Sabato , 14 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Borzou Daragahi. Ridisegnare la vita. Due donne in Iran
12 Dicembre 2007
 

Teheran, Iran. Benestante donna alla moda, della zona nord di Teheran, Sudaveh non aveva la più pallida idea di cosa fare quando la “polizia morale” si presentò ad ispezionare la sua fabbrica di abiti. Zarir, la sua giovane assistente proveniente dai pii slum del sud della città, sapeva esattamente come comportarsi. «Non entrate in quella stanza!», disse agli uomini della polizia mentre Sudaveh correva a coprirsi la testa per rispondere al “codice d’abbigliamento islamico”. «Alla signora non piace essere disturbata quando prega». Ed anche: «Non aprite quel cassetto», che era dove Sudaveh, nel passato grande viaggiatrice, teneva i cataloghi di design che giudicava più rischiosi. «Potrebbero esserci sue fotografie senza sciarpa in testa».

Nel mentre Zarir aiutava Sudaveh a destreggiarsi fra le intricate norme della Repubblica Islamica, Sudaveh aiutava Zarir a trasformare se stessa da vittima di violenza domestica inchiodata nella propria casa a donna d’affari, una donna che ha affrontato il suo ex marito ed una severa famiglia tradizionalista. Da quasi vent’anni, le due donne appartenenti a due diversi Iran sono diventate amiche. I fili delle loro vite si sono intrecciati. La loro nazione è cambiata. Il loro commercio di abiti è cresciuto sino a diventare un piccolo impero.

Dopo la rivoluzione islamica del 1979, l’Iran fu rovesciato sottosopra. Dalle strade sparirono prostitute e ubriachi, e divennero sobrie come moschee durante le preghiere del pomeriggio. Furono le case, un tempo rifugi di quiete dalla baldoria della città, a mutarsi in bar e nightclub improvvisati. Le famiglie benestanti persero status e beni, e molte si trasferirono all’estero. In questo mondo trasformato, Sudaveh e Zarir strinsero alleanza. Prima della rivoluzione, Sudaveh lavorava come vice direttora della Banca Agricola statale, un posto d'élite che aveva raggiunto tramite le sue conoscenze ed il background quasi aristocratico della famiglia. Ma come molti altri, fu cacciata dal lavoro.

Inquieta ed instancabile, allora sulla trentina, Sudaveh cominciò a vagliare le proprie opzioni. Voleva guadagnare denaro per la sua famiglia, essere occupata e restare distante dalla nuova classe di pii burocrati e dai loro codici “islamici” di comportamento. «Non ero il tipo che resta a casa. Dovevo lavorare». Decise di entrare nel ramo abbigliamento, specialmente infantile, per evitare i problemi che si accoppiano a qualsiasi cosa abbia a che fare con i vestiti delle donne iraniane. Cominciò a disegnare magliette, che venivano prodotte a basso costo nei laboratori dei sobborghi di Teheran, e assieme ad un’amica di nome Haleh le proponeva ai negozi.

«Mio marito lo considerava un gioco. Mi prendeva in giro», ricorda Sudaveh, che ha chiesto di non venir identificata né con il proprio cognome né con il nome della sua ditta, per non mettere in pericolo i suoi dipendenti. Agli inizi ci furono parecchi problemi, in un settore di mercato dominato dagli uomini. «È stata dura, sì. I negozianti cercavano di imbrogliarci. Pensavano che io fossi semplicemente una donna ricca, a cui il marito permetteva di fare queste cose per tenersi occupata. Ho dovuto dimostrare loro che non potevano mettermi nel sacco, che sapevo benissimo quel che stavo facendo». Il suo giro d’affari aumentò, e Sudaveh colse l’occasione. Acquistò dell’equipaggiamento, assunse dei lavoratori e si mise a produrre abiti in proprio. All’epoca, era rarissimo che si permettesse ad una donna di dirigere una fabbrica, e immediatamente ciò destò i sospetti della “polizia morale”, che prese a fare capolino.

Le restrizioni imposte dalla Repubblica Islamica sui vestiti e sul comportamento sociale non erano nulla di nuovo per Zarir, nel cui quartiere praticamente tutte le donne erano avvolte in chador neri che lasciavano fuori solo il viso e le mani, e i genitori arrangiavano matrimoni tra bambini. Zarir veniva da una famiglia strettamente religiosa, e persino durante il governo dello scià Mohammed Reza Pahlavi aveva frequentato una scuola islamica. A sedici anni, fu data in moglie. Suo marito era violento, e divorziò unilateralmente da lei e ottenne la custodia dei figli. Il divorzio divenne un marchio di vergogna per Zarir e la sua famiglia. Per rendere peggiore la situazione, l’ex marito le proibì di accostarsi ai propri figli, un maschio e una femmina. Non avendo più mezzi per mantenersi, la giovane donna persuase un padre conservatore a permetterle di cercare un lavoro. Allora incontrò Sudaveh, nella seconda metà degli anni ’80. «Quando arrivai qui stavo davvero male», dice Zarir, oggi quarantenne e manager del laboratorio. È l’esatto opposto, dal punto di vista fisico, della sottile Sudaveh: braccia muscolose, guance rotonde e una voce tonante che sovrasta i rumori della fabbrica. Suo padre, pur riluttante, ebbe una buona impressione di Sudaveh e permise a Zarir di lavorare purché restasse al piano superiore, e non scendesse al piano terra dove lavoravano gli uomini.

Sudaveh non ci mise molto a scoprire i talenti nascosti della sua operaia: «Lei capiva benissimo questi tipi religiosi, la polizia. Quando arrivavano qui io ero terrorizzata e lei si faceva avanti e rispondeva al posto mio». Sudaveh aveva perduto la sua socia in affari, Haleh, dopo un’ispezione della “polizia morale”. Arrivarono all’improvviso, e trovarono nel cassetto di una scrivania un catalogo con foto di donne in bikini. Haleh finì in galera, fra tossicodipendenti e rapinatori. Lasciò l’Iran subito dopo.

«Devi risponder loro velocemente», spiega Zarir. «Se ti chiedono: perché sei truccata? Tu dici: mi trucco per le donne, non per gli uomini. Se dicono: Le tue calze sono troppo sottili, tu rispondi: Ma il mio hijab è lungo». La polizia l’ha presa da parte più volte per farle domande sulla sua datrice di lavoro, soprattutto per sapere come tratta i suoi dipendenti. «Non ha mai maltrattato nessuno, ho risposto, ma talvolta è spinosa: ad esempio, non sopporta nessun rumore quando prega». Sudaveh, le cui preferenze in merito al proprio abbigliamento vanno a jeans attillati e sandali aperti, ha trovato l’aiuto di Zarir indispensabile. «Non sapevo neppure come indossare l’hijab. Nella mia famiglia non ce n’era alcuno. Nemmeno le mie nonne lo portavano».

Dopo aver saputo della storia difficile di Zarir, Sudaveh poté ricambiare con alcuni consigli sofisticati: perché non si faceva amica, con discrezione, della nuova moglie del suo ex marito, e non si offriva di prendersi cura dei bambini ogni tanto? Funzionò. Presto Zarir e la seconda moglie cospirarono insieme e Zarir poté passare con i suoi figli il tempo che il loro padre e i tribunali islamici le avevano negato. Quando la seconda moglie si ammalò gravemente, affidò i figli di entrambe a Zarir per il tempo in cui il marito era al lavoro. «È stata una grande lezione, per me», racconta Zarir. «Ho imparato ad ottenere ciò di cui avevo bisogno». La giovane fu molto impressionata dalle abilità sociali della datrice di lavoro. Sebbene venisse derisa, assieme a quanti i conservatori religiosi definivano “lacchè dell’Occidente”, Zarir trovava il suo tipo di relazioni attraente: «Non ho mai visto un uomo della sua famiglia trattare una donna al modo in cui mio marito trattava me».

Sudaveh ingaggiò altre donne, che divennero dodici su quaranta dipendenti. Ma era frustrata dal fatto che non volessero interagire con i colleghi di sesso maschile. Si rifiutavano persino di alzare gli occhi su di loro e si ritraevano per far spazio se gli uomini passavano troppo vicini. Se una donna voleva rifinire il proprio lavoro d’ago su una camicia che un uomo stava mettendo insieme, era Sudaveh ad andare a chiederlo per lei. «Non andava troppo bene, neppure a livello di efficienza», spiega Sudaveh. «Un gruppo deve fare gruppo». Un giorno, qualche anno fa, Sudaveh riunì tutte le donne che lavoravano al piano superiore della fabbrica: «Dissi loro: Voglio che andiate di sotto. Non abbasserete la testa. La terrete alta e guarderete gli uomini negli occhi». E le guidò personalmente giù dalle scale. Lo fece anche il giorno successivo, e quello dopo ancora. Nel giro di qualche mese, l’atmosfera diventò rilassata ed informale. Uomini e donne si chiamavano per nome e lavoravano fianco a fianco. Gli uomini cominciarono a comportarsi molto educatamente, a non usare scurrilità nel linguaggio e a tenere pulito il proprio ambiente di lavoro. Uno di essi portò nel laboratorio dei parrocchetti, che oggi sembrano cinguettare a ritmo con la musica pop iraniana che suona di sottofondo. «Adesso la cosa è normale, non ci fanno più caso», dice Sudaveh incrociando le gambe e sorridendo soddisfatta. «Nessuno, né uomo né donna, si è licenziato».

Mentre gli anni passavano, la società iraniana continuò a cambiare. La gente si mosse dai villaggi e dalle fattorie verso grandi città come Teheran, Tabriz e Mashhad, e si ammassò in piccoli appartamenti. Le coppie avevano meno figli, due o tre invece dei sei o sette che erano comuni all’inizio della rivoluzione, secondo i dati delle NU. I genitori presero a viziare un po’ i loro figli, e produrre buoni e begli abiti per loro divenne un affare conveniente.

Sette anni fa, Sudaveh aprì il proprio negozio, con il proprio marchio. «Molti dei proprietari dei punti vendita non sanno nulla di ciò che vendono, o di vestiti», dice. Ma lei lo sa bene, così presto i negozi divennero due. Sua figlia Ghazaleh terminò gli studi universitari e cominciò a lavorare per sua madre: assunse un programmatore di software per creare un sistema d’inventario computerizzato, mettere codici a barre su ogni pezzo e dare alla compagnia maggiori capacità produttive. La cosa che il marito di Sudaveh vedeva un tempo come un gioco, si è espansa sino ad avere dodici magazzini sul territorio nazionale, e genera milioni di dollari di entrate. Sudaveh ha comperato un condominio a Toronto. Zarir ha mandato la figlia all’università.

La “polizia morale” continua a venire, ma ora sono più una seccatura che una minaccia. Chiudono i negozi, ma temporaneamente, se la commessa non è secondo loro abbastanza “islamica” nell’abbigliamento. Di recente, il padre di Zarir si è ammalato ed ha dovuto essere ricoverato in ospedale. Lei è andata a fargli visita, ed era seduta sul bordo del suo letto, quando un collega del padre è entrato nella stanza. Il malato è stato felice di presentare Zarir all’altro uomo: «Questa è mia figlia, quella che lavora», ha detto con orgoglio.

 

Borzou Daragahi

(per il Los Angeles Times, 08/12/2007 - trad. Maria G. Di Rienzo)


Articoli correlati

  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Pena di morte. L'Italia aiuta l'Iran a condannare i propri cittadini al patibolo. Interrogazione
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Furio Colombo. Libia. Il Trattato c'è ancora
  Matteo Tuveri. Iran: diritti umani e voglia di cambiamento
  “Pena di morte: no all'estradizione di Seyed Mehdi Kazemi in Iran”
  Dall'Egitto allo Yemen passando per l'Italia. L'8 marzo visto da Emma Bonino
  Maria G. Di Rienzo. Biciclette per signore
  Iran. Giovanissimo gay condannato a morte
  Omar Santana. Chi difende Gheddafi?
  Libia. Manifestazione Radicale davanti a Montecitorio
  Luigi Fioravanti. Degl'italici atavici costumi
  Marco Cappato. Iran: stati membri UE devono proteggere gay da persecuzioni e pena di morte attribuendo status di rifugiato
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Dibattito sull’Iran libero, laico e democratico - violazione dei diritti umani
  Yoani Sánchez. Il nostro uomo a Tripoli
  Iran: droga e pena di morte. Grazie alla collaborazione dell'Italia?
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. La Libia e L’Egitto hanno la febbre
  Valter Vecellio. Israele, Iran, la possibile Terza Guerra Mondiale
  Emma Bonino, Saad Ibrahim. Il nuovo Egitto non deve nascere sulla vendetta
  Enrico Peyretti. Guerra alla Libia
  Maria G. Di Rienzo. Voci nel vento
  Omar Santana. Tsunami Nord Africa
  Valter Vecellio. Iran. Venti di guerra
  Nazila Fathi. Le madri della pace
  Camelia Entekhabifard. Nel vento
  Manifestazione di solidarietà ai profughi del Corno D’Africa intrappolati in Libia
  2 dicembre 2007: conferito il Premio di “Human Rights First” alla difensora iraniana dei diritti umani Fariba Davoodi Mohajer
  Enrico Peyretti. Dove sono i pacifisti?
  Emma Bonino: “All'Onu c'è un'atmosfera nuova. Dobbiamo esplorare i segnali dall'Iran”
  Elham Gheytanchi. Iran. Sicurezza nazionale
  Roberto Pereira. Lettera alla stampa di un ragazzo cubano
  Appello per salvare la vita della nota avvocato delle donne condannate a morte, Shadi Sadr
  Michele Minorita. La sfida iraniana, l’impotenza occidentale
  Milano. Con Emma Bonino da Domenica
  Matteo Mecacci. Frattini convochi ambasciatore Iran per stop a violenze
  Karim Metref. Marocco... E pur si muove
  Maurizio Morabito. Con Israele, con l’Iran
  Iran. La dittatura teocratica iraniana minaccia di impiccare altri due ragazzi solo perché gay
  Deborah Solomon. Scrittrici iraniane. Intervista a Dalia Sofer
  Gianni Somigli. Iran, la rivoluzione a fumetti
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 5
  “Dov'è il mio voto?” “Dov'è il mio diritto?” Jane Gabriel intervista Parvin Ardalan
  Patrizia Fiocchetti: Iran. Allo scoperto lo scontro di potere clericale. Oblò Mondo 7
  Mai complici del raìs! Mai complici dei regimi!
  Senza passaporto Narges Mohammadi, premio Alex Langer 2009
  Iran, tra violenza e resistenza
  L'aggressività americana alla prova di Libia e Siria
  Iran. Un appello per in favore degli studenti arrestati
  Francesca Ribeiro. Vita sacra
  Marco Lombardi. Occhi voraci di libertà
  Pace e libertà per il popolo iraniano
  Seconda Marcia internazionale per la Libertà, in Birmania, Iran, Tibet
  Shirin Ebadi. Chiedendo solidarietà con le madri in lutto in Iran
  Azar Majedi. Contro tutti i terrorismi
  Tunisi. Bonino, Pannella e Perduca incontrano Ministro Kefi
  Iran, la scelta delle armi?
  Libia: fermate la repressione
  Pasquale Annicchino / Nadia Marzouki. “Ora abbiamo deciso di prendere in mano il nostro futuro”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy