Sabato , 21 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
La Habana como un Chevrolet
30 Ottobre 2007
 

La Habana como un Chevrolet

Fotografie di Graziano Bartolini

Testi di Raffaele Paloscia, Nino Marcellino, Danilo Manera e Liber Arce Matos

Traduzioni di Carmen Rey Blanco

Edizioni Estemporanee, pagg. 110, € 35,00 (formato gigante)

 

Uno stupendo libro fotografico curato da un artista come Graziano Bartolini, uomo innamorato di Cuba, un italiano che dieci anni fa è rimasto stregato dal fascino caraibico e questa storia non mi è nuova, purtroppo…

La più antica e affascinante città coloniale scoperta e conquistata nel suo splendore decadente di luogo fuori dal tempo, immerso in una storia fatta di contraddizioni e di progetti incompiuti, riflesso di cadenti palazzi coloniali a picco su un mare in tempesta. Bartolini ritrae L’Avana tra decadenza e vitalità, miseria e nobiltà, vizio, perversione e sensualità, città percorsa da auto d’epoca che non sono un lusso ma una tragica necessità. Lo straniero non comprende e osserva stupito, non può sapere quanto sia difficile vivere da avanero nella città delle colonne, tra strade piene di buche, palazzi screpolati dal salmastro e facciate cadenti. L’avanità raccontata da Cabrera Infante è immortalata dagli scatti di Bartolini, soprattutto nel cuore di Centro Habana, polmone della vita quotidiana e quartiere tipicamente avanero, zona senza regole e al di là di ogni regola. Centro Habana porta inequivocabilmente al mare che si intravede da ogni angolo della città vecchia, soprattutto dagli alti palazzi condominiali delle strade più povere e nascoste. Bartolini non dimentica il Malecón, lungomare salottiero, set cinematografico in disarmo, parte di città bombardata dai cicloni, devastata dal tempo e dall’incuria. Liber Arce Matos nel contributo intitolato “Il peso dell’Avana” (lo scritto migliore del volume) lo definisce divano sgangherato dell’Avana, panchina su cui sedersi a godere il mare e a respirare la brezza serale. Il turismo sta danneggiando quel che resta dell’avanità, ma Centro Habana resiste…

La Habana como un Chevrolet è un grande libro fotografico, ma resta l’impressione che le parole non servono a raccontare un mondo quando sono frenate e manca la libertà di dire ciò che si vorrebbe. Liber Arce Matos sa scrivere e regala dei buoni pezzi di prosa, ma al momento opportuno si ferma e decide di non andare oltre. Danilo Manera introduce storicamente il viaggio avanero e conclude con un interessante racconto nel mondo della santería, tra culti e superstizioni afrocubane. Raffaele Paloscia e Nino Marcellino compilano due parti che non vanno oltre il diligente compitino scritto con cura ma senza passione. Per fortuna Graziano Bartolini non mette freni e bavagli all’obiettivo e scatta foto ispirate di Habana Vieja e Centro Habana per documentare la vita di un popolo stanco. Un ottimo volume che entusiasmerà gli appassionati di Cuba e tutti coloro che hanno lasciato un pezzo di cuore nel Caribe. A mio giudizio il solo limite del libro è che gli autori cercano di non dire cose scomode per risultare graditi anche al governo cubano e avere la possibilità di uscire per Letras Cubanas. Peccato, perché un libro importante ha il dovere di essere pericoloso.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Limes e il pericolo Chávez
  Aldo Bona. Un prete che non ha fatto carriera
  Il sacerdote dësbela e il partigiano ritrovato: vendemmia culturale a novembre
  Donato Bosca. Bra (o della felicità) e Roero (terra ritrovata)
  Yoani Sánchez. Brainstorm
  Arvangia. Rigosiglio si scrive con la g
  Langhe, cultura e territorio. Al via il tour della nuova rivista-libro
  Gordiano Lupi. La castroenterite
  Anticipazione: Alejandro Torreguitart Ruiz. Caino contro Fidel
  Gordiano Lupi. Il periodico di Yoani
  Gordiano Lupi. Il regime nega l’evidenza
  Libri e autori assenti alla Fiera del Libro dell'Avana
  Gordiano Lupi: L’Avana secondo Virgilio Piñera
  Guillermo Cabrera Infante. Estelita, la mia “ninfa incostante”
  Bellezza e finzione di Marilyn Monroe
  Un Festival controrivoluzionario
  Gordiano Lupi. Amazzone notturna
  L'ostilità “incomprensibile” di Lupi “contro” Cuba e Fidel Castro
  Pubblicato a Cuba un libro su Cabrera Infante
  Letteratura e censura a Cuba
  Lezama Lima e Virgilio Piñera, due scrittori per un destino
  Wendy Guerra. La letteratura cubana è una sola
  Gordiano Lupi. Piperno vince lo Strega… ed è subito notte!
  All’Avana senza pace e senza guerra
  Gordiano Lupi. La ninfa incostante (2008) di Guillermo Cabrera Infante
  Gordiano Lupi. L’Avana letteraria di un Infante defunto
  Guillermo Cabrera Infante alla Fiera del Libro di Miami
  Lupi parla di Cuba all'Argonauta di Radio Rai
  NuovaCuba. Il castrista digitale
  Gianni Minà racconta Cuba
  Il mio amico Calvert Casey
  Vargas Llosa ricorda i suoi giorni a Cuba con l'ultimo romanzo di Cabrera Infante
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Il vecchio non tira il calzino
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Moriremo tutti, anche se non siamo Cabrera Infante
  Yoani Sánchez. La luce in fondo al tunnel
  Guillermo Cabrera Infante e i fiancheggiatori di Castro
  Gordiano Lupi. Il regime cubano riabilita Cabrera Infante
  Guillermo Cabrera Infante. La cicala e la formica
  Gordiano Lupi. Caro Bertinotti, questa se la poteva proprio risparmiare…
  Gianni Minà diffama Yoani Sánchez
  Gordiano Lupi. “Così in pace come in guerra”
  Gordiano Lupi. “O” (1975) di Guillermo Cabrera Infante
  Castroenterite. Come prevenire e (possibilmente) curare, in Italia, la terribile pandemia
  Gordiano Lupi. La cartografia intima di un congedo
  San Quentin Tarantino
  Una visione di Fellini
  Zoé Valdés. Un nuovo anniversario del mio esilio
  “The Lost City” di Andy Garcia (2005)
  Gordiano Lupi. Da Gibara a Londra
  Gordiano Lupi. Puro humo (1985)
  Guillermo Cabrera Infante. La morte di mia madre
  Pubblicano le Opere complete di Guillermo Cabrera Infante, sette anni dopo la sua morte
  Guillermo Cabrera Infante. Todo está hecho con espejos (1999)
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy