Martedì , 23 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Bologna. Il giudice conferma detenzione per Brenda, mamma Rom
10 Novembre 2012
 

Bologna Nazione Rom, il Gruppo EveryOne e le organizzazioni umanitarie che da tutto il mondo hanno seguito con apprensione il caso di Brenda – mamma Rom 16enne arrestata e processata per “rapimento” solo perché non ha voluto consegnare il suo bimbo nato da pochi giorni ai servizi sociali di Bologna - hanno accolto con sconcerto la decisione del magistrato, che nella direttissima di ieri ha confermato il fermo della giovane. Il bimbo, strappato dalle sue braccia pochi giorni dopo il parto, le è stato riconsegnato e Brenda, inconsapevole del fatto che il suo tentativo di rimanere insieme al suo bambino non le ha guadagnato le lodi e il sostegno da parte delle istituzioni, ma è giudicato alla stregua di un “rapimento”, si è mostrata felice. L'accusa che pende sul suo capo, tuttavia, resta gravissima: sequestro di minore. Questo, infatti, è il reato di cui deve rispondere.

Si ripete l'accusa che da secoli è alla base della discriminazione e della persecuzione dei Rom: quella della “nomade rapitrice di bambini”. La legge, anche quella italiana, mostrava chiaramente al giudice come non vi sia colpa in una giovane mamma che si prende cura del suo piccolo e lo difende da mani estranee protese per portarlo via del suo grembo. Eppure, per l'ennesima volta, un pensiero diverso è risuonato in tribunale. Nazione Rom e Gruppo EveryOne chiedono all'UNICEF, all'Alto Commissario Onu per i Diritti Umani, al Consiglio d'Europa, all'UNAR, al Governo italiano, al Consiglio superiore della magistratura, al Presidente della camera e alla società civile di non accettare una decisione che trasforma in un crimine il coraggio e l'amore di una madre, disposta a sacrificare tutto per proteggere il suo bimbo in fasce.

«Siamo attoniti», commentano Marcello Zuinisi (Nazione Rom) e Roberto Malini (EveryOne), «perché ci aspettavamo ben altra decisione da parte del giudice. La non conoscenza del popolo Rom e del grande e totale amore che le madri Rom riversano sui loro bambini è ancora alla base di un'ingiustizia inconcepibile. Settant'anni fa gli aguzzini nazisti le assassinavano, le mamme Rom di Auschwitz, per sottrarre loro i bambini e portarli nella sala degli orrori del dottor Mengele o nelle camere a gas. Oggi si pretende che esse rinuncino ai legami con i loro figli per decreto? O per decisione di assistenti sociali che si guardano bene dal frequentare i luoghi di povertà e dolore in cui si riparano le famiglie Rom? No, questo non accadrà mai e se la legge vuole porsi al di sopra di un valore primario quale l'amore materno, si tratta di una legge iniqua».

Le due organizzazioni umanitarie hanno chiesto, oltre alla fine dell'accanimento contro la giovane madre, che la famiglia di Brenda, che comprende il marito Ljubo e il piccolo Zlatan, sia riconosciuta e che la sua integrità sia tutelata, con l'adeguato sostegno sociale. «Ricordiamo che i due sposi hanno già subito gravissimi episodi di discriminazione, abbandono istituzionale e violenza», spiegano Zuinisi e Malini. «È tempo che il loro calvario in Italia abbia fine e che si cominci a trattare il loro caso come un caso umanitario, non come un problema di sicurezza».

Intanto il Garante per l'infanzia UNICEF ha convocato Nazione Rom ed EveryOne, per dedicarsi al caso di Brenda, nonché a quelli dei quattro bambini sottratti dalle autorità alla famiglia Rom Covaciu di Milano - e non ancora restituiti - e del giovanissimo “Darius”, separato dai genitori Rom a San Benedetto del Tronto. «Ma i casi di bambini Rom sottratti ai genitori poveri ed emarginati sono centinaia», concludono gli attivisti. «Noi difensori dei diritti umani affrontiamo enormi difficoltà e corriamo grandi rischi, quando denunciamo questo fenomeno che si ripete continuamente nel nostro paese, ma è un'istanza fondamentale per i diritti del fanciullo e per la stesa civiltà». Nazione Rom e il Gruppo EveryOne chiedono da tempo una legge europea che tuteli l'integrità delle famiglie Rom, impedisca la sottrazione di minori a causa della povertà e garantisca ai fanciulli Rom di crescere nelle loro famiglie legittime, mantenendo i fondamentali legami di sangue e le tradizioni del popolo cui appartengono.

 

Gruppo EveryOne


Articoli correlati

  Gianfranco Cercone. “Codice criminale” di Adam Smith
  EveryOne. Milano ha un po' di attenzione verso i Rom, ma si può fare di più
  Milano. Prosegue l'incubo per la famiglia Covaciu, cui le autorità hanno strappato i quattro bambini
  Milano. Quattro bimbi Rom sottratti ai genitori in visita dalla Romania
  Milano. EveryOne: “La poesia può cambiare il mondo”
  Milano. Calvario per i bambini Rom sottratti ai genitori
  Patrizia Garofalo. Caro Pisapia, si prenda cura dei fratellini Covaciu, sfortunati ospiti della sua città
  Sono liberi i quattro bambini rom strappati ai genitori
  Roberto Malini. Estate tragica per i Rom in Italia
  Roberto Malini. Il diritto... al campo
  Primo Mastrantoni. Rom: Quando non si vuole risolvere un problema
  Il Rapporto ECRI denuncia l'intolleranza che in Italia colpisce Rom e Sinti
  Radicali Sondrio riprende la raccolta firme
  Roberto Malini. Quanti amici dei rom, in Italia!
  Roberto Malini. Sgomberi: disumanità made in Italy
  Patrizia Garofalo. Al parroco di Cornegliano
  Roberto Malini. La leggenda del Rom che denunciò la polizia
  Parma. Carteggio Malini-Pizzarotti a proposito delle famiglie Rom
  Rom in Toscana: repressione dell'arte, della musica e della poesia
  Roberto Malini. Festa della donna. Un pensiero alle Romnì
  Il sindaco di Legnano sostiene la comunità rom della sua città
  EveryOne Group. La “partita dell'antirazzismo” continuerà anche nel 2017
  Roberto Malini. Rom nel vortice dell'intolleranza
  Il vento della poesia nelle corde dei violini
  Mauro Garofalo. Alla fine di ogni cosa, romanzo di uno zingaro
  Giornalismo e razzismo: commento alle Linee guida sulla Carta di Roma
  “Fermare le politiche anti-Rom in Italia”
  Rom a Milano. Appello internazionale per le famiglie colpite dal rogo di via Bonfadini
  Gruppo EveryOne. Le ordinanze anti-Rom
  Roberto Malini. A cosa servono i Rapporti sui Rom?
  Marianna Mascioletti. Addio a Paolo Pietrosanti, l'uomo della pioggia
  Rom e Gagi: abitare insieme la città
  Milano. Una maestra di via Rubattino: “Gli sgomberi? Nuova pulizia etnica”
  Svizzera. Copertina razzista criminalizza il popolo Rom
  Genova. Un altro ponte è crollato
  Napoli. La via della tolleranza contro corruzione, razzismo e crimine organizzato
  Milano. Neofascisti lanciano pietre contro i Rom di via Dione Cassio
  Radicali Sondrio in piazza a favore dei Rom e per il testamento biologico
  Pesaro. “Hanno preso mio marito e sono rimasta sola”
  Roberto Malini. Gli sgomberi di famiglie povere ed emarginate sono atrocità istituzionali
  Domanda di grazia al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per l'anziano Rom Toma Ciuraru, incarcerato senza colpa
  Roberto Malini. Combattiamo il razzismo, non i campi Rom!
  “Via Rubattino n. zero”. Milano, 10-20 maggio 2010
  EveryOne: Abbiamo tentato di proteggere Leonarda in Italia...
  Immigrazione e rom. Il genocidio culturale del ministro Maroni?
  Erveda Sansi. Barò porrajmos e… altre storie “zingare”
  Vetrina/ Roberto Malini. Dal diario di Veta, bambina Rom
  Roberto Malini. Cornigliano e i Rom: ha prevalso l'odio
  Contro la repressione giudiziaria dei cittadini indigenti che recuperano oggetti nelle discariche
  Radicali Milano. Da domani parte la mobilitazione per il riconoscimento di Rom e Sinti
  Pisa: dopo il drammatico sgombero dei Rom
  EveryOne Group. “No allo sgombero dell’insediamento Rom di Cornigliano”
  Alberto Figliolia. Tiziana Maiolo e i Rom
  Persecuzione ed espulsione di massa dei Rom in Italia
  Roberto Malini. Come è difficile difendere i diritti dei Rom!
  Roberto Malini. Perché il Comune di Milano vuole chiudere il campo Rom di via Idro?
  16 maggio 1944: Rivolta nello Zigeunerlager
  EveryOne: Amnesty International è accanto al popolo Rom
  EveryOne: Roma, città chiusa ai Rom
  Roberto Malini. Ancora uno sgombero a Nocera Inferiore. È pulizia etnica
  La violenza sulle donne Rom
  Rom: per superare i campi serve il cervello, non le ruspe
  Il poeta Roberto Malini al Festival Internazionale di Poesia di Genova nel giorno che ricorda l'Olocausto dei Rom
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy