Mercoledì , 23 Settembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Camelia Entekhabifard. Nel vento
Haleh Esfandiari. Cauzione di 240.000 Euro per il suo rilascio
Haleh Esfandiari. Cauzione di 240.000 Euro per il suo rilascio 
26 Agosto 2007
 

Molte volte, a Teheran, mio zio Ali usciva di prima mattina per raccogliere grossi funghi sulla montagna di Shemiran. Ogni estate ed ogni autunno, quando vedevo i temporali addensarsi nell’aria, sapevo che avremmo avuto grandi mucchi di succosi funghi selvatici. Mio zio credeva che i temporali spingessero i funghi giù dalla cima del monte alle sue pendici sassose. Così i “cacciatori” di funghi come zio Ali si alzavano presto la mattina dopo il temporale, per trovarli e tagliar loro la testa. Come giornalista e scrittrice iraniana, ho spesso paragonato me stessa e molti dei miei colleghi a quei funghi. Nel 1992, quando cominciai a lavorare a Teheran, stavo molto attenta a quel che scrivevo. E questo andò avanti fino all’elezione di Mohammad Khatami, il presidente “riformista” nel 1997. Allora io, e numerosi altri giornalisti, ci affrettammo ad andare a lavorare per i principali quotidiani riformisti del paese. I chierici moderati iniziarono ad usare la stampa per mettere in discussione le leggi basate sulla religione, come i codici d’abbigliamento restrittivi e la morte per lapidazione. Il presidente Khatami portò alcune riforme al sistema politico e svelò il ruolo degli agenti dello spionaggio iraniano negli omicidi di un certo numero di intellettuali.

Ogni giorno i giornalisti iraniani, con il sostegno del popolo iraniano, andavano in profondità nel dare notizie o mettevano in questione il sistema. Avevamo fiducia nel fatto che i cambiamenti raggiunti erano definitivi e che saremmo stati protetti dal governo che avevamo eletto. L’ultima rivista per cui ho lavorato in Iran, Zan, fu chiusa per ordine del tribunale nella primavera del 1999. All’epoca io mi trovavo negli Usa, e fui arrestata non appena rimisi piede a Teheran. Fui tenuta, per ordine del governo, in isolamento per tre mesi, durante i quali confessai crimini che non avevo commesso e feci tutto quello che un essere umano poteva fare per salvare la propria vita.

Adesso sono arrivata a chiedermi se le opportunità che avevamo scambiato per vere riforme non fossero che illusioni create per ingannarci. Il governo iraniano incoraggiò quella breve era per poter identificare meglio i propri oppositori ed eliminarli? L’elezione di Khatami fu il temporale che permise infine al governo di darci la caccia?

Questa tempesta non ha travolto solo noi, ma anche gli intellettuali iraniani espatriati che avevano iniziato a tornare nel paese quando il presidente Khatami inviò all’estero il messaggio “L’Iran è per tutti gli iraniani”. Di recente alcuni di essi sono stati arrestati. Ramin Jahanbegloo, che è uno studioso iraniano/canadese, ha passato quattro mesi in una galera iraniana, l’anno scorso. Ha “confessato” sui media nazionali che alle conferenze fuori dall’Iran “entrava in relazione” con molti americani ed israeliani, e che parte di costoro erano “agenti dello spionaggio”. Zahra Kazemi, una fotografa iraniana/canadese, è morta sotto interrogatorio mentre era detenuta a Teheran. E, naturalmente, Haleh Esfandiari, un’intellettuale iraniana/statunitense che dirige il programma per il Medio Oriente del Centro Internazionale Wilson per docenti, a Washington, ha passato 100 giorni nella prigione di Evin, prima di essere rilasciata su cauzione martedì scorso.(1) Anche lei ha dichiarato in televisione di essere in combutta con la “rivoluzione morbida” contro il regime di Teheran. La situazione in cui la dottoressa Esfandiari si trova oggi è la stessa che ripetutamente i cittadini iraniani che osino pensarla in modo differente devono affrontare. Il messaggio mandato agli intellettuali iraniani all’estero è lo stesso che viene dato a quelli ancora nel paese: “Non sei più il benvenuto, qui”.

Chi ha avuto un assaggio delle prigioni e degli interrogatori in Iran, inclusi gli accademici e gli scrittori della mia generazione, o i marinai britannici recentemente detenuti per ordine del governo, sa di cosa parlo. Si tratta di tortura psicologica e false accuse. In prigione, tutto quel che ti resta è pregare di riavere la tua libertà per potertene andare dall’Iran e non tornarci mai più. E questo è ciò che il regime vuole per qualunque studioso, intellettuale, scrittore che possa avere una qualche influenza sulla gente in Iran: che si lasci il paese e che si sia troppo spaventati per farvi ritorno. Ancora non è chiaro se alla dott. Esfandiari verrà permesso lasciare presto l’Iran. Non sarei sorpresa se in questo momento stesse ripromettendo a se stessa di non far mai più visita alla madre e al proprio paese, e se consigliasse altri di fare la medesima cosa.

 

Camelia Entekhabifard(2)

(per il New York Times, 24 agosto 2007 – traduzione di M.G. Di Rienzo)

 

 

(1) La madre di Haleh Esfandiari ha venduto la propria casa per pagare l’ingente cauzione della figlia. (Ndt)

(2) Giornalista, autrice di Camelia: Save Yourself by Telling the Truth — a Memoir of Iran.


Foto allegate

Ramin Jahanbegloo
Zahra Kazemi
Articoli correlati

  Tunisi. Bonino, Pannella e Perduca incontrano Ministro Kefi
  Karim Metref. Marocco... E pur si muove
  Seconda Marcia internazionale per la Libertà, in Birmania, Iran, Tibet
  Iran. Giovanissimo gay condannato a morte
  Enrico Peyretti. Dove sono i pacifisti?
  Pena di morte. L'Italia aiuta l'Iran a condannare i propri cittadini al patibolo. Interrogazione
  Nazila Fathi. Le madri della pace
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Matteo Mecacci. Frattini convochi ambasciatore Iran per stop a violenze
  Appello per salvare la vita della nota avvocato delle donne condannate a morte, Shadi Sadr
  Deborah Solomon. Scrittrici iraniane. Intervista a Dalia Sofer
  Francesca Ribeiro. Vita sacra
  Omar Santana. Tsunami Nord Africa
  Matteo Tuveri. Iran: diritti umani e voglia di cambiamento
  Valter Vecellio. Iran. Venti di guerra
  Marco Cappato. Iran: stati membri UE devono proteggere gay da persecuzioni e pena di morte attribuendo status di rifugiato
  Iran: droga e pena di morte. Grazie alla collaborazione dell'Italia?
  Luigi Fioravanti. Degl'italici atavici costumi
  Furio Colombo. Libia. Il Trattato c'è ancora
  Dibattito sull’Iran libero, laico e democratico - violazione dei diritti umani
  Senza passaporto Narges Mohammadi, premio Alex Langer 2009
  Maria G. Di Rienzo. Biciclette per signore
  Yoani Sánchez. Il nostro uomo a Tripoli
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Manifestazione di solidarietà ai profughi del Corno D’Africa intrappolati in Libia
  Patrizia Fiocchetti: Iran. Allo scoperto lo scontro di potere clericale. Oblò Mondo 7
  Marco Lombardi. Occhi voraci di libertà
  Gianni Somigli. Iran, la rivoluzione a fumetti
  Iran, tra violenza e resistenza
  Michele Minorita. La sfida iraniana, l’impotenza occidentale
  “Dov'è il mio voto?” “Dov'è il mio diritto?” Jane Gabriel intervista Parvin Ardalan
  “Pena di morte: no all'estradizione di Seyed Mehdi Kazemi in Iran”
  Emma Bonino, Saad Ibrahim. Il nuovo Egitto non deve nascere sulla vendetta
  Maurizio Morabito. Con Israele, con l’Iran
  Pasquale Annicchino / Nadia Marzouki. “Ora abbiamo deciso di prendere in mano il nostro futuro”
  Borzou Daragahi. Ridisegnare la vita. Due donne in Iran
  Elham Gheytanchi. Iran. Sicurezza nazionale
  Milano. Con Emma Bonino da Domenica
  Emma Bonino: “All'Onu c'è un'atmosfera nuova. Dobbiamo esplorare i segnali dall'Iran”
  Maria G. Di Rienzo. Voci nel vento
  Iran, la scelta delle armi?
  Enrico Peyretti. Guerra alla Libia
  Valter Vecellio. Israele, Iran, la possibile Terza Guerra Mondiale
  L'aggressività americana alla prova di Libia e Siria
  Libia: fermate la repressione
  Iran. Un appello per in favore degli studenti arrestati
  Omar Santana. Chi difende Gheddafi?
  Pace e libertà per il popolo iraniano
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Shirin Ebadi. Chiedendo solidarietà con le madri in lutto in Iran
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 5
  Azar Majedi. Contro tutti i terrorismi
  Iran. La dittatura teocratica iraniana minaccia di impiccare altri due ragazzi solo perché gay
  Roberto Pereira. Lettera alla stampa di un ragazzo cubano
  Dall'Egitto allo Yemen passando per l'Italia. L'8 marzo visto da Emma Bonino
  Mai complici del raìs! Mai complici dei regimi!
  2 dicembre 2007: conferito il Premio di “Human Rights First” alla difensora iraniana dei diritti umani Fariba Davoodi Mohajer
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. La Libia e L’Egitto hanno la febbre
  Libia. Manifestazione Radicale davanti a Montecitorio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy