Venerdì , 13 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Obiettivo educazione
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
A chi spetta l’educazione oggi?
14 Novembre 2005
 

Sicuramente il primo ambito educativo è la famiglia.

Dire famiglia fino a 30 anni fa significava un gruppo composto generalmente da padre, madre, figli, più nonni eventuali. Prima ancora era un luogo dove da un’unica cucina gestita dalla ‘nonna’ uscivano più generazioni contemporaneamente, una sorta di famiglia allargata in cui i bambini trovavano un loro ruolo, accanto a genitori, zii non sposati, nonni. Da sempre le donne lavorano in casa e in campagna, ma la cura dei figli avveniva in contemporanea. L’organizzazione del lavoro moderno, dalla rivoluzione industriale in poi, ha costretto le madri a delegare la cura dei bambini. I primi asili nido erano nati, infatti, per sopperire a questo bisogno di accudimento. Ma dobbiamo attendere molto tempo prima di vedere istituzioni che si occupano di bambini in termini adeguati. Far crescere i figli diventa un compito sociale nel momento in cui le famiglie non riescono da sole a farvi fronte e la società decide di assumersi l’onere. E un indicatore della qualità della vita riguarda la presenza di servizi per l’infanzia.

In questi ultimi 20 anni le famiglie si sono trasformate, ovvero troviamo tanti modelli di convivenza che hanno modificato anche le pratiche di allevamento dei figli e in genere tutta l’educazione. Il divorzio introdotto nel 1974 e l’inserimento diffuso delle donne nel mondo del lavoro, hanno prodotto nuove realtà sociali per i bambini che vivono in modo molto diverso dai piccoli dell’immediato dopoguerra.

Dipende certamente anche dal contesto territoriale, ma generalmente oggi troviamo famiglie molto piccole, uno o due genitori, con uno o due figli, qualche volta si arriva a 3, raramente a 4 e 5. Genitori che lavorano e che affidano a nonni zii, baby sitter, la cura dei loro piccoli per alcune ore della giornata, dopo la scuola a tempo pieno per chi riesce a trovarla. La giornata di una famiglia normalmente attrezzata scorre su ritmi abbastanza frenetici; il mattino si corre per arrivare in tempo a scuola e al lavoro, il pasto del mezzogiorno non esiste per chi fa turni unici, il pomeriggio è ben occupato, la sera forse si salva, se non ci sono impegni sociali o sportivi o mondani.

In un quadro così delineato i bambini trovano spazi risicati, ma soprattutto vedono molte persone che si occupano di loro. La varietà va da famiglie monogenitoriali a famiglie allargate, ricostituite, dove i bambini convivono, a tempo, con nuovi padri e nuove madri, altri fratelli e parenti acquisiti. La ricomposizione familiare, a volte, diventa impegnativa. E con tutte queste figure adulte i bambini imparano a districarsi nei loro problemi, organizzano i fine settimana da un genitore, frequentano la scuola in un altro luogo, comprano i loro abiti in un altro, seguono corsi, frequentano persone in luoghi diversi. Molti adulti si occupano di loro e siccome è evidente che ciascuno riesce a gestirli per il tempo necessario, nessuno si preoccupa di coerenza educativa tanto difficile da raggiungere anche quando esistono solo due genitori. La coerenza rappresenta già un obiettivo faticoso per l’adulto, immaginarsi quando l’accordo dovrebbe riguardare più persone che per svariati motivi non condividono più nulla!

Anche quando si condivide il tempo da dedicare ai figli, spesso si rinuncia al ruolo di genitori perché troppo faticoso. I bambini spesso sono disorganizzati, ma come possono organizzarsi se i loro beni (quaderni, libri, tute, strumenti, costumi,…) sono in qualche casa che non ricordano più? Spesso sono fuori contesto e faticano a inserirsi dopo tanti in cui devono vivere. Molti genitori hanno grandi aspettative e investono sui figli per farne ragazzi di successo. Ma è proprio ciò che loro desiderano?

Qualche volta sono persi, non sanno a chi aggrapparsi, chiedere aiuto, da chi andare quando hanno paura, oppure non riescono a dormire sereni la notte. Come far capire agli adulti che vorrebbero semplicemente avere un punto di riferimento stabile per giocare, consolarsi, piangere o ridere quando ne hanno bisogno?

Molte famiglie faticano a creare un contesto adeguato di crescita per i loro piccoli. Il ruolo di genitore si è stemperato nelle molte figure che si occupano dei figli con la conseguenza che nessuno riesce più a dire di no ai bambini che semplicemente vanno contenuti. Da un lato vivono dentro una organizzazione adulta, con grosse possibilità di scelta del cibo, vestito, giochi o programmi TV e video, dall’altra mancano di una vita sociale: semplicemente della possibilità di giocare soli o con chi desiderano, dentro o fuori casa senza i controlli spasmodici degli adulti e al di fuori dei corsi e delle attività organizzate.

Dentro un quadro così parcellizzato il processo di condivisione dei valori che le comunità trasmettevano si è interrotto. Ma si è frantumato, secondo molti, proprio l’idea di comunità educante dove vigeva il controllo sociale sui minori, oggi il bambino appartiene solo alla sua famiglia e da questa frantumazione è nato l’individuo, misura di se stesso, creatore e giudice, centro del mondo. Ma questo è un altro capitolo.

Fausta Svanella


Articoli correlati

  Valentina Vandilli. La storia di Francesco Zanardi e Manuel Incorvaia
  Certificato anagrafico di famiglia: dal Consiglio Comunale di Livorno una lezione al Parlamento!
  EveryOne. Milano ha un po' di attenzione verso i Rom, ma si può fare di più
  Francesca Ribeiro. La vera famiglia secondo Gesù
  Amore civile. Roma, 10, 11 e 12 maggio 2008
  Boom di violenza sulle donne. La famiglia è un luogo ideale?
  Omosessuali e Vaticano: meglio morti che peccatori? Crolla il mito del “contronatura”
  Sono liberi i quattro bambini rom strappati ai genitori
  Walter Mendizza. CATTOLAICI
  Krzysztof Charamsa. Anno Domini 2015
  Una lettera di Diego Sabatinelli, segretario della “Lega per il Divorzio Breve”
  Mauro Biani. #Famiglia
  Corte suprema California e matrimoni gay
  Sono tutte famiglie!
  Una famiglia “normale” a piazza Farnese
  Maurizio Morabito. Quale Famiglia per il Papa?
  Rispetto delle differenze, diversità come valore per una società moderna e laica
  Diritti gay e matrimonio. Italia lontana dall'Europa: disegno di legge
  Quante violenze sulle donne. I numeri della sconfitta e il da fare
  Milano. Prosegue l'incubo per la famiglia Covaciu, cui le autorità hanno strappato i quattro bambini
  Peccato, reato e discriminazione: l'ordine Vaticano sull'omosessualità
  Enrico Marco Cipollini. Al deputato Pier Ferdinando Casini sui diritti civili
  Primo Mastrantoni. Claude Levi-Strauss, l'antropologo che rivoluzionò il concetto di famiglia
  Alessandro Gallucci. Genitori per concorso
  Riforma del diritto di famiglia: i figli non sono tutti uguali per legge, per colpe o peccati altrui
  Maria G. Di Rienzo. Nel nome del “papi”
  Patrizia Garofalo. Caro Pisapia, si prenda cura dei fratellini Covaciu, sfortunati ospiti della sua città
  Benedetto Della Vedova. Non è la legge che inventa le “famiglie gay”
  www.matrimoniodirittogay.it
  Maria Bonafede: «Preoccupante il tono usato dai cardinali. Dov'è l'amore di Dio?»
  Giannino. Gender
  Diego Galli. Risultati della conferenza “Amore civile”
  Lidia Menapace. Il Papa e il Presidente
  Primo Mastrantoni. Monti e la famiglia
  Diego Sabatinelli. Stati Generali sulla Giustizia Familiare
  Enea Sansi. Alchimia della famiglia
  Giovanardi è il capo dei bla-bla-bla della politica italiana
  Benedetto Della Vedova. Finanziaria e temi “eticamente sensibili”
  Certi Diritti. La Corte europea dei diritti dell’uomo riconosce le famiglie gay
  Famiglia? No, famiglie! Tutti a Milano l'8 novembre!
  “Matrimonio omosessuale. Diritto, Morale, Politica”
  Maria G. Di Rienzo. Ihr Gluecklichen Augen
  Milano. Calvario per i bambini Rom sottratti ai genitori
  Matteo Bonini Baraldi. La famiglia de-genere
  Linda Pasta. Diseguaglianze e donne gay
  Matrimonio omosessuale: sarà un sindaco leghista a celebrare il primo?
  Maria G. Di Rienzo. Il prezzo delle patate, e tra la folla Ipazia
  Primo Mastrantoni. Famiglia, convivenza, eterosessuali e omosessuali
  Coppie stesso sesso: Corte EDU condanna Italia
  Sergio Rovasio. Nozze gay in Argentina
  L’articolo 29 e le assai libere interpretazioni dei vari Giovanardi
  Maria G. Di Rienzo. Una storia banale
  Il concubinaggio
  Conferenza nazionale sulla famiglia. Fino a che persiste la discriminazione, no grazie!
  Gianni Somigli. Bimbinbilico
  Sulle unioni tra persone dello stesso sesso le associazioni lgbt vogliono il matrimonio
  Incontro controcorrente su “Famiglia e famiglie”
  Unioni di fatto. Intromissioni del vaticano per condizionare? Question time al Governo
  Le parole sono pietre
  Zeno Gobetti. Il Cardinale e la Costituzione
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Atti per matrimonio. Un'azione di “affermazione civile”
  Milano. Quattro bimbi Rom sottratti ai genitori in visita dalla Romania
  Matrimonio egualitario: prosegue l'iniziativa di Certi Diritti
  Milano. EveryOne: “La poesia può cambiare il mondo”
  La famiglia naturale? Verso la fine delle discriminazioni. Quando la casta fa avanguardia
  Vittorio Giorgini: I cattolici lo chiamano matrimonio naturale, De rerum naturalis et artificialis
  Bologna. Il giudice conferma detenzione per Brenda, mamma Rom
  Elisa Merlo. Un'imperdonabile superficialità
  EveryOne. Matrimonio LGBT, Vendola: “Diritti pieni, non dimezzati!”
  A conforto di papa Ratzinger: L’importante per i bambini è non sentirsi figli di nessuno
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy