Domenica , 23 Novembre 2014
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cordì. Hillman: una psicologia nuova o vecchia?
01 Agosto 2011
 

James Hillman (Atlantic City, 1926), psicoanalista, saggista e filosofo, in questo suo Il codice dell’anima. Carattere, vocazione, destino (traduzione di Adriana Bottini, Adelphi, 20094) propone una psicologia del fantastico, dell’immaginifico, del romanzesco. In definitiva egli apre la propria disciplina allle dimensioni del sogno e della creatività. Ma nello stesso tempo, dopo aver fatto delle concessioni all’irreale e al fantomatico, sposta la propria attenzione sul pre-originario, sull’assoluto iniziale, sulla scaturigine cosmica. Ecco perché non può che rifarsi, in questi passaggi, totalmente al mito (che è narrazione fantasmagorica e sacra di avvenimenti relativi all’origine dell’universo, di gesta, di fondazioni culturali, di imprese e origini di dei ed eroi) e non può che teorizzare un principio,un archè, un momento fondante da cui ogni cosa – all’interno del nostro comportamento di uomini – ha avuto inizio. Le direttrici fondamentali della ricerca di James Hillman sono dunque due: quella narrativa e quella cosmologica. La psicologia da lui proposta è quella della descrizione più che dell’individuazione di cause e conseguenze. Le immagini che egli tratteggia si rivolgono a una circostanza, a una situazione, a uno stato. E questo stato si prospetta come un organizzazione di elementi in vista di un fine. Tra natura e cultura esiste un terzo fattore: quello mitico, dal quale scaturisce la nostra personalità. Dice Hillmann: «voglio che la psicologia ponga le sue basi nell’immaginazione delle persone, anziché farle oggetto di calcoli statistici e di classificazioni diagnostiche». L’anima dell’uomo, l’anima che da il titolo a questo libro, è dunque individuata prima di tutto attraverso l’aspetto di «un pensiero indagatore, un sentimento aperto al sacro, un’intuizione evocativa e un’immaginazione ardita». Tutti questi sono elementi di quella forma di narrazione che precede l’avvento del pensiero razionale, che ricerca le scaturigini, che investiga i moventi e che trae concetti generali da una serie di particolarità individuali. Ecco perché questa psicologia descrittiva e pre-originaria diventa fin da subito una scienza di tipo estetico. Non a caso Hillman stesso scrive: «questo libro, dunque, vuole coniugare la psicologia con la bellezza». Ed in un altro luogo del proprio libro aggiunge: «la parola chiave per le biografie non è tanto “crescita” quanto forma, e che lo sviluppo ha senso soltanto in quanto svela un’aspetto dell’immagine originaria». Siamo di fronti a qualcosa che predispone, costituisce, prepara, preordina, istituisce e, naturalmente, forma. Qualcosa di precedente alla considerazione razionale delle cose. Qualcosa che è appunto una «forma»: la psicologia pre-originaria ed estetica diventa adesso anche cosmica. Da questo universalismo di partenza (la presenza di «qualcosa» in noi che sfugge a natura e cultura) siamo giunti alla esatta caratterizzazione dell’essere umano. Che è sempre, in se stesso, irripetibile, particolare, singolare e originale. Siamo passati ciò dall’universalismo alla singolarità: e questo è possibile solo perché ogni individuo è un tutto, qualcosa di globale. Questa globalità deriva ad ogni persona da quella «forma» che abbiamo visto esser presente in lui. E’ come se Hillmann realizzasse il passaggio dalla considerazione cosmologica (propria dei primi Presocratici, sofisti esclusi) a quella morale: la considerazione dell’uomo in quanto problema (preannunciata dai sofisti e realizzata da Socrate). Tra il cervello e l’ambiente è presente questa specie di sfera morale ontologica che determina la personalità di ogni essere umano. L’uomo nasce con un senso già dato; parafrasando un celebre titolo di Herbert Marcuse, siamo di fronte all’ Uomo a una direzione; ogni essere umano nasce con la sua stella; le creature sono eterodirette. Non a caso, per definire questa «stella», Hillman utilizza il termine di «ghianda» che, poi, dice essere equivalente a «immagine, daimon, vocazione, angelo, cuore… anima, modello, carattere». Lo studioso statunitense afferma ancora: «ciascuna vita è formata dalla propria immagine, unica e irripetibile, un’immagine che è l’essenza di quella vita e che la chiama a un destino. In quanto forza del fato, l’immagine ci fa da nostro genio personale, da compagno e da guida memore della nostra vocazione». La considerazione estetica, che diventa ontologico-morale, porta adesso alla rappresentazione di un uomo già definito come un tutto, già dato, già fatto. Proprio come una ghianda che contiene, tutta insieme, in se l’idea della quercia. «La psicologia scientifica taglia il regno delle cause in due parti soltanto, natura e cultura. Ed elimina per definizione la possibilità di un qualcos’altro». Ora «dal momento che le scienze comportamentali, compresa la biologia molecolare e la psichiatria farmacologia, situano tutte le ragioni del nostro carattere in quelle due categorie, e dal momento che noi ci stiamo immaginando una terza forza nella nostra vita; questo tertium non può che manifestarsi nascosto dentro gli altri due». Qualcosa di «nascosto», che non è ne natura e ne cultura, e che «qualcosa di individuale e di unico, specifico di quella particolare persona». Questa «ghianda» in fondo è «l’idea… che ciascuna persona sia portatrice di un’unicità che chiede di essere vissuta e che è già presente prima di poter essere vissuta». Da ciò discende subito una caratterizzazione della diversità come principio costitutivo degli esseri umani. Una diversità che, però subito costituisce ora l’uguaglianza che, a sua volta, forma la libertà. Nelle parole di Hillman: «ciascuno è per definizione distinto da ogni altro ciascuno e di conseguenza, in quanto tale. È uguale a ogni altro ciascuno». «È il fatto della vocazione che ci rende uguali ed è l’atto della vocazione che esige che si sia liberi». In sostanza: «la democrazia, dunque, poggia su una ghianda». Da una diversità di partenza a una piena libertà pur restando sempre nell’orizzonte del pre-determinato e del già deciso. L’uomo descritto da Hillman è perciò un uomo totale, completamente presente a se stesso dal suo primo vagito, del tutto coerente con la propria «vocazione», interprete fedele del proprio «destino», strutturato interamente già prima delle sue manifestazioni razionali, sentimentali, comportamentali e cognitive. «Quando guardiamo una faccia di fronte a noi, o una scena fuori dalla finestra o un quadro alla parete, noi vediamo un tutto, una Gestalt. Tutte le parti si presentano simultaneamente». È questo il pensiero che Hillman vuole fare trasparire e trapelare. È questa la strada –illustrata attraverso un cospicuo numero di esempi recuperati da biografie di «figure di spicco» (nella consapevolezza che «tutte le vite hanno una componente eccezionale, che non viene spiegata dalle teorie psicologiche e biografiche correnti»)– che Hillman intende percorrere in questo libro.

Un libro che presenta forse una fanta-psicologia o una analisi mitica dei mortali ma che ha il pregio, in ogni caso, di presentarsi come felicemente oltre, al di la, trans, più in avanti. Aperto vero uno spazio ancora tutto da esplorare o, forse piuttosto (del resto), già esplorato da moltissimo tempo.

 

Gianfranco Cordì


Articoli correlati

  Gianfranco Cordì: Poincaré fra esperienza e convenzione
  Gianfranco Cordì. Intero Barrow
  Gianfranco Cordì: La doppia via dei Presocratici
  Gianfranco Cordì: Le “piste” di Platone. Per studenti e lettori di filosofia
  Gianfranco Cordì. Danilo Zolo e la paura
  Gianfranco Cordì. La prospettiva di Spengler
  Gianfranco Cordì: La Trascendenza. E il Principio di Identità degli Indiscernibili in Leibniz
  Gianfranco Cordì. I nostalgici del passato: Lukács viaggia nella storia della filosofia
  Gianfranco Cordì, povero Wittgenstein
  Gianfranco Cordì. L’aggiornamento del concetto di superorganismo
  Gianfranco Cordì: Sulla linearita del mondo. Globalizzazione
  Gianfranco Cordì: il tempo per Seneca.
  Gianfranco Cordì. Debole, fragile, limitato
  Gottfried Wilhelm Leibniz, Saggi di Teodicea sulla bontà di Dio, la libertà dell’uomo e l’origine del male.
  Gianfranco Cordì. «La forza della vita reale»: Carl Schmitt e l’eteroclito
  Gianfranco Cordì. Se non la realtà. Gianni Vattimo contro il «nuovo realismo».
  Gianfranco Cordì. L’orizzonte del vagheggiamento
  Gianfranco Cordì. Lo sguardo di Antonio Saccà
  Kierkegaard e il «Singolo» ovvero solitudine e responsabilità
  Gianfranco Cordì. Sean Carroll, il perenne corso del «tempo»
  Gianfranco Cordì. In direzione della sintonia. Habermas oltre l’astratto
  Gianfranco Cordì: Severino giudice della storia
  Gianfranco Cordì: Derrida introduce alla menzogna
  Gianfranco Cordì. L’ISOLA
  Gianfranco Cordì. Scrutando l’interminabile: Emanuele Severino
  Gianfranco Cordì: Infinito e felicità negli atomisti antichi
  Gianfranco Cordì. Charles Darwin, lo spietato
  Gianfranco Cordì: Democrito e il mondo
  Gianfranco Cordì. Un raggio di luce fa il giro della terra sette volte al secondo
  Gianfranco Cordì. La morte, la terra e il «gran finale»
  Gianfranco Cordì. Il razionalismo esotico di Leibniz
  Gianfranco Cordì: "L'attrazione". Spinoza.
  Gianfranco Cordì, Indice estivo italiano mondialmente esausto.
  Gianfranco Cordì, La Differenza.
  Gianfranco Cordì, Kant e il progetto globale della pace
  Gianfranco Cordì. “Sul leviatano” Le considerazioni di Schmitt
  Gianfranco Cordì: L’affermazione dell'unicità divina in Senofane
  Gianfranco Cordì. I sensi, la ragione, la conoscenza: Locke
  Gianfranco Cordì. “Eclisse della ragione” di Max Horkheimer
  Gianfranco Cordì: le "nudità" del Re. Discorso sulle parole della sinistra con un accenno alla sinistra delle parole
  Gianfranco Cordì: Gli scritti di logica di Leibniz.
  Gianfranco Cordì. «La fine della modernità» e l’inizio del pensiero «dell’erranza»
  Gianfranco Cordì: sinistra, destra e globalizzazione
  Gianfranco Cordì. Emanuele Severino e il fraintendimento del senso del nulla
  Gianfranco Cordì: Introduzione a Spinoza che scrive il "Breve trattato su Dio, l'uomo e il suo bene"
  Gianfranco Cordì: Il trattato teologico-politico di Spinoza
  Gianfranco Cordì: Storia della sessualità di Michel Foucault
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
Ucraina nell'Unione europea?

 74.6%
No
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - R.O.C. N. 7205 I. 5510 - ISSN 1124-1276