Giovedì , 12 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ “Edeniche” di Flavio Ermini (POESIE 2010-2019) 
Riflessioni di Giuseppina Rando
26 Luglio 2019
 

Verso l’indistinto

 

Flavio Ermini, poeta, narratore e saggista, fondatore della rivista di ricerca letteraria Anterem, si distingue tra gli autori di letteratura contemporanea, per i temi delle sue opere basate su questioni relative al rapporto Poesia / Filosofia e sull’esperienza poetica del pensiero.

Pensiero radicato nella struttura umbratile dell’esistenza umana e veicolato dalla parola poetica nello spazio in cui l’essere stesso si manifesta. Pensiero e parola, nel loro intrinseco divenire, si annodano e si snodano, si separano e si congiungono, aprendo e/o favorendo il rapporto tra conoscenza di sé e dell’io e conoscenza del mondo. Conoscenza che resterà sempre limitata a causa dell’ostinato levarsi delle tenebre… per l’incompiutezza intrinseca all’essere umano e il proprio situarsi ai lati di una penosa dissoluzione / che (lo) mortifica… per la vita che gli resta.

Edeniche, nota Ermini nella Premessa, “ci narra della separazione degli esseri dalla sostanza indefinita e illimitata, in quanto destinati – quali esseri finiti e molteplici – alla contesa e al contrasto. Edeniche testimonia che è subentrato il conflitto là dov’era armonia”.

Conflitto istoriato in versi con andamento ritmico su distinti pannelli che, come in una galleria d’arte, si susseguono nell’armonica composizione del poemetto.

Un racconto poetico, quindi, sul dramma e sulla fugacità della nostra esistenza… / che si fonda sulla cenere… non sulla dura pietra… reso più angosciante dall’immaginosa visione di ciò che sarebbe dovuto essere se non ci fosse stata “la caduta” e la privazione di quel mitico giardino dell’Eden: Il sacro recinto.

perdono vigore i corpi cadendo su rovi inospitali

e su se stessi si piegano e con l’uomo ancora cadono

perché la luce è così fioca da spegnersi d’un tratto

legata com’è alla parte indivisa del giardino

Sembra palpabile la nostalgia di un luogo stupendo, di meravigliosa pace, di quel senso perfetto di fusione e armonia con la luce e con la natura tutta.

È il mitico Eden raccontato in diverse antichissime culture e religioni, luogo incantato che forse abbiamo veduto prima di nascere, forse in sogno, forse nella memoria collettiva della nostra specie, o, come dice Carl Gustav Jung, attraverso l’inconscio collettivo della nostra stirpe, dei nostri antenati sconosciuti.

testimonia il mortale l’interminabilità del cadere

incessantemente manifestandosi come verbale presenza

nell’imperfetta aderenza al pietroso crinale

per un altissimo grado di estraneità alle tenebre

Ne consegue il disagio dell’oscurità e delle tenebre e la perenne aspirazione all’Origine, alla fonte luminosa e totalizzante:

fa pensare alla salvezza la luce originaria

capace com’è di minare ogni nostra persuasione

grazie alla geometrica perfezione dei suoi raggi…

Flavio Ermini così, pagina dopo pagina, ci conduce attraverso gli intricati vicoli della dolente condizione umana, condannata all’esilio, tormentata fin dai primordi, da un’assenza, da una mancanza: soffre ogni pena l’umano…

Un incamminarsi verso l’indistinto, verso uno spazio aperto e infinito, epifania – forse – di un altrove.

Un percorso che mira, tra l’altro, a ristabilire la centralità della parola e del pensiero, non costruiti sulle categorie logiche, ma colti ai loro albori, nell’alveo della pre-scienza e della precognizione (ante-rem).

Un cammino dove …non dà scampo il tempo cui gli esuli si affidano / allorché assumono come centro l’apparire… e non investe soltanto l’aspetto ontologico, metafisico, ma anche il poliedrico vissuto di ciascuno di noi se… su questa terra palmo a palmo depredata / implacabilmente il tempo ci aggredisce / in un devastante potere di annientamento.

Tra le pagine di Edeniche, si legge anche il conflitto dei nostri tempi in versi pregni di riflessioni che suonano denuncia, amara e forte, nei confronti di una società impazzita e smarrita che sembra aver rinnegato ogni valore …tumulandoci sotto strati spessi di macerie / che l’epoca sottrae alle aule del cielo / nel far sì che l’umano essere sia sostituito/ da un susseguirsi ininterrotto di simulazioni…

Denuncia non fine a se stessa, ma per ricordare la funzione sublime della Poesia nella vita.

La Poesia è una grazia, scrive l’Autore nella Premessa, proprio perché riesce a superare l’antropocentrismo e l’illusoria superiorità dell’uomo sugli altri esseri viventi e ad unificare ciò che sembra diviso: apparenza e essere.

Nell’Editoriale al n. 98 di Anterem dal titolo “Perché la poesia?” (uscito contemporaneamente alla pubblicazione di Edeniche) Flavio Ermini, come ad esegesi dell’elemento costitutivo di questa sua ultima opera, scrive:

«(…) Il nostro esserci – così strettamente legato al più ampio esserci del mondo – non può essere ridotto a oggetto. Esattamente come a oggetto non possono essere ridotte le parole. Le quali non sono segni convenzionali: al contrario coincidono con le cose; ne svelano la natura autenticamente albale. (…) Il fine è di stemperare abitudini mentali consolidate in terra d’esilio, per aprirsi a prospettive di pensiero impreviste, a rivelazioni che non producono conoscenza, ma al contrario attraggono l’esistenza verso una destinazione nuovamente principale».

E se la poesia non può essere, come aspirano in molti, strumento di mutamento della realtà, forse può consentire una qualche forma di resistenza all’ ingiustizia e al male .

«Il cammino da compiere» continua Ermini nell’Editoriale citato «implica un cambiamento di forma dell'esistenza, un cambiamento di vita, un decidersi per una relazione essenziale con il mondo. L’intento è di giungere puntuali all’incontro con il pensiero dell’essere, pensato nella sua indivisibilità».

La poesia di Edeniche, dunque, veicola messaggi nutriti e forti in riferimento all’essere e all’esistenza ossia a tutto ciò che costituisce ed incarna l’intima, reale essenza della condizione umana... che danza nel silenzio e nel mistero.

È introspezione del “sé”, ma anche desiderio di aver cognizione del primordiale inizio dell’umano cammino su questa terra, finalizzato al raggiungimento di un quid più elevato e più sublime. Come se in ogni singola anima individuale ci fosse un frammento di realtà evocante l‘Eden, il Bene perduto cui ardentemente ci si vuole ri-congiungere.

Nell’area di confine tra realtà palese e mondo invisibile si muovono i viventi / fatti come sono di piccole ali… uno spazio che forse soltanto ai mistici e ai poeti è concesso vedere, coscienti della sofferenza come passo obbligato...

si copre di flebili voci il giardino

per cui subito apprendiamo

quanto il volo terreno sia breve

in questi vaghi spazi circostanti

così prossimi all’ultimo finito

grazie al varco attraverso le rovine.

Un umano cammino contrassegnato sì, da caducità e afflizione, ma proiettato verso quello spazio aperto e infinito, prefigurante l'Altrove.

E se non c’è la certezza di una qualche forma di redenzione o di personale ri-congiungimento al Bene perduto, almeno, grazie alla Poesia, si offre al pensiero e alla parola l’opportunità di guardare dentro di noi e dentro la realtà del mondo circostante.

 

Giuseppina Rando

 

 

Flavio Ermini, Edeniche

Configurazioni del principio

Moretti & Vitali, 2019, pp. 144, € 14


Articoli correlati

  Patrizia Garofalo. “Essere il nemico” di Flavio Ermini
  In libreria/ Aurelia Delfino. Danze
  Milano: Le riviste letterarie. Un incontro
  Eventi/ G37 il Summit mondiale della Poesia per affermare il potere della conoscenza
  “La parola poetica, vicina alla verità”. Incontro con Flavio Ermini
  Giulio Marzaioli: Sul libro “Plis de pensée” di Flavio Ermini recensito da Alessandro De Francesco
  Patrizia Garofalo. “Della fine” di Flavio Ermini
  Riviste/ Anterem 82. La responsabilità della parola poetica
  La tâche terrestre des mortels. Poésies 2002-2009
  L'esperienza poetica del pensiero. Il numero 80 di “Anterem”
  Rosa Pierno. “Il matrimonio del Cielo con la Terra” di Flavio Ermini
  “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  L’Albero della filosofia. Rainer Maria Rilke
  In libreria/ Patrizia Garofalo. L’abbaglio ideale delle rose
  Flavio Ermini. Il giardino conteso
  Spot/ Cierre Grafica con Anterem Edizioni e Poesia2.0: Opera prima
  Patrizia Garofalo. Breve nota alla parte sesta de “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Flavio Ermini. Esistenza e libertà
  Flavio Ermini, Plis de pensée. Recensione di Alessandro De Francesco
  Della spiritualità della terra e del seme della parola. Duccio Demetrio e Flavio Ermini
  Flavio Ermini. L’esperienza poetica del pensiero
  Giuseppina Rando. “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Galleria Peccolo. “Action Poetry”: Conversazione con Flavio Ermini
  Eventi/ Roma: Ritratti di Poesia
  La verità dell’ombra, l’ombra del dire
  Flavio Ermini. L’altare dei sacrifici e il giardino destinato alla vita
  Giuseppina Rando. Impensato
  Flavio Ermini. L’ascolto del testo
  Flavio Ermini. La poesia non è un genere letterario
  Patrizia Garofalo. Su “Karlsár” di Flavio Ermini
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Per “Karlsár” di Flavio Ermini
  Sulla danza
  Riviste/ Anterem 81. Poetiche del pensiero
  Franc Ducros: Prefazione a Flavio Ermini, Plis de pensée.
  Patrizia Garofalo: Flavio Ermini. Rilke e la natura dell’oscurità
  Biennale Anterem di Poesia. Motivazioni e finalità.
  Flavio Ermini. La persistenza dell’aurora
  Ivana Cenci: Sulla necessità della parola poetica.
  “Bioccoli” di Giuseppina Rando in Limina di Anterem Edizioni
  Spot/ Flavio Ermini: L'esperienza poetica del pensiero
  Lorenzo Montano: Viaggio attraverso la gioventù. Postfazione di Flavio Ermini. Moretti & Vitali editori
  In libreria/ Flavio Ermini, Il compito terreno dei mortali
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Flavio Ermini. Riflessioni su una poesia di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Flavio Ermini. Il totem che cade e cade
  Patrizia Garofalo. La parola numerosa di Flavio Ermini
  Giuseppina Rando. Dove persiste oscurità
  Flavio Ermini, Il moto apparente del sole. Storia dell’infelicità.
  In libreria/ Flavio Ermini. Una poesia aperta all’accoglienza e alla speranza
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy