Giovedì , 27 Novembre 2014
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cordì, povero Wittgenstein
Ludwig Wittgenstein
Ludwig Wittgenstein 
25 Ottobre 2006
 
Dispiace sempre dover scrivere male di un libro appena pubblicato. Se soltanto per un attimo si pensa al lavoro ed alla fatica degli editori, degli editing, dei redattori, degli stampatori, dei distributori e dei librai che alla fine lo vendono, se si pensa a questo dispiace enormemente. E poi, in generale, si tende a salutare sempre come un evento particolarmente gradevole (anziché doloroso) l’arrivo sul mercato di un volume ben fatto e ben curato. Ma nel caso di questo Conversazioni e ricordi di Ludwig Wittgenstein (Neri Pozza, 2005 ) in tutta coscienza sentiamo di non poterci esimere dal dirne male. Sarebbe fin troppo facile, fin da subito, rilevare l’ovvia circostanza che in un libro attribuito nella copertina come opera di Ludwig Wittgenstein (Vienna 26 aprile 1889 – Cambridge 29 aprile 1951) di scritti veri e propri del filosofo del Tractatus non ve ne sia neppure uno. Invece in questo volume c’è della gente che ricorda Wittgenstein, gente che gli è stata vicino, gente che l’ha conosciuto. E tutti costoro parlano di lui con maggiore o minore cognizione di causa a seconda dei casi. Immaginerete a questo punto voi stessi che cosa ne può essere venuto fuori ! Ma - straordinario a dirsi, anche questo - nel complesso il libro è non riuscito non a causa di tale motivo. Se vogliamo concedere per un attimo che un’operazione di questo tipo abbia qualche senso (che pure ci sfugge al momento): il libro è un cattivo libro perché il protagonista di tutto questo deja-vu o auting collettivo, cioè: in questo caso il Ludwig Wittgenstein concreto e reale che è vissuto all’inizio del secolo scorso, è alla fine un Wittgenstein parziale, fratto, incongruo, un cappotto di lana da indossare a ferragosto per intenderci. Ognuno dei suoi amici o parenti parla di Wittgenstein a suo solo titolo personale e non in virtù di altro, in maniera arbitraria, impossibile a verificarsi, provocatoria.
Quello che nelle sue intenzioni avrebbe voluto essere una sorta di sacco da trovarobato della storia della filosofia alla fine si presenta, dunque, come una raccolta più o meno sfasata e triste di opinioni di singoli raccolte probabilmente in fretta in un unico volume dato a stampa. Se volete sorridere, sappiate ad esempio che se fosse realmente vissuto il Wittgenstein spacciato per vero nel volume della Neri Pozza, costui sarebbe stato non molto più che un perfetto idiota, saccente, presuntuoso ed incurante di ogni altro essere umano che fosse stato diverso da lui. Un idiota che ad un certo punto se ne spunta pure con un’idiozia senza capo ne coda come questa: «Kant e Brerkeley mi sembrano pensatori molto profondi». Provate ad iscrivervi alla facoltà di Filosofia della vostra città ed andate a sostenere un esame di Teoretica dicendo una cosa del genere. State pur certi che se il professore avrà dei mastini napoletani a disposizione (in genere nelle Facoltà di Filosofia ce ne sono sempre) ve li sguinzaglierà dietro con grande foga.
Conversazioni e ricordi è dunque un libro capzioso persino nella veste grafica (elegante verdino rigato) e nel suo prezzo (30 euro).
Ma se ci è concesso un’ inciso: il libro in questione è solo un’ indicatore di quella deriva (commercialmente giocata solo sull’immagine nel senso più deteriore del termine) che pure quegli editori che si occupano (io credo a questo punto: loro malgrado, come nel caso in questione) di filosofia hanno da qualche tempo incominciato a percorrere.
Deriva che è sintomatica di un certo qual malessere che partito dalla pubblicità e dalla televisione ha oramai raggiunto (qualcuno dirà: “finalmente”) anche quello che un tempo era il “paludato” Mondo Accademico.
 
Gianfranco Cordì

Articoli correlati

  Kierkegaard e il «Singolo» ovvero solitudine e responsabilità
  Gianfranco Cordì. Sean Carroll, il perenne corso del «tempo»
  Gianfranco Cordì. In direzione della sintonia. Habermas oltre l’astratto
  Gianfranco Cordì: Severino giudice della storia
  Gianfranco Cordì: Derrida introduce alla menzogna
  Gianfranco Cordì. Scrutando l’interminabile: Emanuele Severino
  Gianfranco Cordì. Hillman: una psicologia nuova o vecchia?
  Gianfranco Cordì: Infinito e felicità negli atomisti antichi
  Gianfranco Cordì. Charles Darwin, lo spietato
  Gianfranco Cordì: Democrito e il mondo
  Gianfranco Cordì. Un raggio di luce fa il giro della terra sette volte al secondo
  Gianfranco Cordì. La morte, la terra e il «gran finale»
  Gianfranco Cordì. Il razionalismo esotico di Leibniz
  Gianfranco Cordì: "L'attrazione". Spinoza.
  Gianfranco Cordì, Indice estivo italiano mondialmente esausto.
  Gianfranco Cordì, La Differenza.
  Gianfranco Cordì. “Sul leviatano” Le considerazioni di Schmitt
  Gianfranco Cordì: L’affermazione dell'unicità divina in Senofane
  Gianfranco Cordì. I sensi, la ragione, la conoscenza: Locke
  Gianfranco Cordì. “Eclisse della ragione” di Max Horkheimer
  Gianfranco Cordì: le "nudità" del Re. Discorso sulle parole della sinistra con un accenno alla sinistra delle parole
  Gianfranco Cordì: Gli scritti di logica di Leibniz.
  Gianfranco Cordì, Kant e il progetto globale della pace
  Gianfranco Cordì. «La fine della modernità» e l’inizio del pensiero «dell’erranza»
  Gianfranco Cordì: sinistra, destra e globalizzazione
  Gianfranco Cordì. Emanuele Severino e il fraintendimento del senso del nulla
  Gianfranco Cordì. L’ISOLA
  Gianfranco Cordì: Introduzione a Spinoza che scrive il "Breve trattato su Dio, l'uomo e il suo bene"
  Gianfranco Cordì: Il trattato teologico-politico di Spinoza
  Gianfranco Cordì: Storia della sessualità di Michel Foucault
  Gianfranco Cordì: Poincaré fra esperienza e convenzione
  Gianfranco Cordì. Intero Barrow
  Gianfranco Cordì: La doppia via dei Presocratici
  Gianfranco Cordì: Le “piste” di Platone. Per studenti e lettori di filosofia
  Gianfranco Cordì. Danilo Zolo e la paura
  Gianfranco Cordì. La prospettiva di Spengler
  Gianfranco Cordì: La Trascendenza. E il Principio di Identità degli Indiscernibili in Leibniz
  Gianfranco Cordì. I nostalgici del passato: Lukács viaggia nella storia della filosofia
  Gianfranco Cordì. L’aggiornamento del concetto di superorganismo
  Gianfranco Cordì: Sulla linearita del mondo. Globalizzazione
  Gianfranco Cordì: il tempo per Seneca.
  Gianfranco Cordì. Debole, fragile, limitato
  Gottfried Wilhelm Leibniz, Saggi di Teodicea sulla bontà di Dio, la libertà dell’uomo e l’origine del male.
  Gianfranco Cordì. «La forza della vita reale»: Carl Schmitt e l’eteroclito
  Gianfranco Cordì. Se non la realtà. Gianni Vattimo contro il «nuovo realismo».
  Gianfranco Cordì. L’orizzonte del vagheggiamento
  Gianfranco Cordì. Lo sguardo di Antonio Saccà
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
Ucraina nell'Unione europea?

 74.6%
No
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - R.O.C. N. 7205 I. 5510 - ISSN 1124-1276