Mercoledì , 11 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giada Fornaciari, Del mare e dell'anima
Alfagi Edizioni, 2005, Euro 6,50
Alfagi Edizioni, 2005, Euro 6,50 
14 Maggio 2006
 
Gianfranco Cordì collabora a “Lo scaffale di Tellus” e finora ha scritto sui classici, fossero essi Erasmo o Schmitt o i filosofi Severino e Bodei. Qui si dedica ad una giovane scrittrice e ha dato al suo articolo il titolo accattivante di:
 
Giada Fornaciari interprete del presente
 
Nel suo volume d’esordio - Del mare e dell’anima, ALFAGI Edizioni, 2005 - Giada Fornaciari si pone di fronte all’esistente come una macchina, diremmo come una macchina prodotta dalla tecnoscienza applicata alla natura; potremmo dire meglio, come un sismografo. Non a caso è la stessa autrice a definire tale esistente col termine di «eventi» (p. 63). E se di eventi si racconta in queste pagine, l’approccio sismografico scelto dell’autrice è dunque quello più opportuno per cogliere il senso di una tale congiuntura. Innanzi tutto, apprendiamo che “siamo ospiti di una tavola rotonda fuori tempo” (p. 17). Poi che: «Intrattenimento, svago, varietà, spettacolo… che nome prende adesso ciò che prima era conosciuto semplicemente come vita?» (p. 14). Ed infine ci rendiamo conto di una cosa: in un «traffico» (p. 15) di tal specie tutti quanti noi abbiamo bisogno di appropriarci dei «nostri ruoli per non rischiare di perdere le minuscole certezze che creano l’abitudine di esistere “qui e ora”» (p. 13).
Un siffatto universo di transiti, che si declina in svago generalizzato, genera degli squilibri identitari. E conseguentemente, una ricerca di “ruoli” da intraprendere. Ma che tipo di ruoli saranno questi? Altri ruoli di gioco o, forse, altri giochi di ruolo? «Il soggetto del gioco- scriveva Hans Georg Gadamer in Verità e metodo (Bompiani, 2000) - non sono i giocatori, ma è il gioco che si produce attraverso i giocatori» (p. 229). Ed infatti: «ogni giocare è un esser-giocato» (cit., p. 237). Ora, come detto sopra, la Fornaciari usa i termini “intrattenimento, svago, varietà, spettacolo” per descrivere il mondo che ha davanti. Ma questi termini, per definizione, fanno tutti capo ad un’unica realtà: quella del teatro. Ovvero fanno riferimento a quella “teatralizzazione dell’esistenza” sulla quale sono impegnati a discutere, ormai da diversi anni, moltissimi analisti sociali che si occupano della contemporaneità. Teatro, dunque. Ma, ancora per Gadamer, nel teatro i giocatori «non fanno la loro parte come in qualunque altro gioco; essi, piuttosto, recitano i loro ruoli, li rappresentano per lo spettatore» (cit., p. 243). Dunque, in questo onniavvolgente gioco ciascuno è alla ricerca di un ruolo da recitare davanti ad uno spettatore qualsiasi; davanti ad una claque (che, comunque, ci sarà). Con queste sue “emozioni a penna”, la Fornaciari coglie così uno degli aspetti più rilevanti e controversi della nostra modernità. E lo fa con un metro che misura eventi segmentati ed effimeri. Non pronunciando alcun giudizio estetico o morale. Non sbandierando simboli d’avanguardia rivoluzionaria. Ma nemmeno pronunciando un qualche incondizionato assenso verso questo “grande gioco” (Peter Hopkirk, Adelphi, 1990) che si sta giocando davanti ai suoi come ai nostri occhi. Semplicemente, lo fa prendendo atto della circostanza. Ed alla fine ci consegna in questo modo un libro riuscito ma anche impietoso. Infatti, se è vero che l’autrice afferma che «nessuno è colpevole» (p. 62) in un mondo del genere, è altresì vero che subito dopo lei stessa aggiunge: «E chi lo dice? Io non ci ho mai creduto» (p. 62). Ma, naturalmente, anche questo sarà solo un altro transito verso qualche altra scoperta.
Per la verità, c’è da dire che la Fornaciari questo non lo afferma mai esplicitamente nel suo libro. Ma noi ci ricordiamo bene che questo è un mondo nel quale «poi succede qualcosa» (p. 62).
 
Gianfranco Cordì

A volte i libri stampati da piccoli editori non hanno una distribuzione che raggiunge tutte le librerie. Chi fosse interessato al libro può scrivere direttamente all'autrice. L'indirizzo è: Giada Fornaciari- Viale Della Libertà, 36/b - 89100- Reggio Calabria. (ndr)

Foto allegate

Giada Fornaciari
Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy