Giovedì , 25 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L’articolo 29 e le assai libere interpretazioni dei vari Giovanardi
14 Dicembre 2006
 
Allora li avete sentiti? Tutti, eh! Da Giovanardi in giù (o in su, fate un po’ voi…). Ma anche in trasmissioni solitamente attente e documentate come “Otto e mezzo” de La7 – e l’altra sera c’era nientepopodimeno che il capo dell’ufficio legislativo non ricordo più se del ministero della Famiglia o degli Affari sociali, ma fa lo stesso. Tutti, dico tutti, che indicano l’articolo 29 della Costituzione come potente barriera che ostacolerebbe il matrimonio omosessuale. – Sì, avete capito bene, matrimonio non “unione civile” o che dir si voglia.
Ebbene, ma che dice ‘sto benedetto articolo 29? Vediamo.
 
Art. 29. La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio.
Il matrimonio è ordinato sull'eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell'unità familiare.
 
I nostri espertoni politici trovano in quell’aggettivo, «naturale», la ragione del loro (libero) interpretare, che acquieta le loro coscienze, e su quel solo aggettivo, universalmente calzato a mo’ di paraocchi, fingono di discutere, si dividono e accapigliano, sul da farsi.
Ma è proprio così? Senza scomodare biologi o altri scienziati, a me pare che letteralmente quell’aggettivo indichi l’esatto contrario di quel che tutti fingono d’intendere. Che infatti, e peraltro non soltanto per la specie animale alla quale apparteniamo, la relazione omosessuale sia naturale quanto quella etero è piuttosto fuor di discussione. (E per quanti ritengono la natura corrispondere al creato… discendono conseguenze piuttosto interessanti, con buona pace di papi e cardinali – ma questo è un altro discorso e che ci porterebbe troppo lontano).
I nostri padri costituenti erano dunque ben più avveduti dei loro scombinati pronipoti. A maggior ragione se consideriamo il termine, «coniugi», usato - con perfetta e lineare coerenza - nel secondo comma.
Ma allora, diversamente che in Spagna, dove in costituzione erano indicati i sostantivi di “uomo” e “donna” (o moglie e marito, ora non ricordo esattamente, ma la sostanza non cambia), una scelta come quella spagnola non necessiterebbe, in Italia, nemmeno di una legge costituzionale? Ebbene sì! Vi parrà strano, ma è proprio così. Voi approfondite, ragionate etc. etc. ma questa è la conclusione.
E allora? Da dove derivano scandalo e tanto clamore per questi trucidi “attentatori” alla famiglia? Chi dà tanto valore al matrimonio (e stiamo parlando qui, ovviamente e beninteso, dell’istituto civile e non di sacramenti) non dovrebbe esser lieto che anche altri, finora ingiustamente esclusi, siano giunti a dargliene?
Poi, ma questo dovrebbe essere scontato, a chi scelga altre forme di unione spettano equi diritti/doveri com’è già (irreversibilmente, oso prevedere) nel diritto positivo europeo.
 
Enea Sansi

Articoli correlati

  Sergio Rovasio. Nozze gay in Argentina
  EveryOne. Milano ha un po' di attenzione verso i Rom, ma si può fare di più
  www.matrimoniodirittogay.it
  Peccato, reato e discriminazione: l'ordine Vaticano sull'omosessualità
  Unioni di fatto. Intromissioni del vaticano per condizionare? Question time al Governo
  Boom di violenza sulle donne. La famiglia è un luogo ideale?
  Milano. Calvario per i bambini Rom sottratti ai genitori
  Diego Galli. Risultati della conferenza “Amore civile”
  Primo Mastrantoni. Monti e la famiglia
  Diego Sabatinelli. Stati Generali sulla Giustizia Familiare
  Krzysztof Charamsa. Anno Domini 2015
  Valentina Vandilli. La storia di Francesco Zanardi e Manuel Incorvaia
  Milano. Quattro bimbi Rom sottratti ai genitori in visita dalla Romania
  La famiglia naturale? Verso la fine delle discriminazioni. Quando la casta fa avanguardia
  Patrizia Garofalo. Caro Pisapia, si prenda cura dei fratellini Covaciu, sfortunati ospiti della sua città
  A conforto di papa Ratzinger: L’importante per i bambini è non sentirsi figli di nessuno
  Una famiglia “normale” a piazza Farnese
  Alessandro Gallucci. Genitori per concorso
  Incontro controcorrente su “Famiglia e famiglie”
  Conferenza nazionale sulla famiglia. Fino a che persiste la discriminazione, no grazie!
  Famiglia? No, famiglie! Tutti a Milano l'8 novembre!
  Francesca Ribeiro. La vera famiglia secondo Gesù
  Amore civile. Roma, 10, 11 e 12 maggio 2008
  Primo Mastrantoni. Famiglia, convivenza, eterosessuali e omosessuali
  Le parole sono pietre
  “Matrimonio omosessuale. Diritto, Morale, Politica”
  Maria G. Di Rienzo. Una storia banale
  Sono tutte famiglie!
  EveryOne. Matrimonio LGBT, Vendola: “Diritti pieni, non dimezzati!”
  Giannino. Gender
  Rispetto delle differenze, diversità come valore per una società moderna e laica
  Bologna. Il giudice conferma detenzione per Brenda, mamma Rom
  A chi spetta l’educazione oggi?
  Maria G. Di Rienzo. Nel nome del “papi”
  Benedetto Della Vedova. Non è la legge che inventa le “famiglie gay”
  Certi Diritti. La Corte europea dei diritti dell’uomo riconosce le famiglie gay
  Milano. Prosegue l'incubo per la famiglia Covaciu, cui le autorità hanno strappato i quattro bambini
  Enrico Marco Cipollini. Al deputato Pier Ferdinando Casini sui diritti civili
  Zeno Gobetti. Il Cardinale e la Costituzione
  Giovanardi è il capo dei bla-bla-bla della politica italiana
  Milano. EveryOne: “La poesia può cambiare il mondo”
  Certificato anagrafico di famiglia: dal Consiglio Comunale di Livorno una lezione al Parlamento!
  Walter Mendizza. CATTOLAICI
  Elisa Merlo. Un'imperdonabile superficialità
  Linda Pasta. Diseguaglianze e donne gay
  Primo Mastrantoni. Claude Levi-Strauss, l'antropologo che rivoluzionò il concetto di famiglia
  Corte suprema California e matrimoni gay
  Matteo Bonini Baraldi. La famiglia de-genere
  Maria G. Di Rienzo. Il prezzo delle patate, e tra la folla Ipazia
  Enea Sansi. Alchimia della famiglia
  Gianni Somigli. Bimbinbilico
  Diritti gay e matrimonio. Italia lontana dall'Europa: disegno di legge
  Sulle unioni tra persone dello stesso sesso le associazioni lgbt vogliono il matrimonio
  Atti per matrimonio. Un'azione di “affermazione civile”
  Mauro Biani. #Famiglia
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Vittorio Giorgini: I cattolici lo chiamano matrimonio naturale, De rerum naturalis et artificialis
  Lidia Menapace. Il Papa e il Presidente
  Maria G. Di Rienzo. Ihr Gluecklichen Augen
  Omosessuali e Vaticano: meglio morti che peccatori? Crolla il mito del “contronatura”
  Coppie stesso sesso: Corte EDU condanna Italia
  Una lettera di Diego Sabatinelli, segretario della “Lega per il Divorzio Breve”
  Matrimonio egualitario: prosegue l'iniziativa di Certi Diritti
  Maria Bonafede: «Preoccupante il tono usato dai cardinali. Dov'è l'amore di Dio?»
  Riforma del diritto di famiglia: i figli non sono tutti uguali per legge, per colpe o peccati altrui
  Benedetto Della Vedova. Finanziaria e temi “eticamente sensibili”
  Maurizio Morabito. Quale Famiglia per il Papa?
  Il concubinaggio
  Quante violenze sulle donne. I numeri della sconfitta e il da fare
  Sono liberi i quattro bambini rom strappati ai genitori
  Matrimonio omosessuale: sarà un sindaco leghista a celebrare il primo?
  Perduca e Poretti. Matrimonio gay: una speranza da Firenze
  Carlo Troilo. I parlamentari: facciamoci i PACS nostri
  Pacs, De Lucia. Sull’art. 7 della Costituzione Napolitano sbaglia
  Presepe e statuine gay: niente di cui pentirsi, anzi...
  «Un errore molto grave che va corretto» la mancata chiarezza sui Pacs e «Chi vuole la scuola privata se la paghi da solo»
  Diritti ora: Dico? Faccio! Tutti a Roma il 10 marzo
  Pietro Yates Moretti. Unioni civili e Family Day
  Pacs. Il papa è male informato
  Unioni civili, Bernardini. Il disegno di legge del Governo non soddisfa Radicali Italiani
  “Pacs, unioni civili, equalmarriage…”
  Un milione e mezzo di italiani attendono i PACS
  Dico. Una lezione in parlamento per illuminare su una realtà di fatto!
  Clara Comelli. Che succede in questo paese? Qualcuno mi aiuti a capire
  Il Centrosinistra fa sparire i PACS e l'Italia laica
  14 FEBBRAIO. SAN VALENTINO PER MOLTI MA NON PER TUTTI
  Nuovo Comitato Nazionale di Bioetica: e ora buon lavoro, non mancano i temi da affrontare a partire da Piergiorgio Welby
  "Dico" bene o male? Bene!
  Vizi e virtù “cardinali”. Il “capriccio” e la “prudenza”
  Pacs. «Anche due coppie gay nel presepe di Montecitorio»
  Presepe Camera. Insultata in Trasatlantico da Gasparri (An)
  Vaticano/Italia. Interferenze nella nostra politica o un dialogo costruttivo?
  Diego Sabatinelli. È necessario dirsi anticlericali?
  Dico/pedofilia. Ecco smascherato finalmente il diavolo!
  Coppie di fatto
  Diritti ora...
  Andrea Panerini. Una riflessione sui DICO (ovvero i Pacs all’italiana) e la religione
  Benedetto Della Vedova. Coppie di fatto
  Giovanni Climaco Mapelli. I “DiDoRè” di Brunetta e Rotondi non passeranno, dice il presidente dei senatori del Pdl...
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy