Martedì , 23 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Una storia banale
25 Settembre 2009
 

La signora G. non mi è particolarmente simpatica. A parte alcuni tratti superficiali (quelle cose banali su cui tutte e tutti ci diciamo d'accordo, tipo che le stagioni non ci sono più e che c'è troppa maleducazione in giro) la signora G. ed io siamo distanti anni luce per interessi e speranze. Sarebbe sorpresa di sapere che sto scrivendo di lei, ed ancor più sorpresa, forse, di sapere quante donne condividono la sua stessa esperienza. Credo che la signora G. si senta molto sola oggi. Ma la sua storia è persino più comune, in quest'Italia malata e stordita, delle asserzioni sulle stagioni scomparse.

La signora G. sposa in chiesa il classico “buon partito”, va a vivere in una casa circondata dai di lui parenti che entrano ed escono dai suoi spazi quando vogliono, rinuncia alle proprie ambizioni lavorative perché le hanno detto che per essere una brava moglie e poi una brava madre bisogna dedicarsi interamente alla famiglia, ha un figlio, e le sembra di star andando così bene nella propria casalinga missione che alla richiesta di averne un secondo acconsente felice.

Già dal periodo precedente la sua gravidanza il “buon partito” colleziona strane assenze da casa giustificate con le storie più incredibili del mondo: ci crede solo la signora G., giacché come recita il proverbio “la moglie è l'ultima a sapere”.

Messa al mondo la seconda creatura, qualche pettegolezzo comincia ad arrivare di striscio alle orecchie della donna, e poi c'è la scenata della suocera che toglie ogni dubbio: Non potrebbe, la signora G., farsi trovare un po' più sexy quando il marito ritorna? No? Ma allora lo vuol proprio perdere, quella perla di uomo.

Il marito, infine, dice la verità alla signora G.: da un pezzo ha un'altra compagna, di 15 anni più giovane di lei (e di lui), le ha comprato un appartamento ed è con lei che vuol vivere. Con dignità, per quanto stia soffrendo terribilmente, la signora G. accetta la situazione. Ma dopo un paio di mesi lui ritorna. Ha cambiato idea, ama la signora G. e i suoi figli, non può vivere distante da loro. La signora G. manda giù amaro e acconsente, può perdonarlo se questo è vero: ma la verità è che l'amante del marito ha momentaneamente lasciato la città, e al suo ritorno dopo nemmeno un mese l'uomo cambia di nuovo idea. Adesso non può vivere distante dall'altra. Ma, aggiunge, prova per la signora G. un po' di affetto, e persino un certo grado di attrazione sessuale grazie alla quale può, se lei vuole, tornare a casa ogni tanto per fare sesso con lei. Divorzio? La signora G. è forse impazzita? Perché vuole dare scandalo, meglio stare tranquilli così, e poi lui dovrebbe pagare gli alimenti per la lei e i figli, e visto che ha appena lasciato l'impiego questo sarebbe un problema, no?

Oggi la signora G. sta crescendo i figli da sé e senza un soldo (rientrare nel mercato del lavoro non è così facile), con il marito che appare a proprio piacimento nella casa che ha abbandonato al solo scopo di controllare se la merce-moglie ancora gli appartiene.

È solo la centounesima storia del genere che sento o vedo. Meno male che il patriarcato è morto: forse il nostro problema è che i patriarchi sono ancora tutti vivi. Ma poiché non schiatteranno certo domani e, mi auguro, hanno ancora anni di vita e di esperienze davanti a loro, sarebbe interessante se riuscissero a capire una cosa piccolissima, non pretendo che cambino (meglio non sognare troppo), solo che comprendano quest'idea minuscola: le loro mogli sono esseri umani degni di rispetto. Anche se un amore finisce, il diritto/dovere del rispetto resta. Anche se un amore finisce, umiliare la persona che non ami più non è un'opzione accettabile. Anche se un amore finisce, la responsabilità che vi siete presi nel mettere al mondo dei bimbi resta. Un po' meno d'amore, consigliava Kurt Vonnegut, e un po' più di civiltà. Non è difficile, vero, signori italiani?


Maria G. Di Rienzo

(da Notizie minime della nonviolenza in cammino, 25 settembre 2009)


Articoli correlati

  Benedetto Della Vedova. Finanziaria e temi “eticamente sensibili”
  Amore civile. Roma, 10, 11 e 12 maggio 2008
  Primo Mastrantoni. Famiglia, convivenza, eterosessuali e omosessuali
  Omosessuali e Vaticano: meglio morti che peccatori? Crolla il mito del “contronatura”
  Zeno Gobetti. Il Cardinale e la Costituzione
  Primo Mastrantoni. Monti e la famiglia
  Matrimonio omosessuale: sarà un sindaco leghista a celebrare il primo?
  Certificato anagrafico di famiglia: dal Consiglio Comunale di Livorno una lezione al Parlamento!
  Unioni di fatto. Intromissioni del vaticano per condizionare? Question time al Governo
  Primo Mastrantoni. Claude Levi-Strauss, l'antropologo che rivoluzionò il concetto di famiglia
  Giannino. Gender
  Atti per matrimonio. Un'azione di “affermazione civile”
  EveryOne. Milano ha un po' di attenzione verso i Rom, ma si può fare di più
  Conferenza nazionale sulla famiglia. Fino a che persiste la discriminazione, no grazie!
  A conforto di papa Ratzinger: L’importante per i bambini è non sentirsi figli di nessuno
  Maria G. Di Rienzo. Il prezzo delle patate, e tra la folla Ipazia
  Sergio Rovasio. Nozze gay in Argentina
  Elisa Merlo. Un'imperdonabile superficialità
  Maria G. Di Rienzo. Nel nome del “papi”
  Riforma del diritto di famiglia: i figli non sono tutti uguali per legge, per colpe o peccati altrui
  A chi spetta l’educazione oggi?
  Certi Diritti. La Corte europea dei diritti dell’uomo riconosce le famiglie gay
  Francesca Ribeiro. La vera famiglia secondo Gesù
  Alessandro Gallucci. Genitori per concorso
  Le parole sono pietre
  Walter Mendizza. CATTOLAICI
  Lidia Menapace. Il Papa e il Presidente
  Enrico Marco Cipollini. Al deputato Pier Ferdinando Casini sui diritti civili
  Mauro Biani. #Famiglia
  Giovanardi è il capo dei bla-bla-bla della politica italiana
  L’articolo 29 e le assai libere interpretazioni dei vari Giovanardi
  Una famiglia “normale” a piazza Farnese
  Milano. Prosegue l'incubo per la famiglia Covaciu, cui le autorità hanno strappato i quattro bambini
  Boom di violenza sulle donne. La famiglia è un luogo ideale?
  Benedetto Della Vedova. Non è la legge che inventa le “famiglie gay”
  Milano. Quattro bimbi Rom sottratti ai genitori in visita dalla Romania
  Linda Pasta. Diseguaglianze e donne gay
  La famiglia naturale? Verso la fine delle discriminazioni. Quando la casta fa avanguardia
  Milano. EveryOne: “La poesia può cambiare il mondo”
  Maria Bonafede: «Preoccupante il tono usato dai cardinali. Dov'è l'amore di Dio?»
  www.matrimoniodirittogay.it
  Maria G. Di Rienzo. Ihr Gluecklichen Augen
  Diritti gay e matrimonio. Italia lontana dall'Europa: disegno di legge
  Incontro controcorrente su “Famiglia e famiglie”
  Matteo Bonini Baraldi. La famiglia de-genere
  Una lettera di Diego Sabatinelli, segretario della “Lega per il Divorzio Breve”
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Valentina Vandilli. La storia di Francesco Zanardi e Manuel Incorvaia
  Enea Sansi. Alchimia della famiglia
  Vittorio Giorgini: I cattolici lo chiamano matrimonio naturale, De rerum naturalis et artificialis
  Milano. Calvario per i bambini Rom sottratti ai genitori
  EveryOne. Matrimonio LGBT, Vendola: “Diritti pieni, non dimezzati!”
  Sulle unioni tra persone dello stesso sesso le associazioni lgbt vogliono il matrimonio
  Patrizia Garofalo. Caro Pisapia, si prenda cura dei fratellini Covaciu, sfortunati ospiti della sua città
  Krzysztof Charamsa. Anno Domini 2015
  Sono tutte famiglie!
  Bologna. Il giudice conferma detenzione per Brenda, mamma Rom
  Rispetto delle differenze, diversità come valore per una società moderna e laica
  Famiglia? No, famiglie! Tutti a Milano l'8 novembre!
  Corte suprema California e matrimoni gay
  Diego Sabatinelli. Stati Generali sulla Giustizia Familiare
  Coppie stesso sesso: Corte EDU condanna Italia
  Matrimonio egualitario: prosegue l'iniziativa di Certi Diritti
  Peccato, reato e discriminazione: l'ordine Vaticano sull'omosessualità
  Quante violenze sulle donne. I numeri della sconfitta e il da fare
  Maurizio Morabito. Quale Famiglia per il Papa?
  Il concubinaggio
  Gianni Somigli. Bimbinbilico
  “Matrimonio omosessuale. Diritto, Morale, Politica”
  Diego Galli. Risultati della conferenza “Amore civile”
  Sono liberi i quattro bambini rom strappati ai genitori
  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy