Domenica , 17 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Fallimenti S.p.A. 
CARTA CANTA Rassegna di orrori documentali
IL DOCUMENTO. Incipit richiesta del Curatore di autorizzazione ad accendere un prestito
IL DOCUMENTO. Incipit richiesta del Curatore di autorizzazione ad accendere un prestito 
02 Gennaio 2010
 

IL CONTESTO

Il fallimento di una società è, in una qualche misura, accadimento fisiologico, anche se drammatico: tra tante che vanno bene o che comunque sopravvivono, alcune purtroppo non ce la fanno.

E così, a tutela dei creditori interviene lo Stato. Il Tribunale nomina un “curatore” con il compito di realizzare il realizzabile, distribuire il ricavato ai creditori e, finite le risorse, chiudere il fallimento. Viene nominato un Giudice Delegato che vigila sull’operato del curatore, un comitato dei creditori che controlla l’operato di entrambi e al Tribunale viene assegnato il compito di supervisione.

Se il fallito è una società, il fallimento si estende anche ai soci. I loro familiari (genitori, coniugi e figli) restano indenni (o, quantomeno, così dovrebbero restare).

La nostra ignoranza in materia ci ha portato a fare una analisi terra-terra sulla Legge Fallimentare (anno 1942): ecco cosa abbiamo scoperto.

Regola numero uno. La gestione del fallimento della società (patrimonio, incassi, pagamenti) deve essere rigorosamente tenuta distinta da quella dei fallimenti dei singoli soci.

Regola numero due. Chi gestisce il fallimento deve pagare i creditori in tempi rapidi, per limitare i danni di chi già troppi ne ha subiti.

Se avete un credito di 100 vi mangerete le mani quando saprete di non poter realizzare più di 40, diverrete autentiche belve quando si ridurranno a 15, finirete per azzannarvi da soli le parti più intime quando scoprirete che il frutto di anni di triboli non basterà a pagare avvocati e professionisti che per tanti lustri si sono occupati del vostro credito.

 

IL FATTO

Nel caso che stiamo esaminando, finiti i soldi, il curatore, per continuare la gestione del fallimento ha chiesto di essere autorizzato a contrarre un prestito di 20.000 € con la banca, e che Banca!! Nientemeno che la Banca Popolare di Sondrio, Presidente del comitato dei creditori.

Il prestito, spiega il curatore, verrà accreditato su un conto corrente a nome dei fallimenti personali di Gianoncelli Franco e Peppino, dove vengono fatti transitare tutti i pagamenti indistintamente, «per pagare i legali e i loro domiciliatari, le spese per l’esecuzione immobiliare per la vendita dei beni immobili di proprietà di Gianoncelli Patrizia (legale, perito estimatore, professionista delegato, spese di pubblicità); una volta venduto gli immobili verranno effettuati i conteggi precisi per il riaddebito delle somme di pertinenza dei singoli fallimenti».

Dovremmo a questo punto aprire una parentesi per narrare il coinvolgimento di parenti (figli dei falliti e madre, tutti estranei al fallimento) mediante cause intentate dal curatore, costate un’enormità e che per brevità vi risparmiamo (ma vi invitiamo a cliccare “caso Gianoncelli” in internet, per sbirciare in un girone infernale che vi farà esclamare: tutto questo non può essere vero!).

Basterà qui rilevare che, anche per pagare queste spese (circa 37.000 €) il curatore ha pignorato l’appartamento di una figlia, Gianoncelli Patrizia (valore € 121.000) e si sta ora intaccando il patrimonio personale di Gianoncelli Marinella (altra figlia).

Di questo caso, “fallimento Gianoncelli”, si è già occupata la Cassazione Civile, che con sentenza del 17/11/01, faceva a pezzi (si fa per dire) il piano di riparto 1999 del curatore dott. Marco Cottica, approvato dal Giudice Delegato. A proposito della necessità di tenere distinti i patrimoni affermava che «la commistione indebita tra i fallimenti è illegittima a fronte del disposto del c. 2° dell’art. 148 l.f. che impone, proprio a tutela dei creditori appartenenti alle diverse categorie (creditori delle società e creditori personali dei soci illimitatamente responsabili) il mantenimento della separazione e distinzione (non soltanto delle procedure ma anche) degli stati passivi e delle masse attive e passive (sentenza n. 5776 del 1996) onde nessuna valutazione, di supposta ed invero non configurabile necessità o anche soltanto di utilità ed opportunità, può giustificare l’utilizzazione di somme costituenti la massa attiva di una procedura (…) per operazioni (…) inerenti alla o alle altre procedure».

Le rettifiche della Cassazione (il piano di riparto è stato adeguato alla sentenza 17/11/01) non sono mai state pagate.

 

IL COMMENTO

Il curatore si è trovato in difficoltà tale da aver dovuto mestamente confessare al giudice delegato dott. Fabrizio Fanfarillo: «Il sottoscritto non ravvisa soluzione diversa da quella prospettata per poter continuare nella gestione del fallimento».

Azzardiamo un’ipotesi (opinione soggettiva, ben s’intende). E se invece di promuovere così tante cause nei confronti di chi non è mai stato coinvolto nel fallimento, il curatore avesse distribuito i pochi soldini ai creditori? In quel caso si sarebbero risparmiati onorari, perizie, spese di causa, e via discorrendo. I creditori avrebbero visti pagati (tanto o poco) i loro crediti, mentre ai bistrattati eredi sarebbero stati risparmiate cause, appelli, ricorsi e tanta, tantissima sofferenza.

Forse il curatore, per le spese legali, avrebbe potuto ascoltare il consiglio del giudice: «visto, manda al Curatore di valutare l’ipotesi di attivare l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato».

Le cifre che seguono evidenziano chi dai fallimenti prende e chi perde. I dati sono quelli risultanti dal fascicolo dei fallimenti (fino a pag. 785).

Il lettore ha di che stupirsi: al 24/07/2008, a fronte di entrate dei fallimenti (Gianoncelli s.n.c. - Gianoncelli F. - Gianoncelli P. - Gianoncelli B.) per € 188.008 e spese per € 182.241, sono stati pagati 36.151 ai creditori ed € 146.090 per spese di procedura, di cui: spese per cause (avv. Nicola Marchi 56.734; avv. Daniele Schena € 39.373; altri legali € 14.906); compensi al curatore Dr Marco Cottica € 10.856; spese varie € 24.220.

E non è finita.

 

Giuliano Ghilotti

(da 'l Gazetin, dicembre 2009)


Articoli correlati

  Giuliano Ghilotti. Il Gioco dell’Oca (truccato)
  Solidarietà degli artisti valtellinesi a Vanna Mottarelli, a Enea Sansi e al Gazetin
  Avanti Diritto Onlus. Lo Statuto
  Sondrio. “Avanti Diritto”
  Avanti Diritto. “Lodo Gianocelli”... Ovvero una 'giustizia giusta' per tutti
  RadicaliSondrio. A Milano per la legalità al Tribunale di Sondrio
  Radicali Sondrio. Iniziativa dell'On. Rita Bernardini per la libertà di stampa
  Giuliano Ghilotti. Il piacere di fare …le spese
  Claudia Osmetti interviene al Comitato nazionale di Radicali Italiani in corso a Roma
  CERCHIAMO 50 PERSONE...
  Vanna Mottarelli. Un raggio di sole mentre ancora infuria la tempesta
  Lettera aperta al Presidente della Repubblica
  Vanna Mottarelli. Facciamoci causa, ma vogliamoci bene!
  “Marco Cottica diffamato da 'l Gazetin”. Così in Appello
  Non soltanto un film e nemmeno letteratura... È uscito 'l Gazetin d'aprile
  Vanna Mottarelli. Astensione, quadruplicazione, sanatoria e... 'p.g.r.'
  Vanna Mottarelli. Il prezzo della verità
  Lucio Scudiero. La legge fallimentare italiana disincentiva il rischio d'impresa e 'criminalizza' i falliti
  “Per una giustizia più giusta”. Manifestazione al Tribunale di Sondrio sul caso Gianoncelli
  Enea Sansi. Censura Internet. L'abnorme caso di Sondrio
  Marco Pannella. Un “biglietto aperto” a Tonino Di Pietro
  Enea Sansi. Dopo il Curatore, ora è il Giudice a querelare il giornale
  Inaugurazione dell’Anno Giudiziario a Milano
  Lettera aperta al Signor Ministro della Giustizia
  Il Vicepresidente della Camera On. Giachetti presenta un'interrogazione sulla vicenda del GAZETIN
  Senza tregua: nuova citazione del Gazetin da parte del giudice Fanfarillo
  Avvocati senza Frontiere. Procure a delinquere
  Giuliano Ghilotti. Io copio, tu incolli, lei paga
  Degli effetti pregiudizievoli
  “Caso Gianoncelli”. Paradossale l'inchiesta durata tre anni
  “Beati i perseguitati per causa della giustizia...”
  Rinviati a giudizio Vanna Mottarelli ed Enea Sansi
  Vanna Mottarelli. Il fastidio dei “potenti” per le “pulci”. Appello al popolo della rete per la libertà di stampa
  Bernardini e Rossodivita. L'obbligatorietà dell'azione penale è morta, ora si passi ad una riforma che indichi regole e responsabilità
  Vanna Mottarelli. Se sedici anni vi sembran pochi...
  Luciano Canova. Voto e sentenze. La sinistra in Valtellina e le sue anime salottiere
  I conti senza l'oste
  Franco Abruzzo. Intercettazioni: da Strasburgo monito al Parlamento italiano
  Legalità e stato di diritto al tribunale di Sondrio
  Quando raccontare i fatti diventa... pericoloso
  Franco Gianoncelli. Una lettera semplice
  Vanna Mottarelli. Pignorata la casa a Patrizia Gianoncelli
  Incredibile, ma vero: Giudice sequestra giornale pubblicato sul Web dieci anni fa
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy