Martedì , 11 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Patrizia Garofalo. “La ballata di Corinna” di Lucia Genga
23 Novembre 2013
 

Lucia Genga

La ballata di Corinna

Prefazione di Beppino Englaro

Booksalad, 2013, pagg. 190, € 14,00

 

Respiravo con il tuo ritmo, volevo cogliere il tuo ultimo respiro, sapevo che quello era mio, volevo esserci a rimetterti idealmente dentro di me, come un alito vitale, un parto alla rovescia”

 

Un libro a quattro mani, madre e figlia che nel loro viversi quotidiano scendono a patti con il dolore. Fermano ogni momento di un lungo percorso in cui morte e vita si alternano tra speranze e disillusioni, luci e abissi, volti, incontri, viaggi, sorrisi, amore e lacrime.

Precipita il respiro nel leggere in un orrido oscuro dove il dolore alcune volte perde la dimensione umana del sopportare e diventa urlo e lacerazione; parole di sguardi complici di madre e figlia che sanno ma comunque sperano e nella speranza riescono a godere di nuove nascite, di amici sinceri, di gesti d’amore come quelli dei nonni di Corinna e con forza abbattono muri di indifferenza, medici dubbiosi, la burocrazia che annienta la persona. Spesso ci coglie la dolcezza con quale Lucia e Corinna vengono accolte nelle cliniche, nelle lunghe ospedalizzazioni per ritrovarsi poi a girare nelle bellezze di Parigi e trovarci la loro anima, il pulsare dei loro corpi negli abbracci che ricostituiscono sempre nuove parole da confidarsi e scrivere insieme nella ballata a più voci fissata sulla pagina come un lacerto di pelle salvato ad un saccheggio profanatore. Alle immagini rapide, confuse, poco personalizzate delle stanzette d’ospedale, il viaggiare, vedere le bellezze delle città lo colgo intensamente nell’anima come una ballata, di figure leggere che sembrano volare sopra il dolore che alita vita negli incontri con i fratelli, nella casa che Corinna ama, nei giochi con i fratelli, nell’amore per suo padre, nella figura dolcissima di suo marito mai assente. Spesso in disparte però come volesse essere chiamato. «[...] la tua vita scorre. Corri più veloce che puoi, metti le ali ai tuoi piedi e assapora il tuo momento. Sfuggi al bombardamento degli eventi. La tua vita corre, la tua vita rotola, corri avanti e tendi le mani. Afferra più felicità che puoi, non lasciarla andar via».

Lo scritto nelle due grafie di madre e figlia scorrono, fermano, narrano la vita di entrambe a cui si lega in ogni parola la forza di entrambe davanti ad un’altalena continua di cadute e risalite, pensieri bambini, adolescenti, di giovane donna e moglie innamorata, della mamma che tenta di distrarre il dolore con la vita di ogni giorno cercandone ipotesi di futuro e di sempre più forte empaticità con Corinna.

«Anche in questo ospedale mi salassano con una certa frequenza e mi torturano inutilmente, tenendomi ferma in più persone». «Andiamo ad abitare in una piccola casa a 5 km da Montieri… la casa è piccola ma accogliente e io dormo con mamma e quindi la notte non ho paura» e la gatta Stellina «l’amo pazzamente, la coccolo, la bacio e la vesto con le magliette dei miei bambolotti… quando parto per Parigi e gli altri viaggi in cui non so mai la data del ritorno, abbraccio forte la mia gatta e piango perché non voglio lasciarla». «[...] altre corse in ospedale, altri mesi di permanenza in una Parigi splendida… il lento scorrere della Senna scandiva il nostro vivere e il nostro soffrire». Una Parigi che si teme e si ama nei suoi colori autunnali, nelle luci dei ristoranti, nelle cose ai grandi magazzini, città vissuta nel turbinio delle “passioni” di Lucia e Corinna che viene a significare a mio avviso il paradigma di duplicità che spesso la vita offre a chi ha la forza di viverne gli opposti di dolore e gioia.

E gli incontri che, credo, costituiscano il filo rosso del testo. Quelli per primi con i nonni, le amiche che la seguiranno per tutta la sua breve vita, il marito, i genitori («E la sua bocca si riempiva della parola mamma»), il personale ospedaliero, medici attenti, infermiere complici e ricche di partecipazione vedono anche il loro contrario in dottori dubbiosi e poco competenti, in personale assuefatto al dolore, in un odore persistente di urina e dolore, nei monatti che vorrebbero portarla via dopo l’ultimo respiro. È una scrittura che diventa responsabile e connotativa di una vita che fatica a lottare mentre scorre impetuosa e urlata e sognata, tenace nel lascito a noi lettori di un testamento d’amore.

Nella rivista Chiaroscuro, il 16 maggio 2012, dedicato alla vicenda di Eluana Englaro, Lucia Genga scriveva: «Io lottavo per la vita di mia figlia e tu, Beppino, per la sua morte ma lottavamo per la stessa cosa: per difendere il diritto alla vita che è anche diritto di morire. È una battaglia che ci ha logorati e, allo stesso tempo, reso più forti».

E sarà proprio Beppino Englaro a dar voce a La ballata di Corinna: «ad un certo punto della vita non è la speranza l’ultima a morire ma il morire è l’ultima speranza»; «ci vuole un grande coraggio e una straordinaria fermezza per giungere fino in fondo da soli, togliendosi la corazza e presentandosi nudi ed umani alla meta».

Una straordinaria consonanza che qualsiasi parola sarebbe insufficiente a significare, da leggere in un silenzio che come la vita dovrebbe, ci consegna puro il respiro e la forza d’amare.

 

Patrizia Garofalo

 

 

 

In allegato invito alla

Presentazione del volume a cura di Beppino Englaro

Ferrara, Palazzo Bonacossi – Martedì 3 dicembre 2013


Foto allegate

Articoli correlati

  Beppino Englaro presenta a Morbegno “La ballata di Corinna” di Lucia Genga
  Incontri: “La ballata di Corinna” di Lucia Genga
  Anticipazioni: Lucia Genga. La ballata di Corinna
  “Tra scienza, etica e diritto”
  Englaro. Con la mozione, è il Senato che cerca di sostituirsi alla magistratura
  Marco Bellocchio: “In Italia la dittatura è interna alla democrazia”
  Valter Vecellio. Hanno paura. Ma continuano a fare del male
  Englaro. Finalmente si pone fine a trattamento indegno. Subito legge sul testamento biologico
  Doriana Goracci: Un nipote e due sentenze, Genova Scuola Diaz e Eluana Eglaro
  Lecco. 17 rose: il Partito Socialista in piazza per Eluana Englaro
  Englaro RU486 Biobanche Class action... La commistione dei poteri
  Sentenza Englaro. Le atroci menzogne di gerarchie vaticane senza misericordia
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 6
  Caso Englaro. Cassazione conferma libertà di scelta
  Francesco Pullia. Accanimento terapeutico. Nella Chiesa non c’è un pensiero unico
  Patrizia Garofalo. Per Eluana e suo padre
  Gabriella Vesce. Lettera aperta ad Eluana
  Comunità dell'Isolotto. Testamento biologico e amore per la vita
  Eluana. Il Parlamento strappa la toga al giudice per indossarla in nome dello Stato etico
  Caso Englaro
  Englaro. Dopo le denunce di Aduc e Radicali, indagato il ministro Sacconi
  “Dignità del vivere, dignità del morire e libertà di autodeterminazione”
  Benedetto Della Vedova. Assurdo parlare di omicidio
  Valter Vecellio. Dopo Chianciano, una riflessione a margine
  Rosario Amico Roxas: Il Diritto canonico contro Eluana e Welby e pro banda della Magliana!
  Sondrio. Riprende l'attività, con maggio, il Centro di Documentazione Rigoberta Menchù
  Eutanasia/Ass. Coscioni: Salgono a 225 i parlamentari per la legalizzazione
  Caso Englaro: Viale smaschera il prof. Dolce e i firmatari dell’appello contro Eluana
  Renato Pierri. L'omicidio è altra cosa
  Benedetto Della Vedova. Caso Englaro e testamento biologico
  Maria Lanciotti: I lupi-agnello papisti sul corpo di Eluana Englaro
  M. Antonietta Farina Coscioni. “Non siamo in una Repubblica pontificia”
  Verità e menzogne su “eutanasia”, Coscioni, Welby, Englaro...
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 9
  Vittorio Giorgini: Vaticano e corpo di Eluana Eglaro
  La mia vita senza me
  Silvio Viale: “Faccia un passo indietro e vada a trovare Eluana”
  Caso Englaro. ADUC e Radicali denunciano il Ministro Sacconi per violenza privata e turbativa di servizio pubblico
  Diritti negati. La Lombardia deve risarcire Englaro
  Gallo e Cappato. Il Parlamento realizzi una riforma di civiltà
  Luca Kocci. Sul fine-vita non si fiata
  M. Antonietta Farina Coscioni. Vieni via con me: pretestuosa la richiesta di parcondicio dell'Udc
  “Noi Siamo Chiesa”. Un documento sul Sinodo e uno sul caso Englaro
  Tre anni fa ci ha lasciato Luca Coscioni
  Anniversario di Eluana Englaro: presidio a Milano, martedì 9 febbraio
  Valter Vecellio. Commenti in nome della vita (e senza misericordia)
  Patrizia Garofalo. Del malinteso pluralismo
  Valter Vecellio. Capita di sognare!
  Doriana Goracci: Voci della banda eversiva per l'alimentazione forzata di Eluana Eglaro
  Pietro Yates Moretti. La verità su Eluana Englaro: mediaticamente inesistente
  Milano. Socialisti in piazza contro Formigoni per il caso Englaro
  Gianni Somigli. «Ma la Chiesa è un’altra cosa»
  M. A. Farina Coscioni. Berlusconi sbaglia: per Eluana non c'è stata alcuna interferenza dei magistrati
  Miriam Della Croce. Bagnasco si contraddice
  Roberto Biscardini. Englaro. Dove è finito lo stato di diritto
  Milano. Sospesi tra Terra e Cielo
  Noi Siamo Chiesa. Lettera aperta alle associazioni dell’area cattolico-democratica
  Rocco Berardo, Associazione Coscioni. Per Eluana, 17 anni dopo
  Valter Vecellio. Prosciolto Beppino Englaro
  “Scuola e Diritti”. Una giornata speciale… a scuola di laicità…?
  Arco di Trento. Laikoday 2017
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 3
  Patrizia Garofalo. La vicenda della famiglia Englaro nei libri di Beppino
  Maria Lanciotti: Eluana Englaro, ...non puoi andare in pace
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Dedicata a Beppino Englaro
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy