Venerdì , 19 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Miscellanea per un discorso da comunisti/e
25 Gennaio 2009
 

Tra le cose che mi colpiscono, c'è la marmorea "oggettività" dei maschi quando parlano di stupro, eppure li riguarda. Ma no, rispondono in coro, noi non siamo stupratori! nemmeno io sono prostituta, ma la prostituzione mi concerne, mi obbliga a riflettere, a prendere posizione. Da anni chiedo che le amministrazioni locali prendano contatto con i loro comitati, per riconoscerle e discutere con loro una gestione non invasiva disturbante fastidiosa del loro lavoro. E adesso sento che un consigliere regionale ligure del Pdl protesta perchè la Sindaca di Genova “legittima” la prostituzione trattando con il loro Comitato per i diritti civili e con ciò riconosce le lucciole! ma come si permette di essere tanto ignorante? la prostituzione in Italia non è un reato e quindi non ha bisogno di essere legittimata, è già legittima e lo è soprattutto per una lotta delle donne. Dal tempo della senatrice Merlin che si batté vittoriosamente contro la vergognosa ipocrisia delle case chiuse dalle quali lo stato ricavava persino tasse, sfruttando lo sfruttamento delle prostitute rinchiuse nei casini. E il Comitato per i diritti civili delle prostitute, del quale faccio parte fin dalla fondazione, si è sempre battuto per il riconoscimento dei diritti e il governo o l'autogoverno della prostituzione. A Mestre hanno concordato di poter esercitare in una zona non affollata della città (davanti a un grande supermercato di notte), a Firenze il Comitato ha concordato che un pulmino segua le vicende delle prostitute durante la notte e intervenga chiamato col cellulare, se qualche cliente vuole rapporti non protetti mettendo a rischio la salute delle prostitute e della popolazione in generale, o se è violento e pretende un rapporto a forza o prestazioni non gradite, rendendosi così colpevole di violenza sessuale. Nessuna donna può parlare di prostituzione come se la cosa non la riguardasse, anche chi non ci ha mai avuto a che fare personalmente.

 

Come mai gli uomini possono fare come se non sapessero nulla di stupro e di sessualità violenta, che è così diffusa tra loro? se gli uomini che cercano prestazioni sessuali a pagamento sono 8 milioni, non sarà una questione marginale! E allora? perché in tutti questi anni non c'è stato verso di agganciare un dibattito? come mai si sottraggono, non solo per la prostituzione ma anche per la violenza sessuale? Dicono “balordi” ai criminali di questo tipo, parlano di raptus, cercano di appioppare la colpa ai migranti, dicono che gli stupri sono diminuiti: sarà, ma sono aumentati gli assassinii di donne per mano di ex mariti amanti fidanzati ecc., i quali al grido “non posso vivere senza di lei!” la uccidono, e poi con chi vivono?

 

Avrei una spiegazione: i comportamenti che riguardano un uso violento e non governato della sessualità maschile vengono considerati normali, naturali, mai reati e gli uomini fin da bambini non sono indotti ad esaminarli, in materia non esiste educazione, per le bambine l'educazione è solo repressiva e servile, sicché quando vi si sottraggono tendono a imitare i maschi e vanno dritte al bullismo, dando il via a un'altra di quelle forme dette “emancipazione imitativa” o “da scimmiette”, che è il massimo di subalternità alla cultura patriarcale.

 

Allora deduco così: dal patriarcato gli uomini ricavano anche tristezza svantaggi miseria morale difficoltà; l'inquinamento, la solitudine sociale, l'infelicità dei rapporti pieni di paura, malattie guerre crisi ecc. colpiscono anche loro che hanno il potere. Ma l'essere patriarchi porta comunque vantaggi (ad esempio e per l'appunto il potere) vantaggi iniziali e diffusi a priori, e ciò li rende incapaci di vincere le conseguenze anche brutte che conseguono. È un classico ragionamento marxiano, che Marx applicò alla borghesia: la borghesia non vive bene; se ci sono grandi contraddizioni nella società borghese, non è che la borghesia non le avverta: tuttavia i vantaggi che ricava dalla sua posizione dominante sono tali che non è indotta a lottare contro l'assetto di cui gode il potere. Per questo non può essere attrice della sua liberazione.

 

Non penso che si possa tenere un parallelismo perfetto tra borghesia e patriarcato: tuttavia spesso sono simili e allora il discorso sull'alienazione, sul non vedere nemmeno le cause della propria infelicità, vale: credo che invece sia possibile un discorso di verità tra i generi e che ci si possa anche scambiare una qualche ricetta di reciproca liberazione, e cercar di capire quanta felicità serenità innocenza gioia divertimento potrebbe venire da relazioni liberate dalla paura violenza potere sfruttamento. Non vi pare? e non sarebbe discorso da comunisti/e?

 

Lidia Menapace


Articoli correlati

  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Maria G. Di Rienzo. Film
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  ONU. «Lo stupro è guerra»
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Tasse e prostituzione. Dal caso di Parma un buono spunto per il legislatore
  Giulia Crivellini. Regolamentare la prostituzione
  Certi Diritti. Prostituzione: il fallimento delle politiche proibizioniste
  Prostituzione. Il doppiopesismo e la doppia morale senza morale
  ADUC. Prostituzione a Roma. Lettera al Sindaco
  Prostituzione. No alla spazzatura sotto il tappeto
  Prostituzione. In Australia la legalizzazione tutela le donne
  Vincenzo Donvito. Crisi economica. Fare emergere il 'nero' legalizzandolo. Per un'Italia più europea
  Lidia Menapace. Telepatia
  Prostituzione vietata per strada? Bene solo se significa legalizzazione
  Associazione L. Coscioni: Sui diritti civili la Rai non informa o disinforma
  Prostituzione e Sindaco di Firenze. Il vecchio che avanza... o i 'parchi del sesso'?
  Lo Stato ipocrita o magnaccia?
  Prostituzione. Governare i fenomeni sociali e non ridurli alla clandestinità!
  Gaspare Serra. La prostituzione e l’ipocrisia comune…
  Prostituzione e nuova legge. Il Governo alfiere dell'ipocrisia e delle non-soluzioni
  Numero Verde Antitratta della prostituzione. Si chiude per mancanza di fondi?
  Sicurezza. Con Bossi-Fini clandestinità è necessità, non reato
  Regolamentare la prostituzione
  Oggi a Zurigo il “Drive In” della prostituzione
  Prostituzione e fisco. Da una cartella esattoriale si può rivedere la Merlin?
  Prostituzione. Preoccupanti dichiarazioni del ministro Amato
  Gianni Somigli. Contrordine casuale prefestivo
  Vincenzo Donvito. Contrasto economia criminale: Verso una rivoluzione culturale?
  Prostituzione. Tutte le donne parlamentari a favore della repressione? No. Chiedo che questo lavoro sia legalizzato e controllato
  Prostituzione. Il reato di Berlusconi, uno scherzo di cattivo gusto...
  Roberto Biscardini. La prostituzione non si combatte con la demagogia e la persecuzione
  Vincenzo Donvito. Prostituzione: L'Oms sviluppa le linee guida, ma non per l'Italia....
  Legalizzare la prostituzione. Lo scandalo non sta nel tassarle, ma nel lasciarle in mezzo alla strada!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy