Martedì , 12 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Linda Pasta. Raggiungere Lampedusa: ultimo atto!
10 Settembre 2012
 

L’attraversamento del Canale di Sicilia può essere considerato una prova di sopravvivenza a cui sono sottoposti i rifugiati che cercano di scappare dai loro Paesi in guerra. Sembra un paradosso ma la via di fuga diventa per loro un evento che li espone a un rischio di morte, verosimilmente superiore a quello che correrebbero rimanendo nel loro Paese.

Ma è la speranza di dare un destino migliore ai propri figli che li spinge in questa direzione, specie le donne che affrontano il viaggio in stato di gravidanza. È come una lotteria o forse andrebbe vista più come una roulette russa perché la probabilità morire è enormemente superiore a quella dei cittadini europei. L’anno scorso 49.000 migranti sono approdati vivi a Lampedusa quasi 1.700 sono morti durante la traversata. Soltanto 203 sono stati ricoverati presso gli ospedali siciliani, trasferiti dall’elicottero del 118, unico sistema utilizzato dal Servizio Sanitario Regionale per lo scopo.

I dati sono in corso di pubblicazione sull’International Journal of Migration, Health and Social Care ed evidenziano una mortalità pari a circa 4 morti ogni 1.000 persone che lasciano le coste africane e una morbilità di 0,4 pazienti ricoverati ogni 1.000 che approdano vivi. Le cause principali non sono infettive, ma prevalentemente ostetrico-ginecologiche nelle donne e traumatiche negli uomini. Il numero di questi pazienti ospedalizzati è circa 20 volte inferiore a quello registrata per i cittadini Italiani, confrontata per classe di età e sesso. In conclusione per ogni paziente ricoverato, ne sono morti in mare almeno otto.

La conclusione dell’articolo è che la mortalità supera enormemente la morbilità (cioè il numero di ricoverati), così come in guerra o nelle mortali epidemie di altri tempi. In estrema sintesi l’attraversamento del Canale di Sicilia è da considerare (per le persone che decidono sicuramente più per necessità che per volontà di sottoporsi a questa prova di forza, e anche su questo si potrebbe discutere a lungo), come un fattore di rischio gravato dalla stessa mortalità di una guerra o di una pandemia estremamente severa. E di fatto sfuggire dai Paesi in guerra ha i presupposti di una pandemia perché è presente in varie parti del mondo ma diverso è l’andamento, perché non si muove e lì rimane almeno al momento ed inoltre la differenza sta nel fatto che Paesi, con un certo livello economico, non hanno la paura di esserne contagiati e di conseguenza non ne sono preoccupati. Si preoccupano soltanto se vengono diffuse informazioni assolutamente false sulla possibilità che i rifugiati portino malattie. Dimostrato è intanto che il migrante arriva sano (forse anche perché solo i più robusti riescono a superare questa prova da sforzo), e al massimo si ammala da noi, ma questa informazione non viene diffusa, altrimenti anche l’alibi della paura delle malattie potrebbe vanificarsi.

Chi può assicurare che la globalizzazione non possa in futuro portare uno scenario, al momento fantasioso? Immaginate cosa succederebbe se un giorno gli Europei compresi i nostri rigorosi Tedeschi, fossero costretti a iniziare un viaggio della speranza verso le coste Cinesi? O, come avvenne non molti decenni addietro, verso le coste americane? E a proposito di questo, come mai nessuno si chiede del perché non arrivano notizie di morte relative ai Cubani che scappano da Cuba per raggiungere gli USA? La risposta è semplice: i Governi interessati si occupano sicuramente più dei nostri di evitare che ciò avvenga. In qualche maniera la partenza viene comunicata, l’assistenza in mare viene garantita, il rimpatrio viene praticato, e di morti non se ne parla. E non per motivi di propaganda dal momento che non se ne parla dai due lati, né da parte di Cuba né da parte americana.

Quello su cui si continua ad essere perplessi è come mai l’Europa e il Governo italiano (considerando che la soluzione non può essere di livello regionale) non se ne occupino in maniera concreta? Sarebbe auspicabile che le innumerevoli istituzioni e commissioni nazionali ed europee, alimentate da fondi pubblici, spingessero per la promulgazione di Leggi vere sull’argomento, e non di atti temporanei che hanno a volte il misero scopo di sanare l’immagine dei partiti per il breve periodo preelettorale, o vengono adottate a caldo subito dopo che si è verificata una strage ed è necessario sedare le coscienze del cittadini, sperando tutti ed esclusivamente sperando, che una nuova strage non si ripresenti a breve.

 

Linda Pasta


Articoli correlati

  Romeno e donna straniera incinta ultime vittime della guerra all’immigrazione? Due interrogazioni
  Andrea Billau. A proposito di immigrazione (e di Antonio di Pietro)...
  Marco Staderini. La politica impari da Papa Francesco
  Chiara Moscatelli. Il “percorso” particolare dedicato alle migrazioni
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Elisa Merlo. Ama il prossimo tuo
  “Tutto quello che non vi hanno mai detto sull’immigrazione”
  240 immigrati in sciopero della fame
  Emmanuela Bertucci. L’Italia si muove a passo di gambero
  Dischi per l'estate
  Erveda Sansi. Noblesse
  Linda Pasta. Basta con il tiro al piccione!
  Doriana Goracci. Storie dell’Italia di oggi
  Espulsioni immigrati. “Le nuove norme italiane sono incompatibili con la Direttiva rimpatri”
  I lavoratori extracomunitari guadagnano meno dei colleghi italiani e comunitari
  Vittorio Giorgini. Nomadismo
  Gruppo EveryOne. Brutalmente aggrediti due ragazzi romeni e l'intera famiglia
  Immigrazione – ZeroRifiuti – Eutanasia: “Subito la discussione delle leggi di iniziativa popolare!”
  Immigrazione. Perché abolire i flussi
  Chiavenna. Emergency: Programma Italia
  Attilio Doni. Ai cristiani che vogliono il crocifisso nelle aule scolastiche o sulla bandiera
  Immigrazione. Ferrero tiri fuori i denti invece di invocare la piazza
  Mario Staderini. Dalle pagine dell'Unità un appello al PD
  Immigrazione. No al reato di clandestinità e cittadinanza italiana in tempi certi
  Marco Di Lello. Immigrazione: “Strage figlia della legge, torni dalle ferie la coscienza dei parlamentari”
  Il Gruppo EveryOne sul programma Eurosur
  Roberto Biscardini. Immigrazione: cominciamo a regolarizzare chi è costretto a lavorare in nero
  Stato di emergenza nazionale? Una trovata autopromozionale che decreta il fallimento della legge Bossi-Fini
  Anagrafe eletti, Gomorra ad alta voce, Emma Bonino, Anna Politkovskaja...
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  Maria G. Di Rienzo. Sondaggi
  Leonardo Antonio Mesa Suero e Linda Pasta. Il nero mare cosmico
  Il razzismo ci rende insicuri. Assemblea pubblica a Roma, martedì 17 giugno
  BBC Afrique intervista Roberto Malini sulla visita del papa a Lampedusa
  Il kayak dei diritti umani di Georges Alexandre prosegue verso Bruxelles
  Martina Simonini. Vaccino antinfluenzale
  Nuova legge immigrazione. Le promesse o gli impegni del ministro Ferrero come con le droghe?
  Piermario Puliti. Dalla parte dei clandestini
  Gino Songini. Una Disneyland che ha per nome Italia
  Claudia Moretti. Immigrazione. Carta di soggiorno per coniuge di cittadino Ue
  Immigrati e Salute. Identificare i clandestini negi ospedali pubblici?
  Annagloria Del Piano. L’altra faccia di una storia: l’emigrazione italiana
  “Opposizione Ombra”. Sul reato di immigrazione
  Immigrazione. Matrimoni simulati per ottenere permessi di soggiorno
  Renato Pierri. La sensibilità della maggioranza
  Emmanuela Bertucci. Immigrazione e decreto flussi 2016
  Mario Staderini. L’immigrazione è una risorsa
  Immigrazione e integrazione
  L’Italia dei migranti
  Emma Bonino oggi a Milano sotto la Torre di Via Imbonati
  “Famiglia Cristiana”. Il governo di don Rodrigo che proibisce i matrimoni
  Alex Zanotelli. No al dilagante razzismo in Italia
  Vauro. Cittadinanza
  Immigrazione. Regolarizzare lavoratori invisibili è una misura necessaria per il Welfare
  Niccolò Bulanti. E ancora ci dividiamo...
  Valter Vecellio. Decreto immigrazione. Scende in campo il Vaticano
  FAI. Una storia di Torino. Note a margine
  Fini e il diritto di asilo
  Emir e Alban: «Lavoriamo onestamente e siamo rispettati»
  La legge sulla sicurezza e i respingimenti in Libia interpellano la coscienza cristiana
  Se il burka è culturale
  Rita Bernardini. Sicurezza non vuol dire strage di diritto e democrazia
  Migrare Vivere Convivere. A Sondrio dal 16 al 28 novembre
  Mao Valpiana. Un gravissimo atto di discriminazione contro i Rom a Verona
  Enrico Peyretti. Come la Germania anni ‘30
  Valter Vecellio. Immigrati e nuove società: una ricchezza per tutti
  Immigrazione: problema o opportunità? Presentato il 4° Rapporto sull’immigrazione straniera nella provincia di Sondrio
  Ouattara Gaoussou. Quando gli immigrati chiedono legalità
  Respinti al mittente come pacchi senza valore. “L'ho deciso io!”
  Peppe Sini. Finisca la cecità, si salvino le vite
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy