Martedì , 22 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Terzo racconto dal Parlamento. Mentre sgorga l'ingorgo, con un antico andazzo oligarchico 
Adesso la prima cosa è che il 2 giugno non sia più una maledetta e sprecona parata militare
13 Maggio 2006
 

Il terzo racconto si situa nel pieno delle elezioni istituzionali: convalida degli e delle elette, fornitura alle Camere delle persone che ne dovranno dirigere e ordinare l'attività, formazione degli uffici di presidenza e dei segretariati delle Camere, formazione dei gruppi parlamentari e relative dirigenze di gruppo, elezione del Presidente della Repubblica, cerimonia del giuramento, incarico a Prodi di formare il governo e inizio del lavoro parlamentare vero e proprio, a partire da un folto gruppo di iniziative legislative "avanzate" dalla legislatura precedente e che i proponenti ripropongono per il nuovo iter.

Tutti gli inizi di legislatura sono pressappoco così, ma questo è particolarmente difficile per molte circostanze, la principale delle quali è il cosiddetto "ingorgo istituzionale". In effetti ogni volta che riusciamo a mettere in moto un altro pezzo delle istituzioni, a me sembra di sentire quel noto rumore che fa l'acqua nel lavandino quando sgorga un ingorgo: le brutture vanno già per gli scarichi e il lavandino respira. Una impressione di sollievo respiro apertura viene in effetti, anche se le nomine sono stranamente all'insegna di una decantata trasparenza e poi avvengono tutte per designazioni "clandestine" e soprattutto ad opera e tra pochissime persone. Questo andazzo oligarchico sembra sia antico, ma certo le ultime legislature l'hanno accentuato. Spero che si riesca attraverso l'immane lavoro di ricostruzione di una coscienza civile politica democratica o anche solo decente, anche a sbrogliare i vincoli, che sono un po' pesanti.

* * *

A me è capitato di trovarmi in mezzo alle segrete cose e poi di interrompere per fare un salto tra i comuni mortali: che respiro!

Potrei raccontare alla svelta così l'effetto che mi ha fatto, dopo alcuni giorni fitti di ore passate nelle nostre gabbie dorate, catacombe sontuose, loculi di lusso, arrivare a Firenze per il convegno del Movimento nonviolento, in una sede molto meno prestigiosa (un sindacato, pensate un po', con annessa mensa) e sentire circolare aria, sentire parole vere, scherzose, intelligenti, pazienti, curiose: che differenza! Probabilmente una platea come questa, fatta di persone mature e determinate, di tutte le età e dei due generi, fa un po' paura a una accolta di persone che passano dalla pomposità più gonfia alla goliardia stupida, senza equilibrio.

L'impressione che danno i palazzi del potere è di inautenticità.

* * *

Probabilmente non è così, ma così a me è apparsa la vicenda, forse anche in parte perché legata al mio nome, nel corso della elezione presidenziale. Innanzitutto non ho finito né finirò di ringraziare per l'ondata calda diaffetto apprezzamento amicizia tenerezza che mi è arrivata addosso attraverso le moltissime firme che hanno promosso o aiutato l'idea politica di una presidente, che avesse fatto la Resistenza, la scelta nonviolenta e fosse femminista: l'ho detto alla riunione del gruppo senatoriale di Rifondazione: non si è trattato di un affettuoso scherzo (che già sarebbe stata una cosa gentile e piacevole), ma di una indicazione molto precisamente politica.

La comunicazione tra Firenze e Roma (pur messa nelle condizioni migliori perché, sia lì che qui le persone coinvolte erano e sono amiche compagne oneste e di sinistra) non si è attivata: non è stato possibile far entrare il discorso della società civile organizzata negli spazi delle istituzioni (dei quali il partito come forma politica è inestricabilmente avvolto). C'erano patti di ferro nell'Unione e anche dichiarando che la mia candidatura aveva un puro valore simbolico e avrebbe semplicemente introdotto nell'elezione del presidente i temi della Resistenza nonviolenza e femminismo, non è stato possibile, la mia candidatura o del resto qualsiasi altra che non fosse già stata inclusa nel giro degli oligarchi, non era proponibile.

Ho chiesto che comunque alle innumerevoli firme raccolte si dia una risposta politica e porrò la questione ancora una volta martedì 16, quando ci sarà la seduta del gruppo.

Inoltrerò la risposta che è politica e quindi rivolta a tutti e tutte voiche leggete.

Che fare? Mi pare che sia già successo tutto e adesso comincio a pensare al domani.

* * *

La prima cosa è il 2 giugno.

Enrico Peyretti ha scritto un bell'indirizzo a Giorgio Napolitano per chiedergli di mutare subito la natura e caratteristica della festa della Repubblica, che sia davvero una festa e non una maledetta (l'aggettivo è mio) e sprecona pompa militare. Vedremo.

Vi abbraccio


Lidia Menapace


Articoli correlati

  Lidia Menapace. Le priorità
  Sondrio. I parlamentari 'valtellinesi' tacciono: tutto-va-ben, madama-la-marchesa?
  Lidia Menapace. 2 giugno, Festa della Repubblica
  Parata militare. Il milione risparmiato non sarà per l'Abruzzo ma per Palermo
  2 giugno, festa della Repubblica
  Morbegno-Talamona. 2 giugno 2011
  Lidia Menapace. Il Papa e il Presidente
  Alex Zanotelli. Tangenti sulla vendita d’armi: quanto va ai partiti?
  UDI Ferrara. Cittadine da 70 anni
  Lidia Menapace. 2 giugno repubblicano
  Parola di donna… L’Arvangia al femminile per la Festa della Repubblica
  Sondrio. Camminata della Repubblica. Accessibile a tutti
  Lidia Menapace. Festa della Repubblica
  Enrico Peyretti. Due giugno: Caro senatore...
  2 giugno: civile manifestazione di pace
  Festa della Repubblica. Caro Presidente, cosa c'è da festeggiare?
  Elisa Merlo. Belle scene di guerra
  due di giugno
  Lidia Menapace. Viva la Repubblica!
  Ancora sul 2 giugno, adesso che la “festa” è passata
  Carlo Forin. Il governo Conte ha giurato in Quirinale
  Marco Beltrandi. Per ore impedite a Roma la libera manifestazione del pensiero e dell'attività politica
  Un appello al Presidente della Repubblica affinché il 2 giugno sia festa della Costituzione. Senza parata militare
  Il 2 giugno. A Firenze e a Morbegno. Intanto, a Piateda...
  Lidia Menapace. 2 giugno, Festa della sovranità popolare esercitata
  Piccoli esperimenti di democrazia
  Peppe Sini. Nove ruminazioni per la Festa della Repubblica
  Asmae Dachan. “Ho l’obbligo di rispondere alle affermazioni dell’on. Giorgia Meloni”
  2 giugno, Festa della Repubblica e della Costituzione. Scriviamo al Presidente Napolitano
  Annullata la parata del 2 giugno (1976)
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy