Giovedì , 27 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In 50 a Roma contro le dichiarazioni diffamatorie di Bertone
25 Aprile 2010
 

Pochi ma 'buoni'. Una cinquantina di persone si è ritrovata in Piazza Santi Apostoli a Roma per rispondere alle parole del Cardinal Bertone, con la Questura che finisce sotto accusa.

Negate due Piazze

 

 

Roma, 24/04/2010 - Un sit-in di protesta non solo a Roma,, ma anche a Bologna e in diversi Paesi del mondo contro l’omertà delle gerarchie cattoliche nei confronti dei reati di pedofilia e contro le indegne dichiarazioni diffamatorie di Tarcisio Bertone.

Per questo motivo sono scese questo pomeriggio in piazza le più importanti e 'pesanti' associazioni glbtiq romane e nazionali: Arcigay, ArciLesbica, AGEDO, Famiglie Arcobaleno, Mario Mieli, MIT, Certi Diritti e Dì Gay Project. Una manifestazione in sostegno delle decine di vittime innocenti di violenze inaudite, che chiedono giustizia di fronte alle istituzioni dei loro paesi, violenze compiute talvolta da persone che hanno responsabilità educative o spirituali.

Eventi di protesta simili davanti alle Nunziature vaticane o alle principali chiese si sono tenute in Cile, Perú, Nicaragua, Venezuela, Paraguay, Colombia, Argentina, Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Francia, Bulgaria e tanti altri paesi. A Roma, in Piazza Santi Apostoli, poco meno di cinquanta persone si sono ritrovate per dire basta alle diffamazioni Vaticane, rimandando con forza al mittente le calunniose parole pronunciate dal Cardinal Tarcisio Bertone una decina di giorni fa.

Presenti tutti i big dell'associazionismo glbtiq nazionale, con Paolo Patanè – Presidente Arcigay, Francesca Polo – Presidente ArciLesbica, Rita De SantisAGEDO, Giuseppina La DelfaFamiglie Arcobaleno, Rossana Praitano - Presidente Circolo Mario Mieli, Fabrizio Marrazzo - Presidente Arcigay Roma, Daniele Priori - Segretario nazionale GayLib, Porpora MarcascianoMIT, Sergio RovasioAssociazione radicale Certi Diritti ed Imma Battaglia – Presidente Dì Gay Project, schierati in prima fila.

A prendere parola per primo un furente Sergio Rovasio, che ha tra le altre cose denunciato un clamoroso niet della Questura nei confronti della manifestazione: «In questo strano paese, pseudo democratico, il confino italiano con lo Stato Vaticano è in Piazza Pio XII. Abbiamo chiesto, come fatto in passato, di manifestare in quella piazza, perché siamo ancora cittadini italiani, nel territorio italiano, e c'è stato negato. Abbiamo chiesto di manifestare dentro il territorio italiano davanti lo Stato Vaticano, per urlare lì simbolicamente quello che qui stiamo dicendo oggi. Ricevuto il no, Marco Belfiore è tornato alla Questura e ha chiesto di poter manifestare nell'area pedonale di Castel Sant'Angelo. Non avrebbe disturbato nessuno perché non ci passano nemmeno le automobili. Volevamo metterci lì per manifestare simbolicamente a 300/500 metri dal Vaticano, ma anche questa richiesta c'è stata negata. Questa è una cosa vergognosa. Questi sono soprusi che violano le regole della Democrazia. Ci ritroviamo davanti ad una classe politica che, quando si parla del Vaticano, si genuflette timorosa ai suoi voleri. Quando in una Democrazia si ha paura del diritto di parola c'è qualcosa che non funziona».

Sergio Rovasio ha poi proseguito, tornando sulle parole del Cardinale Tarcisio Bertone: «Qui si tenta di mascherare questa vergogna della Chiesa Cattolica, tirando fuori l'associazione pedofilia/omosessualità. Il Camerlengo Bertone farebbe bene ad occuparsi degli scandali che riguardano il Vaticano, lasciando perdere il pallino fisso che lui ha degli omosessuali. Il Segretario di Stato, nonché Cardinale, nonché Camerlengo, Tarcisio Bertone, quando dice le cose le deve saper dire con misurazione e attenzione, senza approfittare dell'immunità diplomatica di cui gode lui come tutti i massimi esponenti della Chiesa Cattolica». «Noi siamo qui oggi per parlare anche delle vittime della pedofilia. I quotidiani italiani da giorni parlano di solidarietà al Papa, alla Chiesa, al Vaticano. Ma solidarietà di cosa? Qui ci sono le vittime della pedofilia che non ricevono solidarietà da nessuno».

A seguire Sergio Rovasio è intervenuto Paolo Patanè, Presidente Arcigay, che ha immediatamente sottolineato come «questa manifestazione non è una manifestazione partecipata perché viviamo in un paese in cui toccare questi argomenti non raccoglie l'attenzione dei media. Argomenti tabù taciuti e nascosti. Il Papa giorni fa è andato a Malta per chiedere perdono ad alcune vittime di preti pedofili. Ma chiedere perdono è troppo poco. Non cambia nulla nei confronti di chi quei crimini li ha commessi e coperti. Noi siamo qui per chiedere giustizia».

Imma Battaglia, Presidente Di Gay Project, ha voluto ricordare che «noi siamo qui per i bambini, per rivolgere loro la nostra totale solidarietà. Siamo qui per ricordare che la pedofilia è un crimine, da denunciare, condannare ed identificare. Dobbiamo ricordare a tutti che gli atteggiamenti delle persone pedofile non hanno niente a che vedere con le nostre vite, le vite di noi omosessuali. Sono anni che si tende a mistificare questo crimine, che non è esercitato solo dai preti, ma di cui è piena purtroppo la nostra società. La cultura maschilista di questo paese è terreno fertile per la pedofilia. Noi siamo qui per ricordare che il nostro movimento è sempre stato solidale con le vittime. Oggi più che mai chiediamo le scuse del Papa e del Vaticano». «Oggi più che mai chiediamo che i movimenti glbtiq vengano ufficialmente ricevuti dalle gerarchie vaticane».

A chiudere il sit-in, Daniele Priori, Segretario Nazionale di GayLib, associazione gay di destra, che ha chiesto ufficialmente al Governo italiano di allinearsi alla Francia nel prendere una posizione netta contro le parole di Tarcisio Bertone, e Rossana Praitano, Presidente Mario Mieli, che ha voluto precisare come «la Chiesa fa etica. Vuole essere portatrice di contenuti etici. Ha una responsabilità rispetto al credo che comunica, rispetto ai cattolici e alla società tutta. Ma, nel momento in cui accosta l'omosessualità alla pedofilia, fa due errori gravi. Usa infatti l'omosessualità per motivi politici, utilizzando contemporaneamente questi cittadini, questo gruppo di persone, e non solo italiani, per creare divisione, antipatia, ostilità, distruggendo quel valore etico ed allontanandosi dal valore di solidarietà che dovrebbe contraddistinguerla». «Noi siamo qui oggi anche per ricordare le tante vittime 'femminili' della pedofilia, dimenticate dalla Chiesa stessa, che accosta quel vergognoso crimine solo e soltanto ai bambini di sesso maschile, proprio per cavalcare il cavallo dell'omosessualità». «La Chiesa dimentica le donne come vittime e come carnefici».

A manifestazione conclusa, l'Arcigay romano ha aperto le porte della propria sede per incontrare Donatella Rettore, premiata con il “Gay Help Line Award”.

 

Federico Boni

(da www.gay.it, 24/04/2010)


Foto allegate

Articoli correlati

  Vittorio Bellavite. “Noi Siamo Chiesa” fa una proposta alla Chiesa italiana sul problema dei preti pedofili
  Preti sottratti alla legge, indici di gradimento delle finanziarie, esercito e polizia, spese militari
  Risarcimenti milionari per preti pedofili. Ma per il Papa il pericolo è la scienza
  Mario Staderini. Processo a don Conti. “Inizia l’appello, il Comune lo rappresento io”
  Vittorio Bellavite. Sul nuovo documento del Vaticano “de delictis gravioribus”
  “Dico no al silenzio del Vaticano”
  Intercettazioni: inaccettabile il privilegio concesso ai membri del clero
  Chiesa cattolica. La più grande diocesi degli stati uniti dichiara fallimento per far fronte a spese legali
  Da Gramsci a Santoro. Col rischio di ripetermi...
  Sinéad O’Connor. E se cominciassimo a fare lo sciopero della messa?
  Maria G. Di Rienzo. Tonaca Selvaggia
  Agedo. Costernati, chiediamo di incontrare il cardinale Bertone
  Preti pedofili: interrogazione al Ministro delle Politiche per la famiglia
  Giulia De Baudi. Il Vaticano ordinò ai Vescovi irlandesi di coprire i casi di pedofilia
  Gianni Somigli. N.Y.T. fuori dalla Rai subito!
  “Luci contro la pedofilia” Fiaccolata questa sera a Milano in piazza Duomo
  Otto per mille e pedofilia. I soldi di tutti i contribuenti italiani per i danni civili in Usa?
  Garrincha e la Chiesa
  Gli slogan saranno: laicità, libertà e responsabilità
  Battaglia per il diritto all'eguaglianza: scenari e prospettive del dopo sentenza
  Certi Diritti. Ricorso per no alle nozze gay
  Milano Contro l'Omofobia, sabato a palazzo Marino
  Affermazione Civile. Faccia a faccia cittadinanza/avvocati a Milano martedì 16
  Valentina Vandilli. La storia di Francesco Zanardi e Manuel Incorvaia
  Giovanardi è il capo dei bla-bla-bla della politica italiana
  Il tempo è scaduto non ci sono più scuse
  Certi Diritti. Prostituzione: il fallimento delle politiche proibizioniste
  Clara Comelli. Unioni civili, bicchiere pieno solo con le nozze egualitarie
  Rita Bernardini. Certi Diritti: un programma impegnativo per il 2011. Aiutateci a realizzarlo!
  Certi Diritti. Noi preferiamo i fatti alle parole. E tu?
  Milano. Rendere concrete le pari opportunità
  Certi Diritti. Pride, diritti civili e speranze
  Diritti Lgbt: carbone ai deputati che non vogliono occuparsene
  Sergio Rovasio, Enzo Cucco. Libera convivenza
  La fiaccola dei diritti
  Atti per matrimonio. Un'azione di “affermazione civile”
  “Certi Diritti”. Coppia gay in sciopero della fame
  Perduca e Poretti. Matrimonio gay: una speranza da Firenze
  Certi Diritti. Agesci e omosessualità
  Radicali a Milano. Dalla pillola del giorno dopo a Ichino, passando per l'assemblea: tutte le iniziative
  Sergio Rovasio. Nozze gay in Argentina
  “Certi Diritti”. Aggiornamenti iniziativa di Zanardi e Incorvaia a Savona
  Sergio Rovasio/ Valentina Vandilli. Sciopero della fame per unioni civili: iniziative ai parlamenti italiano ed europeo
  Matrimonio omosessuale: sarà un sindaco leghista a celebrare il primo?
  Associazione “Enzo Tortora”. Prossime iniziative radicali a Milano
  Certi Diritti. La Corte europea dei diritti dell’uomo riconosce le famiglie gay
  Cittadini in Europa, fantasmi in Italia: fermiamo la peste italiana!
  Certi Diritti e i Radicali invitano Berlusconi alla contro- conferenza sulle famiglie
  Giulia Crivellini. Mi sono appena iscritta a Certi Diritti...
  Matrimoni gay: la Corte Costituzionale portoghese dà il via libera ai matrimoni tra persone dello stesso sesso
  “Su questo istante fragile”. Presentazione libro e dibattito Pannella-Eribon
  Presentazione Congresso di Certi Diritti. Conferenza stampa alle ore 12
  Certi Diritti. Matrimonio gay: depositata alla Corte Costituzionale la memoria di costituzione della coppia di Venezia
  La Fiaccola dei Diritti. Lunedì scorso a Genova, prossime tappe Bari e Firenze
  Famiglia? No, famiglie! Tutti a Milano l'8 novembre!
  Memorie dimenticate, Giornata internazionale della nonviolenza, Anna Politkovskaja...
  Marco Cappato. Caso Binetti
  Matrimoni gay. Corte Costituzionale Ponzio Pilato
  Certi Diritti. Giugno mese dell'orgoglio lgbt
  Sergio Rovasio. Certi Diritti news: un giugno importante
  Roma. Ore 17:30, fiaccolata contro la violenza e la discriminazione verso le persone transessuali
  Gianni Somigli. Bimbinbilico
  Le affermazioni di monsignor Babini alimentano odio e violenza omofobe
  2° Congresso di Certi Diritti a Bologna sabato 14 marzo
  Appello per il matrimonio egualitario
  Certi Diritti. Aggiornamenti sui “lavori in corso”
  Prostituzione e fisco. Da una cartella esattoriale si può rivedere la Merlin?
  Censura preservativo RAI: oggi a Milano flash-mob condom davanti alla sede Rai di corso sempione
  Certi Diritti. Obama, Hollande, Cameron, Key: Sì al matrimonio tra persone dello stesso sesso. E l'Italia?
  VII Congresso Radicali Italiani. L’intervento di Anna Paola Concia
  Bologna. Matrimonio gay: la classe politica continua a ignorare il problema
  Zeno Gobetti. Il Cardinale e la Costituzione
  Matrimonio gay celebrato in Spagna
  Coppie stesso sesso: Corte EDU condanna Italia
  Marco Cappato, Sergio Rovasio. Per i gay vietato donare sangue?
  Certi Diritti. Libera circolazione e mutuo riconoscimento coppie gay nell'Ue
  Matrimonio egualitario: prosegue l'iniziativa di Certi Diritti
  Giornata Internazionale contro l’Omofobia
  Certi Diritti: il quotidiano agire per la libertà
  Sergio Rovasio. “L'omosessualità non è mai moralmente giusta”, dice il Papa
  Certi Diritti partecipa al Gay Pride Baltico il 7 e 8 maggio
  Pasquale Quaranta. Sos da Kampala
  Certi Diritti. Piccolo Uovo in dono alle biblioteche rionali di Milano
  Certi Diritti / Avaaz. Sud Africa: Petizione per fermare lo “stupro collettivo”
  Sergio Rovasio. Tratta prostituzione: I tagli del Governo alimenteranno le organizzazioni criminali
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy