Sabato , 28 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Discorso amoroso
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti: Clemente e la sua bella ragazza
23 Giugno 2008
 

Candida non aveva ancora quindici anni quando le nacque il figlio. Ci volle il medico per tirarlo fuori con i suoi attrezzi d’acciaio, e viste le sue condizioni venne subito battezzato con il nome del santo della cattedrale.

Clemente porta sulla testa i segni di quella nascita forzata, come solchi lasciati da cingoli su un terreno molle; per quanti sforzi faccia tutte le sue capacità arrivano a quelle di un bambino di sei anni: quei due incavi ai lati della testa gli ottundono il pensiero.

Candida crebbe in fretta dopo la nascita del figlio. Era sola. Il padre di Clemente era un pastorello che durante la transumanza estiva si era spinto fino ai pascoli della montagna e verso l’autunno era ridisceso al piano. Candida saliva in montagna per fare le fascine che vendeva al forno del paese, in cambio della farina con la quale la madre faceva il pane.

La madre era la vedova di Libertario, un giovane col sorriso chiaro e gli occhi scuri e la pipa spenta sempre fra i denti. Libertario era morto per una guerra che non voleva fare, colpito a tradimento da una scheggia, senza aver avuto il tempo di conoscere sua figlia.

Quando Candida si era incontrata col pastorello in montagna, non poteva immaginare che quel gioco bello sul letto frusciante degli aghi di abete le avrebbe portato in dono Clemente. Per tanti anni attese che tornasse l’estate riportandogli il pastorello col suo piccolo gregge, così che potesse fargli conoscere suo figlio, finché l’attesa non finì insieme alla speranza.

Candida portava sempre per mano Clemente, anche dopo che era cresciuto fino ad arrivarle alla spalla. Non c’era voluto molto tempo:  il bambino era alto e robusto, e lei minutina e gracile.

Al paese c’era solo una scuola e due maestre, e nessuno si dette la pena di occuparsi dell’istruzione di Clemente, dopo che ai primi tentativi si rivelò ritardato.

Pazienza”, dissero le due maestre, il parroco e il sindaco, “dopotutto è figlio di padre ignoto, e tutto quello che possiamo fare è raccomandarlo al suo santo protettore”.

Candida continuava a portare per mano suo figlio, che la trascinava nelle sue corse, in tutte le sue esplorazioni e scoperte. Con lui ridivenne bambina.

Poi fu Clemente a condurla per mano; andava col suo passo lungo e discontinuo, lo sguardo in perlustrazione, e non sempre si accorgeva del respiro della madre che si faceva affannoso.

Un giorno Candida si attaccò al braccio del figlio e andarono per le vie del paese come due fidanzati.

Dove andate di bello?” chiedevano i paesani, e Clemente rispondeva: “Porto a spasso la mia mamma, la più bella del mondo”.

Candida, a furia di trotterellare al fianco del figlio, si ammalò di stanchezza. Avrebbe voluto sedersi e riposarsi ogni tanto, ma Clemente, al colmo delle sue energie, non poteva assecondare il bisogno della madre; se si fermava lo coglieva una specie di febbre, una sete di baci che non sapeva come appagare.

Baciava la madre sulle mani e sulle guance, ma ciò non bastava  a placare il suo desiderio.

Consumi tua madre a forza di baci”, gli dicevano i paesani. E qualcuno stupidamente aggiungeva: “Ti ci vorrebbe una bella figliola, ormai sei un pezzo d’uomo”.

Clemente allora si arrabbiava:

Questa è la mia ragazza, la più bella del mondo”, e si stringeva più forte alla madre.

Quando Clemente smise di crescere, Candida cominciò a curvarsi.

Era una coppia sbilenca, che camminava tutta sbilenca e sempre più avvinta.

Dove andate di bello?” chiesero come al solito i paesani un giorno che videro Clemente con la madre appesa al braccio discendere verso l’ospedale.

Porto la mia ragazza a fare le terapie”, rispose Clemente. “Le fanno male le ossa e con le terapie guarisce”.

Candida ora aveva tutti i capelli bianchi e la pelle del viso trasparente. Anche gli occhi si erano un po’ sbiancati, come fossero impregnati di pioggia.

Eh, fortunata la madre che t’ha messo al mondo!” dicevano a Clemente le donne anziane, deluse dei figli e intristite dalla solitudine, stranamente invidiose di Candida così circondata d’affetto.

Fortunato sono io, ad avere la madre più bella del mondo!” rispondeva Clemente col suo linguaggio infantile, povero di parole e ricco di sentimento.

Un giorno, mentre andavano come al solito per le vie del paese, incontrarono una bella ragazza sconosciuta. Clemente si bloccò davanti a quella visione, come avesse visto la Madonna delle Grazie in persona.

La madre gli stava immobile accanto e due lacrime le scesero lungo le guance pallide e lisce.

La ragazza era venuta a passare qualche giorno in quel paesino sperduto fra i monti, ma già si stava annoiando. L’incontro con la strana coppia spezzò la monotonia di quel luogo. La ragazza conosceva la storia di Clemente, che le era stata raccontata dalle comari, e tentò una prova di seduzione al fine di misurare le reazioni di un ritardato davanti alla sua leggiadria.

Clemente restò senza fiato davanti alle sinuose movenze di quella creatura celestiale. Gli caddero le braccia lungo i fianchi e la madre, rimasta senza sostegno, vacillò. Immobili come statue in equilibrio precario, Clemente e Candida guardavano ammaliati la fanciulla, storditi dalla luce del suo sorriso e dal profumo di lavanda che emanava dalla sua pelle di alabastro.

È vero che siete fidanzati?” chiese la ragazza con una sfida sottile nello sguardo, piacevolmente eccitata dall’evidente potere della sua avvenenza.

Clemente non rispose. Per un attimo l’intelligenza che dalla nascita gli era rimasta schiacciata nella testa si liberò, e gli occhi si spalancarono limpidi a fissare la fanciulla. Per un attimo Clemente visse in tutta lucidità il suo dramma e il dramma di sua madre, la sua condizione di ritardato mentale, e sentì il suo corpo di uomo sano reclamare la sua parte con un trasporto doloroso e immenso.

L’impeto gli dava le vertigini. Cercò la spalla di sua madre e vi poggiò la testa. Candida prese a carezzarlo piano, piano e dolce come quando era piccino, cullandolo appena, e Clemente si sentì confortato.

Sì, questa è la mia ragazza, la più bella del mondo” rispose Clemente, e chinandosi colse una pratolina, la mise fra i capelli della madre e insieme ripresero a passeggiare per le vie del paese.

  

Maria Lanciotti


Articoli correlati

  Vetrina/ Maria Lanciotti. Antico padre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cavalieri
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Maria Lanciotti: Iniziazione misterica delle figlie di Eva quando avevamo ancora l’anello al naso…
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. I colori della barbarie
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  I brevissimi/ Maria Lanciotti. Voci dall’isola
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Generazioni
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Maria Lanciotti: Un fiore per i miei cari
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Brevemente
  Maria Lanciotti. Un sorriso che non si spegne
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Erano i giorni che non si spengono a notte
  Vetrina, In libreria/ Maria Lanciotti. Suono e visione – 1/3
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Immagini in forma di haiku
  Il Bambinello, la defezione dell’ONU e la Speranza
  Maria Lanciotti: Giacomo, non guardare!
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Se mi strappassi di dosso...
  Maria Lanciotti: Vacanze in campagna. Prima Parte
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non darti pena...
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L’ultima freccia...
  Maria Lanciotti: Vacanze in campagna. Seconda parte
  Maria Lanciotti: La morte in faccia
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Maria Lanciotti: Il buco nella rete
  Maria Lanciotti: Tutto cominciò con una morte bianca
  Maria Lanciotti. E Gesù lagrimò
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. oblivion
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sempre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ora che le parole...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Il viaggio continua…
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Maria Lanciotti: Offerta speciale: ammazzi due e paghi per uno
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  Maria Lanciotti. “Canto di primavera”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cela i tuoi versi...
  Maria Lanciotti: Il viaggio della vita
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Maria Lanciotti: Pasolini e le 120 giornate di Sodoma
  Maria Lanciotti: la vergognosa controriforma di Mariastella Gelmini
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Petali
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Scorreva come lava nella gola...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cosmo
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  A conforto di papa Ratzinger: L’importante per i bambini è non sentirsi figli di nessuno
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Boom e controtendenza (1998)
  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Maria Lanciotti: Il dolore del papa per i morti di Kabul
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  Maria Lanciotti. A bocca cucita col fil di ferro
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Quarta parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ancora sono
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Notte di primavera
  Maria Lanciotti. I brevissimi/ E io aspetto Elisa
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  In libreria/ Maurizio Rossi. “Riόne Munnu (Borgata Mondo)” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non vedo bambini nel borgo
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  Maria Lanciotti: Eluana Englaro, ...non puoi andare in pace
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eppure sai...
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 2
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Pensiero d’aprile
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Maria Lanciotti. Forty Fingers ‒ Altre note sul sesto rigo
  Roma. Trentennale del Movimento studentesco “La Pantera”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nossignori...
  Pearl S. Buck: La buona terra. Ri-lettura di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti: Asteria e la notte di Ba-bo
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Maria Lanciotti. Panorama
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Maria Lanciotti: Quei fichi dolci colti alla luce della luna
  Tonaca e mascherina. La CEI al tempo del Covid
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Poi finirono le parole...
  Maria Lanciotti: Ti racconto una storia (Fiaba per Discorso amoroso)
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Senza cattiveria
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Maria Lanciotti. La rosa nera e la rosa rossa, una storia follemente umana – 1
  Maria Lanciotti. Fotogrammi
  Maria Lanciotti. Murale
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Vieni, mio caro uomo...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Già tutto detto...
  Maria Lanciotti: Il giardino dopo l'ultima stanza
  Maria Lanciotti: Vieni a me bambino, che t’insegno io l’educazione
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Pasqua 2022
  Amina e la maledizione dell’abate
  “La sacca del pastore” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mimose
  Maria Lanciotti: Giostra del bastardo amore
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  John Steinbeck: La luna è tramontata. Ri-lettura di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ho conosciuto una ragazza...
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per un impiccato in cella d’isolamento
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. M’invita ancora...
  Maria Lanciotti: C’era una volta il maestro unico. I racconti della nonna
  Maria Lanciotti: Caccia al pedone
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Maria Lanciotti: Il paese di Natale dove accadono strani fatti e si parla in rima
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Maria Lanciotti. Lascia ch’io cerchi la mia strada...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Meditando
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Petra VoXo. Dove sono finite le voci delle bambine?
  Maria Lanciotti: Vacanze in campagna. Terza parte
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E tu ridevi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Carezze di aghi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Veranda sul mare d’inverno...
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Maria Lanciotti: Terra castellana
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Maria Lanciotti: Il sesto senso.
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti: Aria di primavera
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Salva con nome, Patrizia Garofalo
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 1
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Pier Paolo Pasolini: Il padre selvaggio. Ri-lettura di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. La Natura che combatte
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Maria Lanciotti: Ronda armata 1euro a notte per dormire come un angioletto
  Maria Lanciotti: Lima e ferro. Con foto dal futuro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco, più della bianca neve...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Maria Lanciotti: Un posto in paradiso per i porcelli che muoiono senza arrivare a Natale
  Maria Lanciotti. Natale all’ipermercato
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Anno zero
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 3
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Maria Lanciotti: Transumanza
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Seducente Natura
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Borgata Mondo
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non più picchi e strapiombi...
  Maria Lanciotti: Plico-Plico
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Casi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cavalieri
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Amore mio
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  Maria Lanciotti: La poesia quand’era al fronte. Ricordino di poesia sorgiva
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per una morte bianca in fonderia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Maria Lanciotti: Divagazioni allappanti sotto i baffi di Trilussa
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku classico con e senza kigo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Romanza
  Mario Rigoni Stern: "Il sergente nella neve". Ri-lettura di Maria Lanciotti
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy