Domenica , 07 Giugno 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Erveda Sansi. Noblesse 
Un racconto per bambini
23 Agosto 2008
 

Era una calda giornata di primavera, il sole invitava al gioco. Brigitte e io attraversammo il corridoio inondandolo di risa, attente però a non essere acciuffate da qualcuno dei grandi. Brigitte scomparve sul retro. Io invece come sempre trasformai la porta in una sorta di altalena, aggrappandomi con le mani alla maniglia e appoggiando un piede sullo zoccolino della base, mentre mi spingevo con l'altro. Dopo un salto sarei scivolata fino alla porta sul retro e appendendomi alla maniglia avrei superato con un balzo i gradini per atterrare sul selciato. Questa volta però interruppi la scivolata perché con la coda dell'occhio percepii qualcosa di insolito. Mi costrinsi a girarmi e ad avvicinarmi al muro. Sentii un pugno nello stomaco. Continuai a fissare stupidamente la coda di cavallo fino a quando percepii da lontano la voce di Brigitte.

Muoviti, siamo in ritardo, – gridò impaziente. Mi riscossi e le trotterellai dietro.

Eravamo state invitate dalla sorella di Brigitte a unirci alle bambine più grandi del vicinato, nonostante avessimo solo sei anni. Stavano già giocando e al nostro avvicinarci si interruppero. Ci squadrarono e ci fu tra loro un breve conciliabolo con bisbigli e segnali d'intesa.

Vai via, sei una cengghi,* una zingara,* non vogliamo giocare con una come te, – mi disse con disprezzo una delle più grandi, avvicinandosi con fare minaccioso.

In un attimo si alzò un turbinio di voci, stordendomi. Non riuscivo a staccare i piedi dal suolo a cui erano rimasti incollati per l'incredulità e lo sbigottimento. Inutilmente cercai con gli occhi quelli di Brigitte che stava a testa bassa e si era spostata vicino a sua sorella. Mi girai muovendo i passi come un automa. Non riuscivo a svegliarmi dall’incubo. Con il cuore in subbuglio presi il sentiero dei prati. Accelerai il passo e quando mi fui allontanata a sufficienza per non essere vista mi acquattai, come avevo visto fare dai gatti, nell’erba alta. Sentivo solo la solidarietà dei ranuncoli e delle farfalle. Intanto le bambine avevano iniziato il gioco dei quattro cantoni, divertendosi un mondo. Le risate mi scoppiavano nelle orecchie come petardi e i pensieri continuavano a rimbalzare a vuoto. Non riuscivo a capire quello che era appena successo. Osservai attentamente la bambina che ridendo mi aveva dileggiato con la cantilena «Cengghelemore hesch s’födle a de schnore», («Cengghelemore hai il culo sul muso»)* e mi chiesi cosa ci distinguesse, facendomi diventare un essere riprovevole. I miei genitori mi avevano spiegato che ero di nazionalità italiana, tuttavia mi ero fatta un’idea molto confusa di ciò che riguardava i concetti di “nazione” e “confine”. Brigitte mi aveva abbandonata, perché? Si era dimenticata che alcune settimane prima ci eravamo promesse eterna amicizia con un patto di sangue?

Presi la via di casa e passai davanti alla scuderia. Il posto di Noblesse era vuoto. Avevo pensato che la sua assenza fosse dovuta a una trasferta per le gare. Solo ora ammisi a me stessa che la coda imbalsamata appesa alla parete del corridoio era quella Noblesse, che il suo posto era vuoto perché era morta. Piansi a lungo ricordandomi di quando le portavo delle mele o pane secco, di cui era ghiotta. Ricambiava carezzandomi col suo muso morbido. Quando ero girata di schiena, mi sorprendeva con dei buffetti giocosi. Chiudendo gli occhi potevo vederla mentre galoppava sul prato facendo volare al vento coda e criniera.

Il cuore gonfio di tristezza mi staccai dalla porta della scuderia. Arrivata a casa andai subito in bagno dove cercai di cancellare le tracce delle lacrime.

Non riuscivo ad esprimere i sentimenti legati a questi episodi, né a mia madre né ad alcuna persona a me vicina, ma mi vergognavo intimamente come se fossi io la causa di un marchio indelebile che mi faceva apparire diversa dagli altri.

 

Erveda Sansi

(da 'l Gazetin, luglio-agosto 2008)

 

 

* Zigüner (zingaro), cenggh, cenggheli, cengghelemore sono epiteti e «Cengghelemore hesc s’födle a de schnore»Cengghelemore hai il culo sul muso») un motteggio, derivanti forse dal gioco della mora, in voga tra gli immigrati e dal numero cinque, uno dei numeri del gioco, con cui in Svizzera vengono (da alcuni) apostrofati gli italiani.


Articoli correlati

  Emma Bonino oggi a Milano sotto la Torre di Via Imbonati
  Immigrazione – ZeroRifiuti – Eutanasia: “Subito la discussione delle leggi di iniziativa popolare!”
  Mao Valpiana. Un gravissimo atto di discriminazione contro i Rom a Verona
  Romeno e donna straniera incinta ultime vittime della guerra all’immigrazione? Due interrogazioni
  Valter Vecellio. Immigrati e nuove società: una ricchezza per tutti
  Valter Vecellio. Decreto immigrazione. Scende in campo il Vaticano
  Vauro. Cittadinanza
  Immigrazione: problema o opportunità? Presentato il 4° Rapporto sull’immigrazione straniera nella provincia di Sondrio
  “Tutto quello che non vi hanno mai detto sull’immigrazione”
  Alex Zanotelli. No al dilagante razzismo in Italia
  Respinti al mittente come pacchi senza valore. “L'ho deciso io!”
  Renato Pierri. La sensibilità della maggioranza
  Marco Staderini. La politica impari da Papa Francesco
  Emmanuela Bertucci. Immigrazione e decreto flussi 2016
  Linda Pasta. Basta con il tiro al piccione!
  Nuova legge immigrazione. Le promesse o gli impegni del ministro Ferrero come con le droghe?
  Il razzismo ci rende insicuri. Assemblea pubblica a Roma, martedì 17 giugno
  Martina Simonini. Vaccino antinfluenzale
  Gino Songini. Una Disneyland che ha per nome Italia
  La legge sulla sicurezza e i respingimenti in Libia interpellano la coscienza cristiana
  Roberto Biscardini. Immigrazione: cominciamo a regolarizzare chi è costretto a lavorare in nero
  Emmanuela Bertucci. L’Italia si muove a passo di gambero
  Il kayak dei diritti umani di Georges Alexandre prosegue verso Bruxelles
  Immigrazione. Perché abolire i flussi
  Mario Staderini. Dalle pagine dell'Unità un appello al PD
  Immigrazione. No al reato di clandestinità e cittadinanza italiana in tempi certi
  Chiavenna. Emergency: Programma Italia
  Ouattara Gaoussou. Quando gli immigrati chiedono legalità
  Peppe Sini. Finisca la cecità, si salvino le vite
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Maria G. Di Rienzo. Sondaggi
  Leonardo Antonio Mesa Suero e Linda Pasta. Il nero mare cosmico
  Claudia Moretti. Immigrazione. Carta di soggiorno per coniuge di cittadino Ue
  BBC Afrique intervista Roberto Malini sulla visita del papa a Lampedusa
  Chiara Moscatelli. Il “percorso” particolare dedicato alle migrazioni
  Elisa Merlo. Ama il prossimo tuo
  Mario Staderini. L’immigrazione è una risorsa
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  Piermario Puliti. Dalla parte dei clandestini
  L’Italia dei migranti
  Vittorio Giorgini. Nomadismo
  Gruppo EveryOne. Brutalmente aggrediti due ragazzi romeni e l'intera famiglia
  “Opposizione Ombra”. Sul reato di immigrazione
  Linda Pasta. Raggiungere Lampedusa: ultimo atto!
  Immigrati e Salute. Identificare i clandestini negi ospedali pubblici?
  Marco Di Lello. Immigrazione: “Strage figlia della legge, torni dalle ferie la coscienza dei parlamentari”
  I lavoratori extracomunitari guadagnano meno dei colleghi italiani e comunitari
  “Famiglia Cristiana”. Il governo di don Rodrigo che proibisce i matrimoni
  Andrea Billau. A proposito di immigrazione (e di Antonio di Pietro)...
  Niccolò Bulanti. E ancora ci dividiamo...
  Immigrazione. Regolarizzare lavoratori invisibili è una misura necessaria per il Welfare
  FAI. Una storia di Torino. Note a margine
  Fini e il diritto di asilo
  Doriana Goracci. Storie dell’Italia di oggi
  Immigrazione e integrazione
  Dischi per l'estate
  Emir e Alban: «Lavoriamo onestamente e siamo rispettati»
  Annagloria Del Piano. L’altra faccia di una storia: l’emigrazione italiana
  Se il burka è culturale
  Enrico Peyretti. Come la Germania anni ‘30
  Attilio Doni. Ai cristiani che vogliono il crocifisso nelle aule scolastiche o sulla bandiera
  Espulsioni immigrati. “Le nuove norme italiane sono incompatibili con la Direttiva rimpatri”
  Immigrazione. Ferrero tiri fuori i denti invece di invocare la piazza
  Migrare Vivere Convivere. A Sondrio dal 16 al 28 novembre
  Stato di emergenza nazionale? Una trovata autopromozionale che decreta il fallimento della legge Bossi-Fini
  Anagrafe eletti, Gomorra ad alta voce, Emma Bonino, Anna Politkovskaja...
  Immigrazione. Matrimoni simulati per ottenere permessi di soggiorno
  Il Gruppo EveryOne sul programma Eurosur
  Rita Bernardini. Sicurezza non vuol dire strage di diritto e democrazia
  240 immigrati in sciopero della fame
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy