Martedì , 23 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Franca Corradini. Dissonanza contestuale l'ora di religione nelle scuole pubbliche 
Incontro con Rosalba Sgroia, associata UAAR
06 Febbraio 2008
 

Rosalba Sgroia è un'insegnante di Scuola Primaria, laureata in psicologia. Associata UAAR dal 2002, associazione di promozione sociale per la laicità dello Stato, di cui è stata membro del Coordinamento nazionale. Attualmente è membro del Comitato di Redazione e responsabile del Progetto “Ora alternativa” (www.oraalternativa.it), in forma di volontariato.

Rosalba ha accettato, molto gentilmente, di rispondere alle nostre domande.

 

Cosa è l'UAAR?

L'Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti si è costituita una ventina di anni fa per difendere i diritti di chi non appartiene a nessuna confessione religiosa. Sostiene il diritto al pari trattamento, in ogni ambito interpersonale e di vita sociale, di tutte le concezioni del mondo e delle relative organizzazioni e lotta contro ogni discriminazione e contro ogni posizione di privilegio di una concezione del mondo (e della relativa organizzazione) rispetto a un'altra.

La necessità di associarsi è stata necessaria per sopperire all'inadeguatezza dei nostri politici nel far rispettare i principi di laicità sanciti dalla Costituzione, favorendo, purtroppo, discriminazioni per chi non aderisce ad un credo religioso e privilegi per chi invece vi aderisce. L'UAAR non è un'associazione nata per contrastare le attività del clero, ma nata per fare in modo che i politici italiani non prendano sul serio ciò che dice il clero.

Mercoledì 10 gennaio 2007 sono stata ricevuta, insieme all'allora segretario nazionale UAAR, Giorgio Villella, presso la Prima commissione della Camera dei deputati (Affari costituzionali), all'audizione parlamentare presieduta da Luciano Violante (Ds), per un'indagine conoscitiva in materia di libertà di culto.

Anche l'UAAR, pur non essendo un ente di culto e una religione, per la seconda volta ha richiesto ai parlamentari di essere convocata, in qualità di associazione filosofica non confessionale, per sottolineare l'uguaglianza dei diritti dei credenti e dei non credenti e per il riconoscimento di alcune necessità che spesso non vengono considerate.

Puoi esprimere il tuo personale pensiero sullo stato delle cose in Italia ed in particolare nella scuola italiana?

In Italia non esiste più la religione di Stato, ma il confessionalismo è imperante, al contrario di molti Paesi europei in cui la situazione è inversa. Pur essendo solennemente sancito dalla Corte costituzionale, il principio della laicità dello Stato fatica a trovare applicazione in una nazione che si trova ad avere al suo interno (all'interno della sua capitale) uno stato teocratico, sede della più diffusa organizzazione religiosa mondiale.

L'Italia sta vivendo un brutto momento. La caduta di valori civili, giuridici sta investendo gran parte delle nostre istituzioni e la Chiesa Cattolica Apostolica Romana sta approfittando dell'andazzo politico che annichilisce e sconcerta per lanciare “sul mercato delle coscienze” il suo progetto restauratore. La scuola, la sanità, l'informazione, l'economia stanno soffrendo in quest'aria asfittica, retrograda e clericale.

Riguardo la scuola: i fatti che accadono in molte scuole d'Italia sono a dir poco grotteschi. L'illegalità e l'arroganza sono all'ordine del giorno da parte dell'istituzione scolastica pubblica, che dovrebbe essere il luogo della cultura e del rispetto delle diversità, delle pari opportunità. I dirigenti aggirano la normativa vigente: mettono in serio imbarazzo professori costretti a presenziare alle messe obbligatorie tenute in orario scolastico, ostacolano le richieste di studenti e genitori, sia di chi vorrebbe uscire dalla scuola per non frequentare l'ora di religione e sia di chi, invece, vorrebbe l'ora alternativa.

Ricevo molte lettere di genitori e di alunni che lamentano tutte queste irregolarità e chiedono il nostro aiuto.

Sarebbe, allora, opportuno togliere l'Ora di religione nelle scuole pubbliche in quanto costituisce una “dissonanza contestuale” e crea discriminazioni, ma essendoci il Concordato ciò non è possibile e allora cerchiamo di dare ai non credenti la possibilità di scegliere secondo la legge e di non subire discriminazioni. 

Quale è il tuo auspicio?

Per migliorare le cose sarebbe auspicabile rispettare, semplicemente, la Costituzione. Nel caso che riguarda la laicità cito i seguenti articoli, che mi sembra, siano stati eclissati dalla nostra classe politica di entrambi gli schieramenti:

Art. 3. Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

Art. 7. Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani.

Art. 8. Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge.

Art. 9. La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica.

Art. 21. Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Aggiungo che andrebbe eliminato il Concordato, proprio per evitare privilegi e favoritismi, come ho detto prima.

Come si inserisce il tuo contributo attivo per modificare il presente e preparare il futuro ?

Attualmente sono impegnata per difendere i diritti dei diversamente credenti, cioè delle persone che non hanno alcuna religione e che, in Italia, de facto, si trovano ad essere cittadini di serie C. Non contesto la religione tout court, ma tutto l'apparato di potere che si è costruito intorno ad essa. Contesto la connivenza tra politica e potere religioso. Di sicuro non gradisco che i principi di fede, i dogmi debbano essere imposti, magari diventare legge per tutti.

Occupandomi di scuola per professione, ho capito che occorre impegnarsi nel mondo della Cultura, per promuovere un sistema educativo che non discrimini più tra persone, che educhi all'etica della responsabilità, che invogli i cittadini ad essere partecipi alla vita politica, che li stimoli a conoscere le leggi e a farle rispettare.

 

Rosalba la trovate sia in http://neroassenso.splinder.com che in http://rosalbasgroia.splinder.com.

 

Franca Corradini

 

 

Da A scuola di bugie. Viaggio tra gli errori (ed orrori) del mondo scolastico, 31/01/2008


Articoli correlati

  Incontro di “Scuola e Diritti” con il Dirigente scolastico provinciale
  “Scuola e Diritti”. Ore… di religione
  Roma. Iniziativa ora di religione e laicità della scuola
  Piero Tognoli. Proposta… indecente?
  “Scuola e Diritti”. Ancora sull’ora di religione…
  Ora di religione. Una domanda al ministro dell‘Istruzione: all'asilo è libera scelta?
  Aboliamo l'Ora di Relgione
  Insegnare solo il cattolicesimo è razzismo e discriminazione
  Gino Songini. “Non c'è più religione”
  Tagli alla scuola. Come risparmiare soldi comportandosi da Stato laico
  Gli spettacoli di Natale e la laicità della scuola
  “Scuola e Diritti”. Discriminazione!
  Non è più l’ora?
  Privilegi vaticani. Un esempio per tutti: gli insegnanti di religione
  Comunisti Anarchici. Per una scuola pubblica di libertà e laicità. Senza steccati religiosi
  Eliana Cambieri. Ancora a proposito di... diritti
  Andrea Salina. Ancora sull'Ora di Religione
  Comitato Torinese per la Laicità della Scuola. IRC e "attività alternative"
  Anna Lanzetta: L'ora di religione tra proteste e dissensi.
  Rosario Amico Roxas: Ora di religione obbligatoria? No grazie
  Antonia Sani. Il Convitato di pietra
  I fondi per l'ora alternativa ci sono e sono a carico della direzione generale
  “Scuola e Diritti”. Una giornata speciale… a scuola di laicità…?
  Scuola e Diritti. Spontanea la domanda: “A quando la stella gialla?”
  Eliana Cambieri. Io mi dichiaro… CONTRARIA
  Sul voto del docente di religione cattolica nello scrutinio per l’ammissione
  Andrea Salina. “Non capisco...”
  “Scuola e Diritti”. Educare a 360°… o a 15°
  Separazione Stato-Chiesa. La scuola pubblica è ancora territorio italiano?
  “Scuola e Diritti”. Quale stato, quale diritto, quale fede, quale potere?
  Sen. Poretti. Ora di religione: bene Profumo
  Donatella Poretti. Ora di religione. Libertà di scelta o imposizione?
  “Scuola e Diritti”. Da Fioroni a Gelmini
  Scuola e Diritti. «Le idee malsane di libertà»...
  Eliana Cambieri. Europa laica!
  Ora di religione a scuola. Impossibile cambiare idea durante l'anno. Interrogazione
  “Noi Siamo Chiesa” sull'ora di religione
  Donatella Poretti. Scuola: voto all'ora di religione?
  Quale Laicità nella scuola pubblica? Seminario CGIL a Roma, martedì 17
  Scuola e Diritti. No alla discriminazione
  Andrea Salina. Religione a scuola? Non facciamone... un dramma
  Prospettive dell'IRC nella scuola statale
  Per la Scuola della Repubblica/CGD. La Gelimini ci riprova?
  “Per la Scuola della Repubblica”. La Gelmini ha poco da esultare
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy