Martedì , 17 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
VII Congresso Radicali Italiani. L’intervento di Anna Paola Concia
01 Novembre 2008
 

Care amiche e cari amici, innanzitutto grazie per l’invito. È la prima volta che partecipo a un vostro Congresso. Voi siete un pezzo importante della storia repubblicana del nostro paese. E un pezzo importante della mia vita.

 

Sono convinta non da oggi che per essere riformisti bisogna essere radicali. Nel senso che bisogna avere il coraggio di portare avanti le proprie scelte con convinzione e coraggio. Il riformismo comporta scelte nette. Non tentennamenti.

 

Vorrei che il nostro paese fosse diverso. Sì, più civile. Vorrei che il mio paese fosse più inclusivo, vorrei che il mio paese riconoscesse a tutti i cittadini il diritto di cittadinanza, il diritto di sentirsi cittadini in casa propria. Senza esclusioni, senza paletti, senza razzismi ideologici, di maniera e di facciata.

 

In realtà, pur essendo una vecchia comunista (la mia vita politica è iniziata nel PCI tanti anni fa), sono sempre stata una donna liberale. So che a più di qualcuno farà sorridere, ma è così. Sono liberale a 360 gradi. Sui diritti individuali, sui temi economici, come, sono sempre stata una garantista. Come si dovrebbe essere. Ho sempre rimproverato a Berlusconi e compagnia che non si può essere liberali sui temi economici e LIBERTICIDI su tutto il resto.

È la solita schizofrenia italiana. Noi siamo europeisti per quello che ci pare, anche noi del PD. Non si può rivendicare l’Europa a ogni piè sospinto e poi sui temi, per esempio, dei diritti civili e dei diritti degli omosessuali essere reticenti e non stare al passo con l’Europa. No, non funziona così: o si è europeisti oppure no.

 

A volte ci possono dividere il metodo di lotta, frutto – appunto – dei diversi percorsi politici. Ma tante volte sugli obiettivi ci siamo ritrovati. Le cronache di questi giorni ci dicono che il PD stia decidendo di recuperare lo strumento referendario contro il decreto Gelmini. Lo dico sommessamente al mio partito: non ci dividiamo su questo. Certo, potrà essere uno strumento parziale, si potrà concentrare solo su alcuni aspetti come le Fondazioni universitarie e il maestro unico. BENE. Ma se ci lavoreremo bene, la raccolta di firme potrà essere un modo per entrare in contatto con questa ONDA DEMOCRATICA, SPONTANEA, AUTONOMA che è scesa in piazza ieri e che sta manifestando contro la Gelmini.

Nello stesso tempo credo che dobbiamo lavorare alla costruzione di proposte alternative, serie, concrete e credibili. NON AMO DIRE SOLO DEI NO. NON L’HO MAI AMATO. Bisogna saper dare una strada, un orizzonte in cui potersi riconoscere.

 

Sediamo dalla stessa parte del Parlamento non soltanto fisicamente, come pure in passato era successo, siamo molto più vicini; su molti, tanti aspetti della vita la pensiamo allo stesso modo: le vostre battaglie di libertà, di civiltà, di laicità e di educazione alla democrazia SONO le mie battaglie.

Sono figlia delle vostre battaglie civili e sono cresciuta con le certezze che quelle battaglie mi hanno regalato. Sento di avere un debito nei vostri confronti.

Abbiamo fatto insieme la battaglia contro la legge 40, quell'aborto legislativo che impedisce a tanti il sereno esercizio del diritto alla genitorialità.

Quel referendum è stato una brutale sconfitta, ha rappresentato il trionfo della conservazione sui valori della democrazia partecipata ma allo stesso tempo ha fatto sì che suonasse l'allarme sullo stato dei diritti civili nel nostro paese.

Ecco l’allarme…Troppe volte i vostri allarmi sono stati inascoltati o ascoltati con un senso di sufficienza anche da parte del mio partito: voi, moderne Cassandre dell'italica laicità.

 

Per questo oggi sono qui, perché seppure abbiamo storie diverse e possiamo essere per certi aspetti diversi, io non smetterò mai di credere che bisogna avere la forza e il coraggio di farsi contaminare.

Del resto, credo che le differenze e le diversità siano una ricchezza... è sufficiente non farsi vincere dal pregiudizio. Quello stesso pregiudizio che cerco di combattere ogni giorno.

 

Come qualcuno di voi saprà, io sono omosessuale, non faccio l'omosessuale di mestiere. Lo sono. Un giorno, erano i mesi successivi al World Pride di Roma del 2000, decisi di fare il mio coming out e di fare della battaglia sulle libertà individuali e sui diritti civili la battaglia della mia vita. Fu una scelta individuale.

Ma attenzione, come Rita Bernardini sa perché ne abbiamo parlato tante volte, anche animatamente, sono tra quelle e quelli che pensano che le battaglie sui diritti degli omosessuali, non le debbano fare solo gli omosessuali. ANZI: e voi siete la dimostrazione di questo, da sempre. È una idea di società che è in gioco, non solo i diritti di alcuni. Dentro al nostra battaglia c’è un’idea di comunità che riguarda tutte e tutti, omosessuali e eterosessuali. C’è dietro una domanda fondamentale: “in quale società vogliamo vivere?”

Questa battaglia la conduco dentro questo contesto. Non è isolata da resto. Non per me.

È una battaglia, però, che con i miei 45 anni non voglio più solo fare. Ma voglio vincere. Non è una battaglia di testimonianza. Non mi basta. In questo sì, c’è il mio animo riformista.

Vorrei che chi verrà dopo di me, gay, lesbica, transessuale non debba soffrire più quello che ho sofferto io da giovane. Questo sì, questo lo desidero.

E so che voi siete interlocutori affidabili. Lo avete sempre dimostrato.

 

Con i sei amici e amiche radicali in questi primi mesi di legislatura abbiamo firmato insieme tante proposte di legge che riguardano coppie di fatto, partnership, matrimonio, omofobia, omogenitorialità.

Abbiamo presentato due pdl contro l'omofobia, una delle quali, molto incisiva e completa; un'altra più semplice che – colpo di scena – procede in Commissione Giustizia, di cui sono relatrice.

E procede perché, pur essendo meno completa delle altre, non prevedendo tutta una serie di azioni positive che lo stato ha il dovere di compiere, va dritta al nodo del problema, seguendo gli imperativi dettati dal parlamento europeo: la condanna degli atti persecutori e della incitazione a commetterli contro le minoranze omo e transessuali.

Vi chiedo di aiutarmi su questo. Lo chiedo ai miei colleghi radicali, lo chiedo a voi.

 

Sono a favore del testamento biologico, ho firmato la proposta di legge di Ignazio Marino che hanno ripresentato Barbara Pollastrini e Gianni Cuperlo alla Camera.

 

Sono una sostenitrice convinta della Associazione Certi Diritti, di cui Sergio Rovasio è il cuore. Ho firmato la loro l’iniziativa “di affermazione civile”. Sarà una iniziativa importante e spero che abbia successo. Sono qui a dare una mano.

 

Faccio parte della Associazione Luca Coscioni e mi iscriverò a Nessuno tocchi Caino.

 

Oggi ho preso la tessera del Partito Radicale Transnazionale.

 

IO CI SONO: CON LA MIA STORIA E IL MIO MODO DI FARE POLITICA, CONDIVIDENDO CON VOI UN’ALTRA COSA:

I vostri successi storici dimostrano che su certi temi non si può andare avanti da soli ma è necessario comporre uno schieramento trasversale, che vada oltre i singoli orticelli per affermare i sacro principio della laicità dello stato.

Questa è una vera emergenza nazionale, la laicità dello stato e delle istituzioni repubblicane.

 

Da anni le istituzioni ecclesiastiche entrano a gamba tesa nelle questioni italiane. Lo hanno sempre fatto. Ma oggi, trovano sempre meno resistenze. Io credo che la responsabilità di questo sia da attribuire PRINCIPALANETE ALLA POLITICA. LA POLITICA ITALIANA TUTTA, COMPRESO IL PD.

La politica e le istituzioni sono fragili rispetto alla difesa della laicità. Fragili rispetto alla difesa di se stessi.

 

L’intervista della Binetti di oggi sul Corriere della Sera è scandalosa. Ho fatto un comunicato dicendo che non solo deve chiedere scusa a me, agli omosessuali italiani e ai cattolici, ma ho detto che è lei ad essere fuori dal PD. È lei che è fuori dallo statuto e dalla linea del PD. Ne tragga la sue conseguenze.

 

Questo è un grande problema e dobbiamo essere insieme ad affrontarlo per rimettere tutti al proprio posto: LA POLITICA E LA CHIESA.

Questa non può essere una battaglia di testimonianza. Deve essere una battaglia di civiltà: una battaglia per il presente e per il futuro di questo paese.

Dobbiamo insieme ricostruire una coscienza civile, una consapevolezza dell’importanza fondamentale della LAICITÀ DELLO STATO per la sopravvivenza della stessa democrazia.

Lo dobbiamo fare dentro la politica e dentro le istituzioni, e dobbiamo costruire alleanze trasversali.

 

Chiudo con una battuta:

So cosa sta pensando Rita Bernardini e forse qualcun altro “ma che ci fai dentro il PD, vieni con noi!”

Sono nel Pd per moltissime ragioni e ci sto in modo convinto. Una sola ve la voglio dire: ho sempre pensato che le cose vadano combattute dal di dentro. Lì dove devono essere cambiate. Lì dove esistono le maggiori contraddizioni. È la storia della mia vita. Penso che se il PD non assume su di sé le battaglie di civiltà, quelle battaglie non si vincono.

Nello stesso modo penso che senza di voi non riesco ad immaginare questo paese, questa democrazia. Siete fondamentali.

E allora, io e altre e altri nel PD, Voi qui, facciamo una grande alleanza per tirare fuori dalle secche questo scellerato e meraviglioso paese.

 

Grazie buon lavoro!

 

(Intervento dell’On. Anna Paola Concia, deputata del Pd al congresso di Radicali Italiani)

 

 

Fonte: Radicali.it


Articoli correlati

  Valter Vecellio. Si comportano come i ladri di Pisa… Il diritto, la legalità, il rispetto della Legge
  VII Congresso di Radicali Italiani. L’intervento di Donatella Poretti
  Valter Vecellio. Una proposta a Federico Orlando
  Il Movimento radicale sola alternativa liberale e riformatrice
  Antonella Casu. «Il PD ci tratta non da alleati, ma, spesso, da avversari»
  Radicali Italiani. Si apre oggi a Chianciano Terme il 7° Congresso
  Angiolo Bandinelli. Perché andrò a Chianciano
  Sergio Rovasio. “L'omosessualità non è mai moralmente giusta”, dice il Papa
  Milano. Rendere concrete le pari opportunità
  Certi Diritti. Giugno mese dell'orgoglio lgbt
  Prostituzione e fisco. Da una cartella esattoriale si può rivedere la Merlin?
  Certi Diritti. Aggiornamenti sui “lavori in corso”
  Matrimonio gay celebrato in Spagna
  Sergio Rovasio. Nozze gay in Argentina
  Sergio Rovasio/ Valentina Vandilli. Sciopero della fame per unioni civili: iniziative ai parlamenti italiano ed europeo
  Cittadini in Europa, fantasmi in Italia: fermiamo la peste italiana!
  Clara Comelli. Unioni civili, bicchiere pieno solo con le nozze egualitarie
  Certi Diritti. Pride, diritti civili e speranze
  Marco Cappato. Caso Binetti
  Sergio Rovasio. Certi Diritti news: un giugno importante
  Certi Diritti. Noi preferiamo i fatti alle parole. E tu?
  2° Congresso di Certi Diritti a Bologna sabato 14 marzo
  Matrimoni gay. Corte Costituzionale Ponzio Pilato
  Presentazione Congresso di Certi Diritti. Conferenza stampa alle ore 12
  Coppie stesso sesso: Corte EDU condanna Italia
  “Certi Diritti”. Coppia gay in sciopero della fame
  Certi Diritti / Avaaz. Sud Africa: Petizione per fermare lo “stupro collettivo”
  Appello per il matrimonio egualitario
  Perduca e Poretti. Matrimonio gay: una speranza da Firenze
  Marco Cappato, Sergio Rovasio. Per i gay vietato donare sangue?
  Matrimonio omosessuale: sarà un sindaco leghista a celebrare il primo?
  Certi Diritti. La Corte europea dei diritti dell’uomo riconosce le famiglie gay
  Certi Diritti e i Radicali invitano Berlusconi alla contro- conferenza sulle famiglie
  Certi Diritti. Piccolo Uovo in dono alle biblioteche rionali di Milano
  “Certi Diritti”. Aggiornamenti iniziativa di Zanardi e Incorvaia a Savona
  Certi Diritti partecipa al Gay Pride Baltico il 7 e 8 maggio
  In 50 a Roma contro le dichiarazioni diffamatorie di Bertone
  Associazione “Enzo Tortora”. Prossime iniziative radicali a Milano
  Rita Bernardini. Certi Diritti: un programma impegnativo per il 2011. Aiutateci a realizzarlo!
  Giornata Internazionale contro l’Omofobia
  “Su questo istante fragile”. Presentazione libro e dibattito Pannella-Eribon
  Certi Diritti. Agesci e omosessualità
  Battaglia per il diritto all'eguaglianza: scenari e prospettive del dopo sentenza
  Giulia Crivellini. Mi sono appena iscritta a Certi Diritti...
  Censura preservativo RAI: oggi a Milano flash-mob condom davanti alla sede Rai di corso sempione
  Giovanardi è il capo dei bla-bla-bla della politica italiana
  Sergio Rovasio. Tratta prostituzione: I tagli del Governo alimenteranno le organizzazioni criminali
  Famiglia? No, famiglie! Tutti a Milano l'8 novembre!
  Roma. Ore 17:30, fiaccolata contro la violenza e la discriminazione verso le persone transessuali
  Gianni Somigli. Bimbinbilico
  Certi Diritti. Ricorso per no alle nozze gay
  Certi Diritti. Prostituzione: il fallimento delle politiche proibizioniste
  Le affermazioni di monsignor Babini alimentano odio e violenza omofobe
  Valentina Vandilli. La storia di Francesco Zanardi e Manuel Incorvaia
  Gli slogan saranno: laicità, libertà e responsabilità
  La fiaccola dei diritti
  Affermazione Civile. Faccia a faccia cittadinanza/avvocati a Milano martedì 16
  La Fiaccola dei Diritti. Lunedì scorso a Genova, prossime tappe Bari e Firenze
  Zeno Gobetti. Il Cardinale e la Costituzione
  Diritti Lgbt: carbone ai deputati che non vogliono occuparsene
  Sergio Rovasio, Enzo Cucco. Libera convivenza
  Atti per matrimonio. Un'azione di “affermazione civile”
  Certi Diritti. Obama, Hollande, Cameron, Key: Sì al matrimonio tra persone dello stesso sesso. E l'Italia?
  Certi Diritti. Libera circolazione e mutuo riconoscimento coppie gay nell'Ue
  Matrimonio egualitario: prosegue l'iniziativa di Certi Diritti
  Certi Diritti: il quotidiano agire per la libertà
  Milano Contro l'Omofobia, sabato a palazzo Marino
  Pasquale Quaranta. Sos da Kampala
  Bologna. Matrimonio gay: la classe politica continua a ignorare il problema
  Memorie dimenticate, Giornata internazionale della nonviolenza, Anna Politkovskaja...
  Matrimoni gay: la Corte Costituzionale portoghese dà il via libera ai matrimoni tra persone dello stesso sesso
  Il tempo è scaduto non ci sono più scuse
  Radicali a Milano. Dalla pillola del giorno dopo a Ichino, passando per l'assemblea: tutte le iniziative
  Certi Diritti. Matrimonio gay: depositata alla Corte Costituzionale la memoria di costituzione della coppia di Venezia
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy