Lunedì , 18 Dicembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cordì: Sulla linearita del mondo. Globalizzazione
05 Febbraio 2007
 

Oggi il mondo è lineare. Come un apparecchio tecnologico da uno stimolo dato (emissione della corrente) può essere ottenuta una determinata risposta (la messa in moto, il funzionamento). Questa linearità del mondo è la globalizzazione. Ovvero: il mondo oggi è sussumibile sotto una sola causa e sotto una soltanto. Il mondo possiede un’unica origine. La quale è, appunto, la globalizzazione. Ovvero, questa origine è la globalizzazione. Il globale è oggi presente ovunque. Il locale non è più tale. Che cosa significa tutto questo? Che cosa vuol dire? Significa che in ogni parte del mondo ora può essere riscontrato il tutto. E, cioè, che dal globale può essere dedotto ogni e qualsiasi locale. Fino a non molti anni fa le cose non stavano affatto così. Il mondo dipendeva da diverse cause. Cause politiche, cause economiche, cause sociali. Oggi invece esiste un’unica causa, la globalizzazione appunto. Il globale può essere riscontrato nel locale e quindi in ogni singola parte del mondo può essere rinvenuto (può essere visto; oppure anche a volte: può essere intravisto) tutto il mondo. Questa è la globalizzazione. Quindi, se da tale tutto può venire rintracciata ogni sua parte si ha che tale tutto è un tutto organico, generale, lineare (come ho detto sopra). Regolare e costante. E questo tutto è il globale, l’alter ego della globalizzazione. Dunque dal globale può essere derivato il locale. Il tutto (la globalizzazione) ha un ndamento costante e regolare. Un unico tono. Un unico suono. Un unico registro. (Per questo motivo da questo tutto su può derivare qualsiasi sua parte).

Ma dire globale equivale a dire largo. Il mondo, però, oggi è più stretto di quanto non fosse stato un tempo. Il mondo oggi è accorciato, ristretto, rattrappito. I mezzi di comunicazione, le notizie, i diversi vettori che collegano il pianeta hanno adesso accorciato il mondo. Hanno accorciato le distanze. Ma dire globale equivale a dire largo perché se si guardano le cose dal punto di vista globale le si vede sempre con un’ottica che è allargata rispetto a se le stesse cose le si guardano da un punto di vista particolare. La globalizzazione perciò allarga o restringe il mondo? In realtà, oggi, il mondo quanto più si restringe tanto più si allarga. E questo perché guardando al mondo dal punto di vista del globale (o da un punto di vista globale) è possibile coglierlo meglio. E cioè, è possibile coglierlo meglio rispetto a come sarebbe stato possibile coglierlo guardando le cose da un punto di vista particolare (e, diremmo, da un particolare punto di vista). Inoltre potendo oggi così cogliere meglio il mondo certamente quel che si perde è la distinzione ma quel che ovviamente si guadagna è la generalità. Per cui in virtù dell’ineluttabile accorciarsi attuale del mondo noi ci troviamo ora a guadagnarci in generalità. Il globale infatti fa cogliere meglio le differenze, come è noto. Un mondo ristretto perciò consente una visione d’insieme che del resto già pochissimo tempo fa non era affatto (proprio, per nulla, assolutamente) possibile ne pensabile. È stato quindi quello stesso mondo che si è ristretto a consentire quel mondo allargato nella globalizzazione e quel mondo allargato della globalizzazione. Ma, dire globale equivale a dire largo. E dire largo infine equivale a dire un mondo che consente un’unica espressione (la globalizzazione). Un unico trend. Un unico tono. Un unico suono. Un unico motore. Un'unica causa. Un'unica origine. Un mondo senza spigoli. Un mondo lineare. Un mondo cioè che a un determinato stimolo risponde adesso in un unico modo e solo in quello.

 

Gianfranco Cordì

 
 

Articoli correlati

  Gianfranco Cordì. “Eclisse della ragione” di Max Horkheimer
  Gianfranco Cordì: sinistra, destra e globalizzazione
  Gianfranco Cordì. In direzione della sintonia. Habermas oltre l’astratto
  Gianfranco Cordì: Derrida introduce alla menzogna
  Gianfranco Cordì. “Sul leviatano” Le considerazioni di Schmitt
  Gianfranco Cordì. Il razionalismo esotico di Leibniz
  Gianfranco Cordì: Il trattato teologico-politico di Spinoza
  Gianfranco Cordì. Un raggio di luce fa il giro della terra sette volte al secondo
  Gianfranco Cordì. Sean Carroll, il perenne corso del «tempo»
  Gianfranco Cordì. L’ISOLA
  Gianfranco Cordì. Intero Barrow
  Gianfranco Cordì, La Differenza.
  Gianfranco Cordì. Se non la realtà. Gianni Vattimo contro il «nuovo realismo».
  Gianfranco Cordì. Charles Darwin, lo spietato
  Gianfranco Cordì
  Gianfranco Cordì. Hillman: una psicologia nuova o vecchia?
  Gianfranco Cordì: La doppia via dei Presocratici
  Gianfranco Cordì. I sensi, la ragione, la conoscenza: Locke
  Emanuele Severino, Antologia filosofica dai greci al nostro tempo
  Anticipazioni: Gianfranco Cordì. Nuovo realismo & Realismo meridiano
  Gianfranco Cordì. Fare «filosofia»
  Gianfranco Cordì, Indice estivo italiano mondialmente esausto.
  Gianfranco Cordì: Le “piste” di Platone. Per studenti e lettori di filosofia
  Giada Fornaciari, Del mare e dell'anima
  Gianfranco Cordì. Lo sguardo di Antonio Saccà
  Gianfranco Cordì: "L'attrazione". Spinoza.
  Gianfranco Cordì: Infinito e felicità negli atomisti antichi
  Gianfranco Cordì. Danilo Zolo e la paura
  Gianfranco Cordì. In morte di Zygmunt Bauman
  Erasmo da Rotterdam, Elogio della follia
  Gianfranco Cordì, povero Wittgenstein
  Gianfranco Cordì: Democrito e il mondo
  Gianfranco Cordì: Storia della sessualità di Michel Foucault
  Gianfranco Cordì. I nostalgici del passato: Lukács viaggia nella storia della filosofia
  Gianfranco Cordì: La Trascendenza. E il Principio di Identità degli Indiscernibili in Leibniz
  Gianfranco Cordì: Gli scritti di logica di Leibniz.
  Gianfranco Cordì. La prospettiva di Spengler
  Gianfranco Cordì: L’affermazione dell'unicità divina in Senofane
  Kierkegaard e il «Singolo» ovvero solitudine e responsabilità
  Gianfranco Cordì. L’aggiornamento del concetto di superorganismo
  Gianfranco Cordì, lo Scetticismo antico.
  Realismo Meridiano
  Gianfranco Cordì: il tempo per Seneca.
  Gianfanco Cordì. Che cos’è la realtà?
  Gianfranco Cordì. Scrutando l’interminabile: Emanuele Severino
  Gianfranco Cordì. Il ribelle meridiano
  Gianfranco Cordì: le "nudità" del Re. Discorso sulle parole della sinistra con un accenno alla sinistra delle parole
  Gianfranco Cordì. Emanuele Severino e il fraintendimento del senso del nulla
  Gianfranco Cordì. «La forza della vita reale»: Carl Schmitt e l’eteroclito
  Gianfranco Cordì. L’orizzonte del vagheggiamento
  Gianfranco Cordì: Severino giudice della storia
  Gianfranco Cordì. Debole, fragile, limitato
  Gottfried Wilhelm Leibniz, Saggi di Teodicea sulla bontà di Dio, la libertà dell’uomo e l’origine del male.
  Gianfranco Cordì: Poincaré fra esperienza e convenzione
  Gianfranco Cordì: Introduzione a Spinoza che scrive il "Breve trattato su Dio, l'uomo e il suo bene"
  Gianfranco Cordì, Kant e il progetto globale della pace
  Gianfranco Cordì. «La fine della modernità» e l’inizio del pensiero «dell’erranza»
  Gianfranco Cordì. La morte, la terra e il «gran finale»
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.9%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy