Venerdì , 17 Agosto 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alessandro Gallucci. Genitori per concorso 
Riflessioni e appunti sul 'family day'
22 Giugno 2015
   

Firenze – Il 20 giugno s’è tenuta a Roma una manifestazione, il “Family Day”, in difesa della famiglia tradizionale e contro quella che viene definita la teoria gender.

In poche parole: l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha diramato un proprio documento sull’educazione sessuale, finalizzato a fornire “informazioni imparziali e scientifiche” su vari aspetti della sessualità.

Bene, verrebbe da dire: conoscere se stessi aiuta ad evitare malattie ed è comunque utile a vivere con consapevolezza la propria sessualità. Non per tutti: a dire di alcuni, infatti, questo documento altro non è che la prova dell’esistenza della teoria gender. Si tratterrebbe di una dottrina volta al superamento delle tradizionali visioni della famiglia e dei rapporti sentimentali e sessuali tra persone.

La teoria gender, in verità, non esiste, ma è frutto dell’idea balzana e delle fobie di chi crede che l’affermazione di diritti individuali delle persone omosessuali (leggasi regolamentazione delle unioni omosessuali, possibilità di adozioni, ecc.) sia un attentato alla famiglia tradizionale (naturale si dice in Italia, per la sventura che si ebbe nell’usare questo termine nell’art. 29 della Costituzione).

Insomma per chi si scaglia contro la così detta teoria gender i rapporti tra persone dello stesso sesso, e più in generale tutto ciò che riguarda la regolamentazione di tali rapporti, specie gli aspetti concernenti le adozioni, non è possibile perché si tratta di unioni innaturali. Noi, al pari di J. S. Mill, siamo dell’idea che “innaturale in genere significa solo inconsueto e che tutto ciò che è usuale appare naturale”.

Crediamo che l’orientamento sessuale di una persona non possa essere una ragione valida per negarle i propri diritti di essere umano e che si debba riconoscere con serenità e senza timore alcuno la possibilità per le coppie omosessuali di adottare figli.

Insomma il documento dell’OMS – che poco c'entra con queste questioni – è stato il pretesto anche per ribadire il “no” al riconoscimento di questi diritti da parte degli ultra-tradizionalisti bigotti.

È bene che queste prese di posizione vengano espresse pubblicamente e deve essergli riconosciuta la giusta visibilità: la giustezza e l’idiozia delle opinioni nel pubblico dibattito devono essere il frutto di una valutazione successiva e mai di censura preventiva.

In questo caso ci piace, per un attimo, pensare che la strenua difesa di una tradizione che non ha alcun fondamento scientifico, al pari delle critiche scientificamente infondate al documento dell’OMS, sia in verità la posizione giusta.

Vediamo insomma come dovrebbe, conseguentemente, essere sviluppata la teoria di chi sostiene che la famiglia “tradizionale”, quella “naturale” fondata sull’unione tra un uomo ed una donna (meglio se uniti in matrimonio), necessiti di forti ed incisivi interventi riformatori al fine di meglio tutelarla.

Ecco l’ipotetico discorso di un fondamentalista della tradizione:)

«Se il principio giusto è che quello che considera solamente la famiglia “tradizionale” quale comunità in grado di garantire determinati apporti educativi ai bambini – in parole semplici di garantire la loro “crescita normale” (il documento dell’OMS dicono i suoi detrattori potrebbe fare insorgere “devianze”) – allora bisognerà anche ragionare sul fatto che non tutti gli uomini e le donne sono in grado di essere genitori. La cosa è così evidente che è inutile starne a discutere e portare esempi: nella nostra vita, personalmente o su qualche conoscente, abbiamo sicuramente avuto modo di constatarlo.

Ed allora, è utile domandarsi, stante la necessità di difendere strenuamente la famiglia “tradizionale” da ogni assalto, se non sarebbe il caso di ridiscutere il concetto stesso di procreazione, riservandolo a chi risulta veramente abile dopo una ferrea selezione. Giacché l'essere una famiglia composta da una coppia eterosessuale non è garanzia di nulla. La tradizione di cui si parla non è solamente quella riferita al sesso dei genitori, ma anche e soprattutto ai valori che questi sono in grado di trasmettere ai loro figli. È chiaro che il sesso con ciò c’entra ben poco. Perché una schizzoide paranoica o uno sconsiderato alcolista sposati e “felici” nel loro stato di alterazione non noto alla società non sarebbero certamente in grado di garantire l’istituto della famiglia “tradizionale”, ma ben potrebbero mettere al mondo dei figli.

Maternità e paternità non sono diritti: questo il punto da cui non si può prescindere. Ci sarà quindi bisogno nei prossimi anni di un intervento preventivo che elimini ogni possibilità di contaminare la famiglia tradizionale. Il primo passo è rappresentato dagli anti-concezionali obbligatori – la cui assunzione sarà imposta dalla legge – e poi ci sarà il reato di gravidanza non autorizzata che punirà la sola procreazione non autorizzata. Il parto illegittimo porterà alla sottrazione del neonato con affidamento a coppie selezionatissime in grado di trasmettergli i giusti valori della tradizione».

Ma come, dirà qualcuno: gli anticoncezionali? Si, proprio loro; d’altra parte la stregoneria non diventa parola di Dio in bocca ad un prelato?

 

Alessandro Gallucci, legale Aduc


Articoli correlati

  Milano. Prosegue l'incubo per la famiglia Covaciu, cui le autorità hanno strappato i quattro bambini
  Primo Mastrantoni. Claude Levi-Strauss, l'antropologo che rivoluzionò il concetto di famiglia
  Primo Mastrantoni. Monti e la famiglia
  Patrizia Garofalo. Caro Pisapia, si prenda cura dei fratellini Covaciu, sfortunati ospiti della sua città
  Conferenza nazionale sulla famiglia. Fino a che persiste la discriminazione, no grazie!
  A conforto di papa Ratzinger: L’importante per i bambini è non sentirsi figli di nessuno
  Primo Mastrantoni. Famiglia, convivenza, eterosessuali e omosessuali
  Sergio Rovasio. Nozze gay in Argentina
  EveryOne. Milano ha un po' di attenzione verso i Rom, ma si può fare di più
  Unioni di fatto. Intromissioni del vaticano per condizionare? Question time al Governo
  Giannino. Gender
  Maria G. Di Rienzo. Una storia banale
  Maria G. Di Rienzo. Il prezzo delle patate, e tra la folla Ipazia
  Enea Sansi. Alchimia della famiglia
  Maria G. Di Rienzo. Nel nome del “papi”
  Riforma del diritto di famiglia: i figli non sono tutti uguali per legge, per colpe o peccati altrui
  A chi spetta l’educazione oggi?
  Walter Mendizza. CATTOLAICI
  Certi Diritti. La Corte europea dei diritti dell’uomo riconosce le famiglie gay
  Krzysztof Charamsa. Anno Domini 2015
  Le parole sono pietre
  Sono liberi i quattro bambini rom strappati ai genitori
  Lidia Menapace. Il Papa e il Presidente
  Elisa Merlo. Un'imperdonabile superficialità
  Giovanardi è il capo dei bla-bla-bla della politica italiana
  Mauro Biani. #Famiglia
  L’articolo 29 e le assai libere interpretazioni dei vari Giovanardi
  Amore civile. Roma, 10, 11 e 12 maggio 2008
  Una famiglia “normale” a piazza Farnese
  Linda Pasta. Diseguaglianze e donne gay
  Sulle unioni tra persone dello stesso sesso le associazioni lgbt vogliono il matrimonio
  Boom di violenza sulle donne. La famiglia è un luogo ideale?
  Benedetto Della Vedova. Non è la legge che inventa le “famiglie gay”
  Coppie stesso sesso: Corte EDU condanna Italia
  Milano. Quattro bimbi Rom sottratti ai genitori in visita dalla Romania
  La famiglia naturale? Verso la fine delle discriminazioni. Quando la casta fa avanguardia
  Corte suprema California e matrimoni gay
  Milano. Calvario per i bambini Rom sottratti ai genitori
  Milano. EveryOne: “La poesia può cambiare il mondo”
  EveryOne. Matrimonio LGBT, Vendola: “Diritti pieni, non dimezzati!”
  www.matrimoniodirittogay.it
  Maria G. Di Rienzo. Ihr Gluecklichen Augen
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Diritti gay e matrimonio. Italia lontana dall'Europa: disegno di legge
  Gianni Somigli. Bimbinbilico
  Omosessuali e Vaticano: meglio morti che peccatori? Crolla il mito del “contronatura”
  Rispetto delle differenze, diversità come valore per una società moderna e laica
  Benedetto Della Vedova. Finanziaria e temi “eticamente sensibili”
  Matteo Bonini Baraldi. La famiglia de-genere
  Bologna. Il giudice conferma detenzione per Brenda, mamma Rom
  Atti per matrimonio. Un'azione di “affermazione civile”
  Una lettera di Diego Sabatinelli, segretario della “Lega per il Divorzio Breve”
  Valentina Vandilli. La storia di Francesco Zanardi e Manuel Incorvaia
  “Matrimonio omosessuale. Diritto, Morale, Politica”
  Zeno Gobetti. Il Cardinale e la Costituzione
  Francesca Ribeiro. La vera famiglia secondo Gesù
  Maria Bonafede: «Preoccupante il tono usato dai cardinali. Dov'è l'amore di Dio?»
  Incontro controcorrente su “Famiglia e famiglie”
  Vittorio Giorgini: I cattolici lo chiamano matrimonio naturale, De rerum naturalis et artificialis
  Sono tutte famiglie!
  Certificato anagrafico di famiglia: dal Consiglio Comunale di Livorno una lezione al Parlamento!
  Famiglia? No, famiglie! Tutti a Milano l'8 novembre!
  Maurizio Morabito. Quale Famiglia per il Papa?
  Diego Sabatinelli. Stati Generali sulla Giustizia Familiare
  Enrico Marco Cipollini. Al deputato Pier Ferdinando Casini sui diritti civili
  Matrimonio omosessuale: sarà un sindaco leghista a celebrare il primo?
  Matrimonio egualitario: prosegue l'iniziativa di Certi Diritti
  Peccato, reato e discriminazione: l'ordine Vaticano sull'omosessualità
  Quante violenze sulle donne. I numeri della sconfitta e il da fare
  Diego Galli. Risultati della conferenza “Amore civile”
  Il concubinaggio
  Left: Cosa c’è dietro alla crociata contro le unioni civili che andrà in scena al Family day
  L'irlandese incoraggiante ammonimento
  Certi Diritti e i Radicali invitano Berlusconi alla contro- conferenza sulle famiglie
  Primo Mastrantoni. Unioni civili
  Pietro Yates Moretti. Unioni civili e Family Day
  Morbegno. Il circolo PD sulle unioni civili
  Sveglia Arezzo: è ora di essere civili!
  Mario Lucchini. Unioni civili
  Lombardia Possibile chiede il ritiro dell'adesione di Regione Lombardia al Family Day
  Clara Comelli. Unioni civili, bicchiere pieno solo con le nozze egualitarie
  Sergio Rovasio. Giovanardi parla cinque giorni a settimana di gay: roba da Freud
  Miriam Della Croce. L'intelligenza di Carlo Giovanardi. A vederlo non sembra
  Possibile in piazza sabato 23 gennaio per #SVEGLIAITALIA
  Enea Sansi. Madre surrogata
  Cirinnà e Scalfarotto. Persone, coppie e famiglie omosessuali sono esattamente uguali a persone, coppie e famiglie eterosessuali
  Cassazione. Adozio­ne coparentale: Un passo avanti verso civiltà
  Radicali Milano. Tavoli, leggi, matrimoni e congressi
  Vetrina/ Gigi Fioravanti. Family Day
  Benedetto Della Vedova. Su unioni civili normali divisioni in maggioranza
  Renato Pasqualetti. Siamo tutti omosessuali
  L'ennesimo fallimento sui diritti delle coppie gay sarebbe una sconfitta per l’Italia, non per i laici
  Enea Sansi. La confusione dell'articolo 7
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.3%
NO
 23.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy