Sabato , 28 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Discorso amoroso
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti: Infinitamente mai
13 Dicembre 2007
 

L’amo da prima di nascere. Io non sapevo che un giorno sarei nato ma sapevo che l’amavo e l’avrei amata per sempre. Forse nacqui in virtù di quest’amore, che prepotentemente mi scagliò nella vita perché la incontrassi. Io non sapevo che la stavo cercando. Non sapevo nemmeno che esistesse, anche se la sentivo e la vedevo ovunque.

Avevo pochi anni la prima volta che mi si mostrò. Correvo in mezzo a un campo di stoppie quando l’odore di polvere e sangue si accese nella mia mente come un incendio incontenibile e indomabile e in mezzo alle fiamme essa mi apparve per un attimo e guizzando tutto mi abbracciò e io mi sciolsi a terra fra le lacrime e il dolore e la gioia ma non potevo gridare né piangere né ridere, colmo di un mutismo straziante e sublime che mi rendeva anche sordo e cieco.

Quando ripresi i sensi non ero più solo. Lei si era accasata dentro di me. Lei respirava col mio respiro, io con il suo.

Di quel giorno riporto tante piccole ferite, i graffi incancellabili di quelle stoppie che come lillipuziane frecce d’oro mi tatuarono il corpo disegnando il suo nome a lettere indecifrabili.  Volevo chiamarla e non potevo e allora m’inventai per lei tanti nomi.

La chiamai Stella Luna Sole, Fiore Albero Ruscello, Aurora Alba Tramonto, Mare Luce Ombra, Lucciola Serpe Colibrì e infiniti altri nomi. Lei non rispondeva ma io continuavo a chiamarla, a tentarla, a tormentarla perché mi si rivelasse ancora, perché mi ferisse ancora col suo tocco misterioso.

Non ero più un bambino e non ancora uomo quando compresi che quell’amore nato prima di me mi avrebbe ucciso se non gli avessi dato vita. Una vita reale.

Lei doveva uscire da me perché io potessi toccarla, cingerla, possederla. Me la dovevo sradicare dal cuore per poterla afferrare, strapparle i veli, vedere la sua faccia, cercare la sua bocca.

Non sapevo come fare. Non avevo nessuno a cui chiedere aiuto. Smisi di mangiare e di dormire, m’incurvai su me stesso come un tralcio pesante di pampini che non trova un sostegno a cui abbarbicarsi. Invecchiavo senza crescere. Vedevo la vita passare e mi ammalavo di nostalgia. Lei mi pesava dentro come una condanna ingiusta, come un destino amaro. Presi a odiarla. A maledirla. Tentai di scrollarmela di dosso correndo come un forsennato non sui campi di stoppie ma sulle autostrade, sui bordi dei precipizi, sulle rotaie vibranti dei treni in arrivo. Tentati di liberarmi di lei cercando di liberarmi di me, ma lei mi aveva reso immortale. Lei non mi avrebbe mai reso la libertà, pensavo sconfitto, e provai a immaginare come sarebbe stata la vita senza quel pensiero ossessivo e quella presenza che mi inghiottiva come un vuoto infinito. Orribile. Orribile. Realizzai, senza appello, che essa era la mia morte così come era stata il motivo della mia nascita.

Il mio corpo reclamava il suo corpo, la mia anima la sua anima.

Continuavo a chiamarla – a invocarla – con tutti i nomi del mondo. Dio Cristo Madonna, Fonte Battesimale, Culla e Tomba, Croce e Delizia, Pensiero e Oblio e infiniti altri nomi dolcissimi e sacrileghi.

Non piegò l’orecchio all’ascolto della mia muta preghiera, dura e inflessibile non mi concesse nulla, nulla ritirò di sé e io straripavo del suo mistero.

Un giorno… Era inverno quando mi prese il desiderio folle di correre a piedi nudi sulla  rena mentre infuriava il temporale e le saette squarciavano il nero delle nubi come coltelli arroventati, e l’ansito del mare era di belva affamata e crudele, e le barchette dei pescatori sembravano di carta su quel mare di pece, e io mi ferivo i piedi ad ogni passo sui resti delle conchiglie rigettate dal mare e bevevo l’aria salata mentre la sete cresceva e mi spaccava le labbra e mi spaccava la pelle, e mi tolsi sempre correndo ogni indumento fino a restare nudo, e mi flagellava il vento di burrasca e la sabbia mi riempiva gli occhi che non volevo chiudere, che non volevo chiudere, mai più volevo chiudere gli occhi, mai più avrei smesso di correre per lanciarmi laggiù dove finisce il mondo per andare oltre il mondo, oltre il mio inizio e la mia fine, oltre le mie paure e il mio limite.

Mi trovavo sulla scogliera a perpendicolo sui marosi a braccia spalancate per imbarcare aria e buttarmi a volo d’angelo, quando udii la sua voce.

La sua voce era la mia voce.

Mi disse (mi dissi): il mio nome lo sai, pronuncialo.

Mi feci forza. Mi feci piccolo, puro, impavido come prima di nascere. Tornai nel grembo del cielo a riprendermi la mia innocenza, il vigore della scintilla divina, la melodia della prima parola, il suono del cosmo.

Poi la chiamai.

E Poesia venne a me.

 

Maria Lanciotti

 

 

 

Infinitamente mai” di Maria Lanciotti comparirà nell'Annuario TEllUS 29: “Febbre d'amore con Cardiodramma. Da Novalis al web” in uscita nel maggio 2008.


Articoli correlati

  Vetrina/ Maria Lanciotti. Antico padre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cavalieri
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. I colori della barbarie
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  I brevissimi/ Maria Lanciotti. Voci dall’isola
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Generazioni
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Brevemente
  Maria Lanciotti. Un sorriso che non si spegne
  Vetrina, In libreria/ Maria Lanciotti. Suono e visione – 1/3
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Erano i giorni che non si spengono a notte
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Immagini in forma di haiku
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Se mi strappassi di dosso...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non darti pena...
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L’ultima freccia...
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Maria Lanciotti. E Gesù lagrimò
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. oblivion
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sempre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ora che le parole...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Il viaggio continua…
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  Maria Lanciotti. “Canto di primavera”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cela i tuoi versi...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Petali
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Scorreva come lava nella gola...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cosmo
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Boom e controtendenza (1998)
  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ancora sono
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Notte di primavera
  Maria Lanciotti. I brevissimi/ E io aspetto Elisa
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  In libreria/ Maurizio Rossi. “Riόne Munnu (Borgata Mondo)” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non vedo bambini nel borgo
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eppure sai...
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Pensiero d’aprile
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Maria Lanciotti. Forty Fingers ‒ Altre note sul sesto rigo
  Roma. Trentennale del Movimento studentesco “La Pantera”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nossignori...
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Maria Lanciotti. Panorama
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Tonaca e mascherina. La CEI al tempo del Covid
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Poi finirono le parole...
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Senza cattiveria
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Maria Lanciotti. La rosa nera e la rosa rossa, una storia follemente umana – 1
  Maria Lanciotti. Fotogrammi
  Maria Lanciotti. Murale
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Vieni, mio caro uomo...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Già tutto detto...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Pasqua 2022
  Amina e la maledizione dell’abate
  “La sacca del pastore” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mimose
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ho conosciuto una ragazza...
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per un impiccato in cella d’isolamento
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. M’invita ancora...
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Maria Lanciotti. Lascia ch’io cerchi la mia strada...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Meditando
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Petra VoXo. Dove sono finite le voci delle bambine?
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E tu ridevi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Carezze di aghi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Veranda sul mare d’inverno...
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Salva con nome, Patrizia Garofalo
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 1
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Maria Lanciotti. La Natura che combatte
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco, più della bianca neve...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Maria Lanciotti. Natale all’ipermercato
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Anno zero
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Seducente Natura
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Borgata Mondo
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non più picchi e strapiombi...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Casi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cavalieri
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Amore mio
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per una morte bianca in fonderia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku classico con e senza kigo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Romanza
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy