Lunedì , 18 Giugno 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Scuola e Diritti”. Da Fioroni a Gelmini 
La scuola pubblica, di nuovo, terra di conquista…
23 Maggio 2008
 

Ci risiamo o meglio siamo sempre nella stessa situazione. Il ministro Fioroni ha lasciato testimonianza o, se preferite, il testimone, alla nuova ministra Gelmini, che ci risulta essere dell’Opus Dei. Della serie… dalle Università Cattoliche direttamente in sacrestia. Con tutto il rispetto per la ministra, che presto vedremo all’opera (in continuità con la Moratti, poiché fatichiamo a trovare tracce di innovazione nel ministero Fioroni), le prime notizie che filtrano dal suo curriculum, ci sollevano alcune perplessità sulla Sua possibile idea di laicità nella scuola pubblica. Ma forse siamo prevenuti… Certo che se si passeggia vicino all’ingresso delle scuole (pubbliche) qualche dubbio viene, anche solo riferito al concetto aziendale di libera concorrenza. Fateci caso, sui manifesti esposti in questi giorni e titolati “Dote Scuola” si legge, più o meno, che ogni cittadino ha diritto di frequentare la scuola che meglio lo rappresenta, anche privata!

Della serie… è come se la nota casa automobilistica FIAT esponesse nei propri autosaloni un invito “anche” ad acquistare un'auto di altre aziende. Forse ci aspettiamo altro dalla scuola, forse ci aspettiamo che si cominci a parlare (approfondendo ed argomentando e sperimentando) di contenuti educativi e di cittadinanza e non di scuole di ogni singola tribù.

Intanto prima di andarsene il prof. Fioroni aveva accolto con la CM n. 45 del 22 aprile 2008 (file pdf, come anche i successivi link, ndr) il documento della Conferenza Episcopale e «avviata la prima attuazione dei relativi contenuti al fine di consentire anche (sic!) alla religione cattolica di inserirsi adeguatamente nei Piani dell'offerta formativa che le scuole stanno attualmente redigendo per il prossimo anno scolastico». La Conferenza Episcopale Italiana, infatti sempre più intenzionata a svolgere un ruolo di ispirazione valoriale nella scuola pubblica, è recentemente intervenuta sulle Indicazioni per il curricolo per il primo ciclo di istruzione e ha, inoltre, proposto i nuovi “Obiettivi di apprendimento “e i “Traguardi per lo sviluppo delle competenze” relativi all'insegnamento della religione cattolica.

Alla Circolare, inviata ai Direttori Generali degli Uffici scolastici regionali, sono stati così allegati tre documenti della Conferenza Episcopale e precisamente

  1. allegato 1: contiene la proposta di integrazione della Conferenza relativa agli obiettivi e ai traguardi della religione cattolica e al testo delle Indicazioni per il curricolo;

  2. allegato 2: contiene la legenda della proposta,

  3. allegato 3: contiene il protocollo di prima attuazione della bozza di traguardi e obiettivi per l’insegnamento dell’IRC

Entrando nel merito della proposta della CEI possiamo sottolineare alcuni passaggi che sono in netta contrapposizione con il carattere laico della scuola pubblica:

La CEI si propone esplicitamente, nell'allegato 2, di andare oltre il proprio mandato, relativo agli obiettivi e traguardi IRC, e di integrare il testo introduttivo per «rendere più evidente l'apertura alla dimensione religiosa e gli agganci alla religione cattolica in riferimento al patrimonio storico e culturale del popolo italiano». I valori di riferimento per tutti, in una scuola laica come è la nostra, sono quelli costituzionali e non dovrebbe essere compito della scuola aprire alla dimensione religiosa che, in una società a carattere sempre più multiculturale, rappresenta un ambito rispetto al quale esistono orientamenti e sensibilità diverse, tutte da rispettare. Una proposta “vecchia” ci sembra essere quella di inserire nei programmi della scuola di ogni ordine e grado, la storia delle religioni, per ampliare il patrimonio culturale di tutti gli studenti e contribuire alla formazione di cittadini. Ciò richiederebbe tuttavia una “piccola” rivoluzione ovvero il non affermare di diritto il primato di una religione o filosofia sulle altre.

Non soddisfatta, la CEI propone anche di integrare la religione cattolica fra le aree disciplinari collocandola in quella linguistico-artistico-espressiva, come naturale ed implicita appartenenza d’area. Mediante questa affermazione la CEI rivendica l'inserimento in modo integrato ed organico, nel testo delle Indicazioni per il curricolo, di osservazioni e indicazioni sul valore della dimensione religiosa cattolica, in questo modo rivolte a tutti – e quindi superando gli stessi vincoli contenuti nel Concordato – poiché le attribuisce un carattere valoriale di base.

Di nuovo negli allegati infatti, la CEI sottolinea la necessità di offrire a tutti l'IRC «in quanto opportunità preziosa per la conoscenza del cristianesimo, come radice di tanta parte della cultura italiana ed europea», IRC che si offre «come preziosa opportunità per l'elaborazione di attività interdisciplinari, per proporre percorsi di sintesi che, da una peculiare angolatura, aiutino gli allievi a costruire mappe culturali in grado di ricomporre nella loro mente una comprensione sapienziale e unitaria della realtà».

Questo è un piccolo riassunto delle richieste della CEI. Ciò che produce differenza e sostanza, ci pare sia la cassa di risonanza data dal ministro Fioroni, che ha trasmesso alle scuole tale documento, dando in tal modo allo stesso, un valore e un imprimatur istituzionale.

Riteniamo che quanto agito dal Ministro uscente sia una esplicita abdicazione della prerogativa di laicità della scuola statale, principio contenuto nella Costituzione ed ampiamente ribadito dalla Corte Costituzionale, ma anche significativo di una scelta che – se attuata dalle scuole – aprirà immediatamente una serie di pesanti contraddizioni sul versante del rapporto con un altissimo numero di alunne e di alunni provenienti da altri Paesi o comunque portatori di valori e filosofie non cattoliche/cristiane. Alla faccia della diversità dei ragazzi e delle loro famiglie.

Riteniamo inoltre che il diritto della CEI, sancito da Intese con lo Stato, di definire i contenuti dell'insegnamento della religione cattolica, non può compromettere in alcun modo il carattere laico della scuola pubblica e delle Indicazioni per il curricolo rivolte a tutti gli studenti, avvalentesi e non avvalentesi.

Le integrazioni al testo delle Indicazioni, proposte dalla CEI, possono quindi determinare, se accolte, una modifica dei contenuti degli insegnamenti previsti per tutti, che violano i diritti degli studenti e delle famiglie che non intendono avvalersi di tale insegnamento.

 

a cura della segreteria dell’Associazione “Scuola e Diritti”

(per 'l Gazetin, giugno 2008)


Articoli correlati

  Andrea Salina. Ancora sull'Ora di Religione
  “Scuola e Diritti”. Una giornata speciale… a scuola di laicità…?
  Anna Lanzetta: L'ora di religione tra proteste e dissensi.
  I fondi per l'ora alternativa ci sono e sono a carico della direzione generale
  Aboliamo l'Ora di Relgione
  Ora di religione. Una domanda al ministro dell‘Istruzione: all'asilo è libera scelta?
  Roma. Iniziativa ora di religione e laicità della scuola
  Non è più l’ora?
  Rosario Amico Roxas: Ora di religione obbligatoria? No grazie
  Eliana Cambieri. Io mi dichiaro… CONTRARIA
  “Scuola e Diritti”. Ore… di religione
  Insegnare solo il cattolicesimo è razzismo e discriminazione
  “Scuola e Diritti”. Ancora sull’ora di religione…
  Sul voto del docente di religione cattolica nello scrutinio per l’ammissione
  Andrea Salina. “Non capisco...”
  Gino Songini. “Non c'è più religione”
  Tagli alla scuola. Come risparmiare soldi comportandosi da Stato laico
  “Scuola e Diritti”. Educare a 360°… o a 15°
  Gli spettacoli di Natale e la laicità della scuola
  “Scuola e Diritti”. Discriminazione!
  Donatella Poretti. Scuola: voto all'ora di religione?
  Eliana Cambieri. Ancora a proposito di... diritti
  Donatella Poretti. Ora di religione. Libertà di scelta o imposizione?
  Ora di religione a scuola. Impossibile cambiare idea durante l'anno. Interrogazione
  Antonia Sani. Il Convitato di pietra
  Piero Tognoli. Proposta… indecente?
  Scuola e Diritti. Spontanea la domanda: “A quando la stella gialla?”
  Separazione Stato-Chiesa. La scuola pubblica è ancora territorio italiano?
  Sen. Poretti. Ora di religione: bene Profumo
  Comitato Torinese per la Laicità della Scuola. IRC e "attività alternative"
  “Scuola e Diritti”. Quale stato, quale diritto, quale fede, quale potere?
  Eliana Cambieri. Europa laica!
  Privilegi vaticani. Un esempio per tutti: gli insegnanti di religione
  Scuola e Diritti. «Le idee malsane di libertà»...
  Scuola e Diritti. No alla discriminazione
  Incontro di “Scuola e Diritti” con il Dirigente scolastico provinciale
  Prospettive dell'IRC nella scuola statale
  Quale Laicità nella scuola pubblica? Seminario CGIL a Roma, martedì 17
  Andrea Salina. Religione a scuola? Non facciamone... un dramma
  Franca Corradini. Dissonanza contestuale l'ora di religione nelle scuole pubbliche
  Per la Scuola della Repubblica/CGD. La Gelimini ci riprova?
  “Noi Siamo Chiesa” sull'ora di religione
  “Per la Scuola della Repubblica”. La Gelmini ha poco da esultare
  Comunisti Anarchici. Per una scuola pubblica di libertà e laicità. Senza steccati religiosi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy