Domenica , 08 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Azar Majedi. Contro tutti i terrorismi
20 Ottobre 2007
 

Un paio di settimane fa mia figlia mi ha raccontato che una sua amica, lesbica e socialista, ha un poster in camera sua con su scritto: “Siamo tutti Hezb'Allah ora!”. «Mio dio!», le ho risposto (e sono atea), «Qualcosa deve essere andato terribilmente male».

E mi sono chiesta: cosa stanno tentando di fare, prendere i socialisti per i fondelli? O sono semplicemente obnubilati? Questa giovane donna ha tutti gli ingredienti necessari per lottare contro l'islamismo politico e Hezb'Allah.

In primo luogo è una donna. Solo il fatto di essere femmina è abbastanza per renderti fiera oppositrice di un movimento radicalmente misogino, a meno che non ti abbiano fatto il lavaggio del cervello in senso opposto. Per aggiungere ironia all'ironia, si tratta di una lesbica. L'omosessualità è un crimine punibile con la morte per i paesi governati dall'islamismo politico. Essere omosessuale ti fa desiderare di fuggire da ogni luogo in cui gli islamisti abbiano il potere. Dozzine di omosessuali sono stati impiccati, in mesi recenti, dalla Repubblica Islamica dell'Iran. Questa ragazza, se fosse nata in Iran o in una regione sotto il dominio di Hezb'Allah, avrebbe magari dovuto cercar rifugio in Gran Bretagna. Ma in Gran Bretagna ci è nata, ed è abbastanza fortunata da non dover temere per la propria vita come la povera Pegah, che ora il governo vorrebbe deportare in Iran. È conscia, questa socialista lesbica sostenitrice di Hezb'Allah, che il suo sostegno dell'islamismo politico rende le situazioni come quella di Pegah ancora più difficili? L'ufficio per l'immigrazione britannico sta cercando legittimazione per le deportazioni proprio da parte di tale propaganda “islamista-quasi-di-sinistra”. E, infine, lei dichiara di essere socialista. Dovunque uno si collochi sullo spettro politico, è un fatto noto e generalmente accettato che il socialismo concerne l'equità, la giustizia, le aspirazioni ad un mondo più egualitario e ad una società migliore. Se qualcuno sceglie il socialismo ciò dovrebbe significare che si cura dei suoi compagni e compagne esseri umani, che aspira all'uguaglianza ed alla libertà, e a tutti quei valori che il movimento islamista disprezza. Molte migliaia di socialisti sono stati imprigionati, torturati e giustiziati solo in Iran.

Perciò, cos'è che non ha funzionato? Perché questa giovane è così appassionata di Hezb'Allah? Responsabile di questa situazione è una falsificazione ideologica degli eventi. Il pragmatismo ha anche aiutato il corso degli eventi, e cominciamo pure da quest'ultimo. Questa giovane donna, probabilmente molto sensibile, è giustamente indignata e stanca delle aggressioni statunitensi e britanniche e dei crimini commessi in Iraq e nel Medio Oriente. È nauseata dalle ingiustizie imposte al popolo palestinese. Condanna, e fa bene, gli Usa e la Gran Bretagna per tutti questi crimini ed atrocità, e per il sostegno incondizionato al governo di Israele durante la guerra in Libano dell'anno scorso. È nel giusto, facendo questo.

Tuttavia, dall'altro lato, da quando George Bush ha definito l'islamismo un nemico, lei automaticamente dà pieno sostegno agli islamisti.

Le aggressioni e le azioni militari, statunitensi e britanniche, contro i popoli del Medio Oriente hanno contribuito a disegnare un'immagine sbagliata dell'islamismo politico. Il movimento islamista e la sua ideologia sono stati presentati falsamente come i liberatori dei popoli del Medio Oriente e dei palestinesi. Lo ripeto, questo è falso. Gli islamisti politici sono uno dei movimenti più brutali comparsi nella storia dell'umanità. Non sono liberatori. Sono una forza reazionaria, e questo messaggio deve essere diffuso.

Gli islamisti non sono i portavoce dei palestinesi o del popolo iracheno.

Non stanno rappresentando il dolore e la pena che queste genti soffrono a causa della guerra. Non sono rappresentanti del popolo, e la loro brutalità è senza misericordia. Questo dobbiamo chiarirlo: tra i due poli terroristici degli Usa e degli islamisti, noi non sosteniamo nessuno dei due. Li condanniamo entrambi.

 

Azar Majedi

(traduzione di Maria G. Di Rienzo)

(da Nonviolenza. Femminile plurale, suppl. de La nonviolenza è in cammino, n. 132 del 18/10/2007)

 

 

Azar Majedi (foto) fa parte dell'associazione Wluml - Donne che vivono sotto le leggi islamiche; il suo sito è www.azarmajedi.com.


Articoli correlati

  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Marco Cappato. Iran: stati membri UE devono proteggere gay da persecuzioni e pena di morte attribuendo status di rifugiato
  Furio Colombo. Libia. Il Trattato c'è ancora
  Matteo Tuveri. Iran: diritti umani e voglia di cambiamento
  Dibattito sull’Iran libero, laico e democratico - violazione dei diritti umani
  Marco Lombardi. Occhi voraci di libertà
  Milano. Con Emma Bonino da Domenica
  “Pena di morte: no all'estradizione di Seyed Mehdi Kazemi in Iran”
  Francesca Ribeiro. Vita sacra
  Dall'Egitto allo Yemen passando per l'Italia. L'8 marzo visto da Emma Bonino
  Maria G. Di Rienzo. Biciclette per signore
  Iran. Giovanissimo gay condannato a morte
  Pace e libertà per il popolo iraniano
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Yoani Sánchez. Il nostro uomo a Tripoli
  Iran: droga e pena di morte. Grazie alla collaborazione dell'Italia?
  Enrico Peyretti. Guerra alla Libia
  Appello per salvare la vita della nota avvocato delle donne condannate a morte, Shadi Sadr
  Valter Vecellio. Israele, Iran, la possibile Terza Guerra Mondiale
  Emma Bonino, Saad Ibrahim. Il nuovo Egitto non deve nascere sulla vendetta
  Maria G. Di Rienzo. Voci nel vento
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. La Libia e L’Egitto hanno la febbre
  Omar Santana. Tsunami Nord Africa
  Valter Vecellio. Iran. Venti di guerra
  Nazila Fathi. Le madri della pace
  Pasquale Annicchino / Nadia Marzouki. “Ora abbiamo deciso di prendere in mano il nostro futuro”
  Camelia Entekhabifard. Nel vento
  Manifestazione di solidarietà ai profughi del Corno D’Africa intrappolati in Libia
  2 dicembre 2007: conferito il Premio di “Human Rights First” alla difensora iraniana dei diritti umani Fariba Davoodi Mohajer
  Enrico Peyretti. Dove sono i pacifisti?
  Emma Bonino: “All'Onu c'è un'atmosfera nuova. Dobbiamo esplorare i segnali dall'Iran”
  Elham Gheytanchi. Iran. Sicurezza nazionale
  Roberto Pereira. Lettera alla stampa di un ragazzo cubano
  Michele Minorita. La sfida iraniana, l’impotenza occidentale
  Luigi Fioravanti. Degl'italici atavici costumi
  Karim Metref. Marocco... E pur si muove
  Maurizio Morabito. Con Israele, con l’Iran
  Iran. La dittatura teocratica iraniana minaccia di impiccare altri due ragazzi solo perché gay
  Borzou Daragahi. Ridisegnare la vita. Due donne in Iran
  Senza passaporto Narges Mohammadi, premio Alex Langer 2009
  Deborah Solomon. Scrittrici iraniane. Intervista a Dalia Sofer
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 5
  Omar Santana. Chi difende Gheddafi?
  “Dov'è il mio voto?” “Dov'è il mio diritto?” Jane Gabriel intervista Parvin Ardalan
  Patrizia Fiocchetti: Iran. Allo scoperto lo scontro di potere clericale. Oblò Mondo 7
  Mai complici del raìs! Mai complici dei regimi!
  Matteo Mecacci. Frattini convochi ambasciatore Iran per stop a violenze
  Iran, tra violenza e resistenza
  Iran. Un appello per in favore degli studenti arrestati
  Seconda Marcia internazionale per la Libertà, in Birmania, Iran, Tibet
  Shirin Ebadi. Chiedendo solidarietà con le madri in lutto in Iran
  Libia. Manifestazione Radicale davanti a Montecitorio
  Tunisi. Bonino, Pannella e Perduca incontrano Ministro Kefi
  Pena di morte. L'Italia aiuta l'Iran a condannare i propri cittadini al patibolo. Interrogazione
  Iran, la scelta delle armi?
  Gianni Somigli. Iran, la rivoluzione a fumetti
  L'aggressività americana alla prova di Libia e Siria
  Libia: fermate la repressione
  Alle 18 di oggi davanti al Consolato. Radicali Milanesi e PD per l'asilo politico ai due iraniani
  Pegah è finalmente libera!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy