Venerdì , 05 Giugno 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
03 Ottobre 2006
 
«L’eterno futuro dell’inizio». E cala il silenzio dentro l’anima. Come pioggia in qualche punto del deserto. Che fa apparire ancora più arida l’area non bagnata dal cielo.
Ho letto Il moto apparente del sole – Storia dell’infelicità di Flavio Ermini Moretti&Vitali Editori nel maggio scorso. L’ho letto con la matita in mano e un temperino in tasca su una spiaggia in quel periodo deserta del litorale romano. La matita finì di consumarsi a metà lettura e non ne comperai un’altra. Tra sottolineature frecce punti esclamativi e interrogativi parentesi tonde quadre graffe uncinate e cerchi e ellissi e note ai margini, quel libro di 300 pagine si presenta ora per la prima metà come aggredito da mille belve e per il resto come sfogliato dal vento.
Di tutto mi è rimasto un respiro largo. Profondo. Difficile a dirsi.
Tanti anni fa feci un sogno. Se così vogliamo chiamarlo.
Era notte fonda e io stavo immobile al buio aspettando un segno. Ero a un bivio della mia esistenza in cui la scelta s’impone. Una scelta senza ritorno. Che avrebbe coinvolto altre vite alcune delle quali innocenti.
Desideravo annientarmi in tutto quel buio. Invece.
Un nucleo di materia si accese e dal vuoto primordiale partì a velocità istantanea diretto a me, assumendo per via i contorni e poi le forme palpitanti dei segni zodiacali mio e delle persone strettamente connesse alla mia decisione. Un leone un toro un ariete, e fra essi un cerbiatto che come un nastro d’oro li avvolgeva nei suoi giri gioiosi e liberi e incatenanti.
Tutta quella luce mi restò negli occhi anche dopo che l’ebbi aperti nel buio della stanza. Un senso di quiete e di fatalità m’invasero e io presi la mia decisione: dovevo tornare indietro per tentare di ripartire ancora, non c’era altro da fare.
«La lingua muta delle cose». «I nostri margini scuri». «Votarsi all’interminabile quando tutto da tempo è terminato».
«L’antro e le terre circostanti». «Il fronteggiarsi della vita con la morte». Questi e innumerevoli altri punti di luce mi sono venuti incontro dalle pagine dell’ultima opera di Flavio Ermini. Restando infissi in me come terapeutici aghi.
Resto a riflettere.
 
Maria Lanciotti

Articoli correlati

  Sulla danza
  Spot/ Cierre Grafica con Anterem Edizioni e Poesia2.0: Opera prima
  “La parola poetica, vicina alla verità”. Incontro con Flavio Ermini
  Flavio Ermini. L’altare dei sacrifici e il giardino destinato alla vita
  In libreria/ “Edeniche” di Flavio Ermini (POESIE 2010-2019)
  In libreria/ Aurelia Delfino. Danze
  Giulio Marzaioli: Sul libro “Plis de pensée” di Flavio Ermini recensito da Alessandro De Francesco
  Eventi/ G37 il Summit mondiale della Poesia per affermare il potere della conoscenza
  Giuseppina Rando. Dove persiste oscurità
  Riviste/ Anterem 82. La responsabilità della parola poetica
  Flavio Ermini. L’ascolto del testo
  In libreria/ Flavio Ermini, Il compito terreno dei mortali
  Rosa Pierno. “Il matrimonio del Cielo con la Terra” di Flavio Ermini
  “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Flavio Ermini. Il giardino conteso
  Della spiritualità della terra e del seme della parola. Duccio Demetrio e Flavio Ermini
  Patrizia Garofalo. Breve nota alla parte sesta de “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Flavio Ermini. Riflessioni su una poesia di Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo. La parola numerosa di Flavio Ermini
  In libreria/ Flavio Ermini. Una poesia aperta all’accoglienza e alla speranza
  Flavio Ermini, Plis de pensée. Recensione di Alessandro De Francesco
  Vetrina/ Flavio Ermini. Il totem che cade e cade
  Milano: Le riviste letterarie. Un incontro
  Giuseppina Rando. “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Galleria Peccolo. “Action Poetry”: Conversazione con Flavio Ermini
  Patrizia Garofalo. Su “Karlsár” di Flavio Ermini
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Per “Karlsár” di Flavio Ermini
  La tâche terrestre des mortels. Poésies 2002-2009
  Giuseppina Rando. Impensato
  L’Albero della filosofia. Rainer Maria Rilke
  Patrizia Garofalo. “Della fine” di Flavio Ermini
  Patrizia Garofalo: Flavio Ermini. Rilke e la natura dell’oscurità
  Biennale Anterem di Poesia. Motivazioni e finalità.
  “Bioccoli” di Giuseppina Rando in Limina di Anterem Edizioni
  Ivana Cenci: Sulla necessità della parola poetica.
  L'esperienza poetica del pensiero. Il numero 80 di “Anterem”
  Flavio Ermini. La persistenza dell’aurora
  Patrizia Garofalo. “Essere il nemico” di Flavio Ermini
  Flavio Ermini. La poesia non è un genere letterario
  Lorenzo Montano: Viaggio attraverso la gioventù. Postfazione di Flavio Ermini. Moretti & Vitali editori
  Flavio Ermini. L’esperienza poetica del pensiero
  La verità dell’ombra, l’ombra del dire
  Riviste/ Anterem 81. Poetiche del pensiero
  Spot/ Flavio Ermini: L'esperienza poetica del pensiero
  Flavio Ermini, Il moto apparente del sole. Storia dell’infelicità.
  Eventi/ Roma: Ritratti di Poesia
  Franc Ducros: Prefazione a Flavio Ermini, Plis de pensée.
  Flavio Ermini. Esistenza e libertà
  In libreria/ Patrizia Garofalo. L’abbaglio ideale delle rose
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Casi
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Maria Lanciotti. La Natura che combatte
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sempre
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  Roma. Trentennale del Movimento studentesco “La Pantera”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eppure sai...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ancora sono
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Tonaca e mascherina. La CEI al tempo del Covid
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non vedo bambini nel borgo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per una morte bianca in fonderia
  Amina e la maledizione dell’abate
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Borgata Mondo
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Anno zero
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Senza cattiveria
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Boom e controtendenza (1998)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per un impiccato in cella d’isolamento
  “La sacca del pastore” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nossignori...
  Maria Lanciotti. Panorama
  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Maria Lanciotti. “Canto di primavera”
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria Lanciotti. La rosa nera e la rosa rossa, una storia follemente umana – 1
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Il viaggio continua…
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Vetrina, In libreria/ Maria Lanciotti. Suono e visione – 1/3
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Brevemente
  Maria Lanciotti. Murale
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cavalieri
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cosmo
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Veranda sul mare d’inverno...
  Maria Lanciotti. Natale all’ipermercato
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cela i tuoi versi...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Romanza
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non più picchi e strapiombi...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Pensiero d’aprile
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 1
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Maria Lanciotti. E Gesù lagrimò
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Amore mio
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Già tutto detto...
  Maria Lanciotti: La confessione
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. I brevissimi/ E io aspetto Elisa
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  In libreria/ Maurizio Rossi. “Riόne Munnu (Borgata Mondo)” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Generazioni
  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Immagini in forma di haiku
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.4%
NO
 25.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy