Sabato , 25 Gennaio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Iran. Venti di guerra
Salvador Dali,
Salvador Dali, 'Premonizione della guerra civile' 
17 Giugno 2008
 

Dan Schueftan, vice-direttore del Centro per gli Studi sulla Sicurezza nazionale dell’Università di Haifa non nasconde la sua preoccupazione: «Un Iran con armi atomiche cambia le regole del gioco mondiale, è un regime radicale non solo è antisemita e predica l’annientamento totale di Israele, ma mette in pericolo tutto l’ordine internazionale». La sua è una “fotografia” della situazione che non lascia spazi a molti margini: «L’opzione militare non solo esiste, ma è, a mio parere, inevitabile».

Menashe Amir è un esperto israeliano di Iran: «Temo», sostiene, «che alla fine l’unica opzione sarà quella militare, fermo restando che la vera soluzione è la caduta del regime estremista e la restituzione della libertà agli iraniani. Le due cose potrebbero toccarsi, giacché un attacco militare sugli impianti nucleari potrebbe incoraggiare l’opposizione interna iraniana ad insorgere e a rovesciare il potere degli ayatollah e di Mahmud Ahmadi-Nejad». Più drastico, se possibile, Soli Shahvar, capo dell’Ezri Center for Iran and Gulf Studies: «I militari israeliani si stanno preparando da anni, cercando il momento adatto per colpire le strutture nucleari iraniane conosciute».

 

Questa una breve, ma significativa rassegna degli umori in Israele. Ma segnali di “venti di guerra” non sono colti solo nello Stato della stella di David. L’ex ministro degli Esteri tedesco Joschka Fischer qualche giorno fa ha firmato un’analisi preoccupata e preoccupante, il cui succo è: il Medio Oriente sta scivolando inesorabilmente verso un conflitto; e individua nel programma nucleare iraniano uno dei principali focolai di tensione e instabilità internazionale.

Nei suoi giorni europei, e anche nel suo soggiorno romano, il presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha detto – come di prammatica – di augurarsi una soluzione pacifica per la crisi iraniana; ma che non esclude nessuna opzione, compresa quella militare. Si dirà che Bush è un presidente ormai in “uscita”; i programmi del candidato democratico Barack Obama e del repubblicano John McCain, non potrebbero essere più diversi; ma quando si tratta di Iran, parlano la stessa lingua, nessuno dei due esclude l’intervento militare per fermare il programma nucleare iraniano.

Giorni fa, quando il primo ministro israeliano Ehud Olmert è volato a Washington, ha insomma trovato comprensione; e ha detto senza tante perifrasi che la comunità internazionale ha l’obbligo di far capire all’Iran, «con misure drastiche, che le ripercussioni del proseguimento del suo programma nucleare sarebbero devastanti». Ancora più esplicito il vice di Olmert, Shaul Mofaz: ha detto che le sanzioni contro l’Iran sono prive di effetto; e se l’Iran prosegue nel suo programma di costruzione di armi nucleari, Israele non esiterà ad attaccare.

 

Si dirà che Israele e Stati Uniti sono da sempre ostili al regime di Teheran, e però quello che si sta agitando in Iran preoccupa anche le cancellerie e le capitali arabe e mediorientali. La Turchia osserva con grande diffidenza e perplessità il progredire del programma nucleare; ancora più preoccupata l’Arabia Saudita: ufficialmente i rapporti sono cordiali, e Ahmadi-Nejad, che nel marzo scorso è volato a Ryad, è stato accolto con tutti gli onori. Ma al tempo stesso l’Arabia Saudita (e con lei la Giordania e l’Egitto) è fortemente preoccupata per la crescente influenza che l’Iran esercita nell’area mediorientale, e non nascondono la loro ostilità per la politica “nucleare” iraniana e la “invadenza” della politica di Teheran nella regione. Una mortificazione dell’Iran (chiamiamola così), al di là delle proteste di rito, risulterebbe molto gradito a Ryad, al Cairo e ad Amman. Ma è credibile l’opzione militare? Per quanto possa essere devastante, l’attacco comporterebbe una reazione: scenderebbero in campo i terroristi (che Teheran foraggia generosamente) con attentati un po’ ovunque; Hamas ed Hizbullah si scatenerebbero sanguinosamente contro Israele; e certamente verrebbe bloccato lo stretto di Ormuz, dove passa oltre la metà del greggio destinato ai mercati americani ed europei. Con le conseguenze che sono facilmente immaginabili. Imprevedibile la reazione di Russia e Cina, che da sempre spalleggiano Teheran; infine l’Unione Europea: al solito procede – quando procede – in ordine sparso, in omaggio al detto: “ognuno per sé, Dio per tutti”. Paradigmatica il caso che ha visto la Germania opporsi a che l’Italia entri nel piccolo club (composto da USA, Gran Bretagna, Francia, Russia, Cina e Germania) che dovrebbe cercare di convincere l’Iran, un po’ col bastone, un po’ con la carota, a rinunciare a interrompere il ciclo di arricchimento dell’uranio. Il NO del governo di Angela Merkel è motivato dal risentimento per l’opposizione italiana all’ingresso della Germania nel consiglio di sicurezza dell’ONU. Si procede così, navigando a vista, non andando al di là del proprio “particolare”. Armadi-Nejad, che è fanatico ma non cieco, queste cose le vede, le sa; e ne approfitta.

 

Come si possa uscire da questo pericoloso labirinto è qualcosa che è davvero difficile immaginare. Ed è per questo che il pessimismo è pienamente giustificato.

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 16 giugno 2008)


Articoli correlati

  L'aggressività americana alla prova di Libia e Siria
  Pasquale Annicchino / Nadia Marzouki. “Ora abbiamo deciso di prendere in mano il nostro futuro”
  Senza passaporto Narges Mohammadi, premio Alex Langer 2009
  Furio Colombo. Libia. Il Trattato c'è ancora
  Matteo Tuveri. Iran: diritti umani e voglia di cambiamento
  “Pena di morte: no all'estradizione di Seyed Mehdi Kazemi in Iran”
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Dall'Egitto allo Yemen passando per l'Italia. L'8 marzo visto da Emma Bonino
  Maria G. Di Rienzo. Biciclette per signore
  Iran. Giovanissimo gay condannato a morte
  Dibattito sull’Iran libero, laico e democratico - violazione dei diritti umani
  Omar Santana. Chi difende Gheddafi?
  Pena di morte. L'Italia aiuta l'Iran a condannare i propri cittadini al patibolo. Interrogazione
  Iran: droga e pena di morte. Grazie alla collaborazione dell'Italia?
  Valter Vecellio. Israele, Iran, la possibile Terza Guerra Mondiale
  Emma Bonino, Saad Ibrahim. Il nuovo Egitto non deve nascere sulla vendetta
  Omar Santana. Tsunami Nord Africa
  Nazila Fathi. Le madri della pace
  Matteo Mecacci. Frattini convochi ambasciatore Iran per stop a violenze
  Iran. La dittatura teocratica iraniana minaccia di impiccare altri due ragazzi solo perché gay
  Camelia Entekhabifard. Nel vento
  Yoani Sánchez. Il nostro uomo a Tripoli
  2 dicembre 2007: conferito il Premio di “Human Rights First” alla difensora iraniana dei diritti umani Fariba Davoodi Mohajer
  Emma Bonino: “All'Onu c'è un'atmosfera nuova. Dobbiamo esplorare i segnali dall'Iran”
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Luigi Fioravanti. Degl'italici atavici costumi
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. La Libia e L’Egitto hanno la febbre
  Elham Gheytanchi. Iran. Sicurezza nazionale
  Roberto Pereira. Lettera alla stampa di un ragazzo cubano
  Libia: fermate la repressione
  Michele Minorita. La sfida iraniana, l’impotenza occidentale
  Marco Cappato. Iran: stati membri UE devono proteggere gay da persecuzioni e pena di morte attribuendo status di rifugiato
  Karim Metref. Marocco... E pur si muove
  Maurizio Morabito. Con Israele, con l’Iran
  Borzou Daragahi. Ridisegnare la vita. Due donne in Iran
  Deborah Solomon. Scrittrici iraniane. Intervista a Dalia Sofer
  Tunisi. Bonino, Pannella e Perduca incontrano Ministro Kefi
  Enrico Peyretti. Guerra alla Libia
  Maria G. Di Rienzo. Voci nel vento
  Iran, la scelta delle armi?
  Milano. Con Emma Bonino da Domenica
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 5
  Gianni Somigli. Iran, la rivoluzione a fumetti
  Libia. Manifestazione Radicale davanti a Montecitorio
  Mai complici del raìs! Mai complici dei regimi!
  Patrizia Fiocchetti: Iran. Allo scoperto lo scontro di potere clericale. Oblò Mondo 7
  Pace e libertà per il popolo iraniano
  Iran, tra violenza e resistenza
  Iran. Un appello per in favore degli studenti arrestati
  Enrico Peyretti. Dove sono i pacifisti?
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Seconda Marcia internazionale per la Libertà, in Birmania, Iran, Tibet
  Francesca Ribeiro. Vita sacra
  Shirin Ebadi. Chiedendo solidarietà con le madri in lutto in Iran
  Azar Majedi. Contro tutti i terrorismi
  Appello per salvare la vita della nota avvocato delle donne condannate a morte, Shadi Sadr
  Manifestazione di solidarietà ai profughi del Corno D’Africa intrappolati in Libia
  “Dov'è il mio voto?” “Dov'è il mio diritto?” Jane Gabriel intervista Parvin Ardalan
  Marco Lombardi. Occhi voraci di libertà
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy