Giovedì , 16 Agosto 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gabriella Vesce. Lettera aperta ad Eluana
Eluana Englaro con la madre, prima dell
Eluana Englaro con la madre, prima dell'incidente del 1992 
23 Luglio 2008
 

Ciao Eluana, grazie ai tuoi genitori e al giudice di Milano.

Una sentenza nel rispetto della legge, della Costituzione e dei diritti fondamentali della persona.

Eluana e i suoi genitori sono stati ostaggi di una classe medica, politica, giornalistica, giuridica, religiosa, istituzionale irresponsabili, ipocrite, pilatesche, senza scrupoli e senza pietas cristiana ed umana.

Anche noi, i miei figli ed io, ci siamo rivolti alla magistratura dopo l'atroce morte differita di mio marito, Emilio Vesce, per rispettare le sue volontà e le sue battaglie, assieme a Marco Pannella e ai radicali, per denunciare i soprusi e la violenza di cui era stato oggetto Emilio, e noi.

L'esposto presentato al dr. Pietro Calogero, è stato archiviato dalla dr.ssa Canova con la motivazione «dell'indisponibilità della vita»: nessuna indagine, nessun sopraluogo, indifferente stabilire le volontà di Emilio, che peraltro erano parte integrante della sua vita e delle sue battaglie, sentito nessun testimone. Il nostro ricorso, sempre assistiti dall'avv. Annamaria Alborghetti, ha sortito la stessa identica “archiviazione” con identica motivazione, «indisponibilità della vita» con l'aggiunta della «speranza che su questa delicata materia ci potessero essere norme e leggi più chiare».

A Padova, si sa, esistono magistrati che per quanto riguarda Emilio, ma anche molti altri, hanno avuto un trattamento particolare (vedi inchiesta 7 aprile - 5 anni e mezzo di carcere preventivo, 6 mesi di soggiorno obbligato, assoluzione nel 1987), ma questa è un'altra storia.

Ma ora a Milano c'è un giudice.

La sentenza di Milano, arrivata dopo 16 dolorosissimi anni di battaglie legali, è fondamentale e spero sarà la leva per scardinare falsità medianiche, ipocrisie, malasanità e malagiustizia per ottenere nel nostro paese una legge che tuteli i diritti e le volontà delle persone in Stato Vegetativo Persistente.

Con questo intervento vorrei solo dare informazione di quali i diritti di Eluana, Emilio, Piergiorgio Welby, Giovanni Nuvoli e di molte persone sono stati e continuano ad essere violati.

Quali sono i diritti di tutti noi.

Dal “Codice deontologico dei medici”:

«Art. 14 - Il medico deve astenersi dall'ostinazione in trattamenti da cui non si possa fondatamente attendere un beneficio per la salute del malato e/o un miglioramento della qualità della vita.

«Art. 32 - Il medico non deve intraprendere attività diagnostica e/o terapeutica senza l'acquisizione del consenso informato del paziente […]

«Art. 34 - Il medico deve attenersi, nel rispetto della dignità, della libertà e dell'indipendenza professionale, alla volontà di curarsi, liberamente espressa dalla persona. Il medico, se il paziente non è in grado di esprimere la propria volontà in caso di grave pericolo di vita, non può non tener conto di quanto precedentemente manifestato dallo stesso».

Mi chiedo: se i medici non rispettano il loro codice deontologico è un peccato, incompetenza, ignoranza, violenza, malasanità o reato?

Dalla “Costituzione della Repubblica Italiana”:

«Art. 32 La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

«Art. 28 I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione dei diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende agli enti pubblici».

Mi chiedo e chiedo a magistrati, giudici, politici, giornalisti, bioeticisti, vaticanisti: per Emilio, Piergiorgio, Giovanni, Eluana, sono stati rispettati questi articoli, o si è agito e si sta ahimè agendo ancora in modo disumano e illegale?

Dalla “Convenzione sui diritti dell'uomo e sulla biomedicina”, Oviedo il 4 aprile 1997:

«Articolo 9 – Desideri precedentemente espressi

I desideri precedentemente espressi a proposito di un intervento medico da parte di un paziente che, al momento dell'intervento, non è in grado di esprimere la sua volontà saranno tenuti in considerazione».

Ratificata dal nostro paese con Legge 28 marzo 2001, n. 145 - pubblicata in Gazzetta Ufficiale 24 aprile 2001: “Ratifica ed esecuzione della Convenzione del Consiglio d'Europa per la protezione dei diritti dell'uomo e della dignità dell'essere umano riguardo all'applicazione della biologia e della medicina”.

L'apertura e l'espansione di reparti coma, la loro stessa esistenza, pongono alla classe medica, alla classe politica pressanti e urgenti assunzioni di responsabilità, perché da quando è in funzione la medicina di emergenza, il 118, che per fortuna salva molte vite, e con le nuove tecnologie, sono diagnosticabili, in tempi sempre più brevi e certi gli Stati Vegetativi Permanenti, irreversibili.

Le persone in Stato Vegetativo Persistente vengono trasferite in reparti ad hoc, reparti speciali comi, pubblici o privati, vengono “custodite” per anni, a costi economici per la sanità e la collettività molto elevati, ma che sono nulla se confrontati ai costi umani e sociali. Una tragedia senza senso, non poter piangere la morte della persona amata, che non c'è più, il cui corpo si deforma, si piaga, si consuma giorno per giorno, anno dopo anno.

Negli Hospice, reparti ospedalieri per malati “terminali”, ma anche negli ospedali, molti medici accompagnano le persone alla fine della vita nel modo più dignitoso e indolore possibile, somministrando farmaci che permettano di non soffrire, anche se accelerano il processo del morire.

Dalla morte differita e atroce di mio marito, contro l'accanimento sulle persone in SVP, per la difesa della vita, della libertà, contro una non-vita e un .corpo invaso e violato quotidianamente da macchinari e mani altrui, porto sempre con me, nel tesserino sanitario, il mio semplice e chiarissimo testamento di vita, indirizzato ai medici e alle strutture che dovessero avermi in cura. «Se per sfortuna dovessi rimanere in Stato Vegetativo Permanente, desidero vengano rispettati gli articoli 14-32-34 del Codice Deontologico dei Medici, desidero donare gli organi. I miei figli sono i garanti del rispetto di queste mie volontà"» e persino quando vengo ricoverata in ospedale, per interventi anche banali lo allego al consenso informato… non si sa mai.

Tutti coloro che invece “desiderano” vivere per anni una vita vegetativa, è assolutamente legittimo lo dicano ma soprattutto che scrivano la loro volontà. Mi rivolgo in particolare a Ferrara: scriva le sue volontà, non sprechi l'acqua che è un bene prezioso, e inviti le persone a scrivere le loro chiare volontà.

Lo so, “Eutanasia” è una parola che fa paura, pensare alla propria morte non è un bel sogno, ma capita ad ognuno di noi una volta nella vita, io desidererei mi cogliesse viva, sana, leggermente, altrimenti desidero e chiederò di essere aiutata se non dovessi più sopportare il dolore e la vita, e ho il diritto che le mie volontà vengano rispettate.

La vita e la morte di Emilio, Piergiorgio Welby, Giovanni Nuvoli (costretto lui sì a morire di fame), di Eluana dei loro familiari rappresentano il “grido di dolore e di speranza” per un paese civile, che rispetti la vita e la morte di ognuno di noi.

La calendarizzazione della legge sulle anticipazioni di volontà, per la dignità e la libertà di tutti noi è urgente e purtroppo è da anni sepolta nei meandri dei compromessi tripartisan (Maggioranza-Opposizione-Vaticano).

Sono convinta e spero che questa coraggiosa sentenza acceleri l'iter di queste leggi: depenalizzazione dell'eutanasia – e legalizzazione del testamento biologico, per metter la parola fine all'illegalità di Stato per il rispetto dalla vita e la libertà di ognuno di noi.

Un bacio ad Eluana e un forte abbraccio ai suoi genitori.

 

Gabriella Vesce*

(da Notizie radicali, 21 luglio 2008)

 

 

* Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, Nessuno Tocchi Caino e Associazione Veneto Radicale


Articoli correlati

  Englaro. Finalmente si pone fine a trattamento indegno. Subito legge sul testamento biologico
  M. Antonietta Farina Coscioni. Vieni via con me: pretestuosa la richiesta di parcondicio dell'Udc
  Patrizia Garofalo. Per Eluana e suo padre
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 9
  Benedetto Della Vedova. Caso Englaro e testamento biologico
  Eluana. Il Parlamento strappa la toga al giudice per indossarla in nome dello Stato etico
  M. A. Farina Coscioni. Berlusconi sbaglia: per Eluana non c'è stata alcuna interferenza dei magistrati
  Maria Lanciotti: I lupi-agnello papisti sul corpo di Eluana Englaro
  Benedetto Della Vedova. Assurdo parlare di omicidio
  Anniversario di Eluana Englaro: presidio a Milano, martedì 9 febbraio
  Lecco. 17 rose: il Partito Socialista in piazza per Eluana Englaro
  Caso Englaro
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Dedicata a Beppino Englaro
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 3
  Maria Lanciotti: Eluana Englaro, ...non puoi andare in pace
  Sondrio. Riprende l'attività, con maggio, il Centro di Documentazione Rigoberta Menchù
  Caso Englaro: Viale smaschera il prof. Dolce e i firmatari dell’appello contro Eluana
  Luca Kocci. Sul fine-vita non si fiata
  Verità e menzogne su “eutanasia”, Coscioni, Welby, Englaro...
  Francesco Pullia. Accanimento terapeutico. Nella Chiesa non c’è un pensiero unico
  Valter Vecellio. Dopo Chianciano, una riflessione a margine
  Englaro. Dopo le denunce di Aduc e Radicali, indagato il ministro Sacconi
  Vittorio Giorgini: Vaticano e corpo di Eluana Eglaro
  “Scuola e Diritti”. Una giornata speciale… a scuola di laicità…?
  Arco di Trento. Laikoday 2017
  Diritti negati. La Lombardia deve risarcire Englaro
  La mia vita senza me
  Doriana Goracci: Un nipote e due sentenze, Genova Scuola Diaz e Eluana Eglaro
  Rosario Amico Roxas: Il Diritto canonico contro Eluana e Welby e pro banda della Magliana!
  Valter Vecellio. Commenti in nome della vita (e senza misericordia)
  Englaro. Con la mozione, è il Senato che cerca di sostituirsi alla magistratura
  Sentenza Englaro. Le atroci menzogne di gerarchie vaticane senza misericordia
  Caso Englaro. ADUC e Radicali denunciano il Ministro Sacconi per violenza privata e turbativa di servizio pubblico
  M. Antonietta Farina Coscioni. “Non siamo in una Repubblica pontificia”
  Englaro RU486 Biobanche Class action... La commistione dei poteri
  Tre anni fa ci ha lasciato Luca Coscioni
  Anticipazioni: Lucia Genga. La ballata di Corinna
  Marco Bellocchio: “In Italia la dittatura è interna alla democrazia”
  “Noi Siamo Chiesa”. Un documento sul Sinodo e uno sul caso Englaro
  Beppino Englaro presenta a Morbegno “La ballata di Corinna” di Lucia Genga
  “Tra scienza, etica e diritto”
  Doriana Goracci: Voci della banda eversiva per l'alimentazione forzata di Eluana Eglaro
  Comunità dell'Isolotto. Testamento biologico e amore per la vita
  Miriam Della Croce. Bagnasco si contraddice
  Pietro Yates Moretti. La verità su Eluana Englaro: mediaticamente inesistente
  Gallo e Cappato. Il Parlamento realizzi una riforma di civiltà
  Eutanasia/Ass. Coscioni: Salgono a 225 i parlamentari per la legalizzazione
  Rocco Berardo, Associazione Coscioni. Per Eluana, 17 anni dopo
  Valter Vecellio. Capita di sognare!
  “Dignità del vivere, dignità del morire e libertà di autodeterminazione”
  Patrizia Garofalo. “La ballata di Corinna” di Lucia Genga
  Milano. Sospesi tra Terra e Cielo
  Noi Siamo Chiesa. Lettera aperta alle associazioni dell’area cattolico-democratica
  Valter Vecellio. Prosciolto Beppino Englaro
  Valter Vecellio. Hanno paura. Ma continuano a fare del male
  Milano. Socialisti in piazza contro Formigoni per il caso Englaro
  Gianni Somigli. «Ma la Chiesa è un’altra cosa»
  Silvio Viale: “Faccia un passo indietro e vada a trovare Eluana”
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 6
  Patrizia Garofalo. Del malinteso pluralismo
  Renato Pierri. L'omicidio è altra cosa
  Patrizia Garofalo. La vicenda della famiglia Englaro nei libri di Beppino
  Roberto Biscardini. Englaro. Dove è finito lo stato di diritto
  Caso Englaro. Cassazione conferma libertà di scelta
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.3%
NO
 23.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy