Mercoledì , 18 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Nel nome del “papi”
05 Dicembre 2010
 

Credo si debba dar credito di almeno una cosa alla Ministra Gelmini: pur facendo malissimo il suo lavoro, in una sola frase è riuscita a fotografare il “pensiero dominante” degli ultimi trent'anni italiani. Guardando dalla finestra, per così dire, la signora è sconcertata dal vedere pensionati e studenti protestare insieme. Che hanno a che fare gli uni con gli altri?, si chiede basita, Che interessi comuni possono avere?

Nel supermercato della giungla infatti, dove la Ministra vive e dove il suo governo pascola, tutti si vendono e/o comprano altri, ed ognuno è solo sino alla disperazione, perché chiunque si trovi accanto - se non è un oggetto da usare o un potente da agganciare - è un competitore, un ostacolo, un fastidio. Gli italiani non si sono tirati indietro: sulla base degli esempi e degli impulsi forniti dagli uomini e dalle donne “di successo”, incoraggiati dalla propaganda ossessiva dei media, abbagliati dai premi forniti alla disonestà e alla cialtroneria, hanno contribuito ad alzare il livello di violenza nel paese senza pensare che sarebbe ricaduto su di loro. Hanno giustificato ogni iniquità propria e altrui esattamente sul fondamento di una solitudine egoista. Ma singolarizzati non si vive.

Se l'ambiente è un terreno di caccia e sfruttamento l'immondizia si accumula sulle tue strade, il tuo fiume straripa, le tue case crollano, le varie patologie da inquinamento fanno ammalare ed uccidono te e i tuoi figli. Se le scuole sono aziende che devono produrre profitto, e parcheggi per i ragazzi in attesa che trovino da fare gli idioti in tv, è perfettamente normale che il bullismo sia esploso come un fungo atomico. Quando le donne non possono essere viste e rappresentate se non come imprenditrici del sesso a pagamento, hostess da tavolo, cigni da cubo, vassoi viventi e “talenti futuri”, ecco cosa aumenta: violenza domestica, violenza sessuale, disturbi dell'alimentazione nelle adolescenti, molestie sul lavoro (abbiamo il record europeo in quest'ultimo settore). Ed ecco cosa accade quotidianamente: bambine di quattro anni vestite come pornostar fanno balletti “sexy” nel giorno del loro compleanno o nel cortile dell'asilo, bambini delle elementari - tutti o quasi “fidanzati” con coetanee - cercano pornografia su internet, studenti delle medie molestano pesantemente le compagne in classe, quando non le stuprano nei bagni, sotto gli occhi indifferenti degli insegnanti. Questi sono tutti episodi di cui io ho conoscenza diretta. Soli, ipersessualizzati, violenti e senza orizzonte: dai quattro anni in poi gli italiani e le italiane sembrano avere quest'unica prospettiva.

Di recente se n'è accorto anche il Censis (44° rapporto annuale sullo stato dell'Italia, dicembre 2010), definendo l'Italia «una società senza regole e senza sogni» attraversata dal «gusto apatico di compiere delitti comuni». Il suo presidente De Rita ha rilasciato al proposito coltissime dichiarazioni piene di “auctoritas” e di “sregolazione pulsionale”, ma di fronte alla richiesta di rimedi si è rivelato un po' meno profondo. Cosa possiamo fare, dunque? Preoccuparci del “padre che evapora” (santo cielo, abbassate i termostati!), quindi “ridare senso alla figura paterna” e “alla dimensione sociale del peccato”, ripartendo da un “desiderio” che nasca dalla “mancanza”. Il rapporto rileva con giusta perplessità i bambini affogati in giocattoli che neppure hanno chiesto e la mezza dozzina di cellulari a cranio italico, ma provate a portarglieli via e vedremo come il desiderio nato dalla mancanza si esprimerà: non si tratta solo di quante cose si hanno, signor presidente, ma di a che servono, di chi le usa e come le usa e per quali motivi, perché di fatto esse hanno sostituito le relazioni sociali e definiscono il posto nel mondo - il “successo”, il valore - di chi le possiede.

Giuseppe Roma, direttore del Censis, contribuisce: ripartiamo dal singolo, invoca, per ritrovare “impulsi vitali” ed “energie positive”. No, grazie: al “singolo” (uno contro tutti nella competizione globale) ci siamo già. È la coscienza che il singolo esiste all'interno di un sistema di relazioni che manca, è la consapevolezza che ogni individuo umano è stato portato all'esistenza da una relazione che manca, e che il nostro stesso pianeta è una rete di relazioni viventi. È il riconoscere che viviamo grazie alla cooperazione, non grazie alla competizione, che manca. Quanto al desiderio di un “padre” che ci metta a posto fomentando in noi l'idea del peccato e strapazzandoci per farci rigare diritto lo rispedisco al mittente: ciò che i signori del Censis hanno osservato con le lacrime agli occhi è esattamente il prodotto estremo e spettacolarizzato della “legge dei padri”, il patriarcato.

Quando Mister “Ghe pensi mi” (l'attuale capo di governo) metteva in fila le cameriere nelle sue ville per dar loro lo sculaccione augurale, affinché quel giorno lavorassero bene e nessuna piega si formasse sulla tovaglia per gli ospiti, non stava facendo altro che il suo lavoro da padre-padrone e quasi nessuno - oltre a me - lo ha trovato ignobile; quando assieme ai suoi lacchè ha sponsorizzato la pagliacciata del “Family Day”, delegittimando ed insultando la mia, di famiglia, perché “sregolata” e “non tradizionale” (come non è “tradizionale” la maggioranza delle famiglie italiane), il padre-padrone si sentiva perfettamente in regola circondato da prelati, beghine, le sue due famiglie ed il corteggio di amanti a pagamento: è “tradizione”, infatti, che il patriarca possa concedersi ciò che ai comuni mortali è negato; quando le suddette dame di compagnia sessuale gli chiedevano favori (risolvimi l'abuso edilizio, prestami l'avvocato da talk show per i miei problemi legali, trovami un posto in tv o da parlamentare: e quelle che hanno sollevato i veli dell'ipocrisia lo hanno fatto solo perché non hanno ottenuto ciò che volevano) stavano ridando pieno “senso alla figura paterna”, quella del “tradizionale” padre onnipotente che dà e toglie a suo capriccio, che ha piena potestà sulla figliolanza reale e simbolica, e che è autorizzato ad usarla per il proprio godimento: fra i figli, quindi, deve scatenarsi la lotta più implacabile per ottenere i favori del padre, eliminare gli avversari, e infine prenderne il posto.

In questo quadro, lo stupore ministeriale che citavo all'inizio (“Che interessi comuni possono avere pensionati e studenti?”) è perfettamente logico: ognun per sé e dio per chi può pagarlo con le regalie alle scuole private, mentre quella pubblica affonda. So che la Ministra non leggerà mai la spiegazione che sto per fornirle, e che quand'anche ciò accadesse probabilmente non riuscirebbe (ancora) a capirla, tuttavia eccola qua: pensionati e studenti, lavoratori e attivisti sociali, stanno cominciando a ricordare di essere umani, e che sono umani solo grazie al fatto che altri esseri umani li hanno messi al mondo, hanno avuto cura di loro, si preoccupano per loro, li amano. Se al Censis non hanno le fette di “papi” sugli occhi dovrebbero accorgersi che tutto questo ricorda molto di più l'agire di una madre (o di un padre nient'affatto “tradizionale”). Una madre che non ti indica l'inferno più o meno trascendente - il “senso sociale del peccato” - ma un quotidiano esistere fatto di buone relazioni, di negoziazioni, di condivisione di abilità e risorse, di responsabilità e rispetto, come sistema per vivere meglio, insieme, tutte e tutti. Se vogliono prove di quanto dico, è probabile che non debbano guardare più lontano di casa propria.

 

Maria G. Di Rienzo

(da Telegrammi della nonviolenza in cammino, 5 dicembre 2010)


Articoli correlati

  Gordiano Lupi. Panni sporchi (1998) di Mario Monicelli
  Gordiano Lupi. Parenti serpenti (1991)
  Maria Lanciotti. Semplicemente italiani
  Corte suprema California e matrimoni gay
  La famiglia naturale? Verso la fine delle discriminazioni. Quando la casta fa avanguardia
  Omosessuali e Vaticano: meglio morti che peccatori? Crolla il mito del “contronatura”
  Elisa Merlo. Un'imperdonabile superficialità
  Diego Galli. Risultati della conferenza “Amore civile”
  Sono tutte famiglie!
  Certificato anagrafico di famiglia: dal Consiglio Comunale di Livorno una lezione al Parlamento!
  Boom di violenza sulle donne. La famiglia è un luogo ideale?
  Francesca Ribeiro. La vera famiglia secondo Gesù
  Sergio Rovasio. Nozze gay in Argentina
  Sono liberi i quattro bambini rom strappati ai genitori
  Walter Mendizza. CATTOLAICI
  A conforto di papa Ratzinger: L’importante per i bambini è non sentirsi figli di nessuno
  Una famiglia “normale” a piazza Farnese
  Alessandro Gallucci. Genitori per concorso
  Coppie stesso sesso: Corte EDU condanna Italia
  Maurizio Morabito. Quale Famiglia per il Papa?
  Rispetto delle differenze, diversità come valore per una società moderna e laica
  Riforma del diritto di famiglia: i figli non sono tutti uguali per legge, per colpe o peccati altrui
  Primo Mastrantoni. Monti e la famiglia
  Milano. Prosegue l'incubo per la famiglia Covaciu, cui le autorità hanno strappato i quattro bambini
  Peccato, reato e discriminazione: l'ordine Vaticano sull'omosessualità
  Milano. Calvario per i bambini Rom sottratti ai genitori
  Matrimonio omosessuale: sarà un sindaco leghista a celebrare il primo?
  Le parole sono pietre
  Certi Diritti. La Corte europea dei diritti dell’uomo riconosce le famiglie gay
  Matteo Bonini Baraldi. La famiglia de-genere
  Giannino. Gender
  L’articolo 29 e le assai libere interpretazioni dei vari Giovanardi
  Lidia Menapace. Il Papa e il Presidente
  Quante violenze sulle donne. I numeri della sconfitta e il da fare
  Benedetto Della Vedova. Non è la legge che inventa le “famiglie gay”
  www.matrimoniodirittogay.it
  Maria Bonafede: «Preoccupante il tono usato dai cardinali. Dov'è l'amore di Dio?»
  Benedetto Della Vedova. Finanziaria e temi “eticamente sensibili”
  Unioni di fatto. Intromissioni del vaticano per condizionare? Question time al Governo
  Diego Sabatinelli. Stati Generali sulla Giustizia Familiare
  Giovanardi è il capo dei bla-bla-bla della politica italiana
  Famiglia? No, famiglie! Tutti a Milano l'8 novembre!
  Maria G. Di Rienzo. Ihr Gluecklichen Augen
  Incontro controcorrente su “Famiglia e famiglie”
  Linda Pasta. Diseguaglianze e donne gay
  EveryOne. Milano ha un po' di attenzione verso i Rom, ma si può fare di più
  Maria G. Di Rienzo. Il prezzo delle patate, e tra la folla Ipazia
  Sulle unioni tra persone dello stesso sesso le associazioni lgbt vogliono il matrimonio
  Bologna. Il giudice conferma detenzione per Brenda, mamma Rom
  Enea Sansi. Alchimia della famiglia
  Gianni Somigli. Bimbinbilico
  Valentina Vandilli. La storia di Francesco Zanardi e Manuel Incorvaia
  Maria G. Di Rienzo. Una storia banale
  Il concubinaggio
  Una lettera di Diego Sabatinelli, segretario della “Lega per il Divorzio Breve”
  “Matrimonio omosessuale. Diritto, Morale, Politica”
  Krzysztof Charamsa. Anno Domini 2015
  Primo Mastrantoni. Claude Levi-Strauss, l'antropologo che rivoluzionò il concetto di famiglia
  Zeno Gobetti. Il Cardinale e la Costituzione
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  A chi spetta l’educazione oggi?
  Atti per matrimonio. Un'azione di “affermazione civile”
  Milano. Quattro bimbi Rom sottratti ai genitori in visita dalla Romania
  Matrimonio egualitario: prosegue l'iniziativa di Certi Diritti
  Milano. EveryOne: “La poesia può cambiare il mondo”
  Mauro Biani. #Famiglia
  Amore civile. Roma, 10, 11 e 12 maggio 2008
  Vittorio Giorgini: I cattolici lo chiamano matrimonio naturale, De rerum naturalis et artificialis
  Primo Mastrantoni. Famiglia, convivenza, eterosessuali e omosessuali
  Diritti gay e matrimonio. Italia lontana dall'Europa: disegno di legge
  Conferenza nazionale sulla famiglia. Fino a che persiste la discriminazione, no grazie!
  Patrizia Garofalo. Caro Pisapia, si prenda cura dei fratellini Covaciu, sfortunati ospiti della sua città
  EveryOne. Matrimonio LGBT, Vendola: “Diritti pieni, non dimezzati!”
  Enrico Marco Cipollini. Al deputato Pier Ferdinando Casini sui diritti civili
  Renato Pierri. Una cosa mi consola
  Caso Ruby. Uovo di Colombo: Perché non abbassare la maggiore età?
  Veronica Tussi. Un sogno 'originato' da recenti scandalose vicende
  Claudio Forleo. Le dame e il Cavaliere
  Martina Simonini. Tre o quattro pillole per il 2013
  Valter Vecellio. Berlusconi, il paese di “merda” e tutti gli altri...
  Valter Vecellio. Berlusconi in pensione? Chissà. Forse
  Rosario Amico Roxas. Due discorsi per due uomini
  History of Italy (opinione inglese)
  Gianni Somigli. La international pole position di sua poca altezza e quasi santità (santo subito!) con raccolta di firme incorporata
  Rosario Amico Roxas. “Er più” vincente perché sconfitto
  Carlo Forin. Il porcile
  Annapaola Laldi. Il dito di Bossi, le corna e le carinerie di Berlusconi e il 5 in condotta
  Claudia Osmetti. Processo Mediaset: Non si vive di solo (anti)berlusconismo
  Primo Mastrantoni. Berlusconi e la “non sfiducia”
  Valter Vecellio. La risorsa maggiore di Berlusconi è un PD senza proposte e iniziativa politica
  Gino Songini. Mentre i cardinali tacciono
  Gino Songini. Ma diamogli un calcio nel sedere (metaforico, s'intende)
  Luigi Fioravanti. Il vero scandalo
  Un appello dei “ragazzi di don Milani”
  Primo Mastrantoni. Tasse e Berlusconi al Parlamento
  Valter Vecellio. Berlusconi al “Foglio”. C’è qualcosa di più grave del “reato di cena privata”...
  Valter Vecellio. Pensieri “spettinati”. Tra indecenza e volgarità
  Martina Simonini. È tempo che ciascuno ci metta del suo
  Maria Lanciotti. Bignamino di una cronaca non ancora storicizzata – 7
  Jardim. Il gondoliere ('El Nuevo Herald', Miami 04/02/2011)
  Veronica Tussi. Le amare considerazioni di Alessio
  “Papi” sul Gazetin di giugno
  Rosario Amico Roxas. La vera crisi
  Renato Pierri. Il senso del ridicolo
  Lidia Menapace. Berlusconi (e Formigoni)
  Rosario Amico Roxas. Nel pieno della simonia
  Lidia Menapace. Mai sopravvalutare Berlusconi...
  Valter Vecellio. La situazione: calma. È caos
  Elsa Morante. Come ogni mimo, si immagina sempre di essere il personaggio che vuole rappresentare
  Maria G. Di Rienzo. Differenze
  Valter Vecellio. Più che le parole di Berlusconi, quello che “pesa” è il silenzio di tanti alleati
  Alessandra Borsetti Venier. Lettera di Elvira Dones a Berlusconi
  Garrincha. Berluscó
  Valter Vecellio. “Il baratto” di Michele De Lucia
  Gianni Somigli. Contrordine casuale prefestivo
  “Noi Siamo Chiesa” sul profondo malessere determinato dal nuovo scandalo
  Proprio l’8 Marzo?
  Nicola Vacca. Il basso impero del berlusconismo
  Rosario Amico Roxas. Le forze del male e il cavaliere
  Enrico Peyretti. Lo statista senza immaginazione. Berlusconi su Obama
  Rosario Amico Roxas. Avvertimento al PD
  Marco Cipollini: E diamoglielo il Nobel per la pace a Berlusconi!
  Marco Pannella. La mia lettera a Beppe Grillo
  Enrico Peyretti. Va cacciato
  Giannelli. Settennato
  Paolo Diodati. La solitudine del numero uno
  Rosario Amico Roxas. Quanto costa il Nobel per la Pace?
  Rosario Amico Roxas. Ma non è un purosangue, è solo un brocco in disarmo
  Paolo Farinella. Senza la profezia, rimane la complicità
  Maria G. Di Rienzo: C'è riscatto nella voce
  Renato Pierri. Rassegnazione nel Dna
  Lidia Menapace. Quel benefattore di Berlusconi
  Maolori
  Gino Songini. Una gita con Berlusconi
  Rosario Amico Roxas. La vittoria di Pirro
  Marco Lombardi. La maschera di cera
  Rosario Amico Roxas. Il cavaliere e “La Perdonanza”
  Gigi Fioravanti. Appello elettorale
  Valter Vecellio. Può essere che Berlusconi invecchi male… ma forse c’è un metodo nella sua “follia”
  Gigi Fioravanti / Marco Lombardi. Una ballata e una nenia per questi nostri tristi giorni
  Marco Lombardi. L'Italia è gossip
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy