Giovedì , 23 Maggio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Langhe, cultura e territorio. Al via il tour della nuova rivista-libro
26 Marzo 2009
 

Sarà Danilo Manera, docente di Letteratura spagnola contemporanea e Cultura spagnola presso l’Università degli Studi di Milano, a tenere a battesimo la rivista Langhe, cultura e territorio nel salone consiliare di Diano d’Alba, alle ore 17:30 di sabato 4 aprile. Con lui Gianfranco Maggi, Aldo Agnelli e gran parte degli autori dei reportages di storia e memoria pubblicati sul primo numero. La rivista-libro è stata costruita attorno alle indicazioni di metodo che lo stesso Manera aveva suggerito come linea d’indirizzo nella riunione di venerdì 29 agosto 2008 presso la sede della Fondazione Banca d’Alba a Grinzane Cavour, tappa fondamentale del “cammino dei rabdomanti” dal quale è scaturito con forza il progetto editoriale condiviso dalle Associazioni Arvangia di Alba e Crosiera di Cuneo, insieme alla Casa Editrice Araba Fenice di Boves.

In edicola e libreria da sabato28 marzo, la rivista Langhe, cultura e territorio, 132 pagine a colori, tiratura 2.250 copie, per reggere il confronto con le riviste che esaltano memoria e paesaggio del Roero (Bra o della felicità e Roero terra ritrovata) si è subito messa in cammino.

Due presentazioni di collaudo sono avvenute giovedì 26 marzo, al Centro Anziani della Parrocchia Cristo Re di Alba nel pomeriggio e al corso aspiranti guide turistiche a Castagnole Lanze alla sera, propedeutiche al “rivista Langhe tour” che si snoderà attraverso appuntamenti già programmati il 1° aprile ad Asti, sede Utea, ore 17:30, a Diano d’Alba, sabato 4 aprile, ore 17:30 presso il salone consiliare, lunedì 6 a San Donato di Mango, Casa delle Memorie, ore 17:30, a Mondovì presso l’Istituto Alberghiero mercoledì 8, ore 11, a Bra, sede Unitre presso il Liceo Scientifico venerdì 10, ore 15, a San Benedetto Belbo sabato 18, ore 15, a Sinio, domenica 19, ore 17:30, ancora a Mango sabato 25 aprile, ore 16, per concludersi ad inizio maggio a Montà d’Alba, mercoledì 6, a Govone venerdì 8 e a Cuneo sabato 9.

Il cammino delle formiche operaie del territorio per far conoscere la rivista-libro che “salta addosso al lettore” (parola di Romano Salvetti), costruita artigianalmente stando in mezzo alla gente per raccontare “a voce alta” le Langhe di ieri, di oggi e di domani sarà per il futuro del progetto un vero e proprio banco di prova.

La decisione della Casa Editrice di promuovere la distribuzione in tutta la “provincia granda” portando la rivista in libreria e in edicola si trasforma per gli ideatori del progetto in un vero e proprio esame di maturità. Saranno i lettori a decidere se una pubblicazione a colori che racconta di Cravanzana, di Sinio, di Montelupo, di Borgomale, di Bergolo, di Trezzo Tinella, di La Morra, di Alba, di Paroldo, di Dogliani, di Mango, di Cerretto Langhe, di Monesiglio, etc., sconfinando “oltre il Sinai delle colline” nel Roero e nel Monferrato per raggiungere i Piemontesi in Cina, i Polesani in Piemonte, i cileni a Diano e Rivalta Bormida, i Langhetti in Argentina e in Bolivia merita di trovare il semaforo verde.

Avere reso omaggio a personaggi come padre Enzo Bianchi, Angelo Manzone, Giuseppina Cagnasso, Remo Salcio, Angela Cavallotto, Dante Giacosa, Euclide Milano, Maria Tarditi, ad artisti emergenti come Carola Balma, Stefania Careglio, Cristiano Porelli, Emanuele Racca e Paolo Rosaio, dedicando decine di pagine ai libri che camminano in mezzo alla gente, ma soprattutto avere dato spazio alle emozioni che possono scaturire dalle belle ed evocative immagini di chi ha partecipato al concorso fotografico “Le Langhe non si perdono”, è stata per i numerosi collaboratori impresa non da poco. Il responsabile del progetto, Donato Bosca, riassume queste fatiche in una lettera agli organi di informazioni in cui esprime due considerazioni e un auspicio. Ve la proponiamo qui di seguito.

 

Arvangia

 

 

Lettera agli organi di informazione

 

Caro Direttore,

come ideatore del progetto di valorizzazione del territorio delle Langhe che si è concretizzato nella pubblicazione del primo numero della rivista-libro Langhe cultura e territorio vorrei esprimere due considerazioni e un auspicio. La prima considerazione riguarda l’esperienza di ottimizzazione delle risorse a disposizione che ha visto nascere la rivista grazie al lavoro di un ingegnere italo-cileno in Piemonte con una borsa di studio finanziata in parte dalla Regione Piemonte. Grazie alla collaborazione del Sindaco di Diano e dell’Istituto Comprensivo di cui sono responsabile la presenza di Claudio Curelli si è trasformata in uno strumento di promozione della cultura di territorio e le 132 pagine a colori andate in stampa per i tipi dell’Araba Fenice raggiungeranno tutti i Circoli e le Associazioni dei Piemontesi nel Mondo.

A questo primo numero abbiamo lavorato tutti gratuitamente, animati dalla stessa passione, “far sentire le voci” che solitamente il territorio delle Langhe non riesce ad esprimere, raccontare il passato, memoria e tradizione, proiettandolo verso il futuro con il paesaggio, bene culturale di prima grandezza, a fare da trait d’union.

Attorno a questa nostra volontà dichiarata di lavorare in squadra “nel momento sbagliato, quando è meglio tirare i remi in barca”, per individuare un nuovo modo di far conoscere le Langhe che portiamo nel cuore c’era molto scetticismo. Diverse persone che inizialmente avevano manifestato interesse si sono tirate indietro. Devo ringraziare Aldo Agnelli, Danilo Manera, Oscar Barile, Maurizio Rosso, Romano Salvetti, Armando Gambera, Lorenzo Tablino, Alberto Vissio Scarzello, Bruno Murialdo, Franco Bartocci, Milo Julini, Loredana Dova, Anna Manera e lo splendido gruppo di arvangisti dalle passioni forti (Elidia Ferrero, Giovanna Zanirato, Marinella Castagnotti, Mario Proglio, Carola Balma, Tiziana Servetti, Pier Carlo Morra, Julio Berisso) se questo sogno si sta realizzando. Non posso nascondere che sono stati proprio i più giovani, inizialmente timorosi, a darci la scossa: da Fabio Tarditi a Fabio Adragna, da Serena ed Enrico Bosca a Luca Massolino.

La distribuzione in tutta la provincia granda e la vendita in libreria e in edicola della rivista sarà per tutti noi un vero esame di maturità. Saranno i lettori a decidere se una rivista che racconta di Cravanzana, di Sinio, di Montelupo, di Borgomale, di Bergolo, di Trezzo Tinella, di La Morra, di Alba, di Paroldo, di Dogliani, di Mango, di Cerretto Langhe, di Monesiglio, sconfinando “oltre il Sinai delle colline” nel Roero e nel Monferrato per raggiungere i Piemontesi in Cina, i Polesani in Piemonte, i cileni a Diano e Rivalta Bormida, i Langhetti in Argentina e in Bolivia merita di trovare il semaforo verde.

Avere reso omaggio a personaggi come padre Enzo Bianchi, Angelo Manzone, Giuseppina Cagnasso, Remo Salcio, Angela Cavallotto, Dante Giacosa, Euclide Milano, Maria Tarditi, ad artisti emergenti come Carola Balma, Stefania Careglio, Cristiano Porelli, Emanuele Racca e Paolo Rosaio, dedicando decine di pagine ai libri che camminano in mezzo alla gente, ma soprattutto avere dato spazio alle emozioni che possono scaturire dalle belle ed evocative immagini di chi ha partecipato al concorso fotografico “Le Langhe non si perdono”, credo sia stata impresa non da poco.

L’auspicio è che non solo i soci arvangia, sempre più numerosi, ma anche gli enti locali, gli imprenditori, gli sponsor, possano avere fiducia in un prodotto editoriale costruito col filtro dell’emozione, senza calcolo o strategia commerciale, se non quella che nel volontariato garantisce il reperimento delle risorse strettamente necessarie per realizzare e mantenere vivi i progetti. Se la rivista libro potrà trovare un suo spazio, fuori dai monumenti che in certi momenti sembrano cattedrali e, poi, crollano al suolo miseramente, il lavoro compiuto da tutti noi, andando dietro al cuore, non sarà stato fatica sprecata.

Grazie della solidarietà e dell’attenzione con le quali ci potrà dare il benvenuto.

 

Donato Bosca


Foto allegate

Danilo Manera
Articoli correlati

  Arvangia. Rigosiglio si scrive con la g
  Aldo Bona. Un prete che non ha fatto carriera
  Limes e il pericolo Chávez
  La Habana como un Chevrolet
  Donato Bosca. Bra (o della felicità) e Roero (terra ritrovata)
  Il sacerdote dësbela e il partigiano ritrovato: vendemmia culturale a novembre
  Yoani Sánchez. Brainstorm
  Arvangia. Primo appuntamento con Maria Tarditi
  Arvangia. La novena della cultura diffusa in Piemonte
  Un grande fotografo. Aldo Agnelli
  Omaggio alla fotografia di Aldo Agnelli. Ad Alba il 19 ottobre
  Donato Bosca. Cultura diffusa tour Ottobre-Dicembre
  Di particolare nulla: a San Donato di Mango la Casa della cultura nascosta
  Eravamo tutti contadini
  Spot/ Donato Bosca. Sotto l'albero
  Langa magica. In cammino a settembre…
  Donato Bosca. Le voci del Libro
  Arvangia. Se nessuno parla male dei libri
  Iniziative/ L'infaticabile Arvangia
  Arvangia. Orizzonti di movimento e di attesa nel libro sulle passioni basse piemontesi
  “Il bicchiere mezzo pieno”. Notizie Arvangia a go-go
  Dieci notizie Arvangia dalle Langhe
  Donato Bosca. San Benedetto Belbo, Fenoglio e le spese inutili per i lustrini che non servono
  Donato Bosca. Scatti d'orgoglio per Mango
  Arvangia. Fuori traccia a fine ottobre
  Donato Bosca. Cultura da valorizzare
  Arvangia. Libertà di stampa
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy