Venerdì , 15 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Enrico Peyretti. Due giugno: Caro senatore...
02 Giugno 2009
 

Ho scritto a un amico senatore questa lettera, oggi 2 giugno:

 

Caro ...,

sento ora la diretta radiofonica della parata militare del 2 giugno. Assurdissima, in questa festa, l'unica di tutta la storia italiana pura da armi e guerra. Fu una votazione democratica civile, l'opposto assoluto delle armi. L'esercito non vi ha alcuna parte, non ha diritto di farla propria.

Il fatto che si festeggi la Repubblica con l'esibizione delle armi è una oscenità: tradisce il fatto che si identifica la patria con le armi, il fondo più barbaro del sentimento nazionale.

Ho scritto ogni anno, da circa 20 anni, a tutti i presidenti della Repubblica queste cose. Quest'anno non ho fatto in tempo, e sono anche scoraggiato perché l'ottimo Napolitano non perde occasione di glorificare l'esercito, che è, a volerlo proprio concedere, al massimo, la brutta necessità di difesa dello stato, se si rinuncia a costruire la difesa civile, senza guerra. Come se io identificassi casa mia con il cesso.

Si veda il libro classico, finalmente in italiano, edito da Centro Gandhi di Pisa, di Ekkehart Krippendorff, Lo Stato e la guerra. L'insensatezza delle politiche di potenza: lo studioso della Freie Universitaet di Berlino mostra come storicamente lo stato moderno è sorto intorno all'esercito, e non è questo uno strumento dello stato, ma viceversa: lo stato uno strumento della guerra. Il costituzionalsimo non ha superato questo male originale. La nostra Costituzione lo dice nell'art. 11, ma nessuna politica lo fa. Allora capisco il livello di barbarie in abito civile in cui siamo ancora immersi. Il 2 giugno militarizzato ne è il segno impudicamente esibito.

Ora, ipocritamente, si decanta il risparmio di un milione da devolvere ai poveri terremotati, ottenuto con la riduzione della parata. Ma io vorrei sapere - e tu puoi saperlo e dirmelo - quanto si è speso, e non si dice, sull'altare del culto dell'omicidio patriottico precedente ogni civiltà.

Attendo una parola simile a queste mie dal personale politico democratico.

Con un caro saluto

Enrico Peyretti, Torino


Articoli correlati

  Carlo Forin. Il governo Conte ha giurato in Quirinale
  Festa della Repubblica. Caro Presidente, cosa c'è da festeggiare?
  Sondrio. I parlamentari 'valtellinesi' tacciono: tutto-va-ben, madama-la-marchesa?
  2 giugno, festa della Repubblica
  Lidia Menapace. Il Papa e il Presidente
  Marco Beltrandi. Per ore impedite a Roma la libera manifestazione del pensiero e dell'attività politica
  Lidia Menapace. 2 giugno, Festa della Repubblica
  Alex Zanotelli. Tangenti sulla vendita d’armi: quanto va ai partiti?
  Asmae Dachan. “Ho l’obbligo di rispondere alle affermazioni dell’on. Giorgia Meloni”
  UDI Ferrara. Cittadine da 70 anni
  Elisa Merlo. Belle scene di guerra
  Lidia Menapace. 2 giugno repubblicano
  Peppe Sini. Nove ruminazioni per la Festa della Repubblica
  Parola di donna… L’Arvangia al femminile per la Festa della Repubblica
  Sondrio. Camminata della Repubblica. Accessibile a tutti
  Lidia Menapace. Festa della Repubblica
  2 giugno: civile manifestazione di pace
  due di giugno
  Lidia Menapace. Viva la Repubblica!
  Ancora sul 2 giugno, adesso che la “festa” è passata
  Un appello al Presidente della Repubblica affinché il 2 giugno sia festa della Costituzione. Senza parata militare
  Il 2 giugno. A Firenze e a Morbegno. Intanto, a Piateda...
  Lidia Menapace. 2 giugno, Festa della sovranità popolare esercitata
  Piccoli esperimenti di democrazia
  Parata militare. Il milione risparmiato non sarà per l'Abruzzo ma per Palermo
  2 giugno, Festa della Repubblica e della Costituzione. Scriviamo al Presidente Napolitano
  Lidia Menapace. Le priorità
  Morbegno-Talamona. 2 giugno 2011
  Terzo racconto dal Parlamento. Mentre sgorga l'ingorgo, con un antico andazzo oligarchico
  Annullata la parata del 2 giugno (1976)
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy