Sabato , 22 Settembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Prostituzione. Tutte le donne parlamentari a favore della repressione? No. Chiedo che questo lavoro sia legalizzato e controllato
11 Novembre 2006
 

 

Da ciò che riportano agenzie di stampa e giornali, appare che le donne parlamentari, seppur con qualche differenza, sono unite nel condannare la prostituzione e nel perseguire la via da decenni tracciata dai loro colleghi uomini: la repressione. Le proposte spaziano dalla lotta allo sfruttamento, all'arresto per i clienti, all'installazione di telecamere, e così via. Insomma, una lotta prevalentemente militare.

Vorrei ricordare che vi è anche un'altra posizione non solo di una donna parlamentare, la sottoscritta, ma di un intero gruppo parlamentare, la Rosa nel Pugno, ovvero la legalizzazione della prostituzione.

Da laici e liberali, non esprimiamo giudizi moralistici sulla prostituzione. Ciò che vogliamo combattere è lo sfruttamento della stessa e la completa assenza di diritti e tutele per quelle donne e quegli uomini che scelgono questo mestiere, alla pari dello sfruttamento dei lavoratori clandestini e del lavoro nero.

Da parte mia riproporrò una proposta di legge di iniziativa popolare a suo tempo elaborata dai Radicali Italiani che si ispira ai principi delle normative più avanzate e delle migliori prassi adottate all'estero, nella convinzione che governare i fenomeni sociali sia più efficace che proibirli ciecamente, nell'interesse delle persone che si dedicano alla prostituzione o che fruiscono della prostituzione altrui, nonché della società intera.

In alcuni Stati europei, ed in particolare nei Paesi Bassi, anche su pressione delle stesse organizzazioni dei cosiddetti “sex workers” (lavoratori sessuali), si è deciso di procedere alla legalizzazione della prostituzione ed alla trasformazione di questa attività in una normale professione, sotto forma di lavoro dipendente, indipendente o cooperativo, con i diritti e doveri che conseguono, di assicurazione previdenziale e di tassazione compresi. Questa misura ha innanzitutto permesso di separare la prostituzione volontaria da quella coatta: la prima è “emersa” e ha trovato forme legali di svolgimento, minimizzando i costi che ricadono sulla società e sulle persone che svolgono l'attività. L'apparato repressivo si è potuto così concentrare in modo più efficace ed efficiente sulla lotta alla prostituzione coatta ed allo sfruttamento, compreso quello dei minori, delle persone minorate o tossicodipendenti che vengono costrette a prostituirsi.

 

Donatella Poretti


Articoli correlati

  Associazione L. Coscioni: Sui diritti civili la Rai non informa o disinforma
  Giulia Crivellini. Regolamentare la prostituzione
  Numero Verde Antitratta della prostituzione. Si chiude per mancanza di fondi?
  Gianni Somigli. Contrordine casuale prefestivo
  Prostituzione. In Australia la legalizzazione tutela le donne
  Gaspare Serra. La prostituzione e l’ipocrisia comune…
  Vincenzo Donvito. Crisi economica. Fare emergere il 'nero' legalizzandolo. Per un'Italia più europea
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Sicurezza. Con Bossi-Fini clandestinità è necessità, non reato
  ADUC. Prostituzione a Roma. Lettera al Sindaco
  Prostituzione. Il reato di Berlusconi, uno scherzo di cattivo gusto...
  Certi Diritti. Prostituzione: il fallimento delle politiche proibizioniste
  Prostituzione vietata per strada? Bene solo se significa legalizzazione
  Legalizzare la prostituzione. Lo scandalo non sta nel tassarle, ma nel lasciarle in mezzo alla strada!
  Oggi a Zurigo il “Drive In” della prostituzione
  Regolamentare la prostituzione
  Vincenzo Donvito. Prostituzione: L'Oms sviluppa le linee guida, ma non per l'Italia....
  Prostituzione. No alla spazzatura sotto il tappeto
  Vincenzo Donvito. Contrasto economia criminale: Verso una rivoluzione culturale?
  Prostituzione e Sindaco di Firenze. Il vecchio che avanza... o i 'parchi del sesso'?
  Lidia Menapace. Telepatia
  Prostituzione e nuova legge. Il Governo alfiere dell'ipocrisia e delle non-soluzioni
  Prostituzione. Preoccupanti dichiarazioni del ministro Amato
  Prostituzione e fisco. Da una cartella esattoriale si può rivedere la Merlin?
  Roberto Biscardini. La prostituzione non si combatte con la demagogia e la persecuzione
  Prostituzione. Governare i fenomeni sociali e non ridurli alla clandestinità!
  Lo Stato ipocrita o magnaccia?
  Tasse e prostituzione. Dal caso di Parma un buono spunto per il legislatore
  Prostituzione. Il doppiopesismo e la doppia morale senza morale
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.5%
NO
 23.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy