Domenica , 17 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valentina Vandilli. La storia di Francesco Zanardi e Manuel Incorvaia
Sit-in anche a Genova, stesso giorno e stessa ora, davanti palazzo Tursi, via Garibaldi...
Sit-in anche a Genova, stesso giorno e stessa ora, davanti palazzo Tursi, via Garibaldi... 
11 Gennaio 2010
   

Buongiorno,

mi chiamo Valentina Vandilli, sono una lesbica italiana che ha deciso di agire in prima persona nel campo della lotta per i diritti, ritenendo che una partecipazione diretta sia essenziale.

Vorrei mettervi a conoscenza del caso di Manuel e Francescoo, due uomini gay di Savona che hanno deciso di portare avanti uno sciopero della fame dal 4 Gennaio per richiedere la calendarizzazione di una legge per il matrimonio civile in Italia.

I media italiani hanno dato poco risalto ad una iniziativa tanto clamorosa oscurando letteralmente una coppia che ha deciso di chiudere all'angolo la politica digiunando fino a che i parlamentari non decideranno di esaminare una delle decine di leggi che giacciono in Parlamento per il riconoscimento delle unioni tra persone dello stesso sesso.

Esso sarebbe un passo importante per cominciare a garantire a tutti i cittadini e a tutte le cittadine il principio fondamentale di eguaglianza e pari dignità sociale così come stabilito dalla nostra Costituzione, sancendo il diritto di registrare a tutti gli effetti le loro unioni, indipendentemente dal loro sesso e dal loro orientamento sessuale.

Credo infine che lottare per tale riconoscimento sia una affermazione comune di libertà a tutti coloro che condividono aspirazioni inclusive, laiche e fondate sulla parità dei diritti, lottando contro ogni forma di pregiudizio, esclusione o discriminazione, la stessa che la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea vieta in qualsiasi forma.

Vi invito a prendere conoscenza della vicenda, leggendo l'articolo di seguito, da me pubblicato sul mio sito, ed a prendere a cuore il loro caso agendo con urgenza.

Grazie per la disponibilità. (VV)

 

 

La storia di Francesco Zanardi e Manuel Incorvaia

 

Vorrei introdurre brevemente: Francesco Zanardi, 38 anni, imprenditore nel settore informatico, fondatore del movimento Gay Italiani, e Manuel Incorvaia, 22, precario, convivono dal 2007 a Savona. Sono molto attivi ed impegnati, e da qualche giorno hanno deciso di compiere un gesto estremo: sciopero della fame ad oltranza.

I due ragazzi non sono nuovi alla stampa: la loro battaglia pubblica nasce quando Francesco venne aggredito da ignoti a Mykonos fuori da una discoteca gay, prosegue riuscendo ad ottenere udienza al sindaco di Savona Berruti, sperando di potersi sposare in Comune. A Ottobre scrivono un memoriale allo stesso Berruti e decidono una lettera anche al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

A Ottobre invitano a stendere un drappo blu da appendere ai balconi e alle finestre dall’alba al tramonto in tutta la città di Savona, come invito per tutte le persone che credono veramente nella causa della loro unione, la prima unione civile tra due omosessuali in Italia, depositano un ricorso al Tribunale di Savona perché dichiari l’illegittimità del provvedimento con cui l'ufficiale di stato civile del Comune di Savona ha rigettato la richiesta di pubblicazione di matrimonio e ricevono il sostegno ufficiale di Paola Concia.

Il 4 gennaio 2010 a Montecitorio iniziano lo sciopero della fame, proseguendolo presso la loro abitazione di Savona. È possibile monitorarli 24su24h sul sito www.gayitaliani.eu.

Il 6 Gennaio 2010 è uscito un bollettino medico con certificati allegati di uno dei due ragazzi, Francesco Zanardi, causa un malore da stress.

«Bollettino medico del terzo giorno rilasciato a causa di un malore durante la notte. Nella serata di ieri alle ore 23,37 è stato necessario l’intervento di una ambulanza e a scopo cautelativo di una unità di rianimazione a causa di uno shock anafilattico di cui sono stato vittima, malore di cui sono a conoscenza che mi accade molto raramente, sopratutto in momenti di stress. Allego i certificati medici, la nota ha solo l'obbiettivo di informarvi dell’accaduto che non pregiudicherà lo sciopero della fame. Marco Visconti, il medico che ci assiste durante lo sciopero è stato informato ore 10:05 del 6 gennaio 2010. Cordialmente Zanardi Francesco».

Ma nonostante il malore non demordono e continuano con la loro protesta!

Tutto ciò che chiedono questi due ragazzi è il riconoscimento della loro unione in quanto matrimonio civile.

Il loro può sembrare un gesto estremo, alcuni lo hanno definito addirittura stupido o inutile.

La cosa certa è che questi ragazzi sono stati lasciati soli: né le istituzioni, né le associazioni, né i media si occupano del loro caso.

Perché?

Siamo di fronte ad un caso di omertà diffusa, quasi come se si volesse giustificare questo silenzio, lo stesso che i Media e le maggiori associazioni LGBT italiane stanno adottando col caso di Manuel Incorvaia e Francesco Zanardi.

 

Manuel e Francesco hanno anche inviato un appello su Facebook per suggerire alcuni modi per aiutarli concretamente.

 

Gruppo Facebook per proporre sostegno concreto:


«Vi indico qui di seguito alcuni modi per poterci aiutare, ringrazio da parte di Manuel e mia per esservi offerti così numerosi.

Da come vi sarete resi conto, il principale problema è la visibilità, i media stanno contenendo ciò che facciamo all’interno della comunità GLBT. È necessario farla uscire perché tutti noi sappiamo perfettamente che accade, il problema è che non lo sanno gli altri e la stampa tace.

A questo riguardo si potrebbe intervenire facendo anche tante piccole manifestazioni di solidarietà, se si riesce a scendere in piazza sarebbe l'ideale, altrimenti ci sono altri modi come scrivere alle testate giornalistiche denunciando cosa sta accadendo.

Un altro modo potrebbe essere quello di scrivere tramite mail al Presidente della Repubblica, del Consiglio, della Camera e del Senato, in questo caso sarebbe opportuno spedire una copia anche a me in modo tale da poter far valere l’iniziativa, il mio indirizzo è f.zanardi@gayitaliani.eu di seguito vi indico gli indirizzi dei presidenti.

Qualunque altra iniziativa vi venga in mente proponetela pure ben venga.

Per il momento vi ringraziamo, FraManu

 

- Presidente della Repubblica: https://servizi.quirinale.it/webmail

- Presidente del Consiglio: berlusconi_s@camera.it

- Presidente del Senato: schifani_r@posta.senato.it

- Presidente della Camera: fini_g@camera.it

 

Vi ricordo di inviare la mail Cc anche a f.zanardi@gayitaliani.eu».

 

Tra i sostenitori dello sciopero indicati da Zanardi si trovano:


- Don Franco Barbero, esponente delle comunità cristiane di base;

- Sergio Rovasio, segretario associazione Radicale Certi Diritti;

- Donatella Poretti, Senatrice radicale - Pd;

- Anna Paola Concia, deputata Pd;

- Vladimir Luxuria, già parlamentare;

- Franco Grillini già parlamentare, direttore di Gaynet;

- Alessandro Cecchi Paone, giornalista;

- I rappresentanti regionali del movimento Gay Italiani e del movimento Europa Intervieni.

 

Sicuramente sono molte le notizie cui dare quotidianamente risalto, ma come mai, ad oggi, associazioni importanti come Arcilesbica, Arcigay e il Mario Mieli non hanno scritto nulla sui loro siti?

 

CONSIDERAZIONE FINALE

 

Non è forse questa una buona occasione per provare a ricucire le varie spaccature all'interno del movimento nazionale tentando di portare avanti un'azione coesa e costruttiva,«affinché il Parlamento calendarizzi le proposte di legge sulle unioni civili e il matrimonio gay», così come dichiarato dai ragazzi?

Per molti tutto ciò potrà sembrare una semplice fiction inscenata per un momento di visibilità. Io invece credo che non dovrebbe diventare un'ulteriore occasione mancata: senza strumentalizzare in alcun modo la sofferenza e facendo leva sulla suggestione del caso, ritengo che se si decide di arrivare ad un gesto così estremo è perché è venuta meno la fiducia in quei rappresentanti ed in quelle stesse Istituzioni che dovrebbero dare una risposta seria e concreta.

 

Valentina Vandilli

www.vandilli.it

340.3139720


Articoli correlati

  Certi Diritti. Agesci e omosessualità
  “Certi Diritti”. Aggiornamenti iniziativa di Zanardi e Incorvaia a Savona
  Matrimoni gay. Corte Costituzionale Ponzio Pilato
  Matrimonio omosessuale: sarà un sindaco leghista a celebrare il primo?
  Certi Diritti. Giugno mese dell'orgoglio lgbt
  Certi Diritti. Aggiornamenti sui “lavori in corso”
  In 50 a Roma contro le dichiarazioni diffamatorie di Bertone
  2° Congresso di Certi Diritti a Bologna sabato 14 marzo
  Certi Diritti. Ricorso per no alle nozze gay
  Milano Contro l'Omofobia, sabato a palazzo Marino
  La fiaccola dei diritti
  Clara Comelli. Unioni civili, bicchiere pieno solo con le nozze egualitarie
  Prostituzione e fisco. Da una cartella esattoriale si può rivedere la Merlin?
  Certi Diritti. Piccolo Uovo in dono alle biblioteche rionali di Milano
  Certi Diritti. Pride, diritti civili e speranze
  Sergio Rovasio. “L'omosessualità non è mai moralmente giusta”, dice il Papa
  Certi Diritti / Avaaz. Sud Africa: Petizione per fermare lo “stupro collettivo”
  Certi Diritti. Noi preferiamo i fatti alle parole. E tu?
  Matrimonio gay celebrato in Spagna
  Appello per il matrimonio egualitario
  Perduca e Poretti. Matrimonio gay: una speranza da Firenze
  Certi Diritti e i Radicali invitano Berlusconi alla contro- conferenza sulle famiglie
  Censura preservativo RAI: oggi a Milano flash-mob condom davanti alla sede Rai di corso sempione
  Sergio Rovasio. Nozze gay in Argentina
  Cittadini in Europa, fantasmi in Italia: fermiamo la peste italiana!
  Associazione “Enzo Tortora”. Prossime iniziative radicali a Milano
  Certi Diritti. Matrimonio gay: depositata alla Corte Costituzionale la memoria di costituzione della coppia di Venezia
  “Su questo istante fragile”. Presentazione libro e dibattito Pannella-Eribon
  Giornata Internazionale contro l’Omofobia
  Gli slogan saranno: laicità, libertà e responsabilità
  Rita Bernardini. Certi Diritti: un programma impegnativo per il 2011. Aiutateci a realizzarlo!
  “Certi Diritti”. Coppia gay in sciopero della fame
  Sergio Rovasio. Tratta prostituzione: I tagli del Governo alimenteranno le organizzazioni criminali
  Giovanardi è il capo dei bla-bla-bla della politica italiana
  Matrimoni gay: la Corte Costituzionale portoghese dà il via libera ai matrimoni tra persone dello stesso sesso
  Certi Diritti. La Corte europea dei diritti dell’uomo riconosce le famiglie gay
  Famiglia? No, famiglie! Tutti a Milano l'8 novembre!
  Sergio Rovasio. Certi Diritti news: un giugno importante
  Certi Diritti partecipa al Gay Pride Baltico il 7 e 8 maggio
  Sergio Rovasio, Enzo Cucco. Libera convivenza
  Coppie stesso sesso: Corte EDU condanna Italia
  Roma. Ore 17:30, fiaccolata contro la violenza e la discriminazione verso le persone transessuali
  Certi Diritti. Prostituzione: il fallimento delle politiche proibizioniste
  Giulia Crivellini. Mi sono appena iscritta a Certi Diritti...
  Radicali a Milano. Dalla pillola del giorno dopo a Ichino, passando per l'assemblea: tutte le iniziative
  Memorie dimenticate, Giornata internazionale della nonviolenza, Anna Politkovskaja...
  Gianni Somigli. Bimbinbilico
  Battaglia per il diritto all'eguaglianza: scenari e prospettive del dopo sentenza
  Affermazione Civile. Faccia a faccia cittadinanza/avvocati a Milano martedì 16
  La Fiaccola dei Diritti. Lunedì scorso a Genova, prossime tappe Bari e Firenze
  VII Congresso Radicali Italiani. L’intervento di Anna Paola Concia
  Zeno Gobetti. Il Cardinale e la Costituzione
  Presentazione Congresso di Certi Diritti. Conferenza stampa alle ore 12
  Diritti Lgbt: carbone ai deputati che non vogliono occuparsene
  Marco Cappato, Sergio Rovasio. Per i gay vietato donare sangue?
  Atti per matrimonio. Un'azione di “affermazione civile”
  Certi Diritti. Libera circolazione e mutuo riconoscimento coppie gay nell'Ue
  Matrimonio egualitario: prosegue l'iniziativa di Certi Diritti
  Sergio Rovasio/ Valentina Vandilli. Sciopero della fame per unioni civili: iniziative ai parlamenti italiano ed europeo
  Marco Cappato. Caso Binetti
  Certi Diritti: il quotidiano agire per la libertà
  Pasquale Quaranta. Sos da Kampala
  Bologna. Matrimonio gay: la classe politica continua a ignorare il problema
  Le affermazioni di monsignor Babini alimentano odio e violenza omofobe
  Il tempo è scaduto non ci sono più scuse
  Certi Diritti. Obama, Hollande, Cameron, Key: Sì al matrimonio tra persone dello stesso sesso. E l'Italia?
  Milano. Rendere concrete le pari opportunità
  Primo Mastrantoni. Famiglia, convivenza, eterosessuali e omosessuali
  La famiglia naturale? Verso la fine delle discriminazioni. Quando la casta fa avanguardia
  EveryOne. Milano ha un po' di attenzione verso i Rom, ma si può fare di più
  Amore civile. Roma, 10, 11 e 12 maggio 2008
  Sono tutte famiglie!
  Corte suprema California e matrimoni gay
  Una lettera di Diego Sabatinelli, segretario della “Lega per il Divorzio Breve”
  Riforma del diritto di famiglia: i figli non sono tutti uguali per legge, per colpe o peccati altrui
  Boom di violenza sulle donne. La famiglia è un luogo ideale?
  Mauro Biani. #Famiglia
  Conferenza nazionale sulla famiglia. Fino a che persiste la discriminazione, no grazie!
  Sono liberi i quattro bambini rom strappati ai genitori
  Walter Mendizza. CATTOLAICI
  “Matrimonio omosessuale. Diritto, Morale, Politica”
  Krzysztof Charamsa. Anno Domini 2015
  Lidia Menapace. Il Papa e il Presidente
  Una famiglia “normale” a piazza Farnese
  Alessandro Gallucci. Genitori per concorso
  Maurizio Morabito. Quale Famiglia per il Papa?
  Rispetto delle differenze, diversità come valore per una società moderna e laica
  Quante violenze sulle donne. I numeri della sconfitta e il da fare
  Milano. Prosegue l'incubo per la famiglia Covaciu, cui le autorità hanno strappato i quattro bambini
  Peccato, reato e discriminazione: l'ordine Vaticano sull'omosessualità
  Enrico Marco Cipollini. Al deputato Pier Ferdinando Casini sui diritti civili
  Francesca Ribeiro. La vera famiglia secondo Gesù
  Elisa Merlo. Un'imperdonabile superficialità
  Primo Mastrantoni. Monti e la famiglia
  Certificato anagrafico di famiglia: dal Consiglio Comunale di Livorno una lezione al Parlamento!
  Omosessuali e Vaticano: meglio morti che peccatori? Crolla il mito del “contronatura”
  Maria G. Di Rienzo. Nel nome del “papi”
  Benedetto Della Vedova. Non è la legge che inventa le “famiglie gay”
  www.matrimoniodirittogay.it
  Maria Bonafede: «Preoccupante il tono usato dai cardinali. Dov'è l'amore di Dio?»
  Patrizia Garofalo. Caro Pisapia, si prenda cura dei fratellini Covaciu, sfortunati ospiti della sua città
  Giannino. Gender
  Incontro controcorrente su “Famiglia e famiglie”
  Diego Galli. Risultati della conferenza “Amore civile”
  Diego Sabatinelli. Stati Generali sulla Giustizia Familiare
  Benedetto Della Vedova. Finanziaria e temi “eticamente sensibili”
  Maria G. Di Rienzo. Ihr Gluecklichen Augen
  Le parole sono pietre
  Milano. Calvario per i bambini Rom sottratti ai genitori
  Matteo Bonini Baraldi. La famiglia de-genere
  Linda Pasta. Diseguaglianze e donne gay
  Maria G. Di Rienzo. Il prezzo delle patate, e tra la folla Ipazia
  A conforto di papa Ratzinger: L’importante per i bambini è non sentirsi figli di nessuno
  L’articolo 29 e le assai libere interpretazioni dei vari Giovanardi
  Sulle unioni tra persone dello stesso sesso le associazioni lgbt vogliono il matrimonio
  Unioni di fatto. Intromissioni del vaticano per condizionare? Question time al Governo
  Bologna. Il giudice conferma detenzione per Brenda, mamma Rom
  Maria G. Di Rienzo. Una storia banale
  Il concubinaggio
  Enea Sansi. Alchimia della famiglia
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  A chi spetta l’educazione oggi?
  Milano. Quattro bimbi Rom sottratti ai genitori in visita dalla Romania
  Milano. EveryOne: “La poesia può cambiare il mondo”
  Vittorio Giorgini: I cattolici lo chiamano matrimonio naturale, De rerum naturalis et artificialis
  Diritti gay e matrimonio. Italia lontana dall'Europa: disegno di legge
  EveryOne. Matrimonio LGBT, Vendola: “Diritti pieni, non dimezzati!”
  Primo Mastrantoni. Claude Levi-Strauss, l'antropologo che rivoluzionò il concetto di famiglia
  Valentina Vandilli. “Per Manuel e Francesco”
  Il 25 febbraio la fiaccola dei diritti arriva a Verona
  Matrimoni omosessuali: fiaba o realtà?
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Valentina Vandilli. Pasolini muore due volte
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy