Lunedì , 11 Dicembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alessandra Borsetti Venier: L’artista Pippa Bacca è stata uccisa
Pippa Bacca autostop
Pippa Bacca autostop 
14 Aprile 2008
 

La giovane artista Pippa Bacca e l’amica Silvia Moro avevano iniziato lo scorso 8 marzo la performance Spose in Viaggio - Brides on Tour. Voleva essere un forte “gesto di pace” per dimostrare che si potevano attraversare ben 11 Paesi considerati “pericolosi” contando sull’umanità dei loro abitanti. A Istanbul si erano separate per seguire percorsi diversi, ma dal 31 marzo di lei non si avevano più notizie. Si sapeva che era intenzionata a raggiungere Gerusalemme. Un appello era stato lanciato anche dalla madre attraverso il Tg1 mentre la sorella e il fidanzato, recatisi nel frattempo in Turchia, avrebbero avuto la segnalazione della sua presenza da un benzinaio.

Purtroppo quel “gesto di pace” si è infranto alla periferia di Istanbul per mano di un balordo. Pippa Bacca è stata uccisa il 12 aprile 2008.

 

La notizia mi è arrivata tramite una mail dell’artista e giornalista Roberto Cascone con la seguente testimonianza: «Le dovevo intervistare prima della partenza, ma avevamo rimandato per avere tutto il materiale del viaggio. Le avevo sconsigliate, però, era molto pericoloso viaggiare in autostop vestite da sposa, sole (è pericoloso anche qui da noi, ovvio...). La risposta era quasi di un rassegnato entusiasmo, con un pizzico di fatalismo, quasi che, come ogni lavoro artistico, “si dovesse fare perché si poteva, perché andava fatto". Ora che Pippa è morta ammazzata e che non restano che i ricordi, le foto di quella gioiosa e intensa mattina di partenze, l'8 marzo, come se fosse andata al macello serena e innocente, di bianco vestita, non resta che pensarla un'ultima volta, felice come solo lei poteva essere».

 

Giuseppina Pasqualino di Marineo, in arte Pippa Bacca, nipote dell'artista Piero Manzoni, era un'anticonformista con lo spirito dell’avventura e la mitologia del viaggio che, da Ulisse all'on the road, al nomadismo, l’aveva sempre affascinata con tutto ciò che questo comportava. E proprio questa apertura al mondo e la fiducia nel prossimo hanno tradito Giuseppina, che era un’autentica viaggiatrice. Ricordo - per inciso - che in una serie di lavori recenti “Mutazioni chirurgiche - più oltre” del 2004, Bacca aveva fotografato le persone che le avevano dato un passaggio in autostop, poi aveva ritagliato le fotografie in modo da “mutare chirurgicamente” l'immagine di un mezzo di trasporto, terrestre, marino o aereo.

 

Grazie alla sua esperienza di autostoppista, quando Pippa Bacca era partita lo scorso 8 marzo insieme all'amica Silvia Moro, nessuno si era preoccupato. Il progetto era di attraversare 11 Paesi che avevano subito la guerra o che ancora la vivevano, con l'obiettivo di lanciare una messaggio di pace, di speranza e di fiducia. Di apertura. E l'abito da sposa veniva arricchito da “medaglioni” e “affissioni” ricamate dalle donne che incontrava per strada. Voleva arrivare in Israele e in Palestina.

 

La madre, Elena Manzoni, sorella di Piero Manzoni, il famoso artista milanese, ha sperato fino all'ultimo che si trattasse di un rapimento politico o di un sequestro di persona al quale avrebbe fatto seguito la richiesta di un riscatto. Purtroppo la notizia di questa notte è stata drammatica: il corpo di sua figlia, senza vestiti e per metà ricoperto di terra, è stato ritrovato dalla polizia turca a una cinquantina di chilometri da Istanbul. Non lontano, da dove era stata vista l'ultima volta, mentre faceva l'autostop. Un uomo di 38 anni è in stato di fermo e avrebbe già confessato l'omicidio.

Elena Manzoni pensa di realizzare comunque il sogno di sua figlia. «Pippa stava sistemando un seminterrato a Milano per realizzare i suoi progetti artistici… E adesso pensiamo di concludere noi i lavori. E proprio lì potremmo anche tenere la mostra, come lei aveva in mente, con il vestito da sposa sgualcito da migliaia di chilometri che indossava e che rappresenta il simbolo della sua performance artistica, e con le foto del viaggio».

 

Pippa Bacca l’avevo conosciuta a Firenze nel 2002 per la sua mostra “La luna nel pozzo” alla Galleria Fondo Perduto: il tema della femminilità era stato considerato in una ulteriore chiave di lettura ripercorrendo in quattordici opere le fasi lunari, da nuova a piena. Mi piaceva anche quel suo elaborare lavori giocati sull'ambiguità, sulla con-fusione di realtà e apparenza: come le “foglie ritagliate” da foglie reali in modo che il risultato fosse la forma di una foglia di un'altra pianta. Avvertivo nella sua ricerca un forte valore poetico e insieme ironico. Un’artista da tenere d’occhio…

 

Nella rabbia e nella commozione di oggi mi viene in mente un aggettivo per ricordarla: limpida.

 

Alessandra Borsetti Venier


Articoli correlati

  Federazione Anarchica Italiana: Per la pace, per l'autodeterminazione del popolo palestinese
  Alessandra Borsetti Venier: Gianni Dorigo presenta “Multisala” alla Barbagianna
  Alessandra Borsetti Venier: Firenze notte per finestra sola. Foto di sfuggita - 1
  Alessandra Borsetti Venier: Il Ritratto d’ignoto di Antonello da Messina a Firenze? (Parte seconda)
  Alessandra Borsetti Venier: a Firenze “Voci lontane, voci sorelle” VI Festival internazionale di poesia
  Alessandra Borsetti Venier: La Barbagianna inaugura la XVII Rassegna “Incontri d’Arte”
  Alessandra Borsetti Venier: A Firenze riapre “Villa Romana” fondata da Max Klinger nel 1905
  Alessandra Borsetti Venier: Carla Cerati in mostra a Firenze per “Ottobre mese della salute mentale”.
  Alessandra Borsetti Venier intervista Gillo Dorfles
  Alessandra Borsetti Venier: Metzler e i suoi “Nevrotici Metropolitani”
  Alessandra Borsetti Venier intervista Deva Wolfram
  Gey Pin Ang: Il canto del cammino, winter never came spring already arrived
  Alessandra Borsetti Venier: Il sentimento del sacro nelle Cinque Terre
  Alessandra Borsetti Venier: Achtung... l’arte potrebbe essere una trappola
  Alessandra Borsetti Venier: Adriana Dadà e le “Barsane”
  Alessandra Borsetti Venier: Il Pianeta Poesia è a Firenze
  Doriana Goracci: Riflessioni finita l’epifania… che le bombe non porterà via.
  (R)Esistenze il passaggio della staffetta. Donne e Resistenza. Morgana Edizioni Firenze
  Liù, mon amour. In viaggio con Giacomo Puccini
  Alessandra Borsetti Venier: Arte ambientale, il "Muro di Baj" a Pontedera
  Lorenzo Mari: "Aiuterebbe". Poeti sotto la neve 8
  Alessandra Borsetti Venier: Poggiali Berlinghieri in mostra a Firenze con i suoi paradossali “Audioritratti”
  Alessandra Borsetti Venier. Bei ricordi di Natale
  Alessandra Borsetti Venier: L’editoria italiana e il boom del romanzo
  Alessandra Borsetti Venier: Angela Chiti “a occhi chiusi”
  Alessandra Borsetti Venier: Le "palle" di Natale.
  Alessandra Borsetti Venier: L’albero di Natale più bello. (Racconti di Tellusfolio per le feste)
  Alessandra Borsetti Venier. Sogni d’oro, Natale in similoro
  Boicottare i prodotti di Israele finché opera il genocidio? Indagine sull’economia che dirige politica e bombe.
  Alessandra Borsetti Venier: Vanessa Beecroft a Venezia
  Bambine israeliane scrivono sulle bombe per i palestinesi
  Alessandra Borsetti Venier. Angela Chiti con i suoi “Passi sospesi”
  Alessandra Borsetti Venier: Magis poesie opere e racconti dedicati a Maestre e Maestri
  Alessandra Borsetti Venier: “Kufia, canto per la Palestina”
  Emigrazione-notizie. E la sua difesa degli attivisti per la pace a Gaza
  Alessandra Borsetti Venier: Donne e resistenza globale
  Alessandra Borsetti Venier: Teatro, comunque. In un libro la storia dei “Chille de la balanza”
  Alessandra Borsetti Venier: Arte ambientale, la Fattoria di Celle di Giuliano Gori.
  Alessandra Borsetti Venier. La Bohème, commentata da Stravinsky a primavera
  Alessandra Borsetti Venier: I “Nevrotici metropolitani” di Metzler ad Assisi
  Alessandra Borsetti Venier: ArteMobile da Kassel a Firenze
  Doriana Goracci: NO al fascismo militare israeliano. Roma. La Libertà non striscia
  Alessandra Borsetti Venier. “Babbo cos’è il mondo?”
  Alessandra Borsetti Venier: Come raccontare la realtà indicibile?
  Alessandra Borsetti Venier intervista Paolo Crepet
  Oggetto LIBERo. Il libro d'artista in Italia tra produzione e conservazione. Morgana Edizioni Firenze.
  Laura Trevini Bellini: Ancora su Vanessa Beecroft. Galleria Minini, Brescia
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 13 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.8%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy