Mercoledì , 13 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuliano Ghilotti. Il Gioco dell’Oca (truccato)
19 Settembre 2011
 

Come se…

Avete svuotato la cassa e la banca dei vostri risparmi per acquistare la casa dei sogni. Versate in contanti, ma quando fate per metterci piede vi informano: la dovete pagare una seconda volta.

Siete condannato ad un bagno in acqua e sale, dopo aver ricevuto, nudo come un verme nella pubblica piazza, 77 sonore frustate: è la vostra punizione. Non sarete felici di sapere che sarà ripetuta, immediatamente, senza un perché.

Non molto diversamente si saranno sentiti i Gianoncelli, e particolarmente Marinella, destinataria, della sconcertante missiva dell’Avv. Nicola Marchi: mi devi pagare 57 mila e rotti euro o saranno guai (vedi lettera in allegato).

 

Il gioco dell’oca.

Come in un incubo Patrizia, Marinella, Diletto e Giorgio Gianoncelli partecipano ad un perfido gioco dell’oca dove le regole non valgono mai: se vinci non incassi, ma se perdi devi pagare, se paghi non estingui il debito e quando giungi all’arrivo torni sempre alla casella di partenza.

Per questo motivo i nostri eroi devono continuamente opporsi e ad ogni legittimo ricorso si vedono addossare una montagna di spese legali, e si ritorna daccapo.

Le spese relative alle sentenze b, e, f (vedi documento allegato) sono state interamente pagate attingendo al ricavato dalla vendita dell’appartamento pignorato a Patrizia (con le discutibili modalità descritte ne ‘l Gazetin, ottobre 2010).

Altre spese riguardano una causa in cui è stata condannata, tre anni dopo la sua morte, la nonna. Gli eredi non erano parti in causa e la sentenza (n. 481/06 del Tribunale di Sondrio) non è mai stata loro notificata.

L’importo non recuperato dalla vendita dell’appartamento, ovvero la differenza tra le esorbitanti parcelle dell’Avv. Nicola Marchi (85.313 Euro) e il ricavato (70.500 Euro), dedotte le spese per il professionista incaricato (3.332 Euro) dovrebbe, semmai, essere chiesto a Patrizia, essendo stata condannata in prima persona al pagamento delle spese di opposizione al pignoramento e di quelle inerenti le procedure di vendita.

Ma, si sa (è tristemente noto a noi che da tempo ce ne occupiamo) è più difficile trovare cose dritte in questo affaire che gambe dritte tra i cani.

 

Chi male inizia è già a metà del misfatto.

Da cattivo seme non nasce buon frutto. Il fallimento Gianoncelli è paradossale fin da prima che venisse dichiarato.

Infatti il 5 giugno 1997 venne rigettata, con la motivazione che la Società non si trovava in stato di insolvenza, l’unica istanza di fallimento, proposta nientemeno che dal socio Bruno Gianoncelli il quale, tuttavia, manifestava, avanti il G.I. Dr Pietro Paci, l’intenzione di ritirare l’istanza a condizione che venisse affidato il tutto a un fidato plenipotenziario (avete letto bene) il quale avrebbe avuto diritto di vita e di morte su ogni bene mobile e, soprattutto, immobile.

Il Giudice Dr Paci (come riferito in un processo penale dal testimone Avv. Marco Gandini di Milano, difensore di Franco e Peppino Gianoncelli) caldeggiava la proposta e indicava egli stesso taluni nominativi dei papabili al ruolo di “plenipotenziario”.

Franco e Peppino non hanno accettato il gioco dell’oca truccato. Il risultato è stato che il 3 dicembre 1997 (nemmeno sei mesi dopo il rigetto della prima istanza di Bruno Gianoncelli) a situazione economica e patrimoniale migliorata, venne dichiarato il fallimento della Società e dei soci Franco e Peppino (ma indenne Bruno Gianoncelli che anche nella seconda procedura ha avuto un ruolo di primo piano).

 

Non si fa ciò che si deve, per far ciò che non si può.

Anziché liquidare tutto e pagare i creditori della società, come peraltro dispone la legge fallimentare, il “Fallimento” affidato alla capace guida del curatore Dr Marco Cottica con il supporto legale dell’Avv. Nicola Marchi, si è infilato in un vorticoso tunnel di inutili cause civili che hanno creato una prima montagna di spese legali.

Come prescritto dal torbido ed artefatto gioco dell’oca ad alcune parti soccombenti nella causa (i coniugi Fiori) sono state, sempre per incomprensibili motivi, risparmiate le spese legali. La prima tornata di spese legali, di circa 37.000 Euro, è stata affibbiata a chi, almeno in parte, aveva visto riconosciute le proprie ragioni: i figli di Peppino e Franco Gianoncelli: Marinella, Patrizia, Diletto e Giorgio.

 

Da creditore a eterno debitore.

Altra cosa incredibile, che riteniamo non abbia uguali nella storia dei fallimenti, è il fatto che due creditori privilegiati (Giorgio e Diletto), che in quanto dipendenti devono essere liquidati per primi e per intero, non solo non sono stati pagati per poche briciole (nel 1999), ma sono diventati in solido con Marinella e Patrizia debitori per le spese legali.

In ogni consesso civile che si rispetti si compenserebbero debiti e crediti, ma così facendo il “Fallimento” avrebbe riscosso un credito senza incassare un Euro.

 

Tutta trippa per i gatti.

Da qui la geniale idea di lasciare a bocca asciutta Giorgio e Diletto e di far pagare tutte le spese legali (37.000 Euro) alla sola Patrizia che disponeva di un immobile del valore di circa 121.000 Euro, svenduto a 70.500 Euro, con una procedura costata 85.313 Euro, somma interamente liquidata a favore dell’Avv. Nicola Marchi, a cui si è aggiunta la somma di 3.332 Euro, a favore del professionista incaricato della vendita.

 

Fine del gioco.

Alla fine del gioco il “Fallimento Gianoncelli”, che ad ogni opposizione, ricorso, rilievo, istanza, carica smisurate spese legali, si trova come per incanto ad aumentare il debito senza pagare i creditori, neppure quelli privilegiati, ma solo se stesso ed il proprio apparato, con l’avvocato Nicola Marchi in prima fila per velocità redazionale di parcelle inconcepibili.

Così, ad estremo rimedio, completamente al di fuori della procedura fallimentare prevista e delle più elementari regole del processo esecutivo, è stato affidato a una raccomandata (documento allegato) l’arduo compito di far pagare a Marinella sia ciò che è già stato pagato, sia somme di competenza di Patrizia, che non può pagare in quanto le è stato tolto tutto, meno le lacrime per piangere, sia somme di competenza di Lina Moretti, che non può pagare perché morta.

Il gioco è brutto quando è lungo e truccato.

È auspicabile che venga disposta un’accurata ispezione ministeriale – su questa ed altre poco edificanti vicende – e che vengano adottati provvedimenti nei confronti di coloro che si sono resi responsabili di questa kafkiana situazione.

 

Giuliano Ghilotti

(da 'l Gazetin“Carta canta”, luglio-agosto 2011)


Foto allegate

Articoli correlati

  Giuliano Ghilotti. Il piacere di fare …le spese
  Giuliano Ghilotti. Io copio, tu incolli, lei paga
  I conti senza l'oste
  Solidarietà degli artisti valtellinesi a Vanna Mottarelli, a Enea Sansi e al Gazetin
  Enea Sansi. Censura Internet. L'abnorme caso di Sondrio
  Avanti Diritto Onlus. Lo Statuto
  Sondrio. “Avanti Diritto”
  Claudia Osmetti interviene al Comitato nazionale di Radicali Italiani in corso a Roma
  Avanti Diritto. “Lodo Gianocelli”... Ovvero una 'giustizia giusta' per tutti
  RadicaliSondrio. A Milano per la legalità al Tribunale di Sondrio
  Radicali Sondrio. Iniziativa dell'On. Rita Bernardini per la libertà di stampa
  CERCHIAMO 50 PERSONE...
  Vanna Mottarelli. Un raggio di sole mentre ancora infuria la tempesta
  Fallimenti S.p.A.
  Lettera aperta al Presidente della Repubblica
  Vanna Mottarelli. Facciamoci causa, ma vogliamoci bene!
  “Marco Cottica diffamato da 'l Gazetin”. Così in Appello
  Non soltanto un film e nemmeno letteratura... È uscito 'l Gazetin d'aprile
  Vanna Mottarelli. Astensione, quadruplicazione, sanatoria e... 'p.g.r.'
  Vanna Mottarelli. Il prezzo della verità
  Lucio Scudiero. La legge fallimentare italiana disincentiva il rischio d'impresa e 'criminalizza' i falliti
  Franco Gianoncelli. Una lettera semplice
  “Per una giustizia più giusta”. Manifestazione al Tribunale di Sondrio sul caso Gianoncelli
  Marco Pannella. Un “biglietto aperto” a Tonino Di Pietro
  Enea Sansi. Dopo il Curatore, ora è il Giudice a querelare il giornale
  Inaugurazione dell’Anno Giudiziario a Milano
  Lettera aperta al Signor Ministro della Giustizia
  Il Vicepresidente della Camera On. Giachetti presenta un'interrogazione sulla vicenda del GAZETIN
  Senza tregua: nuova citazione del Gazetin da parte del giudice Fanfarillo
  Avvocati senza Frontiere. Procure a delinquere
  Degli effetti pregiudizievoli
  “Caso Gianoncelli”. Paradossale l'inchiesta durata tre anni
  “Beati i perseguitati per causa della giustizia...”
  Rinviati a giudizio Vanna Mottarelli ed Enea Sansi
  Vanna Mottarelli. Il fastidio dei “potenti” per le “pulci”. Appello al popolo della rete per la libertà di stampa
  Bernardini e Rossodivita. L'obbligatorietà dell'azione penale è morta, ora si passi ad una riforma che indichi regole e responsabilità
  Vanna Mottarelli. Se sedici anni vi sembran pochi...
  Luciano Canova. Voto e sentenze. La sinistra in Valtellina e le sue anime salottiere
  Franco Abruzzo. Intercettazioni: da Strasburgo monito al Parlamento italiano
  Legalità e stato di diritto al tribunale di Sondrio
  Quando raccontare i fatti diventa... pericoloso
  Vanna Mottarelli. Pignorata la casa a Patrizia Gianoncelli
  Incredibile, ma vero: Giudice sequestra giornale pubblicato sul Web dieci anni fa
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy