnia café 5. “Non ho l’età?” Lettera a un giovane radicale
  Maria G. Di Rienzo. Scuole future
  Segretario Pd e par condicio (di Gianluigi Corinto - www.aduc.it)
  Rosario Amico Roxas. Quamquam ridentem dicere verum quid vetat?
  Valter Vecellio. Chi ha paura di Beppe Grillo? Con postfazione di Marco Pannella
  Salvatore Sblando: Beppe Grillo è tornato a fare il comico
  Marco Lombardi. Aiuto: ho un grillo per capello!
  Gino Songini. Dalla villa di Arcore a quella di Sant'Ilario, da un pifferaio a un altro
  Piero Cappelli. Dai cacciabombardieri al Superenalotto e… i poveri, tanti! Che Italia, ragazzi!!
  Carlo Forin. La legge sui partiti
  “La scomparsa dei fatti” di Marco Travaglio
  Maurizio Bolognetti. Rai/Travaglio. Ladri di Verità, Ladri di Legalità, Ladri di Democrazia
  Annagloria Del Piano. Il caso Travaglio. Fatti e verità
  Valter Vecellio. Indovina chi non c’è, tra i candidati impresentabili e invotabili di “Micromega”?
  Marco Pannella. Perché grido convinto: viva l’abominevole Santoro, e il suo insopportabile “Anno Zero”
  Luciano Martocchia. Da Annozero all'annozero
  Da Gramsci a Santoro. Col rischio di ripetermi...
  Marco Beltrandi. Rai: da Santoro tesi contro corrente
  Rai. Videoappello del Psi a Santoro: “Su pluralismo non si fermi a Bertinotti”
  Valter Vecellio. Regime: Berlusconi è il prodotto ultimo di un processo che viene da lontano
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy