Giovedì , 21 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Diritti negati. La Lombardia deve risarcire Englaro 
Marco Cappato* su “il manifesto” di oggi
09 Aprile 2016
 

«Questa è la fine dell’inizio», ha commentato Beppino Englaro. «Questa è la sentenza chiave, che chiude il cerchio definitivamente. Ci ho messo un quarto di secolo della mia vita e ora la strada è stata tracciata affinché siano rispettati i diritti fondamentali delle persone. Dal 1992 a oggi ho sempre avute chiare la libertà e il diritto di mia figlia a decidere della propria vita, concetti che lei aveva ben definiti e che aveva manifestato in più occasioni. L’inizio è che da oggi chi vuole autodeterminarsi, qualunque decisione assuma, sa che cosa deve fare e di certo non dovrà patire quello che ho patito io».

Il Tribunale amministrativo regionale ha condannato la Regione Lombardia a risarcire Englaro con 142 mila euro. I fatti risalgono al 2008, quando Roberto Formigoni, allora Presidente lombardo, impedì di far rispettare la sentenza del Consiglio di Stato sull’interruzione delle terapie di Eluana. Formigoni obbligò Englaro a spostarsi in Friuli per ottenere il rispetto della volontà di Eluana. Il risarcimento stabilito dal Tar copre il costo del trasporto di Eluana alla clinica “La Quiete” di Udine, e il piantonamento della struttura, reso indispensabile dai continui attacchi di gruppi fondamentalisti. A Formigoni e alla Regione Lombardia è contestata «la natura dolosa del rifiuto regionale, che ha reso ancora più gravosa la condizione esistenziale» di Beppino Englaro e della moglie Saturna, deceduta qualche mese fa dopo anni di malattia.

Già nel settembre 2014, il Consiglio di Stato dichiarò illegittima la decisione della Regione Lombardia, perché la Regione era «tenuta a fornire la cure a Eluana, e il diritto ad avere una cura comprende, anche, il diritto di interromperla».

La sentenza del Tar arriva a confermare una giurisprudenza consolidata dal caso Welby in poi nel seguire un principio fondamentale: nessuno può negare a un paziente il diritto costituzionale a sospendere le terapie, nemmeno nel caso di sospensione dell’alimentazione e dell’idratazione e nemmeno se la persona che ha espresso la scelta non è più in grado di intendere e di volere.

C’è da sperare, a questo punto, che la politica ne voglia tenere conto. In particolare, i parlamentari impegnati nella discussione sulle proposte di legge in materia di fine vita (tra le quali la proposta di iniziativa popolare dell’associazione Luca Coscioni) dovrebbero considerare l’urgenza di far fare un passo avanti al nostro Paese fornendo un quadro giuridico certo, all’interno del quale si possano esprimere le volontà del paziente. Nella scorsa legislatura, attraverso il disegno di legge Calabrò, la maggioranza di allora tentò l’operazione opposta, cioè il tentativo di minare la giurisprudenza e la stessa Costituzione, riducendo le direttive anticipate di trattamento a mere «dichiarazioni» non vincolanti e sottraendo l’alimentazione e l’idratazione dal novero dei trattamenti rinunciabili. Una siffatta legge, “contro” e non “per” il testamento biologico, farebbe probabilmente la fine della legge 40: finirebbe cioè smontata dai tribunali e dalla Corte costituzionale, naturalmente a prezzo di grandi sacrifici personali dei malati e dei loro parenti.

La strada parlamentare è la più importante, ma non l’unica. Proprio la Regione Friuli ha approvato una legge regionale che introduce la possibilità di inserire le direttive anticipate di trattamento nella tessera sanitaria regionale, rendendo così molto più agevole la consultazione delle volontà del paziente da parte degli operatori sanitari. Il governo Renzi ha bloccato tutto con un ricorso alla Corte costituzionale, ma altre regioni potrebbero seguire. In Lombardia, nei giorni scorsi, con diverse associazioni e gruppi abbiamo depositato ben oltre le 5.000 firme necessarie su una legge regionale di iniziativa popolare con lo stesso obiettivo della legge friuliana.

Che sia bene non arrendersi, ce lo spiega lo stesso Beppino Englaro: «Il mio calvario, attraversato perché lo dovevo a mia figlia, dimostra che il cittadino qualunque può davvero cambiare le cose dal basso. Il regalo di Eluana, il più grande, è che oggi chiunque potrà rivendicare il diritto fondamentale di disporre della propria vita, libertà che nessuno può toccare».

 

 

* Presidente Radicali italiani, tesoriere Associazione Luca Coscioni e candidato sindaco di Milano.


Articoli correlati

  Roberto Biscardini. Englaro. Dove è finito lo stato di diritto
  Englaro. Finalmente si pone fine a trattamento indegno. Subito legge sul testamento biologico
  Valter Vecellio. Capita di sognare!
  Miriam Della Croce. Bagnasco si contraddice
  Milano. Socialisti in piazza contro Formigoni per il caso Englaro
  Valter Vecellio. Hanno paura. Ma continuano a fare del male
  “Tra scienza, etica e diritto”
  Caso Englaro. Cassazione conferma libertà di scelta
  Renato Pierri. L'omicidio è altra cosa
  Beppino Englaro presenta a Morbegno “La ballata di Corinna” di Lucia Genga
  Valter Vecellio. Prosciolto Beppino Englaro
  Vittorio Giorgini: Vaticano e corpo di Eluana Eglaro
  Gianni Somigli. «Ma la Chiesa è un’altra cosa»
  M. Antonietta Farina Coscioni. Vieni via con me: pretestuosa la richiesta di parcondicio dell'Udc
  Caso Englaro
  Valter Vecellio. Dopo Chianciano, una riflessione a margine
  Verità e menzogne su “eutanasia”, Coscioni, Welby, Englaro...
  Noi Siamo Chiesa. Lettera aperta alle associazioni dell’area cattolico-democratica
  Arco di Trento. Laikoday 2017
  Silvio Viale: “Faccia un passo indietro e vada a trovare Eluana”
  Comunità dell'Isolotto. Testamento biologico e amore per la vita
  Maria Lanciotti: I lupi-agnello papisti sul corpo di Eluana Englaro
  Benedetto Della Vedova. Assurdo parlare di omicidio
  Anticipazioni: Lucia Genga. La ballata di Corinna
  Patrizia Garofalo. La vicenda della famiglia Englaro nei libri di Beppino
  Marco Bellocchio: “In Italia la dittatura è interna alla democrazia”
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 9
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 6
  “Noi Siamo Chiesa”. Un documento sul Sinodo e uno sul caso Englaro
  Eluana. Il Parlamento strappa la toga al giudice per indossarla in nome dello Stato etico
  Englaro. Con la mozione, è il Senato che cerca di sostituirsi alla magistratura
  Patrizia Garofalo. Per Eluana e suo padre
  Gabriella Vesce. Lettera aperta ad Eluana
  Luca Kocci. Sul fine-vita non si fiata
  Rosario Amico Roxas: Il Diritto canonico contro Eluana e Welby e pro banda della Magliana!
  Eutanasia/Ass. Coscioni: Salgono a 225 i parlamentari per la legalizzazione
  Lecco. 17 rose: il Partito Socialista in piazza per Eluana Englaro
  M. Antonietta Farina Coscioni. “Non siamo in una Repubblica pontificia”
  Sentenza Englaro. Le atroci menzogne di gerarchie vaticane senza misericordia
  Englaro RU486 Biobanche Class action... La commistione dei poteri
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Dedicata a Beppino Englaro
  Valter Vecellio. Commenti in nome della vita (e senza misericordia)
  Rocco Berardo, Associazione Coscioni. Per Eluana, 17 anni dopo
  Patrizia Garofalo. Del malinteso pluralismo
  Pietro Yates Moretti. La verità su Eluana Englaro: mediaticamente inesistente
  Tre anni fa ci ha lasciato Luca Coscioni
  “Dignità del vivere, dignità del morire e libertà di autodeterminazione”
  Englaro. Dopo le denunce di Aduc e Radicali, indagato il ministro Sacconi
  Caso Englaro: Viale smaschera il prof. Dolce e i firmatari dell’appello contro Eluana
  Doriana Goracci: Voci della banda eversiva per l'alimentazione forzata di Eluana Eglaro
  Patrizia Garofalo. “La ballata di Corinna” di Lucia Genga
  Benedetto Della Vedova. Caso Englaro e testamento biologico
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 3
  Gallo e Cappato. Il Parlamento realizzi una riforma di civiltà
  Doriana Goracci: Un nipote e due sentenze, Genova Scuola Diaz e Eluana Eglaro
  “Scuola e Diritti”. Una giornata speciale… a scuola di laicità…?
  M. A. Farina Coscioni. Berlusconi sbaglia: per Eluana non c'è stata alcuna interferenza dei magistrati
  Anniversario di Eluana Englaro: presidio a Milano, martedì 9 febbraio
  Sondrio. Riprende l'attività, con maggio, il Centro di Documentazione Rigoberta Menchù
  La mia vita senza me
  Francesco Pullia. Accanimento terapeutico. Nella Chiesa non c’è un pensiero unico
  Milano. Sospesi tra Terra e Cielo
  Maria Lanciotti: Eluana Englaro, ...non puoi andare in pace
  Caso Englaro. ADUC e Radicali denunciano il Ministro Sacconi per violenza privata e turbativa di servizio pubblico
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy