Lunedì , 20 Agosto 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Sì, viaggiare
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Chiara Moscatelli. Il “percorso” particolare dedicato alle migrazioni 
Al Galata, Museo del Mare, di Genova
07 Giugno 2015
 

Il Galata Museo del Mare è stato allestito presso Palazzo Galata a Genova ed inaugurato nel 2004, anno che coincide con il periodo in cui questa città è stata annoverata “capitale europea della cultura”. La realizzazione di un museo del mare era stata precedentemente decisa dal Comune di Genova negli anni '90 e le opere di ricostruzione sono state coordinate dall'architetto Guillermo Vázquez Consuegra, di origine spagnola. Il museo genovese ospita la storia marittima del Mediterraneo, rimanendo uno dei più grandi musei in questo tema.

La galleria espositiva si compone di ventitré sale in quattro piani, a cui si aggiunge la terrazza Mirador, pensata da Renzo Piano all'interno del “progetto per il Waterfront. Racchiude al suo interno un'esposizione interessante, fra cui una ricostruzione di una galea genovese del '600 e, al suo esterno nelle acque del porto genovese, il sottomarino Nazario Sauro, visitabile e di più recente acquisizione. Tutto ciò rende la visita al museo del mare un'esperienza unica ed innovativa per visitatori di tutte le età.

Ogni piano descrive in modo innovativo la storia della navigazione: al piano terra si trovano le imbarcazioni a remi, ai due piani successivi sono collocati i primi velieri e viene descritta la storia della esplorazioni geografiche, sino ad arrivare al terzo piano, dedicato alle migrazioni.

Tale sezione, del 2008, prevede un percorso interattivo in cui il visitatore viene trasportato nel mondo delle migrazioni, iniziando da quella italiana verso “la Merica” per passare all'emigrazione straniera verso l'Italia, che si conclude con un'attività di decostruzione degli stereotipi riguardanti gli stessi. L'ultima zona, infatti, permette al visitatore di rispondere, presso una stazione interattiva, a domande relative agli stranieri. Dopo aver fornito le risposte, riceverà quelle reali, ricavate da dati ufficiali come ISTAT, su questo fenomeno.

Il percorso è composto da otto sale, preceduto da un luogo introduttivo dove i visitatori/viaggiatori sono chiamati a ritirare il loro biglietto ed il loro passaporto per iniziare il viaggio verso il Nuovo Mondo.

Si passa quindi alla prima sala, dove questi camminano tra le ricostruzioni dei “caruggi” di Genova tra fine Ottocento ed inizio Novecento; ma il loro vero viaggio inizia alla Stazione Principe, luogo di raccolta e di partenza dei migranti italiani. Da lì si prosegue verso la stazione marittima, corrispondente alla seconda sala, dove ai visitatori, attraverso una stazione interattiva, viene fornito un nome e cognome, che risponde ai 20 migranti di cui si è ricostruita la storia reale. Arriva quindi il momento della partenza, ricostruito con elementi scenografici. La quarta sala risponde al momento della vita durante la traversata, con una ricostruzioni delle navi: camerate, celle e mensa, la cui visita è accompagnata da voci che recitano scritti dei migranti reali.

Le sale successive corrispondo alle principali mete migratorie: la prima è l'Argentina e si approda a La Boca, vicino a Buenos Aires. Anche qui vi sono ricostruzioni delle case dei migranti, dove questi, in prevalenza liguri, scrivono lettere. La seconda meta è il Brasile, che divenne la meta prediletta tra gli anni '70 e '80 dell'800, quando lo Stato di San Paolo promosse un'emigrazione assistita. Qui il visitatore è accolto in una capanna di legno, tipiche delle caffezais, dove i migranti italiani coltivavano caffè. L'ultima meta è Ellis Island: il visitatore è costretto a stare tra sbarre bianche, quelle che segnavano il percorso obbligatorio di chi sbarcava in questo luogo, in vista dei controlli che venivano effettuati: gli ospiti sono chiamati a esibire il passaporto e vengono sottoposti al test psicologico che veniva effettuato all'epoca, come il puzze o le prove di lettura in italiano e in inglese, per proseguire con l'intervista dei due ufficiali dell'Immigration Service che stabiliva se una persona poteva entrare negli Stati Uniti o meno.

Il percorso si conclude con la ricerca del fascicolo dedicato all'alter ego di viaggio, quel migrante di cui si sono impersonate le vesti in questo percorso, scoprendo così la sua storia reale.

Dalla sala ottava inizia invece il percorso di chi emigra verso l'Italia, il cui periodo di inizio si fa risalire a circa quarant'anni fa, iniziata con pochi arrivi di persone provenienti dall'Africa e Maghreb: qui è possibile ammirare proiezioni di foto del fotografo Ulias Lucas, che fu tra i primi a documentare questa nuova emigrazione, e di notizie dell'epoca. Da questa si passa alla proiezione successiva in cui una persona racconta il suo viaggio dall'Africa all'Italia, passando quindi al barcone, con la riproduzione di voci, rumori e racconti dei migranti.

Viene poi approfondito il tema del lavoro degli immigrati in Italia, diverso da quello degli italiani, fra cui quello femminile, che è ormai alla base del welfare italiano; il tema della scuola, dove il visitatore può vestire i panni di un insegnante di una classe multietnica; il tema della cucina e per finire la sezione della riflessione.

La sezione dedicata alle migrazioni, così pensata, permette non solo di vivere in prima persona la storia dell'emigrazione italiana ma anche dell'immigrazione straniera in Italia. Attraverso un'analisi di diversi temi si approfondisce la questione dello straniero come essere umano, che molto spesso viene de-umanizzato ed inserito nella categoria dell'immigrato ladro o ruba-lavoro, non dando possibilità di uscita da questa condizione.

Un approccio realistico a questo mondo può così diventare un punto di inizio per un percorso di autoriflessione e di formazione per una crescita personale e di cambiamento sociale.

 

Chiara Moscatelli


Articoli correlati

  Ufficiali le prime partite del Valtellina Basket Circuit 2016
  Sandra Chistolini. Bambini migranti e minori non accompagnati (I)
  Simone De Andreis: Migrazioni-Michael Samers. Una breve nota
  Enrico Marco Cipollini. Emigrazione italiana ieri, oggi società multietnica
  Enrico Bernardini. “Intercultural Relations and Migration Processes” di Nadia Rania e Laura Migliorini
  Migranti: Al via campagna #EroStraniero
  Brevi osservazioni sull’immigrazione in Italia. Documenti e statistiche
  Sandra Chistolini. Bambini migranti e minori non accompagnati (II)
  Sandra Chistolini. “Il nonno di Caspano alla nipote in America 1946-1951”
  Chiara Moscatelli. “Decrescita e Migrazioni” di Maurizio Pallante
  Piero Cappelli. Dopodomani, che futuro avremo noi italiani?
  Immigrazione. Regolarizzare lavoratori invisibili è una misura necessaria per il Welfare
  Linda Pasta. Raggiungere Lampedusa: ultimo atto!
  Enrico Peyretti. Come la Germania anni ‘30
  Mario Staderini. Dalle pagine dell'Unità un appello al PD
  Gruppo EveryOne. Brutalmente aggrediti due ragazzi romeni e l'intera famiglia
  Mario Staderini. L’immigrazione è una risorsa
  I lavoratori extracomunitari guadagnano meno dei colleghi italiani e comunitari
  Marco Staderini. La politica impari da Papa Francesco
  Marco Di Lello. Immigrazione: “Strage figlia della legge, torni dalle ferie la coscienza dei parlamentari”
  Andrea Billau. A proposito di immigrazione (e di Antonio di Pietro)...
  Immigrazione. Matrimoni simulati per ottenere permessi di soggiorno
  Valter Vecellio. Decreto immigrazione. Scende in campo il Vaticano
  Stato di emergenza nazionale? Una trovata autopromozionale che decreta il fallimento della legge Bossi-Fini
  Attilio Doni. Ai cristiani che vogliono il crocifisso nelle aule scolastiche o sulla bandiera
  Migrare Vivere Convivere. A Sondrio dal 16 al 28 novembre
  Maria G. Di Rienzo. Sondaggi
  Se il burka è culturale
  Immigrazione. Ferrero tiri fuori i denti invece di invocare la piazza
  Claudia Moretti. Immigrazione. Carta di soggiorno per coniuge di cittadino Ue
  Immigrazione – ZeroRifiuti – Eutanasia: “Subito la discussione delle leggi di iniziativa popolare!”
  Romeno e donna straniera incinta ultime vittime della guerra all’immigrazione? Due interrogazioni
  Il razzismo ci rende insicuri. Assemblea pubblica a Roma, martedì 17 giugno
  Mao Valpiana. Un gravissimo atto di discriminazione contro i Rom a Verona
  Peppe Sini. Finisca la cecità, si salvino le vite
  Nuova legge immigrazione. Le promesse o gli impegni del ministro Ferrero come con le droghe?
  Il kayak dei diritti umani di Georges Alexandre prosegue verso Bruxelles
  “Tutto quello che non vi hanno mai detto sull’immigrazione”
  Espulsioni immigrati. “Le nuove norme italiane sono incompatibili con la Direttiva rimpatri”
  Dischi per l'estate
  Doriana Goracci. Storie dell’Italia di oggi
  Respinti al mittente come pacchi senza valore. “L'ho deciso io!”
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  Valter Vecellio. Immigrati e nuove società: una ricchezza per tutti
  Alex Zanotelli. No al dilagante razzismo in Italia
  BBC Afrique intervista Roberto Malini sulla visita del papa a Lampedusa
  Immigrazione. No al reato di clandestinità e cittadinanza italiana in tempi certi
  La legge sulla sicurezza e i respingimenti in Libia interpellano la coscienza cristiana
  Immigrazione. Perché abolire i flussi
  Rita Bernardini. Sicurezza non vuol dire strage di diritto e democrazia
  “Opposizione Ombra”. Sul reato di immigrazione
  L’Italia dei migranti
  Fini e il diritto di asilo
  Vittorio Giorgini. Nomadismo
  Linda Pasta. Basta con il tiro al piccione!
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Ouattara Gaoussou. Quando gli immigrati chiedono legalità
  Il Gruppo EveryOne sul programma Eurosur
  Immigrati e Salute. Identificare i clandestini negi ospedali pubblici?
  Erveda Sansi. Noblesse
  Piermario Puliti. Dalla parte dei clandestini
  240 immigrati in sciopero della fame
  Renato Pierri. La sensibilità della maggioranza
  Emir e Alban: «Lavoriamo onestamente e siamo rispettati»
  Immigrazione e integrazione
  Chiavenna. Emergency: Programma Italia
  Elisa Merlo. Ama il prossimo tuo
  Emma Bonino oggi a Milano sotto la Torre di Via Imbonati
  Leonardo Antonio Mesa Suero e Linda Pasta. Il nero mare cosmico
  Vauro. Cittadinanza
  Roberto Biscardini. Immigrazione: cominciamo a regolarizzare chi è costretto a lavorare in nero
  FAI. Una storia di Torino. Note a margine
  Niccolò Bulanti. E ancora ci dividiamo...
  Martina Simonini. Vaccino antinfluenzale
  “Famiglia Cristiana”. Il governo di don Rodrigo che proibisce i matrimoni
  Emmanuela Bertucci. L’Italia si muove a passo di gambero
  Emmanuela Bertucci. Immigrazione e decreto flussi 2016
  Annagloria Del Piano. L’altra faccia di una storia: l’emigrazione italiana
  Gino Songini. Una Disneyland che ha per nome Italia
  Immigrazione: problema o opportunità? Presentato il 4° Rapporto sull’immigrazione straniera nella provincia di Sondrio
  Anagrafe eletti, Gomorra ad alta voce, Emma Bonino, Anna Politkovskaja...
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 4 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.3%
NO
 23.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy