Venerdì , 16 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Diario del digiuno. 6 
Tre evviva: per Rosy Bindi, Federico Orlando, Paolo Pillitteri
31 Luglio 2008
 

«Marco Pannella è il solo uomo politico che costantemente dimostri di avere il senso del diritto,della legge, della giustizia.

«Ce ne saranno altri, ma senza volto e senza voce, immersi e sommersi in partiti la cui sensibilità ai problemi del diritto soltanto si manifesta quando qualche mandato di cattura raggiunge uomini del loro apparato: per il resto se ne stanno in silenzio…

«Pannella, e le non molte persone che come lui (e con le quali mi onoro di stare) si trovano dunque ad assolvere un compito ben gravoso e difficoltoso: ricordare agli immemori l’esistenza del diritto e rivendicare tale esistenza di fronte ai giochi di potere che appunto nel vuoto del diritto, o nel suo stravolgimento, la politica italiana conduce…».

(Leonardo Sciascia)

 

 

Primo evviva per Rosy Bindi: ieri ha presentato all’ufficio di presidenza della Camera la relazione sull’inammissibilità del conflitto di attribuzione nei confronti della Corte di Cassazione, in relazione al “caso Englaro”: «Si può discutere e e criticare il contenuto delle sentenze che intervengono su una materia densa di implicazioni etiche e sulle quali sono possibili diverse opzioni di valore», si legge nella relazione. «Ma questi argomenti non mettono in discussione la legittimità della decisione assunta dalla Corte di Cassazione».

Rosy Bindi ricorda che la questione non riguarda il merito della vicenda, ma solo la delimitazione delle sfere costituzionali delle Camere e della magistratura, e nella sua relazione richiama il principio generale dell’ordinamento giuridico per il quale «il giudice non ha la facoltà di non pronunciarsi in ordine a una istanza sottoposta al suo esame adducendo l’inesistenza di una norma di legge”. Nel caso in esame, si spiega che “ogni affermazione dei giudici appare confortata da un rinvio diretto o indiretto, per analogia, alle norme vigenti, secondo la relativa giurisprudenza interpretativa. Le motivazioni delle sentenze, evidenziano con chiarezza le argomentazioni di fatto e di diritto alla base delle decisioni, e dimostrano il carattere indefettibile della loro natura giurisdizionale».

Prosegue la relazione: «C’è da chiedersi se il conflitto di attribuzione non riguardi piuttosto il merito della decisione. Se così fosse, si tratterebbe di un improprio e anomalo mezzo di impugnazione della decisione della Corte di Cassazione ed anzi, configurandosi come una censura da parte di un diverso potere, rischierebbe di porre in discussione proprio quella indipendenza della magistratura sancita dall’art. 110 della Costituzione a tutela del principio della divisione dei poteri».

La relazione di Bindi contesta anche la tesi che l’esercizio dell’attività giurisdizionale possa aver menomato la sfera di attribuzione del Parlamento: «Le decisioni dell’autorità giudiziaria costituiscono pieno ed esclusivo esercizio della funzione giurisdizionale e, anche quando assumono carattere innovativo, lasciano del tutto inalterato il potere delle Camere».

Infine, si auspica che sia presto colmato «il vuoto legislativo su questa materia…». Pertanto, «in questo contesto sollevare un conflitto di attribuzione a tutela della libertà di non decidere del Parlamento significa in realtà implicitamente dichiarare la propria impotenza,auspicando, attraverso lo strumento del conflitto, una diversa composizione degli interessi in sede di interpretazione giurisdizionale. Una strada che comporta forti rischi sul piano del rispetto del principio della divisione dei poteri. Neanche i valori più alti, come il diritto alla vita possono essere tutelati al di fuori della legge o contro la legge. Per questo, come osserva Zagrebelsky, occorre stabilire la mite coesistenza di legge, diritti e giustizia, perché il diritto non è proprietà di uno ma deve essere oggetto delle cure di tanti».

 

Evviva dunque la cattolica Rosy Bindi: che anche oggi ci ha dato una buona, importante, preziosa lezione di vera laicità e senso delle istituzioni (con buona pace dei tanti “laici in gonnella” in circolazione).

 

Secondo evviva, per il condirettore di Europa, Federico Orlando. Perfetto, il suo editoriale di mercoledì. Coglie nel segno, individua con precisione il succo della questione, il senso della partita che si sta giocando.

È un lusinghiero riconoscimento il suo («L’unica battaglia liberale combattuta ai 40 gradi di Roma in queste settimane...»). Ma se quella in cui sono impegnati i radicali in queste ore è l’unica «battaglia liberale» in circolazione, non converrebbe interrogarci e domandarci perché si sia soli, isolati nel farla? Cosa fanno, in cosa sono impegnati (o non fanno e non solo impegnati) gli altri?

«Altissima è la voce della pattuglia radicale, al punto che nemmeno l’ermetica congiura del silenzio di tutti i Goebbles della libera stampa riesce a soffocarla interamente…», annota Orlando. Sì, ma a che prezzo, ogni volta, si riesce ad emettere qualche suono che sia percepibile? È da un mese, quasi, che Marco Pannella è in sciopero della fame, per scongiurare la possibile, probabile condanna a morte di Tarek Aziz. A parte (rari) francobolli e incisi, quanti servizi, quante trasmissioni sono state dedicate alla questione? Chi tace acconsente: con il boia.

 

Terzo evviva, per Paolo Pillitteri. Su L’Opinione osserva che Veltroni dà l’impressione «di voler giocare sotto banco, azionando ora i pedali del vulnus berlusconiano alla libertà di scelta, ora quelli della trattativa (sotterranea) globale per Rai e Commissione, sperando di portare a casa posti per la prima e presidenza, sua e non dell’ldv, per la seconda. Da manuale». Poi aggiunge: «L’occupazione radicale non è illegale, non è con la doppia kappa, ma, al contrario, una mossa politica interna alla opposizione per inviare un promemoria chiaro e forte allo stesso Veltroni. E alla sua “bella” politica».

 

Anche Pillitteri coglie uno degli aspetti della questione. Se ne potrebbe e dovrebbe parlare: magari partendo dalla concezione e proposta radicale di Partito Democratico, e dalla concezione e proposta offerta da chi il Partito Democratico lo “governa”. Andrebbe recuperato, magari il dibattito a proposito delle primarie, quando si chiuse in faccia la porta a Pannella, e poi il niet alle liste elettorali; e tanto altro ancora. Sarebbe bello, interessante, istruttivo. Per questo non se ne farà nulla.

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 30 luglio 2008)


Articoli correlati

  Englaro. Dopo le denunce di Aduc e Radicali, indagato il ministro Sacconi
  Englaro RU486 Biobanche Class action... La commistione dei poteri
  Marco Bellocchio: “In Italia la dittatura è interna alla democrazia”
  Doriana Goracci: Un nipote e due sentenze, Genova Scuola Diaz e Eluana Eglaro
  Sentenza Englaro. Le atroci menzogne di gerarchie vaticane senza misericordia
  Lecco. 17 rose: il Partito Socialista in piazza per Eluana Englaro
  Arco di Trento. Laikoday 2017
  Eluana. Il Parlamento strappa la toga al giudice per indossarla in nome dello Stato etico
  Benedetto Della Vedova. Assurdo parlare di omicidio
  Francesco Pullia. Accanimento terapeutico. Nella Chiesa non c’è un pensiero unico
  Patrizia Garofalo. Per Eluana e suo padre
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 9
  Gabriella Vesce. Lettera aperta ad Eluana
  Comunità dell'Isolotto. Testamento biologico e amore per la vita
  Caso Englaro
  “Dignità del vivere, dignità del morire e libertà di autodeterminazione”
  Maria Lanciotti: I lupi-agnello papisti sul corpo di Eluana Englaro
  Valter Vecellio. Dopo Chianciano, una riflessione a margine
  Rosario Amico Roxas: Il Diritto canonico contro Eluana e Welby e pro banda della Magliana!
  Sondrio. Riprende l'attività, con maggio, il Centro di Documentazione Rigoberta Menchù
  Anniversario di Eluana Englaro: presidio a Milano, martedì 9 febbraio
  M. Antonietta Farina Coscioni. “Non siamo in una Repubblica pontificia”
  Eutanasia/Ass. Coscioni: Salgono a 225 i parlamentari per la legalizzazione
  Caso Englaro: Viale smaschera il prof. Dolce e i firmatari dell’appello contro Eluana
  Englaro. Finalmente si pone fine a trattamento indegno. Subito legge sul testamento biologico
  Beppino Englaro presenta a Morbegno “La ballata di Corinna” di Lucia Genga
  Verità e menzogne su “eutanasia”, Coscioni, Welby, Englaro...
  Caso Englaro. ADUC e Radicali denunciano il Ministro Sacconi per violenza privata e turbativa di servizio pubblico
  Benedetto Della Vedova. Caso Englaro e testamento biologico
  M. A. Farina Coscioni. Berlusconi sbaglia: per Eluana non c'è stata alcuna interferenza dei magistrati
  Renato Pierri. L'omicidio è altra cosa
  Luca Kocci. Sul fine-vita non si fiata
  Vittorio Giorgini: Vaticano e corpo di Eluana Eglaro
  Roberto Biscardini. Englaro. Dove è finito lo stato di diritto
  Diritti negati. La Lombardia deve risarcire Englaro
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Dedicata a Beppino Englaro
  Gallo e Cappato. Il Parlamento realizzi una riforma di civiltà
  La mia vita senza me
  M. Antonietta Farina Coscioni. Vieni via con me: pretestuosa la richiesta di parcondicio dell'Udc
  Valter Vecellio. Commenti in nome della vita (e senza misericordia)
  Tre anni fa ci ha lasciato Luca Coscioni
  Anticipazioni: Lucia Genga. La ballata di Corinna
  Englaro. Con la mozione, è il Senato che cerca di sostituirsi alla magistratura
  “Noi Siamo Chiesa”. Un documento sul Sinodo e uno sul caso Englaro
  Caso Englaro. Cassazione conferma libertà di scelta
  “Tra scienza, etica e diritto”
  Patrizia Garofalo. Del malinteso pluralismo
  Valter Vecellio. Capita di sognare!
  Doriana Goracci: Voci della banda eversiva per l'alimentazione forzata di Eluana Eglaro
  Pietro Yates Moretti. La verità su Eluana Englaro: mediaticamente inesistente
  Milano. Socialisti in piazza contro Formigoni per il caso Englaro
  Silvio Viale: “Faccia un passo indietro e vada a trovare Eluana”
  Gianni Somigli. «Ma la Chiesa è un’altra cosa»
  Miriam Della Croce. Bagnasco si contraddice
  Patrizia Garofalo. “La ballata di Corinna” di Lucia Genga
  Milano. Sospesi tra Terra e Cielo
  Noi Siamo Chiesa. Lettera aperta alle associazioni dell’area cattolico-democratica
  Rocco Berardo, Associazione Coscioni. Per Eluana, 17 anni dopo
  Valter Vecellio. Prosciolto Beppino Englaro
  “Scuola e Diritti”. Una giornata speciale… a scuola di laicità…?
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 3
  Valter Vecellio. Hanno paura. Ma continuano a fare del male
  Patrizia Garofalo. La vicenda della famiglia Englaro nei libri di Beppino
  Maria Lanciotti: Eluana Englaro, ...non puoi andare in pace
  Radicali: cresce mobilitazione per la legalità del Parlamento
  Commissione vigilanza Rai. I partiti come il dio Kronos: si sono mangiati il proprio figlio
  I parlamentari radicali mantengono il presidio a San Macuto
  Marco Pannella. Da R/esistenza a Conquista...
  Rai-Consulta. Pannella al 9° giorno di sciopero della sete
  Marco Pannella. Se Villari dovesse dimettersi verrebbe preso in giro anche il Capo dello Stato
  Rai. Commissione Vigilanza. Basta con la tv di Stato!
  Rai e commissione parlamentare di vigilanza. Una beffa in cui controllori e controllati sono gli stessi
  Vincenzo Donvito. Rai. Abbiamo la commissione parlamentare di vigilanza... e ora?
  Marco Pannella. Estromettere quanti occupano con la violenza il nostro Paese
  Marco Pannella. Perché grido convinto: viva l’abominevole Santoro, e il suo insopportabile “Anno Zero”
  Valter Vecellio. Sarà un bel congresso, compagni
  I parlamentari radicali occupano l’Aula di Montecitorio
  Commissione parlamentare di Vigilanza: la legalità repubblicana difesa solo da Marco Pannella
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 5
  Valter Vecellio. Il miglior alleato di Berlusconi è Di Pietro, e il miglior alleato di Di Pietro è il PD, e…
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 4
  Commissione di Vigilanza Rai. Azione nonviolenta
  Dichiarazione di Marco Pannella dalla Commissione di vigilanza RAI TV
  Roma. Dalle 14 di oggi assemblea permanente in via del Seminario
  Senato: ordine dei lavori. Presidenza si attivi per convocazione vigilanza Rai
  Valter Vecellio. Si comportano come i ladri di Pisa… Il diritto, la legalità, il rispetto della Legge
  Vincenzo Donvito. Commissione vigilanza Rai. Lo sfascio delle istituzioni
  Gian Domenico Mazzocato. La Bindi e l'acquario
  Erveda Sansi. Stop all’elettroshock
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy