Giovedì , 18 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alessandra Borsetti Venier: Arte ambientale, il "Muro di Baj" a Pontedera
Il muro di Baj a notte con bimbo
Il muro di Baj a notte con bimbo 
25 Marzo 2007
 

Una tendenza sempre più diffusa nelle città europee è quella di avvalersi degli artisti contemporanei per la realizzazione di opere “Open Arted”. Si tratta di un’arte aperta, letteralmente, non solo per lo spazio, ma nello spazio della vita umana: una definizione per designare le molte opere che occupano spazi pubblici, giardini, strade, rotonde, parchi, rendendole accessibili a tutti e in qualsiasi momento, “aperte”, appunto, a una fruizione senza mediazioni, né orari, né luoghi istituzionalizzati o comunemente deputati alla conservazione. La città di Pontedera, in provincia di Pisa, non è nuova a sperimentazioni di questo tipo, avendo ormai da molti anni scommesso sull’arte contemporanea per ridisegnare il suo contesto urbano. La sesta installazione artistica realizzata è il “Muro di Baj”. Inaugurata nel dicembre scorso, è l’opera di maggiori dimensioni progettata da Enrico Baj, artista poliedrico, pittore, scultore, incisore, scrittore, saggista, fondatore del movimento della pittura nucleare, protagonista ironico e satirico dell’avanguardia artistica europea degli ultimi cinquant’anni del Novecento. Concepita come un grande manufatto site specific, l’opera sorge nella zona di Viale Risorgimento e Piazza Garibaldi, nei pressi della stazione ferroviaria di Pontedera. Si tratta di un muro di 100 metri di lunghezza per 3 di altezza: trecento metriquadri ricoperti da una tesseratura policroma a mosaico che riproduce esattamente i bozzetti originali dell’artista e che ripropone il rapporto tra arte e città, mettendone in risalto quella reciprocità di ruoli che sta gradualmente cambiando l’aspetto di molte realtà metropolitane. L’opera è postuma, poiché Baj, morto nel 2003, riuscì soltanto a realizzarne i bozzetti e a stilare una lettera in cui dava disposizioni per l’esecuzione. Fortemente voluta dall’amministrazione comunale, è stata portata a termine anche grazie all’architetto Alberto Bartalini geniale promotore e regista dell’iniziativa e da altri professionisti: Studio La Noce (arch. D. Lucie M. Signorini), arch. E. Agonigi coordinatore del cantiere, arch. R. Fantozzi dell’ufficio tecnico del Comune.

  

La storia di questa opera non è un fatto isolato, tutt’altro, è la parte terminale di un’impresa molto articolata che ha avuto inizio nel 2004 con il Cantiere Baj, promosso dal Comune di Pontedera e dalla Fondazione Piaggio, nell’ambito del progetto “TRA ART rete regionale per l’arte contemporanea”. Il Cantiere ha rappresentato un importante progetto culturale a lungo termine attraverso appuntamenti dislocati nella città connessi alla poetica di Baj, dal teatro, alla didattica, alle arti visive. Si è inaugurato nel 2004 con la mostra storica “Baj Idromeccanologia”* curata da Enrico Crispolti e allestita nei locali del Museo Piaggio; con la mostra “Baj e maschere” a cura di Roberta Cerini Baj e il laboratorio didattico “GiocaBaj”* a cura di Alessandra Borsetti Venier entrambe allestite presso il Centro per l’Arte Otello Cirri. Per quanto riguarda le molteplici attività didattiche proseguite negli anni successivi nelle scuole di vario ordine e grado sia in città che in provincia di Pisa, sarà pubblicato prossimamente da Morgana Edizioni nella collana “Diritto all’Arte” (www.morganaedizioni.it) il libro di Letteria Giuffrè Pagano Dalle polvere all’infinito: omaggio a Enrico Baj che documenta le esperienze creative realizzate da bambini, ragazzi e adulti che si sono ispirati all’originalità e alla peculiarità dello stile dell’artista che, pur nella trasfigurazione surreale dell’oggetto e dell’immagine, non perde mai la relazione con la realtà del mondo del quale ci svela gli aspetti nascosti in una chiave di lettura alternativa e insospettata. In questo senso il “Muro di Baj” rappresenta una sorta di testamento spirituale di un artista che ha concluso la sua vicenda professionale e umana con l’opera monumentale più grandiosa del suo intero iter creativo: il critico Enrico Crispolti scrive che attraverso lo snodarsi d’un lungo e svariato fregio di presenze umane d’allusione meccanica (che dal “meccano” infatti derivano), il muro figurato di Baj costituisce un’eccitante insinuazione fantastica narrativa, certamente ludica, entro un contesto urbano… sottolineandone la componente giocosa ma anche la straordinaria innovazione. Arricchiti dal valore della creazione artistica gli spazi comuni divengono luogo e strumento di divulgazione culturale e, offrendo un’esperienza estetica alta e significativa, migliorano la qualità della vita facendosi portavoce di un messaggio sociale positivo e propositivo.

Infine, mi piace citare questi versi del critico e poeta Dino Carlesi che riportano all’arte raffinata e al tempo stesso popolare di Baj, ludica ma anche irriverente e graffiante contro i poteri, le strutture economiche, militari e civili perché il suo impegno era sempre rivolto a favore della dignità degli uomini:

  

(...)

I tuoi personaggi fatti d’aria e di poesia

in cammino verso il cuore della gente

noi li nominiamo ambasciatori di una terra

che ti ha voluto bene

e il muro

è il nuovo menhir di questa città.

 

 

Alessandra Borsetti Venier

   

 www.comune.pontedera.pi.it/notizie/2006/inaugurato_muro_baj

   

* I cataloghi E. Crispolti (a cura di), Baj Idromeccanologia e A. Borsetti Venier (a cura di), GiocaBaj sono pubblicati da Morgana Edizioni, Firenze 2004.


Foto allegate

Il muro di Baj, particolare
Articoli correlati

  Alessandra Borsetti Venier: Come raccontare la realtà indicibile?
  Alessandra Borsetti Venier. “Babbo cos’è il mondo?”
  Alessandra Borsetti Venier: Angela Chiti “a occhi chiusi”
  Alessandra Borsetti Venier: Il Ritratto d’ignoto di Antonello da Messina a Firenze? (Parte seconda)
  Alessandra Borsetti Venier: Arte ambientale, la Fattoria di Celle di Giuliano Gori.
  Alessandra Borsetti Venier: Achtung... l’arte potrebbe essere una trappola
  Alessandra Borsetti Venier: L’editoria italiana e il boom del romanzo
  Lorenzo Mari: "Aiuterebbe". Poeti sotto la neve 8
  Alessandra Borsetti Venier: A Firenze riapre “Villa Romana” fondata da Max Klinger nel 1905
  Alessandra Borsetti Venier: a Firenze “Voci lontane, voci sorelle” VI Festival internazionale di poesia
  Federazione Anarchica Italiana: Per la pace, per l'autodeterminazione del popolo palestinese
  Emigrazione-notizie. E la sua difesa degli attivisti per la pace a Gaza
  Alessandra Borsetti Venier: Adriana Dadà e le “Barsane”
  Alessandra Borsetti Venier: Il Pianeta Poesia è a Firenze
  Alessandra Borsetti Venier: Firenze notte per finestra sola. Foto di sfuggita - 1
  Alessandra Borsetti Venier: Poggiali Berlinghieri in mostra a Firenze con i suoi paradossali “Audioritratti”
  Alessandra Borsetti Venier: Carla Cerati in mostra a Firenze per “Ottobre mese della salute mentale”.
  Laura Trevini Bellini: Ancora su Vanessa Beecroft. Galleria Minini, Brescia
  Alessandra Borsetti Venier: Teatro, comunque. In un libro la storia dei “Chille de la balanza”
  Alessandra Borsetti Venier. Sogni d’oro, Natale in similoro
  Alessandra Borsetti Venier. Angela Chiti con i suoi “Passi sospesi”
  Alessandra Borsetti Venier. Bei ricordi di Natale
  Alessandra Borsetti Venier: Magis poesie opere e racconti dedicati a Maestre e Maestri
  Alessandra Borsetti Venier: L’albero di Natale più bello. (Racconti di Tellusfolio per le feste)
  Alessandra Borsetti Venier: “Kufia, canto per la Palestina”
  Gey Pin Ang: Il canto del cammino, winter never came spring already arrived
  Alessandra Borsetti Venier: Metzler e i suoi “Nevrotici Metropolitani”
  Alessandra Borsetti Venier intervista Gillo Dorfles
  Oggetto LIBERo. Il libro d'artista in Italia tra produzione e conservazione. Morgana Edizioni Firenze.
  Doriana Goracci: NO al fascismo militare israeliano. Roma. La Libertà non striscia
  Doriana Goracci: Riflessioni finita l’epifania… che le bombe non porterà via.
  Alessandra Borsetti Venier: Le "palle" di Natale.
  Alessandra Borsetti Venier intervista Deva Wolfram
  Alessandra Borsetti Venier: La Barbagianna inaugura la XVII Rassegna “Incontri d’Arte”
  Alessandra Borsetti Venier intervista Paolo Crepet
  Alessandra Borsetti Venier: ArteMobile da Kassel a Firenze
  Alessandra Borsetti Venier: Vanessa Beecroft a Venezia
  Alessandra Borsetti Venier: I “Nevrotici metropolitani” di Metzler ad Assisi
  (R)Esistenze il passaggio della staffetta. Donne e Resistenza. Morgana Edizioni Firenze
  Alessandra Borsetti Venier: Donne e resistenza globale
  Alessandra Borsetti Venier: L’artista Pippa Bacca è stata uccisa
  Liù, mon amour. In viaggio con Giacomo Puccini
  Boicottare i prodotti di Israele finché opera il genocidio? Indagine sull’economia che dirige politica e bombe.
  Alessandra Borsetti Venier. La Bohème, commentata da Stravinsky a primavera
  Bambine israeliane scrivono sulle bombe per i palestinesi
  Alessandra Borsetti Venier: Il sentimento del sacro nelle Cinque Terre
  Alessandra Borsetti Venier: Gianni Dorigo presenta “Multisala” alla Barbagianna
  Maria Paola Forlani. Borderline: Artisti tra normalità e follia
  Alessandra Borsetti Venier: Omaggio a Enrico Baj nella collana didattica “Diritto all’Arte”
  Maria Paola Forlani. La Guerra che verrà non è la prima
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 11 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.6%
NO
 35.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy