Sabato , 14 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Sondaggi
12 Febbraio 2009
 

Cosa ti fa capire se stai vivendo in un regime o in una democrazia? Non sono gli arresti arbitrari, le sparizioni di persone, i massacri di dimostranti: quando questo succede, assieme alla tua innegabile comprensione del fatto che la democrazia è sparita vivono in te terrore e tentativi di dissociazione mentale. Lo sai, e lo sai fin nelle ossa. Ma prima che il disastro sia così esposto alla luce del sole da rendere impossibile il negarlo, ci sono le “piccole” avvisaglie. La tua nazione ha una Carta dei diritti, una Costituzione, un Patto di cittadinanza? Parte una campagna per cancellare documenti simili. Sono datati, impediscono lo sviluppo, ostacolano la giustizia, frenano il progresso, limitano la tua libertà, non permettono di mettere in sicurezza il paese, sono stati scritti da nemici o ispirati da nemici. Non importa se ci credi o meno. Il messaggio è semplice, ma per chi ama le disquisizioni dotte ci saranno le dissertazioni degli “esperti”. I media, sotto diretto controllo di chi orchestra la campagna, hanno il compito di reiterarlo ad oltranza. E sai per certo di vivere in una dittatura mascherata da democrazia quando i media non sotto controllo si accodano spontaneamente, quando non c'è più bisogno di pressioni o minacce perché radio, giornali, tv “indipendenti" accordino le vele al vento.

L'odio è un fattore importante della campagna per la cancellazione della democrazia. Per far accettare la riduzione di libertà e partecipazione e possibilità di dissenso si devono creare un nemico interno o un nemico esterno (il terrorismo, un paese confinante, ecc.), preferibilmente entrambi, perché in questo modo il piccolo cittadino che si sente impotente ha un bersaglio concreto su cui sfogare la sua frustrazione: di certo fra i suoi vicini di casa, o per strada, o in ufficio, incontrerà un membro del gruppo demonizzato come “nemico interno”. I migranti sono perfetti per quest'ultimo ruolo nel primo periodo della loro presenza, quando non hanno legami significativi con le comunità locali, ma vanno benone anche dopo se si è riusciti per svariati motivi e con svariati metodi a tenerli nelle enclavi (magari per “preservare rispettosamente” la loro cultura). Più la gente si mischia, più matrimoni “misti” ci sono, più le abitudini e le consuetudini umane sono aperte al cambiamento, al dialogo ed alla trasformazione, meno è possibile individuare con chiarezza il bersaglio. E un minor numero di piccoli cittadini saranno disposti a bere le coppe di odio fragrante offerte dai media: la loro esperienza diretta smentirà infatti di continuo la propaganda che gli si serve.

*

Ieri sera la coppa è stata metaforicamente accostata alle mie labbra.

Ascoltavo musica alla radio, da un'emittente “indipendente” che è apparsa dagli esordi molto interessante a tutti quelli che come me amano un certo tipo di musica (rock). Si è limitata per mesi a proporre brani vecchi e nuovi o a stilare classifiche, andava benissimo, era la musica che le radio non mandavano da un pezzo e la pubblicità era sopportabile. Poi sono iniziati i notiziari. All'inizio la cosa che mi irritava sommamente era il tono bamboleggiante dell'annunciatrice, ad esempio gli stessi trilli ridenti per le vendite di mimose e lo stupro di una bambina l'8 marzo scorso (i due fatti dati come unica notizia). Mi sono chiesta se teneva la bocca tirata con le graffette per continuare a ridere, ma il peggio doveva ancora venire.

I notiziari sono stati infatti poi corredati da “sondaggi”. E la sera dell'8 febbraio il sondaggio era più o meno questo: “La polizia ha salvato un uomo che ha causato un incidente automobilistico mortale. La folla che voleva linciarlo ha fatto bene? Dite la vostra chiamando il numero eccetera”.

La notizia di cui si tratta è del giorno precedente. Un immigrato ubriaco, al volante di un'auto rubata, zigzagando sulla via Prenestina a Roma si è scontrato con un'altra automobile, il cui conducente è morto sul colpo. La donna che era con lui è gravemente ferita. L'ubriaco non si è fermato a prestare soccorso ai due ed è entrato in un bar. Non occorre che dica che quest'uomo è in torto marcio per tutto quello che ha fatto, vero? Ha commesso un omicidio, ha ferito una seconda persona. Secondo le leggi che ci siamo date e dati per stare insieme nella nostra nazione ne risponderà. Il farsi giustizia da soli è qualcosa che abbiamo scartato non solo come incivile, non solo come non rispondente ai nostri principi etici, ma come assolutamente non equo, quindi ingiusto. Può farsi “giustizia” da solo chi ne ha i mezzi (denaro e amicizie altolocate e posizioni influenti), e sono mezzi che la maggioranza di noi non ha.

E linciare qualcuno non è cosa che si possa sottoporre a sondaggio d'opinione. Linciare qualcuno è contro la legge come un assassinio o come un ferimento, e resta ingiusto per tutte le ragioni che ho detto prima. Non c'è l'opzione “hanno fatto bene a provarci” perché hanno fatto male a priori, e suggerire che sia possibile una risposta diversa da questa è significante dell'azzeramento morale in corso nel nostro paese. Qualcuno avrà fatto pressione alla sedicente giornalista? Io non lo credo.

Notiziario e sondaggi sono semplicemente in sintonia con quello che deve diventare il comune sentire per permettere alla finta democrazia italiana di diventare dittatura vera.

 

Maria G. Di Rienzo

(da Notizie minime della nonviolenza in cammino, 10 febbraio 2009)


Articoli correlati

  Romeno e donna straniera incinta ultime vittime della guerra all’immigrazione? Due interrogazioni
  Chiavenna. Emergency: Programma Italia
  Peppe Sini. Finisca la cecità, si salvino le vite
  Renato Pierri. La sensibilità della maggioranza
  Elisa Merlo. Ama il prossimo tuo
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Immigrazione. Ferrero tiri fuori i denti invece di invocare la piazza
  Chiara Moscatelli. Il “percorso” particolare dedicato alle migrazioni
  “Tutto quello che non vi hanno mai detto sull’immigrazione”
  Roberto Biscardini. Immigrazione: cominciamo a regolarizzare chi è costretto a lavorare in nero
  Immigrazione: problema o opportunità? Presentato il 4° Rapporto sull’immigrazione straniera nella provincia di Sondrio
  Linda Pasta. Raggiungere Lampedusa: ultimo atto!
  Nuova legge immigrazione. Le promesse o gli impegni del ministro Ferrero come con le droghe?
  Il razzismo ci rende insicuri. Assemblea pubblica a Roma, martedì 17 giugno
  Immigrazione. Matrimoni simulati per ottenere permessi di soggiorno
  Emmanuela Bertucci. L’Italia si muove a passo di gambero
  Dischi per l'estate
  Erveda Sansi. Noblesse
  Migrare Vivere Convivere. A Sondrio dal 16 al 28 novembre
  Linda Pasta. Basta con il tiro al piccione!
  Espulsioni immigrati. “Le nuove norme italiane sono incompatibili con la Direttiva rimpatri”
  Emmanuela Bertucci. Immigrazione e decreto flussi 2016
  Mario Staderini. L’immigrazione è una risorsa
  Vittorio Giorgini. Nomadismo
  Annagloria Del Piano. L’altra faccia di una storia: l’emigrazione italiana
  Immigrazione. Perché abolire i flussi
  Doriana Goracci. Storie dell’Italia di oggi
  Gruppo EveryOne. Brutalmente aggrediti due ragazzi romeni e l'intera famiglia
  Mario Staderini. Dalle pagine dell'Unità un appello al PD
  Immigrazione. No al reato di clandestinità e cittadinanza italiana in tempi certi
  Marco Staderini. La politica impari da Papa Francesco
  Stato di emergenza nazionale? Una trovata autopromozionale che decreta il fallimento della legge Bossi-Fini
  I lavoratori extracomunitari guadagnano meno dei colleghi italiani e comunitari
  Valter Vecellio. Decreto immigrazione. Scende in campo il Vaticano
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  Attilio Doni. Ai cristiani che vogliono il crocifisso nelle aule scolastiche o sulla bandiera
  Respinti al mittente come pacchi senza valore. “L'ho deciso io!”
  Leonardo Antonio Mesa Suero e Linda Pasta. Il nero mare cosmico
  BBC Afrique intervista Roberto Malini sulla visita del papa a Lampedusa
  240 immigrati in sciopero della fame
  Il kayak dei diritti umani di Georges Alexandre prosegue verso Bruxelles
  Martina Simonini. Vaccino antinfluenzale
  Piermario Puliti. Dalla parte dei clandestini
  Gino Songini. Una Disneyland che ha per nome Italia
  Claudia Moretti. Immigrazione. Carta di soggiorno per coniuge di cittadino Ue
  Immigrati e Salute. Identificare i clandestini negi ospedali pubblici?
  “Opposizione Ombra”. Sul reato di immigrazione
  Immigrazione e integrazione
  L’Italia dei migranti
  “Famiglia Cristiana”. Il governo di don Rodrigo che proibisce i matrimoni
  Il Gruppo EveryOne sul programma Eurosur
  Alex Zanotelli. No al dilagante razzismo in Italia
  Vauro. Cittadinanza
  Niccolò Bulanti. E ancora ci dividiamo...
  Anagrafe eletti, Gomorra ad alta voce, Emma Bonino, Anna Politkovskaja...
  FAI. Una storia di Torino. Note a margine
  Fini e il diritto di asilo
  Emir e Alban: «Lavoriamo onestamente e siamo rispettati»
  La legge sulla sicurezza e i respingimenti in Libia interpellano la coscienza cristiana
  Se il burka è culturale
  Mao Valpiana. Un gravissimo atto di discriminazione contro i Rom a Verona
  Enrico Peyretti. Come la Germania anni ‘30
  Immigrazione – ZeroRifiuti – Eutanasia: “Subito la discussione delle leggi di iniziativa popolare!”
  Valter Vecellio. Immigrati e nuove società: una ricchezza per tutti
  Immigrazione. Regolarizzare lavoratori invisibili è una misura necessaria per il Welfare
  Marco Di Lello. Immigrazione: “Strage figlia della legge, torni dalle ferie la coscienza dei parlamentari”
  Andrea Billau. A proposito di immigrazione (e di Antonio di Pietro)...
  Emma Bonino oggi a Milano sotto la Torre di Via Imbonati
  Ouattara Gaoussou. Quando gli immigrati chiedono legalità
  Rita Bernardini. Sicurezza non vuol dire strage di diritto e democrazia
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  Gianluca Carmosino. Questa è divenuta l'Italia?
  Georgia. Il ministro La Russa ha inviato gli ultimi soldati disponibili nelle piazze italiane?
  Valter Vecellio. Dopo Chianciano, una riflessione a margine
  Carceri. Radicali su detenuto iracheno morto per sciopero della fame a L'Aquila
  Antonio Stango. Di luce, gioia, diritto e cittadinanza
  Roma città sicura? Io aggredita in centro e forze dell'ordine disarmanti
  Sulla guerra di camorra
  Flavia Perina e il “Secolo d’Italia” parlano bene di Pannella e dei radicali? Censurati anche loro
  Mao Valpiana. Verona. Militari e mendicanti
  Valter Vecellio. I tg e l'uso politico della paura
  Maria G. Di Rienzo. Sicurezza
  A Parma fotografata seminuda prostituta in cella: ma quanto sono bravi i nostri amministratori - sceriffi!
  Marco Lombardi. Allibiti (attori) di fronte al male
  Maria G. Di Rienzo. Come esseri umani
  Roma e sicurezza. L'Aduc scrive ad Alemanno
  Le parole sono pietre
  Valter Vecellio. Allarme sicurezza, denuncia Manganelli. Ipocriti
  Novara. Corsi e ricorsi... Nulla di nuovo sotto il sole!
  Sicurezza. Con Bossi-Fini clandestinità è necessità, non reato
  Michelangelo Tumini. Alemanno il sindaco più creativo
  Maria G. Di Rienzo. Telefonini
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy