Mercoledì , 12 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Donvito. Contrasto economia criminale: Verso una rivoluzione culturale? 
Riflessioni su prostituzione e droghe illegali
31 Agosto 2014
 

Immaginiamo abbia fatto un certo effetto -a chi non è “addetto ai lavori”- la precisa e sempre utile indagine dell'ufficio studi della Cgia di Mestre sull'economia criminale. Utilizzando dati di dominio pubblico e ufficiali, l'organizzazione di Giuseppe Bortolussi, ha rilevato che questo tipo di economia muove qualcosa come 170 miliardi di euro all'anno nel nostro Paese, l'equivalente del Pil di una Regione come il Lazio. E, siccome stiamo parlando di numeri e cifre ufficiali, registrate e conosciute, essendo notorio che l'intercettazione dei commerci illegali non riguarda il 100% degli stessi, va da sé che le cifre in gioco sono molto più alte di quelle dell'indagine.

L'oggetto di questi mercati riguarda prodotti e servizi che sono illegali e non.

Per quelli che comunque hanno un mercato lecito, si tratta di un contesto che, pur con gli endemici margini di illegalità tipici di una economia di uno Stato democratico, per ridurre il danno il più possibile c'è “solo” bisogno di approcci e norme più liberalizzatrici: maggiori libertà di domanda e offerta, e conseguenti maggiori oscillazioni dei prezzi e disponibilità dei prodotti e servizi, colpiscono i mercanti criminali che giocano proprio sulle deficienze dei mercati controllati e/o poco liberi (come sono i nostri, nonostante in diversi vogliano farci credere il contrario).

Per quanto riguarda prodotti e servizi illegali (soprattutto droghe e prostituzione) l'approccio dovrebbe essere un po' più a monte. Mentre per i prodotti e servizi legali si tratta di modifiche normative più o meno radicali, per quelli illegali c'è da sradicare anche una cultura, quella proibizionista e, sostanzialmente, anti-legalitaria.

Continuiamo coi nostri due esempi di prostituzione e droghe illegali.

“Il sesso fuori del matrimonio e senza procreazione è peccato”. Più o meno recita così il credo religioso più diffuso che per molti dovrebbe essere una sorta di legge. Ma è anche uno dei credi più disattesi, e siccome l'ipocrisia è imperante nella cultura italiana (ipocrisia di derivazione apostolica romana, ma fortemente radicata anche in coloro che sostengono non appartenere alla Chiesa cattolica), va da sé che continuiamo a tenerci una prostituzione per strada -e non solo: con enormi costi di ordine pubblico e sanitari, lavoro nero e, soprattutto, lasciando totalmente nelle mani della criminalità la gestione e il reclutamento di questa forza lavoro, con anche mancati introiti erariali per lo Stato. Una legge che legalizzi e liberalizzi la prostituzione, sarebbe solo il punto di partenza. Tanti nemici in partenza (Chiesa romana, difensori delle donne modello svedese, Sindaci che non avrebbero più multe da fare, etc.), tutti tra coloro che sono “specialisti dell'anti-prostituzione” e che su questo ci campano (economicamente e culturalmente); ma soprattutto avremmo contro la criminalità, che sicuramente troverà altre forme di penetrazione del mercato, contro cui bisognerà organizzarsi per ulteriormente combatterle. Ma se vogliamo che l'economia criminale abbia un punto di stop di fronte al quale non si dovrà tornare indietro, una legge è fondamentale. Da lì comincerà una nuova cultura, un nuovo approccio, sempre aggiustabile e modificabile nel tempo e nelle circostanze, ma sempre con un punto fermo: vendere il proprio corpo non è un reato (come già dice oggi la nostra legislazione) e acquistare queste prestazioni (qui la novità) non è un reato e/o un illecito, nell'ambito delle leggi codificate.

Non molto dissimile è il discorso sulle droghe, tutte, anche se la partenza con la cannabis (terapeutica e non) non è disdicevole. Il mercato illegale, gestito dalla criminalità organizzata col supporto di tantissimi disperati economicamente, esiste perché c'è domanda, sempre in crescita e a ridosso delle mode generazionali (marijuana quanto piuttosto cocaina, sintetiche, eroina, etc). Domanda a cui tutti i tentativi fatti fino ad oggi da un punto di vista legale e culturale, non hanno dato risultati. Anzi. Gli alti problemi di ordine pubblico, sanità, sociali, culturali ed economici generati da un mercato totalmente illegale, si sono acuiti. Che il mercato illegale delle droghe sia un problema gigantesco soprattutto lì dove tutte le droghe sono illegali, è un fatto risaputo. Un po' meno problematico lì dove alcune sostanze sono state legalizzate. Il problema è certamente a livello mondiale, con trattati internazionali che fanno del proibizionismo l'asse portante di tutte le lotte antinarcotici. Ma se lo smantellamento di questi trattati non è ancora all'ordine del giorno degli organismi internazionali preposti (le modifiche delle legislazioni statali e federali degli Usa sono l'evidente inizio di una rivoluzione culturale ed economica alle porte), cosa deve fare un singolo Stato per non essere sommerso da questa economia criminale nazionale e dalle conseguenze di questa economia (immigrazione e instabilità politica) su Stati produttori e ponte (e non solo) nei Paesi più disagiati in Africa, America centro e sud, Medio Oriente e Asia? Stare fermi in attesa? E come dire che ci facciamo male e godiamo nel continuare a farci male. In attesa di un Pianeta più attento alla realtà e consapevole dei propri errori, possiamo darci da fare per ridurre i nostri danni e, nel contempo, dare il nostro contributo per quelle modifiche dei trattati internazionali che occorrono. Parliamo di narcosale per impedire che i malati di tossicodipendenza abbiano più gravi conseguenze sanitarie per lo scambio di siringhe e continuino a creare problemi di ordine pubblico nei luoghi pubblici in cui cercano di lenire la loro malattia. Parliamo di controlli sulle sostanze ingerite in modo superficiale da milioni di giovani, soprattutto nei loro grandi raduni. Parliamo di reale accesso (e non difficilissimo, com'è oggi) alla cannabis terapeutica, in modo che chi soffre di patologie dolorose non sia costretto a diventare dipendente dagli oppiacei. Parliamo -ripetiamo: solo per cominciare- di legalizzazione di consumo, produzione e autoproduzione di cannabis, sì da separare i mercati delle droghe pesanti (che quasi sempre danno dipendenza) da quelle cosiddette leggere. In pratica l'inizio di una rivoluzione culturale che si basi sul “conoscere per giudicare e scegliere”, a fronte dell'odierno “afferra a volo il mito e consuma, non importa cosa”.

Avremo così sconfitto l'economia criminale e fatto calare gli ufficiali 170 miliardi di euro all'anno che la Cgia di Mestre ci ha documentato? Sì, in piccola parte. Anche perché a questi ufficiali 170 miliardi si arriva anche con l'immigrazione clandestina, transazioni illecite di ogni tipo come ad esempio contrabbando, traffico di armi, smaltimento illegale di rifiuti, gioco d'azzardo, ricettazione, contraffazione, etc. Abbiamo parlato di prostituzione e droga perché ce ne occupiamo da tempo, documentando e informando, e quindi abbiamo più cognizione di cause ed effetti. Ma col metodo non-proibizionista, liberalizzatorio e procacciatore di legalità (nonché di non secondari introiti erariali) che abbiamo indicato, abbiamo la speranza di poter fornire indicazioni per diversi ambiti.

E come tutte le rivoluzioni culturali, ci saranno sostenitori e detrattori. Questi ultimi, in particolare, non contenti degli insuccessi e delle tragedie che fino ad oggi hanno provocato (per alcuni anche in buona fede), continueranno ad essere incitati dalle loro ideologie che vedono l'essere umano -sempre e comunque- non un individuo in grado di scegliere se ben informato e consapevole, ma una pecorella smarrita a cui bisogna sempre indicare -e imporre- quello che per loro è giusto; e questo vale sia per coloro che lo fanno nel nome di un credo religioso che per coloro che lo fanno in virtù di un potere statale. Sarà compito dei sostenitori di questa rivoluzione convincere i detrattori della giustezza di questi metodi legalizzatori, anche per loro e senza far loro alcuna violenza culturale (quella fisica è ovviamente fuori discussione).

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc


Articoli correlati

  La legalizzazione della cannabis approda in Parlamento
  Cantone, un'altra voce autorevole a favore della cannabis legale
  Rita Bernardini. Indagata per i semini di giugno
  Le chiacchiere agostane di Roberto Maroni sulla cannabis
  Claudia Sterzi. Reato di agricoltura?
  Droga. La sentenza del Tar del Lazio conferma l'urgenza di riformare la Fini-Giovanardi
  Come legalizzare la Cannabis guardando gli Europei
  Benedetto Della Vedova: Dopo la riunione sul Global Fund, ho parlato a Bill Gates...
  Cannabis. Strategia antidroga del Governo ormai incentrata sulla censura delle opinioni
  Cannabis, campagna Legalizziamo!: Omar Pedrini firma la proposta di legge d'iniziativa popolare
  Cannabis 2. Manifestazione antiproibizionista davanti a Montecitorio
  Firenze. Canabusiness
  Cannabis: 24 e 25 settembre “Legalizziamo Days”
  26 giugno: Giornata mondiale contro le droghe
  Radicali Sondrio: ricordiamo Pannella con una firma
  Cannabis: Rush finale per raccolta firme su legge popolare
  Nuovi tavoli di Radicali Sondrio: legalizziamo la cannabis!
  Legge Fini-Giova­nar­di. Dalla Corte Co­sti­tu­zio­na­le un gra­vis­si­mo J'ac­cuse al legislatore
  L'irriverente al sen. Giovanardi: si faccia una canna e si guardi allo specchio
  Droghe. Da governo relazione clandestina: vuol nascondere danni proibizionismo?
  Droga. Rischio alcolismo per chi smette di fumare cannabis
  Marco Perduca. Marijuana: Solidarietà a Stefano Dionisi vittima di una legge liberticida di 25 anni fa
  Droga e carabinieri nelle scuole
  Duran Adam con Staderini: Marco Perduca sabato al Quirinale
  Radicali. Droghe: Napolitano ha parlato invano?
  Vincenzo Donvito. Spese per droga e prostituzione in aumento
  Radicali Milano. Tavoli, leggi, matrimoni e congressi
  Regione Lombardia. Cannabis e Biotestamento: tempo scaduto!
  Marijuana rulez! Le vittorie referendarie negli USA
  Droghe. Il governo batta un colpo!
  Legalizzazione cannabis? Facciamo come gli Svizzeri...
  500 firme pro Cannabis legalizzata in Valtellina
  Svuotacarceri, attenzione: non c'è alcuna depenalizzazione della coltivazione della cannabis
  A Bormio il “camper dei diritti” di “Radicali Sondrio”
  Benedetto Della Vedova. Più Europa con Emma Bonino per la cannabis legale
  Droghe. Grazie, Giovanardi! Grazie, Procura di Ferrara!
  Cannabis. Tribunale Firenze: vendere semi non costituisce istigazione al consumo
  Umberto Ambrosoli. Il proibizionismo ha fallito
  Cannabis. Preside rinviato a giudizio per aver detto che non fa male
  Claudia Sterzi. Doppio appuntamento antiproibizionista a Firenze sabato 26 settembre
  Vincenzo Donvito. Droghe, discoteche e ministeriale tolleranza zero
  Ferrara. Basta spaccio! Legalizziamo!
  Rita Bernardini. Cannabis legale: Benedetto, c'è un regalo per te
  Cure palliative. Bene Ministro Turco
  Benedetto Della Vedova. Mi spiace spegnere gli entusiasmi dei proibizionisti...
  Giuseppe Civati. La cannabis terapeutica in Lombardia
  Il Comune di Firenze ha chiesto al governo di legalizzare la cannabis
  Pietro Yates Moretti. Il giullare e lo spinello
  Farmaci cannabinoidi. Lunghe procedure per i rimborsi... Per poi non averli
  Rita Bernardini. LapianTiamo
  Nas/scuola. Recuperato un grammo di hashish
  Cannabis terapeutica. Il ministro della salute denuncia ritardi
  Cappato, Gallo, Soldo: Cannabis, attenti al decreto che giunge in Parlamento per la conversione
  Sondrio, Radicali: “Anche la proposta di legge fa male ai detenuti?”
  Cala il prezzo delle droghe illegali. Un grido d'allarme sulle politiche sbagliate che si continua a perseguire. Verso la legalizzazione
  Weekend Possibile. Di nuovo in piazza per la Cannabis Legale
  Marco Perduca. 20 aprile, una sveglia per il Parlamento
  Droga/Turco/Legge. Parlarsi addosso? I ministri dovrebbero evitarlo
  L'Antiproibizionista. Una “semina proibita” a Milano
  Associazione Coscioni: Nuova linfa per tutte le iniziative
  Si firma per legalizzare la cannabis e per il testamento biologico
  Droga. Gravissime accuse di Carlo Giovanardi al provveditore agli Studi di Como
  Narcoguerra. Cattura di El Chapo Guzman: morto un papa se ne fa un altro…
  Benedetto Della Vedova. Rapporto agenzia Ue su droghe conferma fallimento proibizionismo
  Radicali Milano. La campagna elettorale “per Cappato Sindaco”
  Cannabis 1. Vendere semi e dare indicazioni sulla coltivazione non è reato
  Vincenzo Donvito. Cannabis terapeu­ti­ca e non solo. Quan­to tempo perso…
  In carcere per uno spinello!
  Roberto Giachetti. “Caro Renzi, legalizzare la cannabis si può”
  Cannabis. Consegnate oggi alla Camera le firme di Legalizziamo!
  Bernardini e Rossodivita. Droga in Cassazione: proposta una manifestazione a Roma per il 24 aprile
  Giuseppe Civati. Il nostro impegno per il no alla riforma costituzionale, e non solo
  Benedetto Della Vedova. Cannabis legale: lunedì alla Camera
  Cannabis: il Parlamento si è spaventato. Servono firme e disobbedienze!
  I Radicali depositano sei referendum in Cassazione
  Cannabis terapeutica. Bene, Turco, ma cominciamo dall'abrogazione della legge Fini-Giovanardi
  Giannino. Cannabis di Natale
  Benedetto Della Vedova. La proibizione aumenta il consumo. Legalizzare per controllare
  Tabacco. L’Ue vuole investire per diminuirne il consumo e incentivarne la coltivazione
  Gazebo radicali per legalizzare la Cannabis e contro la Caccia
  Alcool e tabacco più dannosi della cannabis
  Si firma ancora per legalizzare la cannabis
  Cannabis: Radicali presentano a Torino campagna “Legalizziamo!”
  Test antidroga per la patente. Bufala estiva? Interrogazione
  Vincenzo Donvito: Droga. E 'mo, che famo?
  Fabrizio Ferrante. Droghe, il governo Letta conferma la linea Serpelloni
  Droga. In piazza Montecitorio per disobbedienza civile
  Benedetto Della Vedova. Suicidio minore a Lavagna è tragedia, maturata in regime proibizionista
  Roma. Cannabis: disobbedienza dei Radicali
  Milano. Radicali: Dibattiti e raccolta firme alla festa del PD
  Marco Perduca. La lunga marcia verso la legalizzazione della marijuana in Italia
  L’antiproibizionista. A che punto siamo con la proposta di legge di iniziativa popolare
  Mario Capanna. Sua Maestà la Canapa
  Milano. Radicali d'aprile
  L’Erba Voglio: a Milano, lunedì 20 aprile
  Rita Bernardini. Legalizzazione ad uso terapeutico della cannabis
  Assoluzione Mariuana.it. Splendida notizia, ma il Pm ora sia punito
  Marco Perduca. Canapa medica, Italia all’avanguardia
  Al via in Valtellina la raccolta firme per la proposta di legge popolare sulla legalizzazione della Cannabis
  Sergio Stanzani. Ministro Riccardi, si continua con la criminogena politica proibizionista alla Giovanardi?
  Ora si firma su cannabis terapeutica e testamento biologico in Lombardia
  Cannabis meno dannosa di alcol e tabacco. Cambiare l'ipocrita politica proibizionista!
  Radicalweb. La Legge Fini-Giova­nar­di è incosti­tu­zio­na­le: ecco cosa cambierà
  Alessandro Barchiesi. Non notiziabili
  Daniele Dell’Agnola. I docenti che allargano le braccia
  Sandro. Il 25 la legalizzazione approda a Montecitorio
  Semi di Ribellione – Resistenza botanica al proibizionismo
  Droghe: le deleghe restano a Renzi
  Alessandro Barchiesi. Legalizzare dal carcere
  Anche la Caritas parla di fallimento del proibi­zio­nismo sulla cannabis
  Droghe illegali / Firenze. Fermate quel consigliere del Pdl
  Dosi legali cannabis. Ma il Tar del Lazio dove vive e cosa fa?
  Radicali lanciano raccolta firme su legge popolare per legalizzazione cannabis
  Si approvi subito la proposta sui Social Cannabis Club di Sandro Gozi
  Vincenzo Donvito: Legalizzazione cannabis. Istruzioni per l'uso
  Droga. Legalizzare la cannabis per disincentivare consumo di colle e lacche
  “In difesa dello Stato di diritto democratico? Libertà e Scienza!”
  Radicali Milano: Yes we Cannabis! La battaglia che unisce!
  Incontro con Prodi. Bioetica, fine vita e droghe: uscire dall'immobilismo
  Lo Stato ipocrita o magnaccia?
  Sicurezza. Con Bossi-Fini clandestinità è necessità, non reato
  Prostituzione. In Australia la legalizzazione tutela le donne
  Prostituzione. Tutte le donne parlamentari a favore della repressione? No. Chiedo che questo lavoro sia legalizzato e controllato
  Tasse e prostituzione. Dal caso di Parma un buono spunto per il legislatore
  Gaspare Serra. La prostituzione e l’ipocrisia comune…
  Regolamentare la prostituzione
  Vincenzo Donvito. Crisi economica. Fare emergere il 'nero' legalizzandolo. Per un'Italia più europea
  Gianni Somigli. Contrordine casuale prefestivo
  Certi Diritti. Prostituzione: il fallimento delle politiche proibizioniste
  Associazione L. Coscioni: Sui diritti civili la Rai non informa o disinforma
  Prostituzione. No alla spazzatura sotto il tappeto
  Prostituzione. Il doppiopesismo e la doppia morale senza morale
  ADUC. Prostituzione a Roma. Lettera al Sindaco
  Prostituzione e nuova legge. Il Governo alfiere dell'ipocrisia e delle non-soluzioni
  Legalizzare la prostituzione. Lo scandalo non sta nel tassarle, ma nel lasciarle in mezzo alla strada!
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Prostituzione e Sindaco di Firenze. Il vecchio che avanza... o i 'parchi del sesso'?
  Giulia Crivellini. Regolamentare la prostituzione
  Oggi a Zurigo il “Drive In” della prostituzione
  Numero Verde Antitratta della prostituzione. Si chiude per mancanza di fondi?
  Prostituzione vietata per strada? Bene solo se significa legalizzazione
  Lidia Menapace. Telepatia
  Prostituzione. Preoccupanti dichiarazioni del ministro Amato
  Prostituzione. Il reato di Berlusconi, uno scherzo di cattivo gusto...
  Prostituzione. Governare i fenomeni sociali e non ridurli alla clandestinità!
  Vincenzo Donvito. Prostituzione: L'Oms sviluppa le linee guida, ma non per l'Italia....
  Roberto Biscardini. La prostituzione non si combatte con la demagogia e la persecuzione
  Prostituzione e fisco. Da una cartella esattoriale si può rivedere la Merlin?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy