Lunedì , 21 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maurizio Morabito. Quale Famiglia per il Papa? 
Oltre le solite polemiche, nell'anno del Satyagraha
(foto Ansa)
(foto Ansa) 
11 Gennaio 2008
 

Le critiche avanzate dai Radicali e non solo contro le vetuste opinioni della Chiesa Cattolica in materia di “famiglia” non sono nuove, e con una facile battuta oserei dire rimangono sempre – sacrosante – (si veda anche l'articolo di Claudia Troilo su NR del 7 gennaio 2008). Ma in questo anno da dedicare al Grande Satyagraha mi chiedo se non è il caso di fare uno sforzo per superare le solite polemiche. Anche perché tale sforzo è possibile: infatti, nel messaggio del Papa per la Celebrazione della Giornata Mondiale della Pace 2008 di riferimenti al “matrimonio tra un uomo e una donna” ce ne sono ben… quattro!

Fosse una Legge dello Stato, il Messaggio sarebbe facilmente emendabile tramite un referendum che abrogasse quei passaggi, che sembrano quasi aggiunti come postille. In effetti, nel resto del testo la definizione tradizionale della “famiglia” non è assolutamente necessaria. Il Messaggio è in sostanza una serie di affermazioni sulle quali sarebbe difficile polemizzare, e che possono essere sintetizzate in un ovvio «la Pace si stabilisce e si impara prima di tutto in casa propria», più alcuni doverosi riferimenti a guerre civili, corse al riarmo e l’onnipresente minaccia di una guerra atomica regionale o mondiale. Oserei dire che ci sono echi Gandhiani ma ne riparleremo altrove.

D’altronde, se il Papa nel Messaggio allarga la definizione di “famiglia” per comprendere la “famiglia umana” formata da tutti ma proprio tutti, e quindi priva di un uomo e una donna come “genitori”, non vedo perché non poter definire “famiglia” – all'interno della stessa logica –anche altri modi di convivenza.

Papa Ratzinger probabilmente non lo farà mai: ma il prossimo successore di Pietro potrà usare il Messaggio di Benedetto XVI dell’1 gennaio 2008 per “riconoscere” che ci sono tanti tipi di famiglie, da marito-moglie-figli a 7-miliardi-di-fratelli-e-sorelle passando per uomo-uomo, donna-donna, marito-marito, moglie-moglie, fratello-sorella, sorella-sorella, e ogni altra combinazione mai pensabile e attuabile, inclusa quella di padre-figli spirituali (come quella di tal Carlo “Giovanni Paolo” W): perché dal punto di vista della “pace” ciò che importa è che le nuove generazioni vedano prima di tutto in casa, fra le altre cose, anche come si risolvono “in pace” i conflitti.

*** *** ***

C'è una Chiesa Cattolica con cui volenti o nolenti dobbiamo avere a che fare qui-e-ora. Ed è una struttura imperfetta, un gruppo di tizi tutti maschi che affidano la loro vita alla propria organizzazione nella consapevolezza che la vecchiaia sarà in fondo in fondo solitaria e una bella, potenzialmente gioiosa ed entusiasmante parte della loro natura umana non potrà mai essere espressa pubblicamente.

Una vita intera senza una passeggiata per mano in pubblico in un parco: e ci meravigliamo se si mostrano tradizionalisti, vendicativi e puntigliosi, al punto di essere pronti a pugnalare nell’anima la madre di Piero Welby, negando i funerali al figlio?

Oltre a sottolineare tutte le volte che nonostante le inequivocabili indicazioni da parte dei loro testi sacri, riescono a mostrare una straordinaria mancanza di carità, in questo anno di Satyagraha dobbiamo capire e incoraggiare quando si dimostrano capaci di azzeccare o almeno di intuire qualche decisione e ragionamento riguardo al mondo reale nel quale non vivono, qualcosa che tutto sommato ha del miracoloso.

Fino a pochi anni fa negavano la sepoltura in terra consacrata ai suicidi e ai bambini morti prima del battesimo; praticavano la pena di morte nello Stato della Chiesa; mettevano le opinioni scomode all'Indice, e ne bruciavano i libri; davano la schiena ai loro stessi fedeli; etc. etc. Visto che in un modo o nell'altro qualche progresso sono riusciti a farlo, invece che far piovere loro addosso solo le nostre critiche cominciamo a stabilire un dialogo.

 

Maurizio Morabito

(da Notizie radicali, 10 gennaio 2008)


Articoli correlati

  Riforma del diritto di famiglia: i figli non sono tutti uguali per legge, per colpe o peccati altrui
  Primo Mastrantoni. Claude Levi-Strauss, l'antropologo che rivoluzionò il concetto di famiglia
  Certificato anagrafico di famiglia: dal Consiglio Comunale di Livorno una lezione al Parlamento!
  EveryOne. Milano ha un po' di attenzione verso i Rom, ma si può fare di più
  Amore civile. Roma, 10, 11 e 12 maggio 2008
  Diego Galli. Risultati della conferenza “Amore civile”
  Sono tutte famiglie!
  Elisa Merlo. Un'imperdonabile superficialità
  Boom di violenza sulle donne. La famiglia è un luogo ideale?
  Sono liberi i quattro bambini rom strappati ai genitori
  Walter Mendizza. CATTOLAICI
  Primo Mastrantoni. Famiglia, convivenza, eterosessuali e omosessuali
  Francesca Ribeiro. La vera famiglia secondo Gesù
  Conferenza nazionale sulla famiglia. Fino a che persiste la discriminazione, no grazie!
  Patrizia Garofalo. Caro Pisapia, si prenda cura dei fratellini Covaciu, sfortunati ospiti della sua città
  Lidia Menapace. Il Papa e il Presidente
  Enrico Marco Cipollini. Al deputato Pier Ferdinando Casini sui diritti civili
  Una famiglia “normale” a piazza Farnese
  Alessandro Gallucci. Genitori per concorso
  Rispetto delle differenze, diversità come valore per una società moderna e laica
  Matrimonio omosessuale: sarà un sindaco leghista a celebrare il primo?
  Quante violenze sulle donne. I numeri della sconfitta e il da fare
  Incontro controcorrente su “Famiglia e famiglie”
  A conforto di papa Ratzinger: L’importante per i bambini è non sentirsi figli di nessuno
  Mauro Biani. #Famiglia
  Milano. Prosegue l'incubo per la famiglia Covaciu, cui le autorità hanno strappato i quattro bambini
  Peccato, reato e discriminazione: l'ordine Vaticano sull'omosessualità
  Primo Mastrantoni. Monti e la famiglia
  Certi Diritti. La Corte europea dei diritti dell’uomo riconosce le famiglie gay
  Giannino. Gender
  Sergio Rovasio. Nozze gay in Argentina
  Maria G. Di Rienzo. Nel nome del “papi”
  Benedetto Della Vedova. Non è la legge che inventa le “famiglie gay”
  www.matrimoniodirittogay.it
  Maria Bonafede: «Preoccupante il tono usato dai cardinali. Dov'è l'amore di Dio?»
  Unioni di fatto. Intromissioni del vaticano per condizionare? Question time al Governo
  Diego Sabatinelli. Stati Generali sulla Giustizia Familiare
  Benedetto Della Vedova. Finanziaria e temi “eticamente sensibili”
  Famiglia? No, famiglie! Tutti a Milano l'8 novembre!
  Maria G. Di Rienzo. Ihr Gluecklichen Augen
  Le parole sono pietre
  Milano. Calvario per i bambini Rom sottratti ai genitori
  Matteo Bonini Baraldi. La famiglia de-genere
  Linda Pasta. Diseguaglianze e donne gay
  Maria G. Di Rienzo. Il prezzo delle patate, e tra la folla Ipazia
  Coppie stesso sesso: Corte EDU condanna Italia
  L’articolo 29 e le assai libere interpretazioni dei vari Giovanardi
  Enea Sansi. Alchimia della famiglia
  Gianni Somigli. Bimbinbilico
  Sulle unioni tra persone dello stesso sesso le associazioni lgbt vogliono il matrimonio
  Maria G. Di Rienzo. Una storia banale
  Bologna. Il giudice conferma detenzione per Brenda, mamma Rom
  Il concubinaggio
  Krzysztof Charamsa. Anno Domini 2015
  Una lettera di Diego Sabatinelli, segretario della “Lega per il Divorzio Breve”
  Giovanardi è il capo dei bla-bla-bla della politica italiana
  Zeno Gobetti. Il Cardinale e la Costituzione
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  A chi spetta l’educazione oggi?
  Atti per matrimonio. Un'azione di “affermazione civile”
  Corte suprema California e matrimoni gay
  Milano. Quattro bimbi Rom sottratti ai genitori in visita dalla Romania
  Matrimonio egualitario: prosegue l'iniziativa di Certi Diritti
  Milano. EveryOne: “La poesia può cambiare il mondo”
  “Matrimonio omosessuale. Diritto, Morale, Politica”
  La famiglia naturale? Verso la fine delle discriminazioni. Quando la casta fa avanguardia
  Vittorio Giorgini: I cattolici lo chiamano matrimonio naturale, De rerum naturalis et artificialis
  Valentina Vandilli. La storia di Francesco Zanardi e Manuel Incorvaia
  Diritti gay e matrimonio. Italia lontana dall'Europa: disegno di legge
  Omosessuali e Vaticano: meglio morti che peccatori? Crolla il mito del “contronatura”
  EveryOne. Matrimonio LGBT, Vendola: “Diritti pieni, non dimezzati!”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy