Martedì , 12 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Elham Gheytanchi. Iran. Sicurezza nazionale 
La Campagna “Un Milione di Firme”
08 Dicembre 2007
 

Nel 1988, l’anno in cui lasciai l’Iran, migliaia di prigionieri politici venivano torturati e uccisi nella notoria prigione di Evin. I prigionieri venivano torturati da funzionari del Ministero dell’intelligence, per ottenere da loro confessioni e pentimento. Nessuno osava protestare perché il paese era ancora in guerra con l’Iraq, ed ogni dissenso poteva essere interpretato come collaborazione con il nemico.

Quelli furono giorni bui. La pratica della fustigazione gradualmente divenne un rituale pubblico per punire i criminali, definiti tali dalla legge islamica. Il paese non è più in guerra e i movimenti sociali di base sono nonviolenti. Sebbene gli attivisti per i diritti umani siano sotto pressione, e i sindacalisti in galera, nessuno di essi ha ricevuto condanne alla fustigazione.

Ciò è rimasto vero sino a che di recente Delaram Ali (foto), attivista per i diritti delle donne, ha ricevuto una consistente condanna: due anni e mezzo di prigione e dieci frustate. Delaram Ali fu arrestata con altre attiviste durante una manifestazione contro le leggi discriminatorie verso le donne, nel giugno 2006. È stata pesantemente picchiata dalla polizia, e la sua mano è stata spezzata. Con l’aiuto della Premio Nobel Shirin Ebadi, la giovane denunciò i maltrattamenti al capo stesso della polizia di Teheran. Non solo la sua denuncia non è stata accettata, ma la ragazza è stata più tardi accusata di aver “posto minacce alla sicurezza nazionale”.

Le minacce alla sicurezza nazionale sono diventate abbondanti durante il governo del sig. Ahmadinejad. Queste cosiddette minacce vengono da fonti inusuali, che includono le attiviste per i diritti delle donne, ma non si limitano ad esse. La legge iraniana proibisce alla donne di diventare presidenti o giudici. La legge stabilisce anche che le donne devono avere il permesso dei loro mariti per uscire dal paese. La testimonianza di una donna è considerata valida a metà rispetto a quella di un uomo, e le donne non possono ottenere un divorzio di propria volontà.

La diseguaglianza di genere incorporata nella Costituzione e nelle istituzioni legali in Iran ha condotto le attiviste a creare la “Campagna per Un Milione di Firme”. Il suo sito web è stato chiuso sei volte. Durante la Campagna, che ha raggiunto il suo primo anniversario, le attiviste girano il paese (16 province lo scorso anno) per raccogliere firme a sostegno del cambiamento delle leggi discriminatorie. Trovandosi di fronte a dimostrazioni pacifiche per l’eguaglianza, e ad una campagna che chiede un cambiamento legale tramite mezzi legali, le autorità iraniane hanno risposto con l’ostilità più cruda. Le attiviste vengono arrestate mentre raccolgono le firme. Ronak Safarzadeh e Hana Abdi, attive per la Campagna nella provincia del Kordestan, sono state arrestate e sono ancora in stato di detenzione a Sanandaj, senza accuse e senza processo, nelle mani degli agenti del controspionaggio. Il 18 novembre 2007 è stata arrestata Maryam Hosseinkhah, e il primo dicembre Jelve Javaheri, attiviste a Teheran.

I cambiamenti che la “Campagna per Un Milione di Firme” chiede non hanno a che fare con persone armate o militanza. Non ci sono organizzazioni clandestine, milizie, cellule nascoste, per cui sarebbero necessarie delle ammissioni di responsabilità. In effetti, queste attiviste sono per lo più ventenni, insistono sull’essere trasparenti, rendono conto all’opinione pubblica di ciò che fanno, e si dichiarano assai preoccupate di un’ingiustificata aggressione militare all’Iran. Esse sanno anche nel mentre si alza il fervore patriottico, diventa più facile per il regime reprimere qualsiasi dissenso.

Le madri di queste giovani attiviste imprigionate o condannate, e altre angosciate dalla prospettiva della guerra, si sono unite per formare le Madri della Pace. Ricordando i giorni sanguinosi della rivoluzione e la repressione che è seguita alla guerra con l’Iraq, queste madri obiettano alle punizioni inflitte alle loro figlie e ai loro figli per le loro attività sociali. Il sistema sta applicando le pene precedentemente previste per l’opposizione organizzata e militante a gruppi nonviolenti.

Le autorità iraniane dovrebbero capire che il ritorno ai vecchi metodi di repressione condurrà a maggiori sanzioni e a condanne internazionali per la violazione dei diritti umani in Iran. Ciò che le autorità politiche iraniane hanno di fronte è un crescente movimento popolare. Un movimento nonviolento in grado di andare oltre gli ostacoli e che non credo soccomberà.

 

Elham Gheytanchi

(per The Huffington Post, 06/12/2007, trad. Maria G. Di Rienzo)


Articoli correlati

  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Marco Lombardi. Occhi voraci di libertà
  Furio Colombo. Libia. Il Trattato c'è ancora
  Matteo Tuveri. Iran: diritti umani e voglia di cambiamento
  Omar Santana. Chi difende Gheddafi?
  Pace e libertà per il popolo iraniano
  “Pena di morte: no all'estradizione di Seyed Mehdi Kazemi in Iran”
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. La Libia e L’Egitto hanno la febbre
  Maria G. Di Rienzo. Biciclette per signore
  Iran. Giovanissimo gay condannato a morte
  Senza passaporto Narges Mohammadi, premio Alex Langer 2009
  Dibattito sull’Iran libero, laico e democratico - violazione dei diritti umani
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Yoani Sánchez. Il nostro uomo a Tripoli
  Iran: droga e pena di morte. Grazie alla collaborazione dell'Italia?
  “Dov'è il mio voto?” “Dov'è il mio diritto?” Jane Gabriel intervista Parvin Ardalan
  Marco Cappato. Iran: stati membri UE devono proteggere gay da persecuzioni e pena di morte attribuendo status di rifugiato
  Pena di morte. L'Italia aiuta l'Iran a condannare i propri cittadini al patibolo. Interrogazione
  Valter Vecellio. Israele, Iran, la possibile Terza Guerra Mondiale
  Maria G. Di Rienzo. Voci nel vento
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Francesca Ribeiro. Vita sacra
  Omar Santana. Tsunami Nord Africa
  Appello per salvare la vita della nota avvocato delle donne condannate a morte, Shadi Sadr
  Tunisi. Bonino, Pannella e Perduca incontrano Ministro Kefi
  Valter Vecellio. Iran. Venti di guerra
  Manifestazione di solidarietà ai profughi del Corno D’Africa intrappolati in Libia
  Luigi Fioravanti. Degl'italici atavici costumi
  Nazila Fathi. Le madri della pace
  Pasquale Annicchino / Nadia Marzouki. “Ora abbiamo deciso di prendere in mano il nostro futuro”
  Matteo Mecacci. Frattini convochi ambasciatore Iran per stop a violenze
  Camelia Entekhabifard. Nel vento
  2 dicembre 2007: conferito il Premio di “Human Rights First” alla difensora iraniana dei diritti umani Fariba Davoodi Mohajer
  Enrico Peyretti. Dove sono i pacifisti?
  Emma Bonino: “All'Onu c'è un'atmosfera nuova. Dobbiamo esplorare i segnali dall'Iran”
  Roberto Pereira. Lettera alla stampa di un ragazzo cubano
  Seconda Marcia internazionale per la Libertà, in Birmania, Iran, Tibet
  Michele Minorita. La sfida iraniana, l’impotenza occidentale
  Iran. La dittatura teocratica iraniana minaccia di impiccare altri due ragazzi solo perché gay
  Gianni Somigli. Iran, la rivoluzione a fumetti
  L'aggressività americana alla prova di Libia e Siria
  Karim Metref. Marocco... E pur si muove
  Maurizio Morabito. Con Israele, con l’Iran
  Borzou Daragahi. Ridisegnare la vita. Due donne in Iran
  Deborah Solomon. Scrittrici iraniane. Intervista a Dalia Sofer
  Enrico Peyretti. Guerra alla Libia
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 5
  Dall'Egitto allo Yemen passando per l'Italia. L'8 marzo visto da Emma Bonino
  Patrizia Fiocchetti: Iran. Allo scoperto lo scontro di potere clericale. Oblò Mondo 7
  Mai complici del raìs! Mai complici dei regimi!
  Milano. Con Emma Bonino da Domenica
  Iran, tra violenza e resistenza
  Iran. Un appello per in favore degli studenti arrestati
  Emma Bonino, Saad Ibrahim. Il nuovo Egitto non deve nascere sulla vendetta
  Shirin Ebadi. Chiedendo solidarietà con le madri in lutto in Iran
  Azar Majedi. Contro tutti i terrorismi
  Libia. Manifestazione Radicale davanti a Montecitorio
  Libia: fermate la repressione
  Iran, la scelta delle armi?
  Maria G. Di Rienzo. Notizie di novembre
  La vita di Nasrin Sotoudeh è in pericolo. Un appello
  Wired. Arriva a Milano la mostra di Internet for Peace
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy