Domenica , 27 Maggio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Calamaro gigante
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vittorio Giorgini: Vaticano e corpo di Eluana Eglaro
21 Novembre 2008
 

Sono passati quasi diciassette anni da quel lontano gennaio del 1992, quando, causa un incidente stradale, Eluana entrò in coma profondo per un trauma cranico grave.

 

Noi viviamo in una buona società dove ci preoccupiamo dei deboli, dei poveri e dei sofferenti, perché siamo quasi tutti molto buoni e per dimostrarlo nulla di meglio è che avere a portata di mano poveri, deboli, dei sofferenti e dei disperati. Poi esiste la storia della sacralità, che va dall’ovulo, allo sperma, all’embrione, fino a questi che, come Eluana, devono essere chiamati, senza falsi pudori, “morti viventi”.

 

Il concetto è orribile, ma è la conseguenza di sviluppi di quelle scienze e tecniche che splendide sarebbero se non cadessero spesso in mani terroristiche, sfruttatrici e impudiche. Scienze e tecniche che nella storia, sappiamo, sono state osteggiate dalle Chiese, fino al punto da produrre martiri, sono poi state da queste utilizzate (e tuttora lo sono) quando hanno fatto loro comodo.

 

Le nostre ipocrisie vogliono che si dimentichino gli orrori di cui nel tempo ci siamo macchiati; oggi consideriamo barbari i kamikaze, i lapidatori, i tagliatori di teste, ma anche quei cerimoniali che sono al limite delle torture e delle violenze corporali, come le infibulazioni, le circoncisioni e vari altri. È incredibile come le cecità intellettuali indichino con disprezzo certe pratiche magari non rendendosi conto di far parte di categorie simili. Chi è circonciso critica gli infibulatori, chi imprigiona e tortura critica i lapidatori, chi si fa scoppiare o bombarda lo fa giustificando la lotta contro gli sgozzatori e così via è sempre stato.

 

Questo fatto di voler difendere a ogni costo un corpo morto da tanti anni, giustificando la cosa col fatto che alcuni organi ancora funzionano, ma con l’aiuto di tecniche e strumenti sofisticati, perché magari dopo anni può avvenire un “miracolo”, è cosa assurda dal momento che il miracolo non avverrà e, qualora sia avvenuto il risveglio (che di solito avviene dopo poco tempo dall’inizio del coma), non si è mai reso noto quali siano state le condizioni della vita successiva il risveglio stesso. Mai è stato detto che cosa successe di Lazzaro dopo la resurrezione, che del resto non è altro che un racconto! Quasi sempre si tratta di condizioni di vita da zombie.

 

Certo è che il coma irreversibile consente con respirazioni e nutrimenti forzati ad alcuni organi di funzionare, ma tanto le cose che entrano nel corpo per sostenerlo che quelle che ne vengono fatte uscire per evacuarlo significano una situazione per cui l’aggettivo “ipocrita” non è sufficiente e certamente non si può parlare di dignità o di qualità di vita.

 

Vogliamo in aggiunta suggerire un fatto di cui non si parla perché la scienza è ancora lontana da certe scoperte. Cosa ne direste a chi vi suggerisse che un corpo sostenuto, da macchine che ne tengono in movimento la vita vegetativa, ma che per tutto il resto è come morto, inerte, non sia immerso in alcune parti del suo cervello in una specie di sonno e che il suo subcosciente abbia delle più o meno chiare percezioni, appunto come in un sogno – incubo terribile? –, al quale sogno il corpo sia condannato a non potersi ribellare e che questo coma profondo porti con sé una tortura di percezioni subcoscienti, alle quali corrisponde un’impotenza assoluta di reazione? Il solo pensiero di tale possibilità dovrebbe riempirci di orrore e di pietà: certo sarebbe una delle più orrende torture.

 

Nemmeno esistono aggettivi per definire le campagne che i cosiddetti credenti fanno, sfruttando casi simili a quello di Eluana, nel nome della sacralità del corpo. Proprio questi credenti, e non sono solo i cristiani, ma praticamente quelli di tutte le religioni, che tanto oggi parlano di sacralità del corpo, dimenticano, dato che la memoria storica ha tempi brevissimi, che nel passato il rispetto del corpo non era assolutamente preso in considerazione. Parlando delle nostre religioni cristiane, ma vale anche per molte altre, la necrofilia su cui si basano dovrebbe essere ricordata; questa infatti viene usata quale propaganda, anche in questo caso: le tecniche di queste scienze tanto osteggiate da tutti i prelati producono un fenomeno nuovo per cui la vita in bilico con la morte sollecita le paure ataviche del morire, con le speranze altrettanto ataviche delle vite eterne. Queste propagande sono state sviluppate per aumentare il lucro e il potere delle autorità religiose a scapito degli ingenui creduloni.

 

Questi stessi difensori della sacralità vogliono che si dimentichino gli orrori di cui si sono macchiati fino all’Ottocento e poi ancora oggi… La storia dei martiri cristiani, con cui la nostra necrofilia è stata alimentata, continua con le antiche tradizioni di grandi monumenti funerari per reliquie più o meno mummificate e con il moltiplicarsi delle chiese dedicate allo stesso santo (quanti pezzi del cuore, o degli occhi o delle dita di questi o questa dovevano moltiplicarsi per produrre le famose sante reliquie!). Come ancora oggi avviene per il corpo di padre Pio nella chiesa principale di San Giovanni Rotondo, dove c’è il corpo intero con tutti i pezzi al loro posto, succede che, se c’è, si utilizza il corpo intero conservato nella principale chiesa dedicata al santo, mentre nelle altre dedicate allo stesso santo ci sono singole reliquie, che dunque dovrebbero essersi moltiplicate.

 

Io dico: “Che schifo!”, ma pure questo schifo quanto serve ad alimentare la fede degli umili e poveri modesti credenti! Sono d’accordo che la mia possa essere chiamata presunzione, ma di fronte a quella dei costruttori di reliquie, di cadaveri e simili, visto che loro parlano nel nome di un Dio, col quale non è certo dimostrata una linea di comunicazione diretta,1 penso che non sia la mia, ma la loro, vera presunzione, oppure vera fede cieca. La sacralità del corpo non ha impedito quantità di martirii molto maggiori di quanti non sono i martirii subiti dai cristiani. Ma questi màrtiri, da Ipazia d’Alessandria e ben prima di lei, a Giordano Bruno e ben dopo di lui, assieme alle tante streghe, eretici e simili, per quanto moltissimi, ben pochi sono nei confronti di coloro che erano considerati selvaggi e senz’anima, per cui, se non si facevano battezzare, lavare da chissà poi quali peccati, dovevano essere sterminati con quei genocidi che hanno eliminato la quasi totalità degli indigeni delle Americhe e di tante altre popolazioni ben lontane dal Vaticano. Ricordiamo qui che sembra che le ultime tre condanne furono eseguite per conto di papa Pio IX nel 24 gennaio 1854; e vogliamo ricordare che fra le leggi – insindacabili – del Vaticano la condanna a morte pare fosse cancellata solo alla fine del XX secolo!

 

Ora questi signori, che tanta violenza, torture e sangue hanno causato dai secoli passati, vengono a voler profittare delle condizioni di vita artificiali, assolutamente inconcepibili con la dignità di un individuo della nostra stessa specie, qualsiasi essa sia, e questa è cosa di cui io come individuo ho vergogna, ma intanto, si sa, le società vengono plagiate fin dai primi anni di vita ed è così che continuiamo ad avere società cristiane, islamiche, indu, e quante altre ancora ne vogliate; continueremo a vivere le assurdità che ci vengono imposte per il nostro stesso essere plagiati, per il nostro stesso essere liberi, ma succubi di queste autorità che con le loro influenze egemoni godono di privilegi che a noi sono negati, compreso quello di morire silenziosamente e dignitosamente.

 

Vittorio Giorgini

 

 

1 Ricordiamoci il simpatico Fernandel, in Don Camillo, che conversava col crocifisso! Crocifisso che, se parla, non è certo più un simbolo, ma è semplicemente questo poveraccio che da duemila anni sta appeso a una croce mentre l’umanità, nient’affatto salvata, va allo scatafascio. Diciamo qui, per inciso, quanto furono e sono ingenui, candidi, ovvero ipocriti questi teologi che si sono inventati un dio che è così poco accorto o che ha così poco potere da far sacrificare se stesso, ma nel suo figliuolo, per salvare un’umanità che non viene affatto salvata, anzi… e che quindi hanno costruito quel che hanno voluto essere: un potere onnisciente e onnipotente che non ha certo in questa storia dimostrato tali caratteristiche.


Articoli correlati

  Vittorio Giorgini. La crisi II
  Vittorio Giorgini. Folklore
  Vittorio Giorgini. Tirannie
  Vittorio Giorgini. La crisi
  Vittorio Giorgini. Nomadismo
  Vittorio Giorgini: Il Crocifisso
  Vittorio Giorgini. Fede e scienza: i danni
  Vittorio Giorgini: Cultura e ambiente, occorre impegnarsi nella decrescita. Basta con la crescita
  Vittorio Giorgini: I cattolici lo chiamano matrimonio naturale, De rerum naturalis et artificialis
  Vittorio Giorgini. Feste Natalizie
  Alessandra Borsetti Venier. Addio a Vittorio Giorgini (1926-2010)
  Vittorio Giorgini. Campane
  “Scuola e Diritti”. Una giornata speciale… a scuola di laicità…?
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 9
  M. A. Farina Coscioni. Berlusconi sbaglia: per Eluana non c'è stata alcuna interferenza dei magistrati
  Englaro. Dopo le denunce di Aduc e Radicali, indagato il ministro Sacconi
  Roberto Biscardini. Englaro. Dove è finito lo stato di diritto
  “Dignità del vivere, dignità del morire e libertà di autodeterminazione”
  Englaro. Finalmente si pone fine a trattamento indegno. Subito legge sul testamento biologico
  Englaro. Con la mozione, è il Senato che cerca di sostituirsi alla magistratura
  M. Antonietta Farina Coscioni. “Non siamo in una Repubblica pontificia”
  Maria Lanciotti: I lupi-agnello papisti sul corpo di Eluana Englaro
  Gabriella Vesce. Lettera aperta ad Eluana
  Maria Lanciotti: Eluana Englaro, ...non puoi andare in pace
  Valter Vecellio. Capita di sognare!
  Caso Englaro
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Dedicata a Beppino Englaro
  Patrizia Garofalo. Per Eluana e suo padre
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 3
  Anniversario di Eluana Englaro: presidio a Milano, martedì 9 febbraio
  Valter Vecellio. Commenti in nome della vita (e senza misericordia)
  Valter Vecellio. Dopo Chianciano, una riflessione a margine
  Caso Englaro: Viale smaschera il prof. Dolce e i firmatari dell’appello contro Eluana
  Caso Englaro. Cassazione conferma libertà di scelta
  “Tra scienza, etica e diritto”
  Luca Kocci. Sul fine-vita non si fiata
  Benedetto Della Vedova. Caso Englaro e testamento biologico
  Francesco Pullia. Accanimento terapeutico. Nella Chiesa non c’è un pensiero unico
  Milano. Socialisti in piazza contro Formigoni per il caso Englaro
  Renato Pierri. L'omicidio è altra cosa
  M. Antonietta Farina Coscioni. Vieni via con me: pretestuosa la richiesta di parcondicio dell'Udc
  Lecco. 17 rose: il Partito Socialista in piazza per Eluana Englaro
  Gallo e Cappato. Il Parlamento realizzi una riforma di civiltà
  Miriam Della Croce. Bagnasco si contraddice
  Diritti negati. La Lombardia deve risarcire Englaro
  Doriana Goracci: Un nipote e due sentenze, Genova Scuola Diaz e Eluana Eglaro
  Doriana Goracci: Voci della banda eversiva per l'alimentazione forzata di Eluana Eglaro
  Sentenza Englaro. Le atroci menzogne di gerarchie vaticane senza misericordia
  Beppino Englaro presenta a Morbegno “La ballata di Corinna” di Lucia Genga
  Valter Vecellio. Hanno paura. Ma continuano a fare del male
  Sondrio. Riprende l'attività, con maggio, il Centro di Documentazione Rigoberta Menchù
  Silvio Viale: “Faccia un passo indietro e vada a trovare Eluana”
  Marco Bellocchio: “In Italia la dittatura è interna alla democrazia”
  Rocco Berardo, Associazione Coscioni. Per Eluana, 17 anni dopo
  Tre anni fa ci ha lasciato Luca Coscioni
  Benedetto Della Vedova. Assurdo parlare di omicidio
  Anticipazioni: Lucia Genga. La ballata di Corinna
  “Noi Siamo Chiesa”. Un documento sul Sinodo e uno sul caso Englaro
  Comunità dell'Isolotto. Testamento biologico e amore per la vita
  Pietro Yates Moretti. La verità su Eluana Englaro: mediaticamente inesistente
  Eutanasia/Ass. Coscioni: Salgono a 225 i parlamentari per la legalizzazione
  Noi Siamo Chiesa. Lettera aperta alle associazioni dell’area cattolico-democratica
  Rosario Amico Roxas: Il Diritto canonico contro Eluana e Welby e pro banda della Magliana!
  Valter Vecellio. Prosciolto Beppino Englaro
  Patrizia Garofalo. La vicenda della famiglia Englaro nei libri di Beppino
  Verità e menzogne su “eutanasia”, Coscioni, Welby, Englaro...
  Patrizia Garofalo. “La ballata di Corinna” di Lucia Genga
  Milano. Sospesi tra Terra e Cielo
  Gianni Somigli. «Ma la Chiesa è un’altra cosa»
  Englaro RU486 Biobanche Class action... La commistione dei poteri
  La mia vita senza me
  Eluana. Il Parlamento strappa la toga al giudice per indossarla in nome dello Stato etico
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 6
  Arco di Trento. Laikoday 2017
  Caso Englaro. ADUC e Radicali denunciano il Ministro Sacconi per violenza privata e turbativa di servizio pubblico
  Patrizia Garofalo. Del malinteso pluralismo
  20'ANNI DI GAZETIN
  Gianfranco Cercone. “Agorà” di Alejandro Amenábar: Ipazia, scienziata, radicale e martire
  C’è, VERAMENTE, bisogno di un nuovo Illuminismo!
  Maria G. Di Rienzo. Il prezzo delle patate, e tra la folla Ipazia
  Per la libertà religiosa e per la parità di tutte le confessioni nel diritto all'informazione
  Giuseppina Rando. Eminenza
  Anna Lanzetta. Parliamone insieme: A difesa delle donne contro ogni violenza
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.4%
NO
 26.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy