Martedì , 28 Gennaio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Michele Minorita. La sfida iraniana, l’impotenza occidentale
29 Settembre 2009
 

La notizia che l’Iran dispone di un secondo impianto per l’arricchimento dell’uranio era certamente nota a Israele, agli Stati Uniti e nelle principali cancellerie occidentali. Probabilmente solo Berlusconi la ignorava. All’ammissione di siti finora ufficialmente “sconosciuti” è seguita la scontata sequela di minacce e la prevedibile assicurazione, che l’uranio è “a un livello di arricchimento utile solo per produrre energia per scopi civili”.

«Teheran», dice il presidente americano Barack Obama «continua a non rispettare i suoi obblighi internazionali… Ci aspettiamo un’immediata investigazione sull’impianto atomico costruito segretamente da Teheran. Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna hanno presentato alle autorità internazionali le prove che l’Iran ha nascosto per anni la costruzione di un sito per l’arricchimento dell’uranio nei pressi della località di Qum… la costruzione segreta di questi impianti costituisce una violazione delle norme internazionali». Ineccepibile “fotografia” della situazione. Ma una volta scattata “l’istantanea”, che fare?

 

Per paradosso, la notizia dell’impianto iraniano arriva proprio nelle stesse ore in cui all’ONU veniva decretata una moratoria nucleare salutata come un passo in avanti verso la distensione e la pacifica coesistenza.

 

Emanuele Ottolenghi, direttore del Transatlantic Institute, un think tank con sede a Bruxelles, da tempo ammonisce che non bisogna coltivare troppe illusioni. Il mondo, ricorda, ha saputo della pericolosità del programma nucleare iraniano nell’agosto del 2002, durante un briefing tenuto a Washington dal Consiglio Nazionale della Resistenza in Iran. Da allora la comunità internazionale ha chiesto invano di poterne verificare la natura pacifica. Teheran nel frattempo è andata avanti per la sua strada eludendo la trattativa diplomatica, incorrendo in cinque dure censure nella forma di risoluzioni ONU al Consiglio di Sicurezza e subendo infine le sanzioni economiche.

Sempre Ottolenghi avverte che entro breve tempo l’Iran di Ahmadinejad potrà disporre di un arsenale atomico; arsenale che potrà usare per promuovere le sue ambizioni egemoniche in Medio Oriente. Il problema è che non si sa bene cosa fare. Da tempo Israele, che è il paese più direttamente minacciato dall’Iran, ha predisposto piani militari per neutralizzare gli impianti nucleari, un’operazione tipo quella già avviata nei confronti dell’Irak di Saddam, quando bombardò e distrusse gli impianti di Osirak. Solo che questa volta l’impresa sarebbe molto più rischiosa: l’Iran, memore della lezione, ha delocalizzato gli impianti, che sono stati costruiti a parecchie centinaia di metri sotto terra. Gli esperti concordano sul fatto che colpirli tutti, e simultaneamente, è praticamente impossibile. L’Iran avrebbe insomma la possibilità di reagire, si scatenerebbe una catena incontrollabile, non solo contro Israele. Lo stretto di Ormuz, dove transita praticamente buona parte del greggio usato in Europa, verrebbe immediatamente bloccato, con effetti intuibili sui mercati; in più tutte le bande di terroristi “in sonno”, legati o meno ad al Qaeda si sentirebbero in dovere di intervenire. Insomma, sarebbe come gettare un fiammifero acceso in una polveriera.  

 

Fino a ieri la Russia e la Cina hanno spalleggiato l’Iran; la Russia anzi ha fornito molta tecnologia ad Ahmadinejad, e se siamo al punto in cui siamo, è anche per responsabilità del “caro amico Putin”. Ora l’asse Mosca-Teheran sembra essersi raffreddato; non così quello con Pechino, che continua a giocare su ogni tavolo possibile, Africa, Medio Oriente, Sud America, con spregiudicatezza allo scopo di acquisire la maggior quantità possibile di risorse energetiche. Quanto all’Unione Europea – che peraltro sempre più è un’espressione lessicale – preferisce affrontare la crisi in ordine sparso, ignorandola. Pesano, evidentemente, i tanti legami commerciali che ogni paese della comunità ha stretto con Teheran. Il presidente francese Nicolas Sarkozy propone nuove e più aspre sanzioni contro l’Iran; a favore di penalità più stringenti anche il premier britannico Gordon Brown e il presidente del Consiglio italiano Silvio Berlusconi. L’esperienza però dimostra che raramente le sanzioni hanno avuto l’effetto desiderato.

 

Un quadro complesso e delicato. Una cosa è indiscutibile: grazie all’Iran, il Medio Oriente è in cima a un precipizio. Il problema è come tagliare le zanne al Ahmadinejad. L’opposizione interna al regime appare debole, e comunque non si sa bene come aiutarla davvero; l’Occidente, del resto, non ha mai davvero messo la questione nella sua agenda. Il problema, in estrema sintesi, è così riassumibile: la risposta militare – oltretutto con i fronti aperti in Irak e Afghanistan – non è praticabile. Ma quale altra risposta lo è? È su questa paralisi che l’Iran lucra e punta le sue carte.


Michele Minorita

(da Notizie radicali, 29 settembre 2009)


Articoli correlati

  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. La Libia e L’Egitto hanno la febbre
  Pasquale Annicchino / Nadia Marzouki. “Ora abbiamo deciso di prendere in mano il nostro futuro”
  Milano. Con Emma Bonino da Domenica
  Senza passaporto Narges Mohammadi, premio Alex Langer 2009
  Furio Colombo. Libia. Il Trattato c'è ancora
  Matteo Tuveri. Iran: diritti umani e voglia di cambiamento
  “Pena di morte: no all'estradizione di Seyed Mehdi Kazemi in Iran”
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Dall'Egitto allo Yemen passando per l'Italia. L'8 marzo visto da Emma Bonino
  Maria G. Di Rienzo. Biciclette per signore
  Iran. Giovanissimo gay condannato a morte
  Marco Cappato. Iran: stati membri UE devono proteggere gay da persecuzioni e pena di morte attribuendo status di rifugiato
  Pace e libertà per il popolo iraniano
  L'aggressività americana alla prova di Libia e Siria
  Iran: droga e pena di morte. Grazie alla collaborazione dell'Italia?
  Dibattito sull’Iran libero, laico e democratico - violazione dei diritti umani
  Valter Vecellio. Israele, Iran, la possibile Terza Guerra Mondiale
  Emma Bonino, Saad Ibrahim. Il nuovo Egitto non deve nascere sulla vendetta
  Omar Santana. Tsunami Nord Africa
  Valter Vecellio. Iran. Venti di guerra
  Omar Santana. Chi difende Gheddafi?
  Nazila Fathi. Le madri della pace
  Iran. La dittatura teocratica iraniana minaccia di impiccare altri due ragazzi solo perché gay
  Camelia Entekhabifard. Nel vento
  Yoani Sánchez. Il nostro uomo a Tripoli
  2 dicembre 2007: conferito il Premio di “Human Rights First” alla difensora iraniana dei diritti umani Fariba Davoodi Mohajer
  Emma Bonino: “All'Onu c'è un'atmosfera nuova. Dobbiamo esplorare i segnali dall'Iran”
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Luigi Fioravanti. Degl'italici atavici costumi
  Elham Gheytanchi. Iran. Sicurezza nazionale
  Roberto Pereira. Lettera alla stampa di un ragazzo cubano
  Libia: fermate la repressione
  Francesca Ribeiro. Vita sacra
  Karim Metref. Marocco... E pur si muove
  Maurizio Morabito. Con Israele, con l’Iran
  Borzou Daragahi. Ridisegnare la vita. Due donne in Iran
  Deborah Solomon. Scrittrici iraniane. Intervista a Dalia Sofer
  Tunisi. Bonino, Pannella e Perduca incontrano Ministro Kefi
  Enrico Peyretti. Guerra alla Libia
  Maria G. Di Rienzo. Voci nel vento
  Pena di morte. L'Italia aiuta l'Iran a condannare i propri cittadini al patibolo. Interrogazione
  Matteo Mecacci. Frattini convochi ambasciatore Iran per stop a violenze
  Iran, la scelta delle armi?
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 5
  Gianni Somigli. Iran, la rivoluzione a fumetti
  Patrizia Fiocchetti: Iran. Allo scoperto lo scontro di potere clericale. Oblò Mondo 7
  Mai complici del raìs! Mai complici dei regimi!
  Iran, tra violenza e resistenza
  Iran. Un appello per in favore degli studenti arrestati
  Enrico Peyretti. Dove sono i pacifisti?
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Seconda Marcia internazionale per la Libertà, in Birmania, Iran, Tibet
  Shirin Ebadi. Chiedendo solidarietà con le madri in lutto in Iran
  Azar Majedi. Contro tutti i terrorismi
  Appello per salvare la vita della nota avvocato delle donne condannate a morte, Shadi Sadr
  Libia. Manifestazione Radicale davanti a Montecitorio
  Manifestazione di solidarietà ai profughi del Corno D’Africa intrappolati in Libia
  “Dov'è il mio voto?” “Dov'è il mio diritto?” Jane Gabriel intervista Parvin Ardalan
  Marco Lombardi. Occhi voraci di libertà
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy