Mercoledì , 10 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Pianeta jazz e satelliti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Roberto Dell'Ava. Cronache da Ambria Jazz
08 Agosto 2011
 

La prima delle quattro serate conclusive è stata caratterizzata da uno splendido set del duo Paolo Angeli alla chitarra sarda modificata e Hamid Drake a batteria e bodhran. Un flusso di libera improvvisazione in cui poco a poco sono affiorate le composite influenze e le diverse radici che caratterizzano questo inusuale e creativo ensemble. Un Drake contenuto nei volumi e molto attento al dialogo ha permesso ad Angeli di estrarre dal suo strumento una varietà impressionante di sonorità e timbri che di volta in volta si sono materializzati sotto forma di violoncello, percussioni, chitarra elettrica e acustica. In diversi momenti il concerto ha assunto una consistenza ed una creatività impressionanti, dopo che a lungo i due hanno cercato e scavato tra le note e le suggestioni, in un melting pot culturale che assembla colori mediterranei, radici africane, sperimentazione aperta (la radiolina accesa a definire improvvisazione e casualità come fatti creativi) e influenze variegate dal rock alla musica popolare. Difficile riprodurre su album l'emozione intensa del concerto live, sopratutto quando inaspettatamente Paolo inizia a cantare con voce intensa e penetrante una arcaica melodia sarda accompagnandosi con l'archetto. Anche Hamid sfoggia una voce nera e calda proponendosi in una tambureggiante ballata con il bodrhan (nel sud del nostro paese lo strumento è chiamato tammorra).

Dopo tanta luce mantenere lo stesso livello poetico non era impresa facile, e difatti il pur interessante quartetto di Giovanni Falzone non è riuscito nell'impresa. Il trombettista ha una carica trascinante ed un suono pieno e caldo, ma, almeno a mio gusto, il set dedicato a Hendirx è piuttosto pesante ritmicamente e poco innovativo nelle soluzioni, tant'è che le cose migliori sono venute dalle composizioni dello stesso Falzone e da atmosfere e volumi più raccolti. Nonostante la serata piovigginosa più che buona la risposta del pubblico valtellinese. La terza delle serate conclusive di “Ambria Jazz” si è svolta nella raccolta piazzetta Martinengo, a fianco della ben più ampia piazza Garibaldi a Sondrio. Dopo una introduzione del gruppo locale Funkocrazy, un giovane quartetto ispirato dalla musica di Tutu e del Miles Davis elettrico, il piatto forte della serata prevedeva l'esibizione del celebrato e pluripremiato Tinissima Quartet di Francesco Bearzatti. Si tratta di uno dei migliori gruppi italiani degli ultimi anni e l'attesa è stata ampiamente ripagata da una esibizione senza risparmio, tesa e concentrata e con un altissimo livello solistico. Tutto come sempre dunque, perlomeno come da alcuni anni succede, prima con il progetto dedicato a Tina Modotti e ora con quello ispirato a Malcom X. Bearzatti non è solamente un formidabile sassofonista e clarinettista ma anche un eccellente compositore e molti dei brani delle due suites sono ormai dei piccoli classici immediatamente riconoscibili. Volendo fare l'avvocato del diavolo, assistere nel giro di un paio di anni a più esibizioni del quartetto mi ha certamente convinto della assoluta eccellenza del gruppo e delle composizioni ma, proprio perché sempre presentate in forma di suite, mi ha tolto in parte il gusto della sorpresa e della imprevedibilità che pure sono caratteristiche di ogni buon gruppo jazz.

La quarta sera è purtroppo saltata per i capricci del tempo, e anche l'ultimo appuntamento di sabato 6 agosto ha visto la pioggia fare capolino in più riprese, senza però inficiare la buona riuscita della serata. Molto indovinata la location nel cortile del Palazzo Quadrio De Maria Pontaschelli di Chiuro che rapidamente si è riempita oltre ogni rosea aspettativa. Dopo l'esibizione del Zayt Trio, una formazione dalle buone individualità (notevole la voce di Anahi Gendler) ma francamente impalpabile in quanto a progetto compiuto, è stata la volta del quartetto d'archi Alborada che già nello scorso settembre si era esibito a Sondrio. Programma molto diverso dalla precedente occasione quello presentato nella notte chiurasca: largo spazio alle composizioni originali dei membri del gruppo, con in più diversi brani tratti dalla colonna sonora del film Il più crudele dei giorni di Ferdinando Vicentini Orgnani dedicato alla vicenda di Ilaria Alpi e scritti appositamente da Diederik Wissels e Paolo Fresu. Poi la sorpresa: dopo le note iniziali di Fratres, lo straziante e immaginifico brano di Arvo Part ecco sbucare dal nulla il suono del flicorno di Paolo Fresu, apparso sulla sommità del colonnato che divide in due lo spazio della corte. Paolo suona ancora con il gruppo Metamorfosi, una sua composizione, e poi lascia il finale al quartetto composto da Sonia Peana (la moglie di Fresu) e Anton Berovski ai violini, Nico Ciricugno alla viola e Piero Salvatori al violoncello. Un brano carico di suggestione e bellezza, “La quinta stagione” di Carl Jenkins, conclude il concerto prima degli inevitabili bis che di nuovo coinvolgono Fresu e il suo flicorno.

Bilancio largamente positivo quello della terza edizione di “Ambria”: a poco a poco si sta consolidando una squadra forte e motivata intorno all'anima del festival, il direttore artistico Giovanni Busetto. Grazie a lui anche in Valtellina negli ultimi anni si può ascoltare grande musica e non solo gli orrori tipici delle sagre paesane. Lunga vita ad Ambria...

 

Roberto Dell'Ava


Articoli correlati

  Ambria Jazz entra nel vivo: Godard, Di Bonaventura e Murgia
  Roberto Dell’Ava. Oltremare per due
  Roberto Dell’Ava. Luci alla centrale: Ambria Jazz nel vivo
  Roberto Dell'Ava. Ambria Jazz inizia sotto una buona stella
  AmbriaJazz in Centrale: invenzioni e r’n’b. Domani in quota e poi a Sondrio
  Allulli, D'Auria e Faraò, tris d'assi ad Ambria Jazz
  Suoni nordici a Sondrio con Fredriksson e Trondheim Voices
  Su e giù tra Montagna, Piateda e Sondrio con suoni differenti e affascinanti
  AmbriaJazz: “Lingue di fuoco” incendiano la centrale elettrica
  Rad Trads anche domani a Piateda con il duo Hamid Drake-Iva Bittova
  Roberto Dell’Ava. Il Santuario di Javier e Vince
  Gran finale per Ambria Jazz con Alborada e Zayt Trio
  Ambriajazz verso il gran finale con Bojan Z, pianista super
  Il solo di Bearzatti al Palù conclude il weekend di AmbriaJazz
  AmbriaJazz: con (Re)Cantos e “Cime” il canto popolare si fa emozione
  Roberto Dell’Ava. Armonie ad Ambria Jazz 2022
  Nemmeno la solita pioggia riesce a fermare “AmbriaJazz”
  AmbriaJazz con Magoni e Demuru nella splendida Villa Visconti Venosta
  Roberto Dell’Ava. Quando We Tuba fa scalo a Tirano
  Ambriajazz, finale con Rabarbaro Swing
  Sorpresa ad Ambria Jazz: è tornato Paolo Fresu
  Organo e serpentone nella chiesa gremita. Week end ricco a Lanzada e Grosio
  “Mi farò ispirare da un luogo stupendo”. Chiude con Bosso l'AmbriaJazz
  Ricco weekend tra miniera e teatro. Oggi The Rad Trads in Valdidentro
  AmbriaJazz. A Teglio, con La Manna, Cramerotti e Savoretti, la conclusione del Festival
  Roberto Dell’Ava. L'undicesimo festival: Ambria Jazz
  AmbriaJazz. Vedere la musica
  AmbriaJazz 2016, in arrivo giorni di fuoco
  Roberto Dell'Ava. Coltivare bellezza: Ambria Jazz in Valtellina
  Successo a Chiuro per Petrella & Co.
  All’Edil Bi affollata notte “nordica”. Ponte attende Godard ed Emler
  AmbriaJazz. Gli ultimi appuntamenti di luglio
  Roberto Dell'Ava. Lo stato dell'arte secondo Bosso
  Roberto Dell’Ava. Ambria Jazz fa 13 e si rinnova in green
  AmbriaJazz Festival 2016: conclusa la 8ª edizione
  Grande musica tra Piateda e Sondrio. ForteMente collabora ad “ambriaJazz09”
  Pen Jazz a Monza. 27 e 28 giugno, due serate strepitose
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy